FLORIN WEBSITE © JULIA BOLTON HOLLOWAYAUREO ANELLO ASSOCIAZIONE, 1997-2017: MEDIEVAL: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, SWEET NEW STYLE: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, & GEOFFREY CHAUCER || VICTORIAN: WHITE SILENCE: FLORENCE'S 'ENGLISH' CEMETERY || ELIZABETH BARRETT BROWNING || WALTER SAVAGE LANDOR || FRANCES TROLLOPE || ABOLITION OF SLAVERY || FLORENCE IN SEPIA  || CITY AND BOOK CONFERENCE PROCEEDINGS I, II, III, IV, V, VI, VII || MEDIATHECA 'FIORETTA MAZZEI' || EDITRICE AUREO ANELLO CATALOGUE || UMILTA WEBSITE || RINGOFGOLD WEBSITE || LINGUE/LANGUAGES: ITALIANO, ENGLISH || VITA
New
: Guida Virtuale || White Silence || Dante vivo 



TUONI DI SILENZIO BIANCO

CAPITOLO IV: SETTORE B


SilenzioBianco                                                           

E qui, fra le tombe degli inglesi, nella terra toscana la adagiamo

Mentre il blu del cielo toscano fa da cupola alle nostre preghiere in inglese.

                                                         B102 Epitaffio per Lily Cottrell 1849,


                                                          

C’è un verso che scrisse in Santa Croce in memoria di lei,

“Piangi per un bimbo troppo giovane per piangere molto,

Quando la morte gli ha tolto questa madre”, la gioia svanisce

Oggi sui visi delle donne mentre camminano

Con i bimbi rosei aggrappati alle loro vesti,

Sotto il chiostro per evitare il sole

Che inonda e brucia la piazza.                    

                                                                                                                                      Aurora Leigh I.101-8 1857


Letterati: Elizabeth Barrett Browning, B8; Isa Blagden, B42; Frances Trollope, B80; Theodosia Trollope, B85 
Medici:
John Nesbitt Maxwell, B35; Edward Porteus, B65; Thomas Sevestre, B82; Alexander Delisser, B95; Joseph Anthony Pouget, B129;
Diplomatici: Johan Claes Lagersward, B20; Charles John Proby, B84;  Hugh MacDonell, B97
Militari: Walter Bentinck Yelverton, B2; Filippo Borghesi, B7; James Chute, B14; Daniel Bayley, B17; Arthur Helsham Gordon, B63Richard Bratton Adair, B87; Frederick Adolph Kleinkauf, B96; Francis Charles Gregorie, B98; Henry Charles Boyle, B109; Gerard de Courcy, B110; William Augustus Napier Kellett, B111; Robert Napier Kellett, B112, Lorenzo Moore, B115, George Cumberland, B135
Peninsula and Waterloo Participants: Gordon, B63; Porteus, B65; Gregorie, B98; Kellett, B87 

Naval: Edward Augustus Frankland, B68, Edward Stout, B71,
James John McCleverty, B88
Religiosi/Spiritisti:
Drummond Griffith, B25; William Boyd, B27 Francesco Enrico Rostagno, B36; George Brickdale Crossman, B99
Swedenborgians/Spiritualists: Elizabeth Barrett Browning, B8; Hiram Powers, B32; Isa Blagden, B42; Hugh Macdonell, B97; Charles Gregorie, B98; George Brickdale Crossman, B99; Hon. Frances Tolley, B131
Ascolta:  https://malcolmguite.wordpress.com/2017/02/23/blake-and-coleridge-an-imagined-conversation/

Scultori: Frederic Lord Leighton, B8, Francesco Giovanozzi, B8, B88; William Holman Hunt, B9; John Roddam Spencer Stanhope, B10; Emilio Zocchi, B23; Hiram Powers, B32, B101; Preston Powers, B37; Giuseppe Lazzerini, B76
Servizio Civile: John Fombelle, B117
Svizzeri: Hooffstetter, B13, B119; Bazzi a' Porta, B34; Benoit, B44; Cuonz, B48; Federer, B62; Salomoni, B62; Bisenzi, B74; Maurin, B77; Scartazzoni, B95; Salomoni, B126
Russi Finlandesi: Elena Dik, B4; D'Oussow, B12; Mannerheim, B15; Pavlovic, B130
Americani/Canadesi: Kennard, B26; Stout, B71; Arrighi, B125; Ludlow, B132; Perceval, B137



Piantine con le coordinate delle tombe

                                                                  marrone,
intervento conservativo sul ferro
                                                                  rosso, tombe danneggiate, intervento di ripristino
                                                                  azzurro, tombe, intervento di pulitura

              Cliccare le piante per aggrandirle


Questi epitaffi presi dalla poesia di Elizabeth Barrett Browning, sono stati apposti sotto l’arco d’entrata del Cimitero, grazie alla generosità della Armstrong Browning Library, dell’Università di Baylor. Fra poco arriveremo alla sua tomba. Prima si percorre il viale fiancheggiato da bossi che porta verso la Colonna e la Croce che celebrano il Re della Prussia. Prendiamo il sentiero che guarda verso il Duomo, anch’esso orlato di bossi, dove troviamo indicazioni per la tomba di Walter Savage Landor.


Chiave:

COORDINATE MAPPA/ NUMERO TOMBA NELLO SPAZIO/ NUMERO TOMBA NEL TEMPO/ NOME/ PAESE/ ISCRIZIONE

Paragrafo con la storia delle persona sepolta.

Foto

Belle Arti description:
[Misure/Measurements: Marmo/Marble: Altezza/Height;  Lunghezza/Length; Profondita/Depth; Pietra serena: A: L: P: Recinto/Frame: Marmo o Pietra Serena con Ferro/Iron: A: L: P: ]/ INSCRIPTION ON TOMB/
Archival materials retrieved from:
1828-1844 = the earliest Register of Burials in the Swiss Cemetery.
Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts:
I: 1852-1859 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Paoli = Expense entries for funerals where here the total is given, while the accounting in the Register also carefully lists in that total the costs for the coffin, its lining, the grave, the crepe and gloves for the bearers, the carriage for the pastor, etc.
II: 1859-1865 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Paoli e Francs
III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs
IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs. This register is the only one indicating the zone of burial. Its A comprises Sectors A,B, its B comrpises Sectors E,F, its C corresponds with Sectors C and D.
Quittance receipts, Q plus number.
Guildhall Library Records, etc./
Orbituaries supplied by the Webbs, etc.
1873 Chronological Register in French, then Italian/#/Cognome/Nom/Age/Patria/Domicile/Décés/Enterrement/Remarques
1877 Alphabetical Register in Italian gives following information in columns:
[Flyleaves] Cognome/ Nome/ Paternita` / Patria/ Data della Morte/ Eta/ Tomba
[Surname/ Christian name/ Father's Christian name/ Country/ Date of death/ Age/ Tomb number]
Mediterranean culture has the woman retain her maiden surname, northern European culture has her renounce it in favour of her husband's surname. We attempt to follow cultural practices so: Mediterranean women being listed under their maiden surnames; English and American wives having their maiden names given in brackets before their husband's surname/
Notes and Queries (N&Q) then extant tomb inscriptions, published 100 years ago by Lieut. Col. G.S. Parry, 'Inscriptions at Florence in the Protestant Cemetery'.
Further information from descendants, etc.
Schede di Belle Arti, 1993-1997
Trizzino: Università degli studi di Firenze, Prof. L. Trizzino, Corso di Restauro dei Monumenti, 2006/7

Web materials, also Mediatheca 'Fioretta Mazzei', TAU, holdings

B10LPost/ WALTER SAVAGE LANDOR/
INGHILTERRA/GALLES/ITALIA/ TOMBA/ DEL POETA/ W.S. LANDOR

La stele indica la tombe  di Walter Savage Landor (Settore A, (A29), probabilmente venne eretta quando la pietra tombale fu rinnovata nel 1945.





Stele. Marmista ignoto. Sec. XX, post 1944. Ambito toscano. Stele in marmo risalente al 1945. [M: A: 62. L.23. P:13.] Iscrizione in lingua inglese e lingua italiana in lettere capitali in piombo: GRAVE/ OF W.S./ LANDOR/ - /TOMBA/ DEL POETA/ W.S. LANDOR. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


Seeing in turn these Irish tombs:


B
11G/ B1/ 68/
MARIA LETITIA ZAIDA (BINGHAM) FFRENCH/ IRLANDA/ SACRO ALLA MEMORIA DI MARIA LETIZIA ZAIDA FFRENCH, FIGLIA DEI JOHN LORD CLANMORRIS E VEDOVA DI R. FFRENCH ESQ. RAHASANE COUNTY OF GALWAY. LASCIO’ QUESTA VITA NEL FIOR FIORE DELLA SUA GIOVENTU’ E BELLEZZA IL 23 OTT. 1832. QUANDO L’ORECCHIO LA SENTI’ ALLORA L’HA BENEDETTA E QUANDO L’OCCHIO LA VIDE LA RICONOBBE. PER COLORO CHE NON L’HANNO CONOSCIUTA POSSA QUESTA PIETRA SERVIRE A RICORDARE LE SUE VIRTU’, GLI AMICI NE SONO GIA’ TESTIMONI.

Burke’s Peerage, John Bingham, il Barone Clanmorris, aveva tre figlie, Anne-Maria Bingham  sposò Bentinck Walter Yelverton (B2), Letitia Maria Zaida che sposò Robert Ffrench di Rahsine, Galway, morì vedova nel 1832 (B1) e Louisa Catherine che sposò il Rev. Frederick Yelverton nel 1838. La figlia di Bentinck Walter  Yelverton e Anna Maria, Anna Maria (Cecilia) (B3), 09.06.34 fu battezzata insieme a Zaida Maria che prende il nome della zia, la cui madre era Louisa (Catherine) Bingham e il padre il Rev Frederick Yelverton. Il Rev. Fredrick Yelverton  sposò Louisa Catherine Bingham a HBM (Edgecombe) 15.09.32. Quindi vediamo che la famiglia dei  Yelverton/Bingham/Clanmorris divenne un punto fisso a Firenze, l’esercito insieme alla chiesa.



Colonna. Scultore: Pietro Bazzanti, Signature: P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 10/1832. Ambito toscano. Urna in marmo su colonna scanalata, entro un dado sulla stessa colonna iscrizione in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi, basamento in pietra serena, intervento di pulitutra sulla crosta nera, Scuola per l'Arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli, recinto in pietra serena che racchiude anche le tombe dei Yelverton [M: A: 260. L: 72. P: 72.; Urna: A: 83.5; P.S. A: 12.; Dado: A: 23. L: 72. P: 72.; Recinto: A: 43. L: 780. P: 404.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ MARIA LETITIA ZAIDA FFRENCH/ DAUGHTER OF JOHN LORD CLANMORRIS AND WIDOW OF R. FFRENCH ESQ/ RAHASANE CO OF GALWAY/ WHO DEPARTED THIS LIFE IN THE BLOOM OF/ YOUTH AND BEAUTY 23 OCTOBER 1832// WHEN THE EAR HEARD HER/ THEN IT BLESSED HER/ AND WHEN THE EYE SAW HER/ IT GAVE WITNESS TO HER [Job 29.11]/ TO THOSE WHO KNEW HER NOT THIS STONE MAY/ SERVE TO RECORD HER VIRTUES/ HER FRIENDS NEED NO MEMORIAL/ Records, Guildhall Library, London: GL23773 N° 22, Bentinck Walter Yelverton and Anna Maria Bingham's daughter, Anna Maria [Cecilia], 09/06/34, was baptised together with a 'Zaida Maria', whose mother was Louisa [Catherine], by Rev Frederick Yelverton, who was her father, G23773 N° 23; FO79/67 Rev Frederick Yelverton married [Louisa] Catherine Bingham at HBM (Edgecombe) 15/09/32; Burial, Anna Maria Cecilia 17/04/46/ Freeman's Journal, the Honourable Mrs Ffrench, relict of Robert Joseph Ffrench, Esq. of Rahasane, in the county of Galway, and sister of Lord Clanmorris'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Trench/ Maria Letizia Zaira/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Ottobre/ 1832/ Anni 33/ 68/ N&Q 194. Maria Letitia Zaida Ffrench, d. of John, Lord Clanmorris, wid. of R. Ffrench, Esq., of Rahasane, co. Galway, ob. 28 Oct., 1832, in the bloom of youth and beauty/ See Yelverton/ Burke's Peerage, John Bingham, Baron Clanmorris, had daughters Anne-Maria Bingham who married Bentinck Walter Yelverton, Letitia Maria [Zaida] who married Robert FFrench of Rahasane Galway, dying a widow in 1832, and Louisa Catherine who married Rev Frederick Yelverton in 1838 [sic, see below]/ Belle Arti 1993-1997 scheda, which misreads as 'Trench'. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B11GH/ B2/ 165/
WALTER BENTINCK YELVERTON/ IRLANDA/ & ANNA MARIA (BINGHAM) YELVERTON/ IRELANDA/
IN AFFETTUOSA MEMORIA DI BENTINK YELVERTON E LA MOGLIE LA HON. ANNA BINGHAM.

All’età di 9 anni Bentinck Yelverton (yelvertons.html), il fratello Frederick e due sorelle, Mary e Cecilia, furono lasciati orfani alla morte della madre. Il loro padre Walter Yelverton aveva ormai smesso di interessarsi di politica ed era il curatore alla Alta Corte d’Irlanda. Nell’anno 1808, all’età di 17 anni, Bentinck fu ammesso al Trinity College a Dublino. Si laureò nell’estate del 1814. Successivamente si arruolò ed evitò per poco la guerre napoleoniche. Nel 1824 era di stanza in Sud Africa, quando seppe della morte del padre. Ereditò ma i suoi tentativi di amministrare gli affari del padre e accudire due sorelle nubili naufragarono quando fu accusato dall’esercito di essere assente non giustificato dal 31 marzo 1826. Già in pensione sposò sua cugina, la Hon. Anna Maria Bingham, figlia maggiore di John Bingham, I° Barone di Clanmorris de Newbrook, County Mayo. La loro figlia Anna Maria Cecilia nacque nel 1833. Bentinck morì a Firenze nel 1837 all’età di 45 anni e fu sepolto nel Cimitero degli Inglesi. Nel 1846, a Nizza, la figlia morì alla giovane età di 13 anni. (B3).

 
    
                                                                                                                                       Crest, Lion passant regardant

        The 1870s Harper's Monthly shows this Yelverton tomb and seems to place the urn for Zaida Ffrench on top of it.

Sarcofago.
Scultore: Pietro Bazzanti, Firma: P.BAZZANTI.F Sec. XIX, post 12/1837. Ambito toscano. Sarcofago in marmo scolpito con papaveri, poggiante su basamento in marmo scolpito con stemma (la corona è spezzata), crisalide, pellicano con la sua pietà nell'atto di squarciarsi il petto, molto sporco, intervento di pulitura, Scuola per l'Arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli, 2006, a sua volta posto su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 190. L: 204. P: 105; P.s. A: L: P: [Il recinto racchiude anche le tombe di Zaida Ffrench, Cecilia Yelverton.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali: IN AFFECTIONATE MEMORY OF/ BENTINK YELVERTON/ AND HIS WIFE/ THE HON.BLE ANNA BINGHAM/ Marriage recorded FO79/57 15/09/32, Rev Frederick Yelverton to Catherine Louisa Bingham at HBM, Yelverton brothers marrying Bingham sisters]/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Yelverton/ Bertick/ / Inghilterra/ Pisa/ 13 Dicembre/ 1837/ / 165/ See FFrench/ N&Q 193. Bentink Yelverton and his w., the Hon. Anna Bingham. No date or other inscription/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
Vd. Michael Ayrton, 'Ensign Yelverton's Spoon',
The Bulletin of the Military Historical Society 56 (2005), 93-104, TAU, yelvertons.html


B11H
/ B3/ 337/  ANNA MARIA CECILIA YELVERTON/ IRLANDA/ UN BELLISSIMO FIORE STRAPPATO DALLA TERRA PER FIORIRE IN PARADISO. BENEDETTI SIANO I PURI DI CUORE PERCHE’ VEDRANNO IL SIGNORE. ARRIVO’ ALLA CROCE QUANDO LA SUA GIOVANE GUANCIA ERA IN FIORE E GUARDO’ IL SIGNORE CON SGUARDO BRILLANTE E QUANDO ATTORNO ALLA SUA BELLEZZA IL BUIO DELLA MORTE ARRIVO’, LA CROCE L' AIUTO’ A VEDERE IL SALVATORE. ANNA MARIA CECILIA, FIGLIA DI BERTINCK WALTER E LA HON. ANNA MARIA YELVERTON (UNICA FIGLIA DI SUA MADRE VEDOVA) SI ADDORMENTO’ NEL SIGNORE IL 16 APRILE 1846 ALL’ETA’ DI 13 ANNI. GIA’ MATURA IN GRAZIA E PIENA DI DEVOZIONE, LASCIO’ LA TERRA SENZA SEGRETI CON UN FUTURO PROMETTENTE PER PRENDERE POSSESSO DELLA SUA EREDITA’ NEL CIELO. QUESTO INDISTINTO RITRATTO DI QUELLA AMATA FORMA FU APPOSTO DA COLEI ALLA QUALE QUESTO MONDO E’ ADESSO SOLTANTO UNA VALLE DI LACRIME.

Questo gruppo di  enormi tombe  Yelverton, una famiglia come quella dei Lagersvard, che sta estinguendosi. Sembra abbiano  speso molto denaro proveniente dagli affitti di molti irlandesi affamati per erigere le tombe. Questa e l’unica figlia di una madre vedova. Morì a Nizza e la salma fu portata qui per essere accanto al padre.

   
The 1870s Harper's Monthly engraving shows this tomb Stele.

Scultore Pietro Bazzanti, Firma: P.BAZZANTI.F
Sec. XIX, post 4/1846. Ambito toscano. Cippo in marmo sormontato da un'urna scolpito sui fianchi laterali con giglio spezzato, un cherubino su nuvole che stringe e indica un libro, un'ancora, sul fronte figura di Cecilia Yelverton personificazione dell'anima che ascende al cielo, iscrizione in lingua inglese su basamento inciso in lettere capitali e numeri arabi, il basamento è posto su un secondo basamento in pietra serena, ambedue in cattivo stato di conservazione, racchiusa nello stesso grande recinto la tomba dei genitori e della zia. Possibile intervento di pulitura. [M: A:  252. L: 111.5 P: 71.5 ; P.s. A: 32. L: 132. P: 94.5; Recinto: A: 43. L: 780. P: 404 ]  Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: A LOVELY FLOWER CULLED FROM EARTH/ TO BLOOM IN HEAVEN// BLESSED ARE THE PURE IN HEART FOR THEY SHALL SEE GOD [Matt. 5.8]// SHE CAME TO THE CROSS WHEN HER YOUNG CHEEK WAS BLOOMING/ AND RAISED TO THE LORD THE BRIGHT GLANCE OF HER EYE/ AND WHEN O'ER ITS BEAUTY DEATHS' DARKNESS WAS GLOOMING/ THE CROSS STILL UPHELD HER THE SAVIOUR WAS NIGH// ANNA MARIA CECILIA DAUGHTER OF BENTINK WALTER AND THE HON.BLE A.M. YELVERTON/ (THE ONLY CHILD OF HER MOTHER AND SHE WAS A WIDOW)/ FELL ASLEEP IN THE LORD ON THE 16 DAY OF APRIL 1846 IN THE 13 YEAR OF HER AGE/ ALREADY RIPE THRO GRACE AND FULL OF FAITH/ SHE LEFT WITHOUT SECRET THE FAIREST EARTHLY PROSPECTS/ TO TAKE POSSESSION OF A HEAVENLY INHERITANCE/ THIS FAINT RESEMBLANCE OF THAT CHERISHED FORM/ WAS PLACED BY HER TO WHOM THIS WORLD IS NOW OF A TRUTH/ A VALLEY OF TEARS./  Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 96: d of Bentinck Walter Yelverton, Anna Maria (Bingham) Yelverton, died Nice 16-04, aged 13, Burial 27-04, Rev George Robbins
(E101)/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Yelverton/ Anna Cecilia Fiorenza/[Bentinck Walter] / Inghilterra/ Grace (Francia)/ 17 Aprile/ 1846/ / 337/ N&Q 192. Anna Maria Cecilia, d. of Bentink Walter and the Hon. A. M. Yelverton. The only child of her mother, and she was a widow. Ob. 16 Ap., 1846, a. 13/ See Yelverton, FFrench/ Belle Arti 1993 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B10I
/ B4/ 1014/ ELENA NIKITICNA DIK, NATA AKZYNOVA/ RUSSIA/

Il ritratto a medaglione  di questa vedova russa  è scolpito da Fyodor Fyodorovic Kamensky. Fa parte di un gruppo di tombe con ritratto a medaglione A64/ GEORGE AUGUSTUS WALLIS by Aristodemos Costoli, A15/ ANNE SUSANNA (LLOYD) HORNER by Francesco Jerace; AB7/ INA ROSS SAULTER, by Ettore Ximenes; B4/ ELENA NIKITICNA DIK, NATA AKZYNOVA by Fyodor Fyodorovitsch Kamensky; C3/ THOMAS SOUTHWOOD SMITH by Joel T. Hart; D108/ THEODORE PARKER by William Wetmore Story; D127/ JAMES ROBERTS, by Joel T. Hart?; E12/ JAMES LORIMER GRAHAM, JR by Launt Thompson; E9/ WALTER KENNEDY LAWRIE by Pietro Bazzanti; F27/ PHILIPPINA (SIMONS) CIAMPI, by Joel T. Hart?) Purtroppo la stele in pietra serena incisa con informazioni in cirillico non si è mantenuta bene quanto il marmo bianco. L’incisione del  Harper’s Monthly non mostra questa tomba quindi sembra che dati da prima del 1868.

  


Cippo con medaglione. Scultore, 1869: Fjodor Fjodorowitsch Kamensky, F. Kamensky. Sec. XIX, post 5/1868. Cippo in pietra serena scolpito con effige in marmo entro medaglione in marmo, pietra serena erosa, inciso in cirillico e numeri arabi, posto su basamento in pietra serena, ambedue molto erosi. Medaglione in marmo, intervento di pulitura Palazzo Spinelli, 2005. [Medaglione in marmo A: 62.5 L: 51.5 P: 10.; P.s. A: 133.5 L: 100. P: 24.; Basamento A: 47. L: 118. P: 42. Recinto A: 2 L: 206. P: 123. ] Iscrizione sepolcrale in russo, incisa in cirillico e numeri arabi: Dik, nata Akzynova, Elena Nikiticna/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Hélène Akzynoff, Russie, fille de Nikita veuve Dizcks/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 359/ Talalay: N° 1093, RC/ Informazioni in cirillico Belle Arti 1993-1997 scheda/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 12. Akzynoff/ Elena/ di Nikita/ Russia/ Firenze/ 13 Maggio/ 1868/ Anni 34/ 1014/ Trizzino, Corso di Restauro dei Monumenti, pp. 68-72. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

 

Ora, sulla sinistra vediamo le tombe di:



B
11I/ B5/ 374/
ANTHONY MEEKE SAPTE/ INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI ANTHONY MEEKE, QUARTO FIGLIO DI FRANCIS E ANNE SAPTE DI EATON PLACE, LONDRA. MORI’ ALL’ETA’ DI 21 ANNI L' 11 OTT. 1847/ - /BENEDETTI SIANO I MORTI CHE MUOIANO NEL SIGNORE. D’ORA IN POI,  LO SPIRITO DICE  CHE POSSANO RIPOSARE DAI LORO SFORZI.

La famiglia Sapte a 70 Eaton Square, Westminster,: http://www.docstoc.com/docs/70264898/Surname-Name-Relationship-Status-Age-Occupation-Address-Born-Ref, il padre di Venezia e la madre Anne d’Irlanda. La sorella di Anthony si sposa il mese dopo e doveva essere insieme a Anthony alla sua morte.

   We see this tomb in the Harper's Monthly engraving

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1847. Ambito toscano. Lastra in marmo poggiante su quattro sostegni in marmo a loro volta posti su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con quattro colonnini, due con ferro, ferro mancante per gli altri. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 23. L: 67. P: 124.; P.s. A: 16. L: 61.. P: 123.5; R: A:64. L: 131. P: 207.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ ANTHONY MEEKE/ FOURTH SON OF/ FRANCIS AND ANNE SAPTE / OF EATON PLACE, LONDON/ 1TH OF OCTOBER 1847/ AGED 21/ - / BLESSED ARE THE DEAD WHICH/ DIE IN THE LORD/ FROM HENCEFORTH/ YEA SAITH THE SPIRIT/ THAT /MAY THEY REST/ FROM THEIR LABOURS [Rev. 14.13]/ - / Records, Guildhall Library, London: GL237774 N° 119, Burial 05/10, Rev Robbins (E101), youngest son of Francis Sapte, Marriage of sibling, G23774 N° 68+170/6 33/114 N° 68 16/09/47 Robert Jones to Jane Margaret Sapte at HBM (Hamilton) groom, esquire of Foreland, Co Sligo, bride of Eaton Square, Belgrave Place, Middlesex, Rev Gilbert Gilbert for Rev George Robbins (E101)/ The Standard/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Sapte/ Antonio/ / Inghilterra/ Firenze/ 2 Ottobre/ 1847/ Anni 21/ 374/ Webbs, Saptes in Livorno, discusses relations. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



B11I/ B6/ 373/
THOMAS TIGHE/  IRLANDA/ THOMAS TIGHE FIGLIO MAGGIORE DI RICHARD PHILIP TIGHE DI DUBLINO/IRLANDA. MORI' A FIRENZE IL 28° GIORNO DI SETTEMBRE 1857 ALL'ETA' DI 25 ANNI.

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1847. Ambito toscano. Lastra orizzontale in marmo incisa in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi poggiante su quattro lastre verticali in marmo a loro volta poste su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con quattro colonnini uniti da sbarra in ferro. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 18. L: 65.5 P: 123.; P.s. A: 10. L: 61.5 P: 124.; R: A: 50. L: 130. P:205] Iscrizione sepolcrale in inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: THOMAS TIGHE/ ELDEST SON OF/ RICHARD PHILIP TIGHE/ OF THE CITY OF DUBLIN/ IRELAND/ DIED AT FLORENCE/ ON THE 28TH DAY OF/ SEPTEMBER 1857/ IN THE 25TH YEAR OF HIS AGE/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 118 Burial, 30-09, Rev Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Tighie/ Tommaso/ / Inghilterra/ Firenze/ 28 Settembre/ 1847/ Anni 25/ 373. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
Information on the Mout Jerome Cemetery, Dublin, family burials: No.1270 TIGHE family burying ground No.1271 Right side of number 1270:-  'RICHARD PHILIP TIGHE | formerly | born 4th of May 1793 | died 29th of Decr 1877 | MARIANNE TIGHE | his wife | born 15th of March 1805 | died 24th of May 1874 [No.1272 Left side of number 1270:-]  also their children | RICHARD WILLIAM TIGHE | born 5th of Oct 1835 | died 18th of June 1843 | EDWARD ROBERT TIGHE | born 11th of April 1842 | died 21st of June 1858 | both interred here | ELIZABETH TIGHE | born 9th Octr. 1821 died at Vevey | 10th Dec. 1871 and interred there | THOMAS TIGHE | born 27th of Decr 1822 | died at Florence 23rd of Sept 1847 | and interred there', lists this Florentine burial. A son of a Thomas Tighe becomes Rector of Drumgooland, 1843.

 
Si può vedere questa tomba nell'incisione di Harper's Monthly

B11I/ B7A/ 1026/ AUGUSTA JANE (PENFOLD) ROBLEY/ INGHILTERRA/ QUI RIPOSA IN PACE AUGUSTA JANE PENFOLD, MOGLIE DEL CAPITANO J.H. ROBLEY, MORI' A FIRENZE IL 28 NOV. 1868/BENEDETTI SIANO I PURI DI CUORE PERCHE' VEDRANNO IL SIGNORE.MATT CV. V8

Augusta Jane Penfold era conosciuta per il suo libro “A Selection of Madeira Flowers”. Il marito, John Horatio Robley, era il nipote da parte del  nonno del Rev. Isaac Robley di St. Johns-in-the-Vale: http://www.robley.org.uk/graves.html Vedi B7B/ HORATIA AUGUSTA ROBLEY BORGHESI sepolta con lei.

 
Non vediamo questa tomba nell'incisione di Harper's Monthly engraving

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1868. Ambito toscano. Croce in marmo con basamento inciso in lettere capitali e numeri arabi e romani, posta a tergo del sepolcro della figlia. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 200. L: 82. P: 50.; basamento/M L: 89. P: 205.5] Iscrizione sepolcrale incisa in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi: HERE RESTS IN PEACE/ AUGUSTA JANE ROBLEY/ WIFE OF CAPTAIN J.H. ROBLEY/ WHO DIED AT FLORENCE 28 NOV 1868/ BLESSED ARE THE PURE IN HEART FOR THEY SHALL SEE GOD/ MATT CV. V8 [5.8]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jane Augusta Robley, l'Angleterre, fille de Guillaume Penfold/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 632.60/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 401 Burial 01/12 Rev Pendleton/ Pall Mall Gazette, Times/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Robley nata Penfold/ Giovanna Augusta/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 28 Novembre/ 1868/ Anni 59/ 1026/ N&Q 205. Augusta Jane, w. of Capt. J. H. Robley, ob. 28 Nov., 1868/ Webbs, copious family relations/ See Borghesi, Penfold/ Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B
12I/ B7B/ 1244/ HORATIA AUGUSTA ROBLEY BORGHESI/
INGHILTERRA/ ORAZIA AUGUSTA ROBLEY/ NATA IN ALDERSHOT IL V OTTOBRE MDCCCL/ CARISSIMA DI BONTA' E DI BELLEZZA/ IN FIORE D'INGEGNO ADORNA DI LETTERE/ NELLA MUSICA E NEL DISEGNO AMMIRATA/ DELIZIA DEGLI AMICI BENEDIZIONE DEI POVERI/ TOCCA APPENA AL XXIV ANNO/ DOPO SOLI XXI MESI DI MATRIMONIO/ FU RAPITA/ AL COLONELLO FILIPPO BORGHESI/ INCONSOLABILE/ QUI SICCOME BRAMASTI/ O MIA DOLCISSIMA SPOSA/ T'HO POSTO ACCANTO A TUA MADRE/ E QUI VERRO SEMPRE A RICERCATI E QUI ADDURRO LA FIGLIUOLINA NOSTRA AD ISPIRARSI PREGANDO ALL'ETERNO/ IN LEI VEDERTI RIVIVERE/ 1026 - 1244

La figlia di AUGUSTA JANE (PENFOLD) ROBLEY http://www.robley.org.uk/graves.html. B7A muore all'Aquila dieci anni dopo la morte della madre. Si era sposata con un membro della famiglia Borghesi e il marito l'ha sepolta qui dopo soltanto 21 mesi di matrimonio (morì mettendo al mondo un figlio?)

Filippo Borghesi era volontario nel Battaglione dell'Università, prima nell'esercito italiano e poi di quello della Repubblica, lottando in difesa di Roma. Quando i Francesi  restaurarono il potere papale egli emigrò ma ritornò in Italia nel luglio del 1859. Nel 1860 si unì a Garibaldi in Sicilia. Nel 1866 comandava il 26° Reggimento. Dopo qualche tempo divenne Generale Maggiore. Data la sua importanza nell'esercito fu difficile vietargli la erezione di una grande croce di semplice marmo che blocca la visuale della tomba accanto, scolpita da Leighton per Elizabeth Barrett Browning.


 
 
Non vediamo questa tomba nell'incisione dell'Harper's Monthly.

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1874. Ambito toscano. Lastra in marmo di forma triangolare orizzontale scolpita con ghirlanda e nastri, incisa in lettere capitali in lingua italiana e numeri romani e arabi, poggiante su basamento in marmo. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 19. L: 82. P: 150. (Basamento in marmo condiviso con la madre, si veda sopra.)] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri romani e arabi: ORAZIA AUGUSTA ROBLEY/ NATA IN ALDERSHOT IL V OTTOBRE MDCCCL/ CARISSIMA DI BONTA' E DI BELLEZZA/ IN FIORE D'INGEGNO ADORNA DI LETTERE/ NELLA MUSICA E NEL DISEGNO AMMIRATA/ DELIZIA DEGLI AMICI BENEDIZIONE DEI POVERI/ TOCCA APPENA AL XXIV ANNO/ DOPO SOLI XXI MESI DI MATRIMONIO/ FU RAPITA/ AL COLONELLO FILIPPO BORGHESI/ INCONSOLABILE/ QUI SICCOME BRAMASTI/ O MIA DOLCISSIMA SPOSA/ T'HO POSTO ACCANTO A TUA MADRE/ E QUI VERRO SEMPRE A RICERCATI E QUI ADDURRO LA FIGLIUOLINA NOSTRA AD ISPIRARSI PREGANDO ALL'ETERNO/ IN LEI VEDERTI RIVIVERE/ 1026 - 1244/Aquila, Madam Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Auguste Robley née [error] Borghesi, l'Angleterre/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 401, Burial 01/12, Augusta Borghesi born Robley wife of Colonel Filippo Borghesi 35th Reg of Infantry, Rev Pendleton/ 159. Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Robley nata [error] Borghesi/ Augusta/ / Inghilterra/ Aquila/ / 1874/ / 1244/ N&Q 206. Orazia Augusta Robley, b. in Aldershot ; ob. 5 Oct., 1850, a. 24, after 21 months' marriage with Col. Filippo Borghesi/ Webbs, descendants, relations/ See Robley. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B12-13I/ B8/ 737/
ELIZABETH BARRETT BROWNING/
GIAMAICA/
INGHILTERRA/ E.B.B./ OB.1861// FRANCESCO GIOVANNOZZI FECE

Elizabeth Barrett Browning morì nel 1861 a 55 anni, sembra infatti che si spacciasse per quarantacinquenne e c'è da notare che sulla tomba non troviamo la data di nascita. Si incontrò con Robert Browning nel 1846, successivamente si sposarono in segreto, a causa dell'opposizione da parte del padre di lei. Partirono per l'Italia e inizialmente soggiornarono a Pisa. Poi si trasferirono a Firenze in Casa Guidi in Piazza San Felice. Le loro serate furono trascorse in compagnia degli Hawthorne, i Powers, i Trollope, Walter Savage Landor e ltri membri della “colonia” di lingua inglese. La lunga malattia di Elizabeth la obbligava a rimanere a casa a guardare la vita che si svolgeva in strada. Una sua poesia, “Casa Guidi Windows”, parla del ritorno del Granduca e della sua delusione, essendo grande fautrice del Risorgmento. Elizabeth è rimasta famosa per le sue poesie e poemi che spaziano dall'amore alla politica:

1860  1861
Nel 1860, in posa col figlio, poteva ancora sorridere. Non, nel 1861

Elizabeth e Robert desideravano un figlio e dopo quattro aborti naturali riuscirono a mettere al mondo il figlio Penini, detto Pen. Elizabeth era una delle tante donne del periodo che faceva uso frequente del laudano. Dopo la sua morte  le malelingue vociferarono che, nell'assenza del medico di fiducia, il marito Robert le avesse somministrato una dose troppo alta, provocando il decesso. Molti amici furono presenti alla sua sepoltura e la tomba, in marmo bianco, fu disegnata e scolpita dal famoso pittore e scultore pre-raffaelita, Frederick Leighton. Si dice che l'iscrizione sulla tomba, soltanto E:B:B: 1861 fu così breve perché Robert non voleva pagare lo scalpellino che prendeva un compenso per ogni lettera o numero inciso. Robert, insieme al figlio Pen, lasciarono Firenze poco dopo la morte di Elizabeth, Robert non fece mai ritorno e il figlio visitò la tomba solo parecchi anni dopo.

Le ultime terribili fotografie, scattate a Roma, la mostrano con una faccia emaciata di morte nonostante la crinolina e i ricci. Nel 1861, l’anno della sua morte, vediamo una Corinna invecchiata precocemente davanti a uno scenario dipinto del Colosseo a Roma (Arabella II. 533). Aveva soltanto 55 anni anche se faceva finta di averne 45. In questi anni aveva scritto un poema epico più lungo dell’Odissea di Omero, si era sposata e aveva avuto un figlio. Nel maggio del 1861 Hans Christian Andersen visitò i Browning  commentando poi che Elizabeth aveva un’aria molto malata (Arabella II.536). Il suo ultimo poema, North and South, parlava di Andersen perché i bambini giocavano con il Robert del suo Pied Piper di Hamelyn, Il Pifferaio di Hamelyn, marciando attraverso le stanze ascoltando il Brutto Anatroccolo di Andersen. Comunque sia, fra queste due date, 1860-1861, si trova la pubblicazione del suo poema “A Musical Instrument”. Robert sentiva che la dote poetica di Elizabeth era esaurita quando diceva al fratello di lei, George, in una lettera scritta ad Asolo il 22 ottobre 1889. “La pubblicazione di Aurora Leigh avvenne 5 anni prima della morte dell’autrice – la quale forse non avrebbe mai potuto produrre un’altra opera simile”. Robert era l’agente letterario di Elizabeth durante il loro matrimonio e negli anni dopo la sua morte. Nonostante il parere, non elogiativo, di Robert una di queste opere denigrate fu illustrata da Frederic Leighton per il Cornhill Magazine e questo poema “A Musical Instrument” è interessante in quanto è un mezza-poema, una presentazione della sua arte poetica e del suo matrimonio. E’ altresì un poema nel quale Elizabeth parla di un tema già spesso toccato, basandosi sulle conoscenze classiche e cristiane e sul “Grande Dio Pan”. Ricordiamo che Pan è quella chimera, in parte bestia e in parte uomo, imparentato con i centauri, i satiri e i fauni. Elizabeth parla di Flush come se fosse un “Fauno”, copiando Milton riguardo alla morte degli dei pagani  nel The Morning of Christ's Nativity, entrambi prendendo in prestito il “De oraculorum defectu” di Plutarco nel suo “Great Pan is Dead”. I Hawthorne ricordano che Robert è il fauno Donatello nel libro “The Marble Faun”.

Qui abbiamo la bella illustrazione di Frederic Leighton, del luglio 1860, nel Cornhill Magazine.

pan

And this is Elizabeth's poem, "A Musical Instrument" that it illustrates:

WhiteSilence      

What was he doing, the great god Pan,
  Down in the reeds by the river?
Spreading ruin and scattering ban,
Splashing and paddling with hoofs of a goat,
And breaking the golden lilies afloat
  With the dragon-fly on the river.

He tore out a reed, the great god Pan,
  From the deep cool bed of the river:
The limpid water turbidly ran,
And the broken lilies a-dying lay,
And the dragon-fly had fled away,
  Ere he brought it out from the river.

High on the shore sat the great god Pan
  While turbidly flowed the river;
And hacked and hewed as a great god can,
With his hard bleak steel at the patient reed,
Till there was not a sign of the leaf indeed
  To prove it fresh from the river.

He cut it short, did the great god Pan,
  (How tall it stood in the river!)
Then drew the pith, like the heart of man
Steadily from the outside ring,
And notched the poor dry empty thing
  In holes, as he sat by the river.

. . . 

Yet half a beast is the great god Pan,
  To laugh as he sits by the river,
Making a poet out of a man:
The true gods sigh for the cost and pain, -
For the reed which grows nevermore again
  As a reed with the reeds in the river.

Il verso che parla di “tagliare la canna” evoca “The Runaway Slave at Pilgrim Point” – “lo schiavo in fuga a Pilgrim Point” e degli schiavi che sferzavano le canne da zucchero con dei macheti. A Bagni di Lucca Robert, in modo simile, nuotava nel fiume ai tempi in cui lei gli aveva, timidamente, presentato i Sonetti amorosi, che egli pubblicò immediatamente, i Sonetti dal portoghese ebbero il maggiore successo. Negli insegnamenti pitagorici ci sono due tipi di  strumenti musicali, l’arpa che è la Ragione e lo strumento a fiato che è la Natura, riguardanti il mondo della procreazione e della sessualità. Però in questa poesia sembra che Elizabeth parli della sua vita e la sessualità frustrata come un sacrificio, che la uccide, per amore della sua arte. Ricordiamo che dopo cinque gravidanze, quattro finite con degli aborti, doveva rinunciare al sesso. La poesia è molto vicina ai suoi echi verbali nella sua traduzione magnifica del “Cupid and Psyche” di Apuleio. La parte dove Pan salva Psiche dalla sua disperazione suicida, dicendole di amare con innocenza. Ricordiamo che Elizabeth era una studiosa dei classici e  della letteratura ebrea. Se così fosse, viene riscritto allontanandosi dalla versione di Apuleio mentre si avvicina alla versione di Ovidio, dove Pan cerca di stuprare la ninfa, che diventa una canna, che poi distrugge per farla diventare uno strumento musicale da suonare.

Elizabeth lascia ulteriori indizi sul significato della poesia. Thomas Adolphus Trollope nel suo “What I Remember” (II. 175-179), un libro pieno di pettegolezzi sugli anglo-fiorentini, descrive il ritrovamento di una lettera fra quelle di Isa Blagden (B42).

WhiteSilence

Una molto interessante dalla Signora Browning……….
“Carissima Isa,
La mia critica è molto gentile, sono molto contenta che te l’ha tirata fuori. Però dì al Signor Trollope che ha, comunque sbagliato…. Esiste una refrazione interna ai colori della vita…radoppia i dolori e i piaceri, raddoppiando, quindi, i motivi (passioni) della vita. Ho detto qualcosa su questo nel Aurora Leigh.  Esiste anche una passione per la verità essenziale (come viene appresa) e una necessità di parlarne con tutti   i rischi che comporta, sconveniente per la pace intima. Aggiungi a questo molto di più, la perdita del dolce inconscio e fresco privacy fra le “canne” che amo così tanto, per la perdita del privilegio di essere contento o dispiaciuto, malato o in buona salute senza una “considerazione”… Sì, e sii sicura Isa che “gli dei veri sospirano e hanno ragione per il costo e il dolore che reca, sospirano soltanto…non discutono sul costo, non portano rancore verso una crazia ma sospirano…sospirano…mentre pagano onestamente…
Ma egli è una bestia fino alla cintola: sì il Signor Trollope, una bestia. Non è un vero dio.
E anche io non sono né dio né bestia, per piacere – solo una………..

                                                                                                             Ba
Il commento di Elizabeth inerente alla passione per la verità essenziale (come appreso) e la necessità di parlarne con tutti  i rischi del caso, sconveniente per la pace personale”, si riferisce al concetto greco della parrhesia, l’obbligo di dire la verità, al rischio personale per il bene comune, molto simile all’eleuther e la libertà. Questo è il principio classico discusso da I.F.Stone nel “The Trial of Socrates” e di Michel Foucault in una lezione all’Università di Colorado, Boulder, poco prima della morte. Un concetto ancora oggi vivo per Daniel Ellsberg, Julian Assange, Bradley Manning e Edward Snowden.

Vediamo che Frederic Leighton, amico sia di Robert che di Elizabeth, nella sua incisione ha capito fino in fondo la poesia di Elizabeth. L’anno seguente, quando Leighton disegnò la tomba di Elizabeth sembra non riferirsi a Pan e alle altre chimere ma, invece, di avere esagerato nel numero delle arpe greche, ebraiche e cristiane, riferendosi alla sua grande conoscenza e interesse, da una tenera età, nei classici, nella Bibbia e nella teologia.  La prima arpa greca mostra due facce opposte, una serena e una distorta. Prima pensavo fossero Tragedia e Commedia, anche se non ero sicuro dell’identificazione. Poi una mattina abbiamo visitato il Giardino Torrigiani a Firenze, vicino a Casa Guidi, dove Elizabeth sarà stata in visita e che Leighton avrebbe conosciuto fin dai suoi giorni da studente all’Accademia delle Belle Arti, dove Isa Blagden e Frederic Tennyson, il fratello del Vate, avrebbero vissuto. Inoltre c’è il dio Pan, un busto su di uno stele, un lato della faccia distorto, l’altro sereno. Vediamo di nuovo i due profili sull’arpa di Leighton. Mentre sulla stele si trovano delle ghirlande intorno alle siringhe di Pan, canne tagliate provenienti dal greto del fiume.

Prossima alla fine, Elizabeth è profondamente turbata dalla morte di cancro della sorella Henrietta, poi per la morte di Cavour. Robert vuole vedere il padre e la sorella che vivono a Parigi (dopo la morte della moglie il padre aveva perso una causa per la rottura di una promessa di matrimonio con una vedova, costringendo sia lui che la famiglia a vivere in Europa in esilio per evitare la prigione). A Roma il medico di Elizabeth, il polacco Gresanowsky, avvisa Robert che Elizabeth non può, per nessuna ragione, viaggiare fino a Parigi e Elizabeth scrive con tristezza ad Arabella, l'11 giugno, questa notizia (II 536-538), preoccupata per ciò che significa per Robert. Lei aveva sperato di poter incontrare i fratelli proprio a Parigi. (Ci si chiede perché il padre e la sorella di Robert non potessero venire a trovarli a Casa Guidi, data la  fragilità fisica di Elizabeth). Poi, il 15 giugno, scrive ad Arabella, questa volta con tono più vivace, con un lungo discorso riguardo alla cristianità, parlando anche della sua opposizione ai dogmi come i XXXIX Articoli della Chiesa d'Inghilterra (II: 541-542). Una dissidente della Chiesa d'Inghilterra, aveva già fatto battezzare il figlio dal Pastore Droin della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera a Firenze.

La biografia di Kate Fielding scritta da Lilian Whiting, usando le sue lettere, fu pubblicata a Boston nel 1900, Kate Field: A Record. Qui abbiamo una testimonianza oculare da parte di Kate, la giovane giornalista americana, che scrisse due lettere alla zia sulla morte e la sepoltura di Elizabeth:
Firenze, 9 giugno 1861.
Sono profondamente addolorata, addolorata fin dentro il cuore perché la cara Signora Browning è morta. La notizia è repentina quanto  tremenda, sebbene fosse malata da più di una settimana e la sua salute è sempre stata cagionevole credevo con certezza che si sarebbe riavuta come aveva sempre fatto in passato.............Ieri la Signora Browning diceva di stare un po' meglio, lesse un po' l'Athenaeum e si intrattenne fino alle 8 di sera con la Signorina Blagden che la lasciò col cuore tranquillo. Stamane, alle 4.30, è morta dicendo “E' bellissimo”. Il povero Signor Browning era del tutto impreparato per questo colpo terribile. Quando lei si tirò su per pronunciare le sue ultime parole, dove descrisse la vita gloriosa che le si apriva, egli pensò che si fosse mossa per poter tossire. Io non l'ho visto ma la Signorina Blagden, che le sta accanto senza sosta, dice che è prostrato dal dolore. Il povero ragazzino, Pen, vaga per la casa, triste e inconsolabile, non rendendosi conto che l'angelo della madre non c'è più. Siamo andati a casa appena abbiamo saputo della morte della Signora Browning ma non potevamo aiutare nessuno. Tutto ciò che si è potuto fare era di comprare dei fiori e consacrarli mettendoli intorno a tutto ciò che resta di una persona troppo pura per rimanere ancora in questo mondo. Le hanno tagliato tutti i capelli e vedere il fisico così emaciato faceva male al cuore. Rimpiango quasi di averla vista morta ma non vorrei evitare una casa in lutto........Non posso non pensare che il Dr. Wilson, chiamato nell'assenza del Dr. Gresanowsky, che ha un aspetto così burbero e, che secondo alcuni, è un ciarlatano, abbia velocizzata la morte della Signora Browning, usando dei metodi violenti che il povero corpo della Signora Browning era troppo debole da poter sopportare. Cominciò spaventandola, spiegandole che l'intero corpo era in uno stato spaventoso  - un bel modo di trattare una persona con così tanta immaginazione. Gresanowsky conosceva la sua costituzione e mi sembra così tragico che non fosse presente. Dall'omicidio medico di Cavour ho cominciato a non fidarmi di tutti i medici in Italia... (Whiting, 134-137).
Non mi ricordo di aver letto da qualche altra parte che non solo furono tagliati i riccioli di Pen ma anche quelli di Elizabeth. Quella identità specchiata, cruciale per Elizabeth, tagliata da una “tosatrice funerea”. Ricordiamo la storia dove un giorno Elizabeth, dispiaciuta perché Robert ebbe un accesso d'ira, si tagliò i capelli. La narrazione di Kate Field si oppone a quella di Henry James nel suo William Wetmore Story and His Friends (II. 61-65) e di altri resoconti contemporanei che riportano che Robert disse che il Dr. Wilson aveva prescritto troppa morfina e che durante una euforia da droga (e non nel terrore, di cui parlava nelle sue lettere, ma dell'astinenza quando, momentaneamente, non prese la droga durante i viaggi. Quando parlava delle tende in camera che avevano colori ungheresi (lo stesso dei colori italiani, il rosso, il bianco e il verde, usato per le finestre di Casa Guidi perché il tricolore era vietato dagli austriaci). Il Dr Wilson era profondamente contrario all'uso del laudano e non avrebbe mai prescritto troppo. Vedi A109, Jean Elizabeth Wilson, AB5, Cornelia Loring. Piuttosto era il Dr Gesanowsky, con il suo bel modo di trattare i malati, che l'ha permesso. Lily Wilson, che aveva sospeso l'uso di laudano abbastanza a lungo per permettere la nascita di Pen, era già stata licenziata. Robert che aveva scritto la poesia Paracelsus sull'inventore del laudano, conosceva bene queste oppiacee, più di Elizabeth, ed era lui che le somministrava le gocce di “amreeta”. In tutti questi resoconti, fatti da altri, della morte di Elizabeth, la fonte comune è Robert, l'unico testimone. La salma sarebbe stata portata da Casa Guidi al Cimitero degli Inglesi e adagiata sul grande tavolo di cipresso costruito nel 1860, come la Casa al Cancello e la Cappella Mortuaria, tutti arredati con i cipressi sulla collina che esistono ancora. Oggigiorno la Cappella è diventata una biblioteca.

Kate Field continua:
                                                                                                      Firenze, 1 luglio 1861.
Sono sotto sopra da tre giorni, - la morte della Signora Browning mi ha lasciata incapace di fare qualsiasi cosa. Siamo appena tornati dal funerale. Abbiamo visto tutto ciò che di lei è mortale sepolto nel bellissimo cimitero protestante appena fuori dalle mura della città. Il servizio funebre era nella forma episcopale. Niente discorsi. La sua vita era stata un sermone, non aveva bisogno di altro. Era angoscioso guardare il Signor Browning – sembrava che potesse appena reggersi in piedi, la sua faccia dimostrava il terribile dolore. Il povero bambino gli stava accanto con le lacrime agli occhi e quando guardai da loro alla bara dove si trovavano i resti dell'amata, sembrava che il dolore fosse insopportabile. Desideravo andare dal Signor Browning e piangere con lui che piangeva. La scena era solenne nonostante il ministerio, era molto breve e fummo mandati via in tutta fretta dal Signor Trollope. Una bella ghirlanda di fiori bianchi e una corona di alloro furono posati sulla bara. Il funerale fu gestito da un amico dei Browning e gestito così male che nessuno sapeva niente di niente. Durante i tre giorni e fino a stamattina furono dati ordini con una grande confusione, mi dissero che la presenza delle donne non fosse gradita. Però, il Signor Browning voleva che la Signorina Blagden, B42 fosse presente insieme a tutti gli altri amici che lo desideravano. Quindi all'ultimo momento mandai l'informazione a tutti coloro che sapevo avrebbero voluto partecipare. In questo modo erano presenti donne addolorate per piangere una grande donna. Il funerale sarebbe stato poco partecipato senza le donne. Pensavo che il Signor Landor, A29 sarebbe dovuto esserci e se avessi saputo che la cerimonia eracosì breve sarei andata a prenderlo. I Story,
(D108) vennero da Livorno, il giovane Lytton, il Signor Trollope, i Powers, (B32) e altri portarono l'ultimo tributo alla sua memoria (Whiting, 137-138).
Adesso possiamo guardare le voci riguardanti la sepoltura di Elizabeth Barrett Browning per avere ulteriori indizi. Come Custode del Cimitero degli Inglesi di proprietà svizzera, continuai a chiedere se c'erano altri documenti    attinenti a questa sepoltura, a parte il registro stilato nel 1877, una lista di sepolture in ordine alfabetico. Mi dicevano che tutto era andato perso nell'alluvione a Firenze nel 1966. Finalmente mi trovarono due registri contemporanei e un terzo con una lista di sepolture in ordine cronologico, stilati nel 1873 e copiati da registri precedenti, come il registro in ordine alfabetico. Inoltre c'erano registri che elencavano le spese per le sepolture, duplicati di queste spese e pagamenti ai becchini. Ora passo a condividerli con voi.

Prima i due registri  delle sepolture, in nessuno dei due è scritto che Elizabeth fosse sposata, non appaiano delle informazioni sulle sue parentele  e perfino l'età era sbagliata.

II. Un duplicato del primo volume.


E' interessante il fatto che il certificato del battesimo di Pen, nel Registro della Chiesa Evangelica Svizzera, ci informa che fu officiato quasi lo stesso giorno della morte di Elizabeth, il 28 giugno 1849, morì il 29 giugno 1861, quando Pen aveva già 12 anni.


III. L'elenco cronologico delle sepolture nel Cimitero degli Inglesi di proprietà svizzera, compilato nel 1873 usando i registri esistenti.

Il registro in ordine alfabetico, compilato nel 1877 usando i registri esistenti.

In tutti questi documenti l'età di Elizabeth è sbagliata, 45 anni invece di 55 anni. Ricordiamo che lei non disse mai al marito che aveva visitato il luogo della Battaglia di Waterloo subito dopo la disfatta di Napoleone, sebbene nel “Aurora Leigh” descriva un bambino lasciato libero su quello stesso terreno. (Il Cimitero degli Inglesi conta quattordici partecipanti alle battaglie della Penisola e di Waterloo contro Napoleone, alcuni dei quali, come  B98/ MAJOR FRANCIS CHARLES GREGORIE, erano amici di Elizabeth). Neanche la tomba riporta la data di nascita, soltanto quella della morte, O+B+1861. Vengono date le iniziali E+B+B ma non il nome, come se il tirchio Robert volesse pagare lo scalpellino il meno possibile perché avrebbe preteso il pagamento di ogni singola lettera. Un altro marito compose una lunga poesia alla morte della moglie. F23/ CAROLINE (BENNETT) NAPIER, nel Settore F, e pagò ogni singola lettera incisa sulla  pietra tombale

Le spese per il funerale.
IV.    Il Sig. L. Gilli, Ispettore del Cimitero, viene pagato 271 Paoli per il funerale di Elizabeth Barrett Browning, dal quale paga 113 Paoli alla Chiesa Inglese per le tasse. Altri pagamenti di 108 Paoli e 10 Paoli vengono erogati al Pastore inglese, rispettivamente per aver officiato alla sepoltura e per le spese del suo viaggio. Inoltre al Pastore vengono pagati la stoffa per il suo cappello e i guanti. Però, sappiamo dalla sua ultima lettera ad Arabella che parlava del battesimo di Pen che non avrebbe voluto essere sepolta dal Rev. O'Neill della Chiesa Inglese ma dal Pastore della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, Charles Berthoud. Escludendo i funerali di  indigenti, le spese per il funerale di Elizabeth sono state le più basse registrati per un funerale di un adulto. I funerali di Charlotte, Contessa di Strathmore e Kinghorn
(E44) e di Theodore Parker (D108) furono pagati più di 1.000 Paoli ciascuno. Nove anni prima i Trollope pagarono 572 Paoli per un funerale di prima classe per la loro domestica, Elizabeth Shinner (C71).

V.  Ferdinando Giorgi, muratore del Cimitero, viene pagato, dal Sig. Gilli. un totale di 760 Lire toscane per la sepoltura di ben 16 persone, la prima delle quali è Elizabeth Barrett Browning.

Generalmente Ferdinando Giorgi viene pagato 45 Lire toscane per ogni sepoltura. Incassa 90 Paoli il 26.09.1861 per la sepoltura di Elizabeth, nr. 737, perché dovette scavare due fosse. Significa che la Chiesa Evangelica Svizzera prese soltanto 68 Paoli, meno di quello chiesto per un funerale di un indigente di 110 Paoli. Inoltre c'era la fattura di Luigi Pagliai di 32 Paoli per il trasporto della bara, lasciando alla chiesa soltanto 36 Paoli.

Non capivo il pagamento per lo scavo di due fosse. Forse Robert aveva ordinato lo scavo pensando a se stesso quando il suo tempo fosse arrivato? Avevano trovato un'altra salma mentre scavavano la prima fossa? Dopo trovai la risposta alla mia domanda.

Mrs. Sutherland Orr, nel Life and Letters of Robert Browning, ci dice che nel settembre del 1861 Robert, scrivendo da St-Enogat vicino a Dinard, dove soggiornava con il padre e la sorella, due mesi dopo la sepoltura di Elizabeth, chiede a Isa Blagden di occuparsi dello spostamento della salma di Elizabeth, da una fossa all'altra perché necessario per poter collocare il monumento disegnato da Leighton. La stessa cosa fu fatta per A3/ ROBINA (WILSON) CATANI CAVALCANTI e successivamente per A111/ HARRIET FRANKES (WEBSTER) PELLEW.
. . . Isa, posso chiederti un piacere? Potresti, quando questi preliminari orribili, lo spostamento provvisorio ecc., siano conclusi fare tutto il possibile perché regni riguardo per la decenza e sentimento delle persone coinvolte? Mi fa orrore quell'uomo al cimitero (Ferdinando Giorgi) e ogni inutile pubblicità o esposizione. Mi fido di te carissima amica nostra, che quando arriva il momento usi la tua influenza, anche una parola sarebbe impagabile. Se si mette in mostra la cosa e se ci sia curiosità da parte di estranei sarebbe stato meglio se avessi lasciato la terra intonsa. Queste cose succedono a causa dell'imprudenza e dell'incoscienza non altro, ma l'effetto è irreparabile. Non voglio pensarci adesso almeno ….... (Orr, 395-396; McAleer, 175, data questa lettera il 19 settembre, 1863 da St. Marie Pornic, però  la ricevuta per la riesumazione e lo scavo di due fosse, chiaramente indica  che furono effettuati quasi immediatamente, nel  1861.
Precedentemente Elizabeth aveva notato la grande paura che Robert aveva dei cimiteri. Per esempio si era rifiutato di andare al funerale e la sepoltura del cugino James Silverthorne, testimone al loro matrimonio (Arabella I. 490-91, 494). Anche Mrs. Orr osserva questa paura e dice di questa lettera. “L'orrore espresso in questa lettera  …..  si collega con l'avversione abituale della morte, una marcata peculiarità della natura del Signor Browning (366-367), rimarcando che lui non visitò mai la tomba. Nathaniel Hawthorne modellò il carattere di Donatello nel Marble Faun, su quello di Robert Browning e descrive lo specchiato orrore della morte del suo personaggio.

Immediatamente dopo il funerale, trovando che il salone di Casa Guidi non poteva essere fotografato, forse da Longworth Powers, (che successivamente fotografa la tomba), o forse dai fratelli Alinari, Robert commissionò un quadro del salone al pittore Giorgio Mignaty.



Ricordiamo che due figli del Mignaty, 
E131DEMETRIO FREDERICK MIGNATY e E130/ ELENA MIGNATY, sono sepolti nel Cimitero degli Inglesi, con l' iscrizione per Demetrio in greco,

e che la testa della bellissima, ma non fedele, Signora Mignaty fu la modella per “La Schiava Greca” di B32/ HIRAM POWERS '. Elizabeth scrisse della Schiava greca un potente sonetto contro la schiavitù e dal quale viene il nome di questo libro, “Thunders of White Silence” - Tuoni del silenzio bianco.

Anche lo scultore americano, B32/ HIRAM POWERS, che era presente insieme alla moglie Elizabeth, al funerale di Elizabeth, è sepolto nel Cimitero degli Inglesi mentre Michele Gordigiani, l'autore dei quadri di Elizabeth e Robert e di Camillo Cavour, la cui morte, il 6 giugno, fu lamentata profondamente da Elizabeth, aveva lo studio dall'altra parte della strada. Una sua discendente, Francesca Gordigiani, ci vive tuttora.


Robert e Elizabeth Barrett Browning, 1858

Camillo Cavour

Robert Browning era sia scultore che poeta e scrisse poesie su commissione per le tombe, a quel tempo era impegnato nella scultura e nella poesia ma, nonostante ciò, accettò l'offerta di Frederic Leighton di progettare la tomba di Elizabeth. Il Conte Cottrell supervisionò l'esecuzione di Francesco Giovannozzi, nell'assenza sia di Robert che di Leighton. Frederic Leighton aveva studiato all'Accademia delle Belle Arti e sarebbe diventato Presidente del Royal Academy. Il suo trionfo fu di aver dipinto ciò che Elizabeth descrisse in Casa Guidi Windows pubblicato nel 1851, “La processione della Madonna di Cimabue da Borgo Allegri a Santa Maria Novella, nel 1854. Una tela enorme comprata poi dalla Regina Vittoria quando lui aveva appena 24 anni.


Frederic Leighton, La Madonna di Cimabue


Frederic Leighton, Autoritratto, Uffizi

Leighton illustrò anche l'ultima poesia di Elizabeth, a Pan, “A Musical Instrument”, pubblicata nel Cornhill Magazine nel 1860 (175-179), un anno prima della morte di Elizabeth. Leighton illustrò anche “La Romaqla” di George Eliot incluso lo spregevole ritorno tardivo di Tito che, sia l'autrice che il pittore, ambientarono nella casa di via dei Bardi dell'amico della Eliot, Seymore Kirkup

Similarmente Robert, dopo i primi anni di felicità e passione coniugale, usciva spesso la sera lasciando Elizabeth da sola. E subito dopo il funerale lasciò Firenze insieme al giovane Pen, accompagnato da B42/ ISABELLA BLAGDEN. Scriveva The Ring and the Book, una cronaca in rima del processo aretino e romano riguardante l'abuso coniugale e l'assassinio, come se fosse una confessione – con Caponsacchi nel ruolo di Robert come se fosse il soccorritore di Elizabeth dalla prigionia a Wimpole Street e con Franceschini come marito che litigava con la moglie continuamente in pubblico sulla politica, lo spiritualismo e il loro figlio,  dicendole il falso quando le raccontava che l'ammissione al Gabinetto Vieusseux  era vietata alle donne, che gestiva i soldi dell'eredità di Elizabeth e tutti i suoi guadagni, che vicino alla fine le somministrava con cautela il laudano e chi, come autore del Paracelsus, l'inventore del laudano, poteva aver esagerato con le dosi mentre incolpava il Dr. Wilson per averle dato troppa droga. Se fosse stato così sarebbe una specie di eutanasia perché egli spiega a tutti che lei non si rendeva conto che stava morendo, pensava soltanto che fosse in uno stato di euforia a causa della droga. Elizabeth non morì di un'emorragia dei polmoni causata dalla tubercolosi.


Leighton Sketch Book XXXV, Royal Academy Library

ebbtomb8____
Greek Lyre                   Christian Harp           Hebrew Harp
Pan                                Cross                            Jubilee with Broken Slave Shackle
La tomba disegnata da Leighton è un monumento magnifico ma Robert non l'ha mai visto, non tornò mai più a Firenze. Il figlio Pen ritornò e abitava alla Torre di Antella da dove cercò di trasformare Casa Guidi in museo, cercando cimeli dei genitori. Alla sua morte tutto finì all'asta. Leighton tornò a Firenze e vide l'esecuzione della tomba ma era profondamente arrabbiato dai cambiamenti fatti da Francesco Giovannozzi e approvati dal Conte Cottrell. Questo si evince dalla biografia  della giovane scrittrice americana Kate Field, scritta da Lilian Whiting, avvenne il giorno di Natale del 1864, quasi tre anni e mezzo dopo.
Il monumento per la Signora Browning non è ancora stato eretto ma lo sarà fra poco. Leighton, al quale fu commissionato il disegno, era molto e ragionevolmente arrabbiato quando era qui in autunno per sovraintendere alla erezione ma trovò che al monumento erano stati cambiati diversi parti del disegno senza motivo. Leighton insistette che fossero ripristinati causando un ritardo considerevole. Temo che il monumento, quando verrà eretto, non avrà il benestare né dal Signor Browning né da Leighton (Whiting 157).
Il Conte Cottrell, un titolo guadagnato per i suoi servigi come ciambellano del Duca di Lucca, si era rifiutato di andare al Cimitero degli Inglesi per la sepoltura di un figlio, Carlo Lodovico B102/ CHARLES LEWIS COTTRELL, Robert fece un eccezione e ci andò al suo posto (Arabella, II. 322-323). In alcune lettere precedenti Letters to Arabella, i rapporti fra i Cottrell e i Browning divennero piuttosto tesi perché Mary Trepsack aveva perduti i risparmi di una vita, persi a causa di un tracollo  di parenti del Cottrell, in parte causato anche da Robert. Elizabeth cercava disperatamente di ottenere riparazioni e compensazioni mentre allo stesso tempo obbediva a Robert tenendo segreto ai fratelli il suo coinvolgimento nel caso  (Arabella 1.268-269, 271-272, 286, 305, 311, 349-350). Mary  Trepsack era l'amata schiava liberata nella cerchia dei Barrett Moulton Barrett e aveva pagato la pubblicazione del secondo Magnum Opus di Elizabeth, The Essay on Mind, nel 1826. Il primo Magnum Opus di Elizabeth , The Battle of Marathon, fu iniziato quando aveva soltanto undici anni e fu stampato privatamente dal padre nel 1820. Adesso Robert ha dato il compito di sovraintendere alla tomba della moglie  al Conte Cottrell. Si era già sottratto ai voleri di Elizabeth dandole un funerale della Chiesa Anglicana e truffando la Chiesa Evangelica Riformata Svizzera.

 Nel 1866 Browning scrive a George Moulton-Barrett, il fratello minore e preferito di Elizabeth (284-5):
Sono molto grato per la tua lettera e tutto l'amore che contiene. A proposito del monumento, sono contentissimo che ti piace. Sai, era tutto ciò che sono riuscito a realizzare per una cosa così importante. Non potevo fare altrimenti, cioè – se fosse stato di oro puro non sarebbe stato un monumento meno adatto. Dall'altra parte se le mie condizioni economiche mi avessero permesso soltanto una croce di legno, sarebbe stato, comunque, sufficiente. Sono stato fortunato ad avere Leighton come amico e quindi spero che quel poco che ho fatto sia, alla fine, benfatto. Non potevo essere presente e badare personalmente all'esecuzione e all'inizio furono fatti degli sbagli che, nel frattempo sono stati rettificati, ma dalle fotografie credo che il lavoro di Leighton sia venuto bene e dobbiamo essere contenti.
Nel 1875 Browning riscrive a George Moulton-Barrett (298) che è stato a Firenze per vedere la tomba. Egli scrivendo a Robert parla della tomba e del fatto che era già sporca e aveva bisogno di attenzione (Sutherland Orr, 367-68).
Ti sarai certamente chiesto del mio ritardo nel rispondere alla tua bella lettera. E' stato a causa del dovere consultare Leighton sul corso da intraprendere riguardo a una questione che gli sta molto a cuore. Ti sono profondamente obbligato per avermi informato di ciò che altrimenti avrei ignorato e i particolari del danno insieme ai preventivi e spese delle riparazioni  sono proprio ciò che desideravo. Vorrei che tutto ciò che è necessario sia fatto e lascio tutto nelle tue mani capaci, ma c'è una difficoltà. Leighton è molto contrario alla distruzione del suo disegno sostituendo delle parti con il marmo nero, preferirebbe il restauro dell'originale anche se fra undici anni ci vorrà un nuovo intervento. Non si potrebbe fare così? Vorrei che fosse così facile sostituire la natura scabrosa dei trafficanti di reliquie con qualcosa di decente e umana, ma ciò non è possibile. Una inferriata più consistente potrebbe aiutare? O una copertura che hai suggerito, come quella per il monumento ai Demidoff? Hai un grande vantaggio su di me in quanto non ho mai visto la tomba. Accetto il tuo giudizio, qualunque sia. Leighton dice che preferirebbe lasciare fare gli ornamenti finché non sia necessario rinnovarli, cioè invece di sostituirli con la striscia nera.

La mancanza dell'effigie di Elizabeth sulla propria tomba è molto strano. Ci sono molte tombe che portano ritratti a medaglione:
A64/ GEORGE AUGUSTUS WALLIS, di Aristodemos Costoli; A15/ ANNE SUSANNA (LLOYD) HORNER,  di Franceso Jerace; AB7/ INA BOSS SAULTER, di Ettore Ximenes; B4/ ELENA NIKITICNA DIK, NATA AKZYNOVA, di Fyodor Fyodorovitsch Kamensky; C3/ THOMAS SOUTHWOOD SMITH, di Joel Hart; D108/ THEODORE PARKER di William Wetmore Story; D127/ JAMES ROBERTS, di Joel Hart; E12/ JAMES LORIMER GRAHAM, JR., di Launt Thompson; E9/ WALTER KENNEDY LAWRIE,  di Pietro Bazzanti; F27/ PHILIPPINA (SIMONS) CIAMPI, di Joel T. Hart? E due busti B23/ PROFESSORE CESARE PAGANINI di Emilio Zocchi; C106/ JEAN DAVID MARC GONIN di Pietro Bazzanti. Non esiste un ritratto a medaglione che assomiglia a Elizabeth, soltanto una figura ideale di Poesy e in una lettera scritta dall'Athenaeum Club del 19 gennaio 1863 a B42/ ISABELLA BLAGDEN Robert scrive che gli italiani, attraverso Cottrell, cercavano di boicottare il disegno di Leighton e che Robert stesso decise di non mettere un ritratto.

Finalmente ho accertato che il medaglione centrale non avrà un Ritratto ma una testa ideale della “Poesia”: un ritratto è impossibile, cioè un ritratto che saremo disposti ad accettare. Non possiamo che sottometterci alla necessità, perché giocare con la verità sarebbe per me odioso. (185-186)



e poi nella lettera di Robert a Frederic Leighton, il 20 agosto 1863, in cui dice che gli aveva mandata dei ritratti di Elizabeth. Alla fine  scrive a Isa Blagden, il 19 ottobre, 1864, dell'esplosione di Leighton e della cattiva esecuzione, parlando anche del medaglione con ritratto come alterato, particolarmente riguardo ai capelli, per “migliorarlo”  modificandolo falsamente.


Era proprio fortunato che mi furono risparmiate  altre noie che avrei dovuto sopportare se il mio viaggio fosse per Firenze. Leighton mi scrive che  non c'è niente di peggio della esecuzione dei suoi disegni, alcuni non sono stati eseguiti e i quattro (sic. per sei) capitelli delle colonne dovranno essere segati e scolpiti di nuovo– inoltre due dei medaglioni dovranno essere rimossi – perché infimi, mentre il terzo “sebbene proprio detestabile non è rimediabile”. Il profilo è meno sciatto del resto anche se non è perfetto, i capelli, il disegno dei quali mi ha richiesto molto tempo, non  assomigliano affatto. Il tizio ha detto con indifferenza che pensava avessi probabilmente fatto il disegno in fretta e che lui aveva aggiunto una treccia e fatto la cosa ex-novo (se tu lo vedessi!), anche l'orecchio “ho cercato di migliorare”. Aggiunse che aveva ottenuto dal Cavaliere Mathas (l'architetto della facciata di Santa Croce) e il Conte Cottrell il permesso di migliorare quelle parti del lavoro, spero non sia vero. Cottrell dice che lui aveva già visto ciò di cui parlo ma che “pensava fosse meglio che decidessi io, perché in fondo erano sbagli irrimediabili”. In realtà Cottrell mi scrisse che “fosse eseguito in modo perfetto”, e siccome ha già pagato l'ultima rata, anche se non era dovuta prima della fine dei lavori, non posso rimediare. Non pronunciare parola a riguardo, non mi immischio in un litigio, letteralmente sulla tomba.

Nelle tre fotografie scattate dal figlio di Hiram Powers (B32), Longworth Powers conservate al Gabinetto Vieusseux, le varie fasi della lunga costruzione della tomba, prima la base in marmo bianco poi le colonne e dopo quando è completa.

Leighton fece cambiare anche altri errori ma Robert chiuse un occhio riguardo al “falso” ritratto a medaglione che si trova nella parte più visibile della tomba. Non solo è il nome di Elizabeth mancante ma anche il nome di Frederic Leighton mentre  si trova“FRANCESO.GIOVANNOZZIFECE” in grandi maiuscoli sulla base. E' una tomba di cui la “Ba” - l'anima, secondo il Libro dei Morti egiziano, non avendo né un'immagine né  un nome, non potrebbe più tornare. . Una doppia morte, un doppio assassinio. Ci si chiede chi pagò le tomba. Un Browning? Oppure Leighton, così profondamente turbato che le sue onorificenze verso Elizabeth fossero cancellate e messe in oblio con la mancanza sia del nome sia di una sua immagine.

Comunque, da schizzi mandatomi gentilmente da Andrew Potter del Royal Academy Library, sembra che Leighton non concepisse la tomba come un sarcofago classico ma come una tomba medioevale  con  uno spazio sottostante che permettesse ai pellegrini di passarci sotto, come la tomba di Eduardo il Confessore nell'Abbazia di Westminster. Per di più: quando Elizabeth si stava preparando per scappare con Robert osò uscire per fare delle passeggiate e un giorno visitò Westminster Abbey e “l'Angolo dei Poeti” dove suo marito sarebbe stato sepolto, lontano da lei. Lo descrisse così il 31 luglio, 1846.

Com'è grandioso, quanto è solenne! Sembra che il tempo stesso si sia trasformato in pietra........... eravamo dove erano adagiati i poeti – Oh! E' molto bello, meglio della carica di Poeta laureato o di una pensione. Ti ricordi cosa c'era scritto sul monumento a Spenser? Qui riposa, in attesa della seconda venuta di Gesù Cristo …. Edmond Spenser, avendo dato prova del suo spirito divino nelle sue poesie.

   

Trovai questa fotografia sulla tomba di Elizabeth il 5.10.2011, lasciata da Jan Taylor con scritto sul retro, “Questa mia ricerca cominciò quando ho visto il film The Barretts of Wimpole Street. Era una bellissima storia d'amore fra due poeti, Elizabeth Barrett  e Robert Browning. Scapparono da Londra verso Firenze  dove vissero fino alla morte di lei che è seppellita a Firenze. Robert Browning invece tornò a Londra dove è sepolto “all'Angolo dei Poeti” in Westminster Abbey. Era triste costatare che erano sepolti lontani uno dall'altra, sebbene sia un grande onore essere sepolti all'Angolo dei Poeti. Ho scattato questa fotografia del luogo di riposo di Robert Browning e sono venuto a Firenze per lasciarla sulla tomba di Elizabeth.



Da ricerche fatte si capisce che Leighton, quando concepì la tomba, intendeva che avesse un ritratto più realistico.  Questi schizzi provengono dal Leighton Houise Museum nel Victoria and Albert Museum. (Leighton ritrae perfino Robert, vestito in toga, che si avvicina alla tomba, ricordando la scena dove Romney e Aurora, nel Aurora Leigh, parlano della tomba sulla via Appia, “Siste, Viator!”)


Ricordiamo che Emily Dickinson, la più grande poetessa americana, conservava gelosamente una cartolina di questa tomba  e scrisse di questa e dell'uso della via Appia nella poesia di Aurora Leigh.  'The soul selects her own society, Then shuts the door; On her divine majority, obtrude no more. Unmoved she notes the chariot's pausing At her low gate; Unmoved, an emperor is kneeling Upon her mat. I've known her from an ample nation Choose one, Then shut the valves of her attention Like stone'. Scrisse anche dell'ultimo volume di Elizabeth. (312).
WhiteSilence
Her -- "last Poems" --
Poets -- ended --
Silver -- perished -- with her Tongue --
Not on Record -- bubbled other,
Flute -- or Woman --
So divine --
Not unto its Summer -- Morning
Robin -- uttered Half the Tune --
Gushed too free for the Adoring --
From the Anglo-Florentine --
Late -- the Praise --
'Tis dull -- conferring
On the Head too High to Crown --
Diadem -- or Ducal Showing --
Be its Grave -- sufficient sign --
Nought -- that We -- No Poet's Kinsman --
Suffocate -- with easy woe --
What, and if, Ourself a Bridegroom --
Put Her down -- in Italy?

Adesso vi propongo dei commenti di William Holman Hunt sui Browning, PreRaphaelitism and the PreRaphaelite Brotherhood, pp. 96-96.

Quando tornai in città da Oxford venni a sapere che i Browning erano a Londra e presto io e Gabriel fummo invitati a passare la  serata con loro. Purtroppo all'ora di uscire mi si presentò il mal di Siria ma non fui abbastanza malato per non salutare i Poeti. Erano ambedue spontanei e gentili. Browning era più alto di come me l'avevano descritto, forse 5 piedi e 6 pollici, robusto, affabile e interessato a tutto ciò che dicevamo. Nonostante ciò mi rimproveravo perché non riuscivo a vedere in lui lo stampo di un uomo al di sopra di altri, come le sue poesie nobili avevano dimostrato. La Signora Browning era piccola e molto fragile: dimostrava una ansia nervosa nei suoi modi vivaci. Il tenore super-sensibile delle sue poesie sembrava una parte di lei. I suoi capelli erano pettinati in avanti e cascavano in riccioli sul viso in una maniera non molto di moda, così aiutavano a pensare che da quando era giovane non le importavano i cambiamenti della moda. Di un interesse speciale era la produzione di una poesia scritto dal figlio, di circa sei anni, il soggetto di una tela di Leighton, “Orfeo e Euridice”. Era un meraviglioso esempio di precocità anche tenendo conto dei genitori. Durante la serata Gabriel tendeva a interrompere troppo giocosamente la conversazione, come se volesse rivendicare la proprietà della compagnia presente. Fu facile seguire questo capriccio perché eravamo tutti  suoi debitori per averci introdotti alle opere dei nostri nuovi amici. Browning non si mosse dal gruppo essendo profondamente interessato alla pittura, un interesse che,  diceva, aveva dimostrato qualche anno prima disegnando nelle Scuole di Roma. Dopo la morte della Signora Browning, la sorella di Robert divenne la padrona di casa e fece in modo che i prospetti del figlio fossero l'ansia della loro vita. Per qualche tempo tutto sembrava incerto riguardo le inclinazioni di Pen ma, un giorno quando andai a trovare il poeta a Bloomfield Terrace mi mostrò una natura morta, un teschio e accessori, che il figlio aveva dipinto spontaneamente. La certezza che Pen avrebbe avuto un futuro come pittore fu una grande gioia per il padre e mi consultò seriamente su quale corso avrebbe dovuto seguire ma in un'occasione diversa mi disse che l'avevano consigliato di mandare il ragazzo a studiare in Belgio. Dopo qualche stagione alcuni degli esempi del lavoro di Pen (pagina 270) furono visti alla Grosvener Gallery e il poeta espresse la sua gratitudine per qualsiasi riconoscimento che ebbero. A questo punto Browning era una celebrità e onorato. Alcuni dei suoi primi sostenitori erano dispiaciuti perché sembrava che approvasse l'ammirazione modaiola della Società londinese, piuttosto che l'ammirazione loro e furono messi in giro parole di indifferenza riguardo le sue ultime poesie. Mi parlò di una sua visita al National Gallery dopo una lunga assenza all'estero e della sua attenzione per il “Cavaliere morto” di Velasquez. Fu colpito da una strana sorpresa in quanto era un'illustrazione della prima scena della sua poesia “Childe Roland” e che Velasquez aveva anticipato la sua visione. (Il titolo del dipinto è ora cambiato). Una volta quando parlavo con il poeta pronunciai per caso il nome di Rossetti. All'improvviso si infiammò dicendo, “Quello è un uomo che non perdonerò mai, è imperdonabile!” Io risposi, “Non posso certamente posare come uno dei suoi “idolatri” ma, da parte mia penso che uno dei suoi meriti più grossi sia che è stata la prima persona che mi ha introdotto alla Sua poesia, ed era 30 anni fa”. Nonostante ciò Browning era ancora arrabbiatissimo dichiarando che non aveva nessuna pazienza con l'uomo e non avrebbe mai potuto dimenticare la sua insolenza. Non feci più domande sull'esatta causa dell'offesa. E' possibile che Rossetti, in principio un'entusiasta per lui quanto per la Signora Browning, avesse pronunciato qualcosa di dispregiativo nei confronti di lei e di lui e il suo commento che “Browning e la sua poesia erano separati per sempre”, non poteva aver evitato l'orecchio del poeta.  (pagina 271- 272)


Le lettere arrabbiate e derisorie di Browning e di Leighton non erano le uniche che riguardavano la tomba. Negli archivi del Cimitero troviamo un plico di lettere:

Settembre 16, 1930.
East Hill House
Ottery St. Mary
E. Devon

Gentile Signore,
                        mi è stato detto che la
tomba di Elizabeth Barrett Browning,
sita nel Cimitero degli Inglesi a Porta Pinti,
Firenze, si trova in uno stato pietoso.
Potrebbe gentilmente informarmi  delle
riparazioni necessari, e quanto costerebbero
e chi potrebbe eseguire i lavori di restauro.

Sinceramente Suo.
H.P. Moulton Barrett.


CIMITERO DI PORTA PINTI
    AMMINISTRAZIONE
                                             Firenze, I3 Novembre I930 IX
             H.P. Moulton-Barrett St.01.
                                                 Ottery St Mary
         Illmo Signore,
     In risposto alla Sua del I6 Settembre mi pregio
comunicarLe che,poiche non viene pagato niente per la
manutenzione del monumento in questione, gli anni lo
hanno alquanto danneggiato. Mi sono informato presso il
marmista per cambiare i pilastrini, lavare e accozolare
tutto il monumento occorrono L.I500=In questa cifra
è compresa pure la sistemazione del giardinetto.
  Per la sorveglianza dei lavori occoreranno L.I00-circa.
     In attesa di Sue disposizioni
                      Con osservanza
                              L'ISPETTORE:

CIMITERO DI PORTA PINTI
Amministrazione
                                         Firenze, I4 Luglio 1932 X
               Illmo Signore
     Non avendo questa amministrazione ottenuta risposta
alla nostra del I2 Novembre I930 in risposta alla Sua
pregta I6 settembre dello stesso anno relativamente
alla Tomba Barrett,si pregio chiederLe se Ella desidera
vedere i preventivi o farli fare da altra persona.
                                     Con perfetta osservanza
                                               L'ISPETTORE

[One letter, which must have been blistering, from the
Lieutenant Colonel, has not survived in the archive.]

CIMITERO DI PORTA PINTI
  AMMINISTRAZIONE
Allegati               Firenze, 10 Luglio 1933 XI
                 Illmo
            Signor Podesta di
                                           FIRENZE
                                            =======
     Dietro Sua richiesta mi pregio allegare alla presenta
copia di due lettere scritte al Signor Moulton-Barrett
riflettenti le manutenzione della tomba Barrett-Bowning.
     Gradirei che la S.V. potesse rendersi conto personal-
mente delle condizioni del suddetto monumento e preghero
la S.V. Illma di volersi compiacere farmi sapere quando
potrebbe visitare il Cimitero Monumentale affinche poter
si osservi presente.
               Con perfetta osservanza
                        della S.V. Illma
                                        devmo
                               L'ISPETTORE:

COMMUNE DI FIRENZE                Firenze lì 27 Luglio 1933 - XI
DIREZIONE iv - IGIENE E SANITA'
            Corso de' Tintori, 29
                        1845
                                              
Preg.mo Signor Dottore,
                          Ho il piacere di comunicarle che, in seguito al-
la sua lettera e per interessamente di questo Ufficio, l'On/Le
Podestà ha stabilito che il Comune provveda al restauro del-
la tomba Barret Browning.
          I lavori saranno iniziati nella prossima settimana ed
Ella potrà avere esatte notizie in proposito rivolgendosi
al Comm. Architetto Ezio Zalaffi dell'Ufficio Belle Arti del
Comune cui è stato affidato l'incarico del restauro stesso.
   Con distinti saluti
                   IL DIRETTORE DELL'UFFICIO D'IGIENE
                                  Signature


COMMUNE DI FIRENZE         Lì 26 Agosto 1933 - XI
   196/2013
Illmo Signor Dott.Corradini
  Ispettore del Cimitero di Porta a Pinti
                 Via della Colonna 8
                            FIRENZE

                                          Con proprio deliberazione dell'8 Agosto corrente
resa esecutoria dal Prefetto il 23 corr.l'On.Podestà stanziava la somma
necessaria ad eseguire i lavori di restauro al sepolcreto dell'illustre
scrittrice inglese Elisabetta Barrett Browning nel Cimitero di Porta a
Pinti.
            I lavori occorrenti, sotto la direzione di questo Ufficio, sa=
ranno eseguiti dalla Ditta Tosetti,Maestro scalpellino, e, in quanto occor=
ra, dalle Ditte Fratelli Cardini, Fabbri, e Ragionieri, Maestro Muratore,
            Ai lavori stessi verrà posto mano ai primi dell'entrante setti=
mana.
            Prego la S.V.di voler dare disposizione perchè gli operai del=
le suddette Ditte ed i funzionari di questo Ufficio che dovranno dirigere
e sorvegliare i lavori possano in ogni momento della giornata  accedere al
Cimitero.
            In attesa di un cortese cenno di assicurazione, con osservanza
                                                           IL CAPO UFFICIO BELLE ARTI
                                                                Gaspar Campanij           
                                                
In un lavoro precedente lamentai la mancanza sulla tomba di un simbolo importante che Elizabeth e Robert condividevano nella loro poesia, il melograno. Abbiamo piantato un melograno accanto alla tomba, cresciuto nel giardino amato da Elizabeth, il Giardino Torrigiani, e abbiamo risolto la mancanza del suo nome mettendo uno stele accanto alla tomba. Il marmo stava sgretolandosi, diventando una specie di polvere di zucchero. Sono riuscita a trovare 30.000 Euro per il restauro e la sua pulizia, la maggior parte donato dai parenti Moulton- Barrett e il Comune ha onorato Elizabeth con corone d'alloro, una volta perfino con la presenza del Gonfalone, grazie a Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Comunale. 

 

     

    

Abbiamo cercato di correggere l'assenza della poesia di Elizabeth con la sua presenza alla parete dell'arco della Casa al Cancello. Fu inaugurato da Stephen Pickett alla nostra conferenza al Gabinetto Viesseux sul Cimitero degli Inglesi nel 2004.

 

Sarcofago. Disegno: Frederic Lord Leighton; Scultore Francesco Giovanozzi; Firma: FRANCESCO GIOVANNOZZI FECE. [sarcofago in marmo e elementi decorativi in piombo su disegno di Lord Leighton eseguito da Francesco Giovannozzi, firma in basso a sinistra. Del fratello, Luigi Giovannozzi (1791-1870), è la tomba della Duchessa d'Albany in Santa Croce]. Sec. XIX, post 1864. Ambito toscano. Sarcofago scolpito con cammeo a simbolo della Poesia, arpe, lira greca (con il Dio Pan bifronte del Giardino Torrigiani), arpa ebrea con catena spezzata, arpa cristiana; intagliato con gigli e fiori delle Isole britanniche, rosa, trifoglio, giunchiglie, rami d'ulivo; sarcofago retto da sei colonne con gigli su disegno di Lord Leighton. Ultimo intervento di restauro, Meridiana Restauri, 2006, recinto in ferro, intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitrescu, 2008. Per i disegni preparatori conservati alla Royal Academy Library, ecc., si veda ebbdeath.html [M: A: 105. L 191.2: P: 118.5; P.s. A: 37. L: 212. P: 114.6  Recinto A: 72. Totale: A: 204. L: 191.2. P: 118.5 ] Iscrizione sepolcrale in lettere capitali e numeri arabi in piombo: E.B.B./ OB.1861./ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Elisabeth Barrett Browning, l'Angleterre, agé de 45 ans/ Q 459: 271 Paoli, including English Church's tax of 113 Paoli/ Q 479: 90 Paoli paid to Ferdinando Giorgi, Master Mason for digging two graves for EBB/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°293 Burial 01/07 Rev O'Neill, 'bronchitis'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 79. Barrett Browning/ Elisabetta/ / Inghilterra/ Firenze/ 29 Giugno/ 1861/ Anni 45 [incorrect, 55]/ 737/ N&Q 207. E. B. B., ob. 1861. No other inscription/ Freeman, 236-23/ NDNB article/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ Henderson/ Webbs: heart attack, morphine poisoning?/ Chiesa Evangelica Riformata Svizzer, 1827-preent. Nulla osta.

      Harper's Monthly engraving of EBB's tomb

AUDIO FILES OF ELIZABETH BARRETT BROWNING, LADY GERALDINE'S COURTSHIP; SONNETS AND BALLAD, 1. 'HIRAM POWERS' GREEK SLAVE, SONNETS FROM THE PORTUGUESE, 2, 3, 4, 5. THE RUNAWAY SLAVE AT PILGRIM'S POINT; IN PORTUGUESE, SONETOS PORTUGUESES II ; CASA GUIDI WINDOWS I, CASA GUIDI WINDOWS II; AURORA LEIGH, ALI,ALII,ALIII,ALIV,ALV,ALVI,ALVII,ALVIII,ALIX; EBB ON FLORENCE, 1. PREFACE, 2. CASA GUIDI WINDOWS, 3. AURORA LEIGH & POLITICAL POEMS to accompany Elizabeth Barrett Browning's Florence, Map of Florence/
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' for books by and about Elizabeth Barrett Browning, TAU
See Elizabeth Barrett Browning Portal, http://www.florin.ms/ebbwebsite.html


B13I/ B9/
959/ FANNY WAUGH HUNT/
INGHILTERRA
                               

QUANDO
PASSI ATTRAVERSO
LE ACQUE
IO SARO' CON TE
ATTRAVERSO LE ONDE
CHE NON TI 
SOMMERGERANNO


SONO IO
NON AVRAI PAURA
L'AMORE
E' FORTE COME LO E'
LA MORTE
MOLTE ACQUE NON POSSONO
SPEGNERE L'AMOR
NE' POSSONO
LE ONDE AFFOGARLO

// FANNY/ LA MOGLIE DI/ W. HOLMAN HUNT/
MORI' A FIRENZE IL 20 DIC. 1866, NEL PRIMO ANNO DEL SUO MATRIMONIO.


Cinque anni dopo la morte di Elizabeth si trova un altro marito addolorato. Fu egli, a Fiesole, a scolpire la  tomba della moglie, destinata a stare accanto a quella di Elizabeth. Fanny, moglie di Holman Hunt, morì a Firenze  dopo aver messo al mondo un figlio. Il figlio, Cyril Benoni Hunt (Benoni, “il figlio del dolore”, il nome del bambino morente di Rachele nella Genesi), nacque in via Montebello, 22, fu battezzato dal Rev. Tottenham il giorno della nascita e registrato due mesi dopo, otto giorni dopo la morte della madre. Successivamente un calice e un piattino d'argento furono portati a St Mark's English Church dalla Chiesa della Sacra Trinità a Firenze.

aa

                                                          Fanny/ Waugh/ Holman Hunt/ Died in Florence/ December 20 1866


Blessed are the pure in heart

In dear and grateful remembrance of CYRIL BENONI HOLMAN HUNT born in Florence Oct 27 1866 died in Bridport  25 July 1934



Fanny Holman Hunt, painted by her husband, Holman Hunt, during her pregnancy in Florence. He would marry her sister upon her death in order for their child to be raised/ Fanny Holman Hunt ritratta in questo dipinto a Firenze durante l'attesa. Alla sua morte per parto Holman Hunt ne sposa la sorella perché si prenda cura del loro bambino.


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Holman Hunt's wife seen as John Keats' Isabella and the Pot of Basil. Moglie di Holman Hunt immaginata come in Isabella and the Pot of Basil di John Keats.  


FANNY HOLMAN-HUNT

W. H. H.]
HOLMAN-HUNT

Egli le creò un'arca, completa di colomba e ramo d'ulivo, prendendo il posto di un pellicano pio, ornato da gigli ( copiati da quelli che si trovano sulla tomba di Elizabeth,) che galleggiano sulle onde scolpite nel marmo. Sopra di essa scolpì tre passaggi biblici da Isaia, i Gospels e la canzone di Solomone, una che riprende il sonetto di Elizabeth Barrett Browning dedicato al marito. Si capisce il contesto dal suo studio autobiografico dei pre-raffaeliti.

William Holman Hunt, Pre-Raffaelettismo e la Fraternità dei Pre-Raffaeliti.

Pagina: 199. Il 28 dicembre, 1865, ho sposato Miss Waugh. C'erano ragioni sostanziali per la mia lunga assenza dall' Oriente, dovette accettare la lezione delle mie esperienze con il Tempio.

Pagina: 200. Sono della conclusione che non devo inoltrarmi senza abbastanza denaro per permettermi di finire il mio quadro nuovo.

Pagina 202: Io e mia moglie partimmo per l'Oriente nell' agosto del 1866. A Marsiglia, dove intendevo imbarcarmi per Alessandria d'Egitto, venni a sapere che era in atto la quarantena contro il colera: Il segretario del P.O. mi assicurò che la prossima nave sarebbe arrivato ad Alessandaria senza problemi, quindi aspettammo. Nel frattempo c'erano folle di gente che partecipavano ai funerali e altri che accatastavano i mobili per bruciarli durante la notte. La prossima nave portò notizie che a nessuna nave proveniente da Marsiglia sarebbe stato permesso di entrare nel porto di Alessandria. Ripartimmo passando le Alpi Marittime per giungere a Livorno, dove venimmo a sapere che era possibile arrivare in Egitto via Malta. Ci siamo riposati una notte a Firenze, con l'intenzione di continuare il viaggio la mattina seguente. Purtroppo il giorno dopo abbiamo saputo che tutte le vie per l'Egitto ci erano precluse. Non avevamo scelta e dovevamo rimanere a Firenze. Il 20 dicembre 1866 mia moglie morì e i miei cari amici, Spencer Stanhope (B10) e la moglie presero in consegna mio figlio, già orfano di madre. Ben venivano i lavori necessari per andare avanti. Rimasi a Firenze per erigere una tomba per mia moglie (B9) e mi misi subito a disegnare, “Isabel che piange sul vaso di basilico”. Presi uno studio, il migliore che potessi trovare e cominciai a lavorare. Nel settembre dell'anno successivo ritornai in Inghilterra insieme a mio figlio. Il mio quadro fu comprato da Gambart e messo in mostra da solo, un'incisione dello stesso fu eseguita da Blanchard.





A Fiesole dipinsi una damigella che intrecciava la paglia, con i tratti gentili tipici delle città dell'Appenino.

page: 205

 


Poiché lo scalpellino disse, chiaro e tondo, che non avrebbe finito la tomba di mia moglie, presi gli attrezzi e la finiì. Partì dalla città dei fiori, un posto ormai triste per me. Ogni tanto facevo dei disegni per mio figlio in Inghilterra anche se fossero di scarso valore.”

 


Parlò molto dei Browning e scelse di mettere la tomba della moglie accanto a quella di Elizabeth. Successivamente, per dare una famiglia al figlio, sposò la sorella della moglie, Edith. Si sposarono all'estero perché per la Chiesa d'Inghilterra  era vietato.
 

         
Holman Hunt, Self Portrait, Uffizi        Holman Hunt painting 'Scapegoat'                                  Cyril Benoni Hunt                                 Cyril Benoni Hunt, Fitzwilliam Museum, Cambridge


       
Photograph, Frederick Hollyer

Sarcofago/arco. Scultore, Holman Hunt. Sec. XIX, post 1866. Ambito toscano/inglese. Tomba in marmo scolpita dallo stesso Holman Hunt a Fiesole, arca che fluttua tra le onde, gigli e colomba con ramoscello d'ulivo nel becco che appare anche come un pellicano con la sua pietà per rimandare alla morte per parto di Fanny. Il figlioletto sopravvive alla madre. Intervento di pulitura Opificio delle Pietre Dure, monumento molto sporco a causa della porosità del marmo, lettere capitali incise in lingua inglese entro formelle gotiche, basamento in pietra serena, pietra serena erosa. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010. [M: A: 76. L: 182. P: 80.; Basamento in marmo A: 12. L: 187.5 P: 90.5; Basamento in P.s. A: 61.5 L: 190.5 P: 92.] [Iscrizioni sepolcrali in lingua inglese entro medaglioni incisi in lettere capitali:

WhiteSilence
 
WHEN THOU 
PASSEST THRO
THE WATERS
I WILL BE WITH THEE
AND THRO THE FLOODS
THEY SHALL NOT 
OVERFLOW
THEE
IT IS 
  BE NOT AFRAID
LOVE
IS STRONG AS 
DEATH
MANY WATERS CANNOT 
QUENCH LOVE 
NEITHER CAN THE
FLOODS DROWN 
IT
                                [Isaiah 43.2]                                                       [Matthew 14.27]                           [Song of Solomon 8.6-7, EBB Sonnet XXVIII]

//
[sulla lapide (di epoca più tarda) posta sul basamento] FANNY/ THE WIFE OF/ W. HOLMAN HUNT/ DIED AT FLORENCE DEC 20 1866/ IN THE FIRST YEAR OF HER MARRIAGE/Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Fanny Wough Hunt, l'Angleterre/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 335/  Pall Mall Gazette/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: (Wough)[Waugh]/ Holman Hunt]/ Fanny/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Dicembre/ 1866/ Anni 33/ 959/ N&Q 208. Fanny Waugh Hunt, w. of Holman Hunt, 06. 20 Dec., 1866, in the first year of her marriage/ NDNB entry for Holman Hunt/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ Freeman, 227-230/. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU]


B13I/ B10/ 972/
MARY SPENCER STANHOPE/ INGHILTERRA/ALLA MEMORIA DI MARY SPENCER STANHOPE. NATA IL 9 NOV. 1859. MORTA IL 23 FEB. 1867. “IL SIGNORE E' IL MIO PASTORE, NON MANCO DI NULLA. SU PASCOLI ERBOSI MI FA RIPOSARE, AD ACQUE TRANQUILLE MI CONDUCE”.

John Roddam Spencer Stanhope (1829-1908), un altro membro della fraternità dei pre-raffaeliti venne a vivere a Firenze a causa della sua asma. Risiedeva a Villa Nuti Nutti(Villino Strozzi) a Bellosguardo, insieme alla moglie e alla figlia. Nel suo diario Maquay si lamenta che Stanhope non riuscì a presentarlo a Leighton. See gimeld.html#peetersoberhausen, Mediatheca 'Fioretta Mazzei holdings, TAU

   
   Grazia Santoni

L'anno successivo alla morte di Fanny Hunt, lasciando il figlio orfano, gli Stanhope persero una loro figlia di sette anni, Mary. Come Hunt, Stanhope le scolpì la tomba. La forma della sua tomba si specchia nella tomba del padre, agli Allori, scolpita sempre da lui, insieme a due lapidi, una in una chiesa fiorentina e una in una chiesa dello Yorkshire. Collaborò alla costruzione della Holy Trinity, e vendette un Botticelli per finanziare la costruzione della torre gotica. Successivamente affrescò le pareti e la soffitta della Chiesa di Saint Mark
(St Mark's English Church) a Firenze. Fece un ritratto della figlia Mary come se fosse vissuta fino a 17 anni invece di 7, come Psiche e Caronte, il quadro è ora proprietà di Andrew Lloyd Webber. Questa usanza possiamo vedere in marmo di Bazzanti, come se avesse 18 anni  eseguito da Solomon Counis.  E di Jean David Marc Gonin (C106) che morì all'età di 15 anni. Nic Peeters e Judy Oberhausen hanno parlato dei questa famiglia alla nostra terza conferenza internazionale “City and  Book” a Firenze gimel.html. E insieme abbiamo visitato Villa Nuti Nutti a Bellosguardo. Dopo abbiamo letto la traduzione fatta da Elizabeth Barrett Browning del “Cupido e Psiche” di Apuleio mentre sostavamo sotto la colonna con croce per celebrare la Mostra Archeologica Nazionale dei Motivi Egizi presenti nel Cimitero degli Inglesi. La nostra attrice italiana si è vestita come la Psiche di Stanhope, vedi fotografia: http://piazzaledonatello.blogspot.it/2006_09_01_archive.html, apuleius.html, egyptian.html

William Holman Hunt, PreRaphaelitism and the PreRaphaelite Brotherhood, (Pre-raffaelitism e la Fraternità dei pre-raffaeliti), pp. 104-105:
Ogni volta che visitavo Oxford  sentivo sempre più notizie sul fenomeno Rossetti. Ruskin dirigeva l'architetto Woodward e il suo socio Deane, che insieme costruivano il Museo. Si diceva ancora che Rossetti sarebbe tornato a Oxford per dipingere le pareti. Poiché l'edificio non era ancora pronto e le pareti del Union, costruito dagli stessi architetti, erano quasi ultimate con le pareti sgombre, lisce e bianche, Rossetti si propose di dipingere la storia di Re Artù al solo prezzo dei materiali. Era tipico dell'entusiasmo sanguigno di Rossetti che chiese ad alcuni studenti, privi di esperienza, di riempire certi spazi. Persuase Hungerford Pollen, Spencer Stanhope, Edward Burne Jones e William Morris a prendere parte all'impresa. Soltanto Stanhope aveva avuto precedente esperienza nel campo.  Vidi il mio nome su un pannello bianco e sarei stato estasiato a contribuire anche con le mie decorazioni ma avevo troppo lavoro da fare per permettermi di contribuire. Alcuni fra quelli connessi con il Consiglio del Union, si diceva, non erano grati per la generosità dei giovani decoratori e lo rendevano palese in modo poco gentile. Può darsi che quando  questo fatto  giunse alle orecchie di Rossetti egli decise di abbandonare in tutta fretta il suo disegno non terminato e tornò a Londra. Rifiutò qualsiasi  lusinga da parte di Ruskin o altri che volevano che lo finisse. Presero parte ai lavori  Arthur Hughes, Val Prinsep e alcuni anni dopo William Rivière, aiutato dal figlio. Senza la necessaria esperienza di murali e con noncuranza del carattere dei pigmenti, il lavoro non aveva futuro e, infatti, oggigiorno poco ne rimane. Rossetti aveva scoperto un gruppo di studenti con genialità artistica anche se non ancora sviluppata, a questi si aggiunse anche Swinburne.

Croce. Scultore: John Roddam Spencer Stanhope, who sculpts his own tombstone in the Allori in the identical shape. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1867. Ambito toscano. Stele scolpita con croce e incisa in lettere capitali in lingua inglese e numeri arabi sul fronte e sul tergo croce gigliata e fiore, posta su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena. [M: A:125.5 L: 50.5 P: 19 ; P.s. A: 18. L: 46.5 P: 37.; Recinto: A: 34. L: 70.2 P: 179.4.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere e numeri 'art nouveau': IN MEMORY/ OF MARY/ SPENCER STANHOPE/ BORN NOVR/ 9.1859. DIED/ FEBY 23.1867/ "THE LORD IS/ MY SHEPHERD/ I SHALL NOT/ WANT. HE/ MAKETH ME/ TO LIE DOWN/ IN GREEN PAS/TVRES. HE/ LEADETH ME/ BESIDE THE/ STILL WATER" [Ps. 23.1]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Mary Spencer Stanhope, l'Angleterre/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 230/ Times, 'of suppressed scarlet fever', Mary, the daughter of John Rodham and Lille Spencer Stanhope, 2nd son of John Spencer Stanhope J.P. and Lady Elizabeth Wilhelmina Coke daughter of the Earl of Leicester/ Villa Nuti, Bellosguardo/ Maquay Diaries/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Spencer Stanhope/ Maria/ / Inghilterra/ Firenze/ 23 Febbraio/ 1867/ Anni 7/ 972/ N&Q 219. Mary Spencer Stanhope, b. 9 Nov., 1859 : ob. 23 Feb., 1867/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ °=Alistair J. Fraser, Nic Peeters, Leslie Ann Faulkner. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B14I/ B11/ 661/ MARIA DOROTHEA JAFFRAY/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI/MARIA DOROTHEA MOGLIE DI RICHARD JAFFRAY ESQ./DI KINGSWELLS, ABERDEENSHIRE/ CHE LASCIO' QUESTA VITA A FIRENZE IL 20 GENNAIO 1859/ALL'ETA' DI 73 ANNI/ L'AMORE PERFETTO NON CONTEMPLA LA PAURA. [I John 4.8]/POSSIAMO NOI CHE PIANGIAMO RICORDARE CON SPERANZA LE SUE ULTIME PAROLE. NON C'E' PERICOLO NELLA MORTE.

Nel 1821 il padre di Richard Jaffray, Alexander di Kingswells, Aberdeenshire, affogò quando cercò di salvare un altro pattinatore, il Gentleman's Magazine parla di “un atto di umanità”. Il marito di Dorothea le sopravvisse.




    Harper's Monthly engraving

Scultore: Pietro Bazzanti. Sec. XIX, post 1/1859.
Ambito toscano. Cippo in marmo, sormontato da una croce con bracci trifogliati, recinto con colonnini, uno solo dei quattro superstite, ferro mancante. Belle Arti/Europeana: Tomba entro recinto a terra con colonnine angolari poggiante su zoccolo in pietra serena e su basamento a sezione rettangolare e modanato che sostiene il corpo del monumento, rastremato verso l'alto e con aggetto modanato superiore. Coronamento a volute vegetali sulle quali si imposta un motivo a foglie d'acanto che sostiene una croce a terminazioni trilobate. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 188.5. L: 74. P: 53 ; P.s. A: 16. L: 85. P: 64.5 R: A: 60. L: 114.5 P: 205.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri romani: SACRED TO THE MEMORY OF/ MARIA DOROTHEA WIFE OF RICHARD JAFFRAY ESQ/ OF KINGSWELLS ABERDEENSHIRE/ WHO DEPARTED THIS LIFE AT FLORENCE/ XX IANUARY MDCCCLIX/ AGED SEVENTY THREE YEARS/ PERFECT LOVE CASTETH OUT FEAR [I John 4.8]/ MAY WE WHO MOURN RECALL IN HOPE/ HER DYING WORDS/ THERE IS NO DANGER IN DEATH/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Maria Dorothea Jaffray, Angleterre/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli 717, Pietro Bazzanti Paoli 40/ Q 341: 428 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL23777, 1 N° 263 Burial 22/01, age 73 years 11 months, Rev O'Neill, 'congestion of lungs'/ Times, grandniece of the late Alexander Jaffray, Esq. of Roebuck, county Dublin, and late of Cheltenham/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Jaffray/ Maria Dorotea/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Gennaio/ 1859/ Anni 74/ 661/ N&Q 220. Maria Dorothea, w. of Rich. Jaffray, Esq., of Kingswells, Aberdeenshire, ob. 20 Jan., 1859, a. 73/ Scheda, Belle Arti, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14I/ B12/ 1350/
F'DOR PAVLOVIC D'OUSSOW/ USOV/ RUSSIA/ COLORO CHE MUOIONO NEL SIGNORE// TEODORO E GUGLIELMINA D'OUSSOW

Un marito di soli 27 anni. Sembra che la moglie tedesca abbia eretto la tomba, che reca un bellissimo angelo per tutti e due ma purtroppo non l'abbiamo nei nostri registri.

 

Scultura di un angelo con croce. Scultore: Lorenzo Gori, L.Gori 1876-77. Sec. XIX, post 3/1876. Ambito toscano./ Angelo con croce gotica con bracci trifogliati (apice mancante), la destra dell'angelo poggiante sullo stemma di famiglia, nella sinistra regge un serto con nastri, sull'ampia manica della tunica numerose stelle, non molto sporco, recinto in marmo sormontato da elementi decorativi in ferro; intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitresu, 2008. Possibile intervento di ripristino. [M: A: 200.7 L: 117. P: 86.7; Base in marmo I:: A: 14 L: 117. P: 86.7; Base in marmo II: A: 27.5 L: 96.5 P: 65.2; Recinto: A: 53.5 L: 310. P: 219.] [Angel holding a Cross, in one hand, and in the other hand a Ribboned Garland of Flowers, below Cross and Coat of Arms, the Russian inscription is no longer legible from restoration cleaning, but had said 'COLORO CHE MUOIONO NEL SIGNORE' [Rev. 14.13]/ Iscrizione sepolcrale sul basamento con lettere capitali in piombo: TEODORO E GUGLIELMINA D'OUSSOW/ Talalay: Usov (D'Oussow) Fedor Pavlovic, 28.5.1876, di anni 27; 'segretario di collegio', MKF; N° 1163, RC Informazioni in cirillico/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: D'Oussow/ Teodoro/ Paolo/ Russia/ Firenze/ 28 Marzo/ 1876/ Anni 55/ 1350/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B15L/ B13/ 1062/
CHARLES HOOFFSTETTER/ SVIZZERA/

Membri della famiglia Caruel si trovano insieme alla famiglia Hooffstetter in questo lotto. La tomba era in uno stato di rovina ma un Rom, insieme al nipote, sono riusciti a rimetterla insieme.

   

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1869. Ambito toscano. Intervento di ripristino  Gheorge e Comitet Petrache, 2009. Recinto condiviso con le due tombe dei Caruel e la tomba di Helen Hoffstetter. [M: A: 17.5. L: 76. P: 173.] Iscrizione illeggibile/ Charles Hooffstetter/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Charles Hoffstetter, la Suisse/ 1062/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Hooffstetter/ Carlo/ Carlo/ Svizzera/ Firenze/ 4 Ottobre/ 1869/ Anni 50. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16L/ B14/ 1372/
CAPTAIN JAMES CHUTE/
INGHILTERRA/ ALLA CARA MEMORIA DEL CAPITANO JAMES CHUTE/GIA' DEL 54° REGGIMENTO DI SUA MAESTA' CHE MORI' A FIRENZE IL 24 NOV. 1876 ALL'ETA' DI 37 ANNI. PIANTO DALLA VEDOVA DESOLATA ELEANOR CHUTE. AVEVA UNA NATURA NOBILE, GENEROSO, BUONO E VERO/ On regimental regalia: REGIMENT 54/ MARABOUT// REGIMENT . .  ST/ NORFOLK

Questa splendida tomba si tributa al militare che ci si trova. I dettagli dello scultore, probabilmente ordinata dalla vedova desolata. Vediamo disegni di medaglie anche sulla tomba di  A48/ SIR DAVID DUMBRECK
nel settore A.

 

Croce posta su un sarcofago.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1876. Ambito toscano. Croce posta su sarcofago in marmo scolpito con berretto rigido, spada, cintura militare, distintivi, marmo sporco, iscrizione in lingua inglese in lettere capitali scolpite in rilievo e numeri arabi, recinto con colonnini in pietra serena e catene in ferro, pietra serena erosa, intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitrescu, anno 2008, intervento di pulitura, 05/2010. [M: A: 206. L: 173.5 P: 70.5; P.s. A: 75.5 L: 202. P: 90. Croce: A: 100 : 70.4 P: 9] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese scolpita in rilievo in lettere capitali e numeri arabi: IN LOVING MEMORY OF/ CAPTAIN JAMES CHUTE/ LATE OF HER MAJESTY'S 54TH REGIMENT/ WHO DIED AT FLORENCE, 24TH NOVEMBER 1876, AGED 37/ DEEPLY MOURNED BY HIS BEREAVED WIDOW ELEANOR CHUTE/ HIS WAS A NOBLE NATURE, GENEROUS, KIND AND TRUE/ On regimental regalia: REGIMENT 54/ MARABOUT// REGIMENT . .  ST/ NORFOLK/ Records, Guildhall Library, London: GL 23777/1 N°503, Burial 27/11, Rev Tottenham, Captain Late of HM's 54th Reg, Hotel de l'Alliance, via Montebello/ Times, 'congestion of the lungs'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Chute/ Giacomo/ Giacomo/ / Firenze/ 24 Novembre/ 1876/ Anni 37/ 1372/ N&Q 248. Capt. James Chute, 54th Regt., ob. 24 Nov., 1876, a. 37. Erected by his widow, Eleanor Chute/ Henderson/ Scheda, Belle Arti, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B18L/ B15/ 1353/
AUGUSTE DE MANNERHEIM/ SVEZIA/FINLANDIA/RUSSIA/QUI RIPOSA AUGUSTE DE MANNERHEIM/NATO IN FINLANDIA NEL 1805 E MORTO A FIRENZE A SAN DONATO VILLA DEMIDOFF IL 18 APRILE 1876. AMATO E RIMPIANTO.

Kim Bjorklund riporta che la cugina del Conte Mannerheim,la finnica Aurora Karamzin, aveva sposato un Demidoff. Questo spiega perché il Conte è ospite alla villa eponima del Principe Demidoff a San Donato. E' lo zio di Marshall Gustav Mannerheim. Olga Nordenstam, anche lei sepolta qui (F26) è la sorella di Sofia Nordenstam che sposò il fratello del Conte, Conte Carl Robert Mannerheim e, quindi, divenne la matrigna del famoso Marshall finnico e Presidente della Finlandia, Barone Gustav Mannerheim (Wikipedia). Per i disegni umoristici del Conte Mannerheim vedi http://www.hel2.fi/kaumuseo/helsinkiinframes/hakasalmi/mannerheim_1.html.

     

Belle Arti sched
a says style of figures is Horace Greenough's, perhaps by Italian student of his, while the rest is style of Giuseppe Bondi/Figure nello stile di Horace Greenough per influenza di suoi allievi italiani, il resto nello stile di Giuseppe Bondi. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1876. Ambito toscano. Marmo scolpito, due angeli nell'atto di leggere un cartiglio, intervento di pulitura sulla crosta nera, Scuola per l'Arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli, poggiante su due basamenti, un basamento inciso in lingua francese in lettere capitali, il secondo appare ben conservato, recinto in pietra serena con quattro colonnini in origine con ferro, ora in stato di degrado. Possibile  intervento di ripristino su recinto e colonnini. [M: A: 196 L: 76.5 P: 20.2; Recinto A: 75. L: 143. P: 208.] Iscrizione sepolcrale incisa in lingua francese in lettere capitali e numeri arabi: ICI REPOSE/ LE BARON AUGUSTE DE MANNERHEIM/ NE EN FINLANDE L'AN 1805/ MORT A FLORENCE A SAN DONATO VILLA DEMIDOFF/ LE 18 AVRIL 1876/ AIME ET REGRETTE/ Talalay: Finlandia 1805- San Donato, Villa Demidoff 1876, rappresentante di una nota famiglia finlandese; in Italia era stato ospite dei Demidov, N° 1353, RC Informazioni in cirillico/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Mannerheim/ Barone Augusto/ Carlo/ [pencil Finlandia (Svezia)]/ Firenze/ 19 Aprile/ 1876/ / 1353/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU.


B19I/ B16/ 14/
SIR GRENVILLE TEMPLE, BART/ INGHILTERRA/ GRENVILLIVS.TEMPLE/ MAG. BRIT. EQ. BARONETTVS/ VIX ANNI LXI/ OB. XVIII.FEBR./ MDCCC.XXIX./ MONVMENTVM. POSVERVNT. FILII. MORENTES/ N.XIV

Sir Grenville Temple, 9° Baronetto, nacque a Stowe, Bucks. Il padre era Console Generale negli Stati Uniti e sposò Elizabeth Bowdoin, figlia del Governatore del Massachusetts e una americana, Elizabeth Watson. Il fratello prese il nome di Bowdoin-Temple. Quindi sono sue nipoti, Laura (
E141), la Principessa Pandolfina e Christina Bowdoin-Temple (E1) nel settore E. Grenville si sposò una seconda volta ma non ebbe altri figli. Suo figlio, Sir Grenville Temple, il 10° Baronetto, fu presente alla sepoltura del padre e successivamente pubblicò Travels in Greece and Turkey e The Mediterranean, 1843, insieme a delle illustrazioni. Il nome del Collegio di Bowdoin deriva da questa famiglia.


    Incisione in Harper's Monthly


  
Ritratto di Grenville Temple, inviato da Jon Temple                 Illustrazione di Tunisi di Grenville Temple
 

Il Maragià di Travancore e il fratello minore danno il benvenuto a Richard-Temple Grenville quando era Governatore del Madras per una visita ufficiale nello stato meridionale di Karala nel 1880.
 

Tomba. Scultore: Pietro Bazzanti.
Sec. XIX, post 2/1829. Ambito toscano. Monumento in marmo di forma quadrata e a pianta quadrata, elementi decorativi classici, tra cui una ghirlanda con nastri. Possibile intervento di pulitura.  [M: A: 199. L: 122. P: 122.] Iscrizione sepolcrale in latino incisa in lettere capitali sans serif e numeri romani. GRENVILLIVS.TEMPLE/ MAG. BRIT. EQ. BARONETTVS/ VIX ANNI LXI/ OB. XVIII.FEBR./ MDCCC.XXIX./ MONVMENTVM. POSVERVNT. FILII. MORENTES/ N.XIV/
N° 14       
Le vingt-deux Février, mil huit-cent-vingt-neuf, le Baronet
Grenville-     Granville-Temple, Anglais, âge de soixante ans, mort le dix-huit
Temple          Février, mil-huit-cent vingt-neuf, a reçu les honneurs de la sé-
                         =pulture, dans le Cimetière de l'Eglise Evangélique, en presence
                        du Baronet Temple, fils du défunt, et de reverend Taylor. En foi
                        de quoi j'ai signé
                                                                              
Auguste Colomb Pasteur~

Times, Morning Post/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Temple/ Grenville/ / Inghilterra/ Firenze/ 18 Febbraio/ 1829/ Anni 60/ 14/ Burke's Peerage, Sir Grenville Temple, 10th Baronet, 1768-1829/ Webbs, linked families, Temples, Temple-Bowdoin, Kerrichs, Dillons/ NDNB entry for ancestor Richard Grenvile-Temple/ N&Q 245. Grenville Temple, Bart., ob. 18 Feb., 1829, a. 61. Placed by his children/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B19I/ B17/ 87/
ISABELLA TEMPLE BAYLEY/ 
INGHILTERRA/INDIA/ ALLA SACRA MEMORIA DI ISABELLA TEMPLE. L'AMATA E UNICA FIGLIA DI DANIEL BAYLEY DELLA CAVALLERIA DI BENGALA E DELLA MOGLIE, ISABELLA FRANCIS. NATA IL 28 OTT. 1851, MORI' IL 29 NOV. 1853. VENITE BENEDETTI DEL MIO PADRE E EREDITATE IL REGNO PREPARATO PER VOI DALLA FONDAZIONE DEL MONDO.

Ha soltanto 2 anni, muore forse a causa della difterite. Era, allora, una figlia unica ma l'anno successivo nacque Charles per consolarli. Sir Grenville Temple (B16) era forse il padrino? (B16)?

 

Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1853. Ambito toscano. Ci
ppo in marmo scolpito con boccioli. [M: A: 85. L: 35. P: 8.7. P.s. A: L: 51. P: 26.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa con lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ ISABELLA TEMPE/ THE BELOVED AND ONLY CHILD/ OF/ DANIEL BAYLEY/ OF THE BENGAL CAVALRY/ AND/ ISABELLA FRANCES HIS WIFE/ BORN ON THE 28TH OF OCTOBER 1851/ DIED ON THE 29TH OF NOVEMBER 1853/ COME YE BLESSED OF MY FATHER/ INHERIT THE/ KINGDOM PREPARED FOR/ YOU FROM THE FOUNDATION / OF THE WORLD/ 25TH MATTHEW 24TH VERSE/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Isabelle Temple Baylay, fille de Daniel Baylay, et de Isabelle/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli 529/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°190 Isabella Temple Bayley, died from water on the brain, Burial 01/12; Baptism sibling GL23775 N°229/50, Charles, 30/04/54, Rev. Greene (A51)/ Times, Morning Chronicle, Morning Post, only child of Daniel Bayly of the 7th regiment Bengal Cavalry/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 87. Baylay/ Isabella T./ Daniele/ Inghilterra/ Firenze/ 28 Novembre/ 1853/ Anni 2/ 520/ See Bayley. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B19G/ B18A/ BARON RUDOLF BLOME/ OLANDA/ BARON RUDOLF BLOME/ GEBOREN DEN 15. FEBRUAR. 1836/ GESTORBEN DEN 26 MAI 1907/ B18B/ BARONIN PAULA BLOME NATA BASINET/ OLANDA/ BARONIN PAULA BLOME GEB BASINET/ GEB. DEN 26 JANUAR 1853/ GEST. 3, JUNI 1917/ B18C/ BARONESSE FANNY BLOME/ HOLANDA/ BARONESSE FANNY BLOME/ GEBOREN DEN 2, FEBRUAR 1871/ GESTORBEN DEN 26. NOVEMBER 1907

Queste sono sepolture post 1877. Nella lista degli imbarcati troviamo che la figlia andò in America. La famiglia è divisa fra Schleswig-Holstein e la Danimarca e possiede un castello magnifico. Durante una terribile tempesta un vecchio cipresso ha buttato giù degli alberi del Cimitero e questa tomba fu catapultata via, rompendo le urne e spargendo le ceneri. Ho rimesso a posto le ceneri con cura e in una delle urne ho trovato un bellissimo crocefisso (vietato dalle regole del Cimitero) adagiato su del velluto rosso. Quando tornai alla tomba più tardi trovai un altro enorme ramo che era caduto esattamente nel posto dove stavo pochissimo tempo prima. Dovetti tenere le urne del Barone e delle Baronesse nella mia cella fino a quando le tomba principale non fu rimessa a posto due settimane dopo. Questi sono i pericoli che deve affrontare il Custode della “Isola dei Morti”.

   
Blomenburg, Selent

Sarcofago e urna. Marmista ignoto. Sec. XX, post 2/1917. Ambito Toscano. [Sarcofago con urna, urna danneggiata dalla caduta di un cipresso, intervento restauro conservativo, I. F. [Urna M: A: L: 46. P: 83.]/ M: A: 90. L: 135. P: 83.; P.s. A: 16. L: 150. P: 98.] Iscrizione sepolcrale in lingua tedesca in lettere capitali in piombo e numeri arabi, BARON RUDOLF BLOME/ GEBOREN DEN 15. FEBRUAR. 1836/ GESTORBEN DEN 26 MAI 1907/ B18B/ BARONIN PAULA BLOME NATA BASINET/ HOLLAND/ BARONIN PAULA BLOME GEB BASINET/ GEB. DEN 26 JANUAR 1853/ GEST. 3, JUNI 1917/ B18C/ BARONESSE FANNY BLOME/ HOLLAND/ BARONESSE FANNY BLOME/ GEBOREN DEN 2, FEBRUAR 1871/ GESTORBEN DEN 26. NOVEMBER 1907. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B19G/ B19/ 411/ SOPHIA ANNE COFFIN/ INGHILTERRA/ MI ALZERO' E ANDRO' DA MIO PADRE QUI SEPOLTO SI TROVANO I RESTI MORTALI DI SOPHIA ANNE COFFIN. FIGLIA MAGGIORE DEL CAPITANO J.T. COFFIN R.N., CHE MORI' A SIENA IL 13 SETT. 1849 ALL'ETA' DI 14 ANNI.

  Il padre viene menzionato nel libro Observations on Some Points of Seamanship, 1824. Lei muore all'età di 14 anni.

 

Pilastro a base quadrata. Scultore: Francesco Mattei, firma F. MATTEI, richiama il monumento sepolcrale di Maria Nockells. Sec. XIX, post 9/1849. Ambito toscano. Pilastro in marmo a base quadrata, urna andata perduta, scolpito con una colomba che porta nel becco un cartiglio, iscrizione in lingua inglese in lettere capitali incise e numeri arabi, base in pietra serena, pietra serena erosa. [M: A: 149. L: 46. P: 46. ; P.s. A: L: 58. P: 58. Totale: A: 149. L: 58. P: 58.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: I WILL ARISE/ AND GO TO MY/ FATHER/ HERE LIES INTERRED/ THE MORTAL REMAINS/ OF/ SOPHIA ANNE COFFIN/ ELDEST DAUGHTER OF CAPTAIN J.T. COFFIN R.N./ WHO DIED AT SIENA/ SEPTEMBER 13TH 1849/ AGED 14 YEARS/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 Nˆ° 137 Death 13-09, Burial 16-09, Rev. Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Coffin/ Sofia/ / Inghilterra/ Presso Siena/ 13 Settembre/ 1849/ Anni 14/ 411/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B18E/ B20/ 148
/
JOHAN CLAES LAGERSVARD/ SVEZIA/ ICI.REPOSE.JEAN.CLAUDE.DE.LAGERSVARD/ DERNIER.REJETON.DE.SA.FAMILLE/ MINISTRE DE S.M. LE  ROI.DE. SUEDE.ET.DE.NORVEGE/ PRES. DES. COURS. D'ITALIE/ ET CONSEILLER DE SA CHANCELLERIE/ NE LA IV AOUT MDCCLVI/ MORT LE XII.DECEMBRE.MDCCCXXVI/SUEDOIS DE COEUR ET D'AME/ HABITANT L'ITALIE DEPUIS 11 JUILLIET MDCCLXXXIX/ COMME SECRETAIRE DE LEGATION/ CHARGE D'AFFAIRES. ET. MINISTRE/ SOUS QUATRE DIFFERENTS REGNES EN SUEDE/ ET PENDANT LES REVOLUTIONS DE L'EUROPE/


L'ultimo discendente di una nobile famiglia svedese. Ha militato nella Legation svedese e norvegese durante i regni di ben 4 monarchi svedesi e le rivoluzioni in Europa. Molto più tardi gli viene sepolta accanto la moglie Sophie Hugues, già rappresentata sulla tomba del marito mentre lo salutava, ambedue vestiti con vesti classici. Vicino si trova B92
/ AURORE (GRÅBERG DE HEMSO) ECKHARDT DURCKHEIM MONTMARTIN, la figlia adottiva di Brigitte Hugues, la sorella di Sophie. La tomba Lagersvard è l'opera dello scultore svedese Johan Niklas Bystrom, che lavorava a Roma con lo scultore islandese-danese, Bertel Thorvaldsen. Dentro un ourobouros (un serpente che si morde la coda nell'eternità) si trova un ape. Kelly Searsmith scrisse che l'ape è un geroglifico egiziano per regnanti e che Plinio descrisse delle arnie che galleggiavano giù per il Nilo per impollinare le colture. (I pesticidi Monsanto uccidono le api.)
Anna Porcinai ci ha mandato un furgone pieno di piante di lavanda, piantate dai Rom, e ora il Cimitero è pieno di api felici che impollinano indaffarate fra i cespugli profumati. Il Cimitero ha subito 30 anni di uso di erbicidi e non si sentiva il canto degli uccelli. Quando abbiamo fermato quest'usanza, 6 anni fa, i merli hanno ricominciato a cantare beatamente.
Il marmo della tomba Lagersvard fu trasportato da Carrara a Roma, via Livorno, e poi di nuovo riportato in Toscana?

       
Jan Claes Lagasvard

Scultore, Johan Niclas Bystrom, firma: G.N.Bystrom.svedese. inv.e.scolpt. For information on Johan Niclas Bystrom,  Prof. Annette Landen, Department of Art History, Lund University, Sweden. Sec. XIX, post 12/1836. Ambito toscano, romano, svedese. Tomba in marmo, intervento di pulitura posteriore al 1997 e anteriore al 2000. Monumento a pianta quadrata scolpito su un fianco laterale con stemma, sotto lo stemma angelo con face rovesciata nella sinistra, nella destra corona con stelle, sul fronte la consorte e Jean Claude abbigliati classicamente, sul secondo fianco laterale clessidra alata, ghirlanda di foglie di quercia con nastri, iscrizione incisa in lingua francese (lingua della diplomazia) in lettere capitali, sul terzo fianco laterale ouroboros che racchiude una crisalide, monumento poggiante su basamento in pietra serena. Erosione marmo sui motivi decorativi sul fronte e sui fianchi laterali, nella sinistra dell'angelo che regge una face, l'estremità dei piedi dell'angelo, l'estremità delle ali della clessidra alata, parte dell'ouroboros, il naso della figura personificazione dell'anima di Sophia Hugel Lagersward. [M: A: 238.2 L: 107.5 P: 83. ; P.s. A: 84. L: 120. P: 89.] [Sculpture of husband leaving childless wife, angel crowning him with stars with one hand, holding reversed torch with other, winged hourglass on one side, ourobouros around bee on the other]/ Iscrizione sepolcrale in lingua francese incisa in lettere capitali e numeri romani: ICI.REPOSE.JEAN.CLAUDE.DE.LAGERSVARD/ DERNIER.REJETON.DE.SA.FAMILLE/ MINISTRE DE S.M. LE  ROI.DE. SUEDE.ET.DE.NORVEGE/ PRES. DES. COURS. D'ITALIE/ ET CONSEILLER DE SA CHANCELLERIE/ NE LA IV AOUT MDCCLVI/ MORT LE XII.DECEMBRE.MDCCCXXVI/SUEDOIS DE COEUR ET D'AME/ HABITANT L'ITALIE DEPUIS 11 JUILLIET MDCCLXXXIX/ COMME SECRETAIRE DE LEGATION/ CHARGE D'AFFAIRES. ET. MINISTRE/ SOUS QUATRE DIFFERENTS REGNES EN SUEDE/ ET PENDANT LES REVOLUTIONS DE L'EUROPE/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Lagersward/ Gio. Claudio/ / Svezia/ Firenze/ 12/ Dicembre/ 1836/ Anni 80/ 148/ SOPHIA HUGEL/HUGUES LAGERSWARD/ SVEZIA/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Sophie Lagersward, née Hugel, Suede, rentière, Veuve de Jean Claude Lagersward, en son vivant, Ministr à S.M. le Roi de Suède près la cour de Toscana/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli 377/ Q 96: 300 Paoli/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Lagersward nata Hugel/ Sofia/ / Svezia/ Firenze/ 11 Dicembre/ 1853/ Anni 83/ 521/ See Hugel/ Belle Arti 1993-1997 scheda/°=Ivar and Kristin Håkansson . Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present./°=
The Mediatheca 'Fioretta Mazzei' needs to acquire Johan Claes Lagersvard, Letter a Giovanni Ferri de Saint-Constant, Roma, 1968.


B18E/ B21/ 117/
JAMES BOURNE, J.P./ INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI JAMES BOURNE ESQ. DI HEATHFIELD HOUSE VICINO A LIVERPOOL. MORI' A FIRENZE IL 24 LUGLIO 1836 ALL'ETA' DI 53 ANNI.

James Bourne morì celibe ma un erede collaterale, un altro James Bourne, divenne Baronetto di Heathfield e membro del  Parlamento. I Bourne erano di Liverpool e la loro ricchezza derivava dal loro lavoro di mercanti con interessi nel mercato dei legnami, ferro, sale, miniere di carbone, canali e ferrovie.

http://www.fitzwalter.com/afh/Bourne/bournhist1.html#af00002. Quindi una connessione fra Horace Hall (D32CAV. ORAZIO KLEIBER HALL/ HORACE HALL).e la sua miniera è logica. Ambedue vengono ricordati nelle Chiesa Anglicana della Trinità (ora valdensiana) a Firenze: JAMES BOURNE FU PER MOLTI ANNI UN MAGISTRATO ALACRE E IL VICE TENENTE PER LA CONTEA PALATINA NEL LANCASTER. MORI' A FIRENZE IL 23 LUGLIO 1835 NEL SUO 54° ANNO ED E' SEPOLTO NEL CIMITERO PROTESTANTE..

 

 Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti, Firma: P.BAZZANTI.F  Sec. XIX, post 7/1835. Ambito Toscano. Sarcofago in marmo, scolpito con faci rovesciate, lettere capitali in lingua inglese e numeri arabi in piombo, recinto danneggiato dalla caduta di un cipresso, intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitrescu, 2008. Possibile intervento di ripristino e pulitura sul marmo. [M: A: 105. L: 154.3  P: 77.4  ; P.s. A: 155.7 L: 154.3 P: 77.4 Recinto: A: 91 L: 273.5 P: 271.5 ] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF JAMES BOURNE ESQ/ OF HEATHFIELD HOUSE/ NEAR LIVERPOOL WHO DIED AT FLORENCE/ ON THE 24TH JULY 1836/ AGED 53 YEARS/ 117/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 37, Burial, entered, Horace Hall, Church Treasurer/ Preston Chronicle/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 174. Bourne o Bowrne/ Giacomo/ / Inghilterra/ Firenze/ 24 Luglio/ 1835/ Anni 53/ 117/ Tablet, Holy Trinity Church, IN MEMORY OF JAMES BOURNE ESQRE OF HEATHFIELD HOUSE NEAR LIVERPOOL FOR MANY YEARS AN ACTIVE MAGISTRATE AND DEPUTY LIEUTENANT FOR THE COUNTY PALATINE OF LANCASTER. HE DIED AT FLORENCE JULY 25 1835 IN THE 54TH YEAR OF HIS AGE AND IS BURIED IN THE PROTESTANT CEMETERY, placed, 1877, by Colonel Bourne MP/ Preston Chronicle/ N&Q 169. James Bourne, Esq., of Heathfield House, nr Liverpool, ob. 25 July 1835, a. 53/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B19D/ B22/ 1134/ EMMA ROE (MACDERMOTT) SHEARWOOD/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI EMMA ROE, L'AMATA MOGLIE DI WILLIAM LACHLAN SHEARWOOD, NATA IL28 MARZO 1829 A GLASGOW E MORTA IL 16 GIUGNO 1871 A FIRENZE. TRASLATA IL 5 LUGLIO AL CIMITERO DI HIGHGATE A LONDRA (1134).

I testamenti furono omologati da William Lachlan Shearwood di Flixton Hall, Lowestoft.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1871. Ambito toscano. Lastra in marmo, il marmo presenta crepe, incisa in lettere capitali, marmo sporco. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 60. P: 124.; P.s. A: L: 70. P: 144.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ EMMA ROE/ THE BELOVED WIFE OF/ WILLIAM LACHLAN SHEARWOOD/ BORN 28TH MARCH 1829 IN GLASGOW/ DIED 16TH JUNE 1871 IN FLORENCE/ REMOVED JULY 5 TO HIGHGATE CEMETERY/ LONDON/ 1134/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Emma Shearwood, l'Angleterre, fille de Jean Macdermott/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 264, A/ Times, Pall Mall Gazette has the death as of the husband/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Strathmore [sic for Shearwood] nata Marcdermott/ Emma/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 16 Giugno/ 1871/ Anni 42/ 1134/ N&Q 191. Emma Roe, w. of Wm. Lachlan Shearwood, b. 20 March, 1829, in Glasgow ; ob. 16 June, 1871. Removed, July 5, to Highgate Cemetery, London/ See Mardermott, Charlotte Bowes-Lyon, Countess of Strathmore and Kinghorn/ Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16D/ B23/
1164/ PROFESSORE CESARE PAGANINI/ ITALIA/

Ha scritto un libro sull'insegnamento della musica: Et fiat lux in caos! - Nuova teoria musicale vera, normale, ossia radicale riforma ortografica-grammaticale degli elementi della musica basati sulla Rigata meloplastico cavata dalla tastiera del pianoforte. Opera dedicata ai signori professori di musica da Cesare Paganini di Mantova. Firenze, tip. italiana Fr. Martini, 1865 - in 8°, di pag. 59, con undici tavole d'esempi nel fine. La sua tomba è opera di Emilio Zocchi, famoso per aver scolpito il giovane Michelangelo mentre scolpisce la testa di un fauno. Zocchi ritrae il Professore Paganini con una folta barba. La firma dell'opera si trova intatta nelle schede delle Belle Arti, anni 1993/1997, insieme a una fotografia. Il busto fu scoperto sotto la sua colonna e rotto in 2000 pezzi, vittima di vandali e drogati che hanno danneggiato in modo devastante questo settore del Cimitero dal 1997-2000. La scultura è stata restaurata con cura dal prof. Frizzi e Daniel-Claudiu Dumitrescu, sotto la direzione di Alberto Casciani.

    


Colonna con busto. Scultore, Emilio Zocchi, firma, foto risalente al 1993, firma non più leggibile. Sec. XIX, post 4/1872. Ambito toscano. Colonna in marmo variegato posta su basamento in pietra serena, pietra serena erosa, recinto in pietra serena e ferro. B
usto conservato dalla Scuola per l'Arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli. Intervento conservativvo sul ferro Daniel-Claudiu Dumitrescu,  2008, busto ricollocato sulla colonna, Alberto Casciani/Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010. [M: A: 235. L: 60. P: 60.; Recinto: L. 82. P: 197.] Iscrizione sepolcrale in lingua italiana incisa sulla colonna in lettere capitali e numeri arabi: CESARE PAGANINI/ DI MANTOVA NATO IL 20 OTTOBRE 1806/ MORTO IL 6 APRILE 1872/ PREGATE PER LUI/ CONTRO OGNI TIRANNIA/ ED OGNI IPOCRISIA,/ CONTRO I NEFANDI VIZI/ E I TURPI PREGIUDIZI/ QUAL FECE IN VITA MORTO/ ME PROTESTAR CONFORTO/ fils de Joseph/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 429, A/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Paganini/ Prof. Cesare/ Giuseppe/ Italia/ Firenze/ 6 Aprile/ 1872/ Anni 65/ 1164/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B18D/ B24/ 1171/ MARY [KYD] DE DORNBERG/ INGHILTERRA/ MARY DE DORNBERG NATA KYD MORI' IL 30 MAGGIO 1872 ALL'ETA' DI 27 ANNI.

Il padre di Mary Kyd, il Tenente Generale Alexander Kyd degli Ingegneri di Bengala era un parente del tenete Generale Robert Kyd che fondò i Giardini Botanici a Calcutta. William De Dornberg, che partecipò, insieme agli Inglesi alla guerra contro Napoleone, andò in pensione nel1831, quindi non può essere suo marito. Forse era il suocero. Wikipedia: “Robert Kyd, nel suo testamento, fece richiesta che fosse sepolto, senza cerimonia religiosa, nel giardino botanico che aveva fondato
(Acharya Jagadish Chandra Bose Indian Botanic Garden) Invece fu sepolto nel South Park Street Cemetery. Ai  suoi camerieri indiani lasciò in eredità del denaro “Rajemahl Missah. Per pagare l’educazione inidonea che aveva ricevuto, con la separazione dalla sua terra natale e la famiglia. A un altro che si chiamava George, per risarcire della ferita inflittogli, avendolo alienato dalla sua tribù e avendolo convertito al Cristianesimo, inoltre lo aveva escluso da qualsiasi incontro, presente o futuro, con la sua famiglia. Gli lasciò 6 rupie al mese a vita. Ambedue questi lasciti avevano la condizione che loro continuassero a servire il Maggiore Alexander Kyd durante la sua residenza in India, Kidderpore Il Maggiore Alexander Kyd era un parente di Robert e il padre di James Kyd (1786-1836) e del fratello Robert Kyd (morto nel 1825) che divennero costruttori navali. Il nome Kyd Street  e la località di Kidderpore derivano da questa famiglia. Sembra che ci siano  altri membri della famiglia Kyd di razza mista che vivevano in Austria, uno dei quali potrebbe essere il padre di Mary. Quindi lei risulta più cosmopolita che Inglese.

 


Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1872. Ambito toscano. Croce in marmo con bracci trifogliati (A: 67.), infissa su tamburo a base ottagonale (A: 87.), poggiante a sua volta su tamburo di forma rotonda (circum 139.), scolpito con stemma (A: 50.) e posto su basamento a pianta quadrata con lettere capitali incise in lingua francese e numeri arabi, e basamento a pianta quadrata in pietra serena, pietra serena erosa (L/P: 70.); recinto in marmo (L37, P: 83). Possibile intervento di ripristino. [M: A: 212. L:  51.5. P: 51.5. ; P.s. A: L: 70. P: 70; Recinto L: 57. P: 83; Totale: A: 212. L: P: 83.]. Iscrizione sepolcrale in lingua francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: MARY DE DORNBERG/ NEE KYD/ DECEDEE LE 30 MAI 1872/ AGEE DE 27 ANS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: fille de Alexandre Kiud/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 417, A/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Dornberg nata Kyd/ Maria/ Alessandro/ Inghilterra/ Firenze/ 30 Maggio/ 1872/ Anni 27/ 1171 -/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B18D/ B25/ 1191/
JAMES DRUMMOND GRIFFITH/ SCOZIA/
. . . MOND GRIFFITH/ . . . 29 DECEMBER/ AGED 43/ 1191

Il Pastore Luigi Santini: “Uno scozzese la cui famiglia donò molto denaro per finanziare la divulgazione e la conoscenza della Bibbia in Italia, prima delle libertà statutorie. Lavorarono per la comunità Pietista sia qui che a Ginevra”. Un ignoto ha fatto restaurare la sua croce, rovinata dai vandali.

 


Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1872. Ambito toscano. Croce in marmo, intervento di restauro anteriore all'anno 2000. [M: A: 98. L: 45. P: 6/30.; P.s. A: 21. L: 47.P: 38. Recinto: A: 40. L: 88. P: 203; Totale: A: 98. L: 88. P: 203.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: . . . MOND GRIFFITH/ . . . 29 DECEMBER/ AGED 43/ 1191/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jacques Drummond Griffith, l'Angleterre/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 543, A/ Records, Guildhall Library, Rev Tottenham, Albergo della Scarpa, Piazza Sante Maria Novella/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Griffith (Drummond)/ Giacomo/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 29 Dicembre/ 1872/ Anni 43/ 1191/ N&Q 190. James Drummond Griffith, ob. 29 Dec., 1872, a. 43. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



B17C/ B26/ 1233/
MANNING KENNARD/ AMERICA/ MANNING KENNARD NATO A PORTSMOUTH, NEW HAMPSHIRE IL 13 AGOSTO 1813. MORI’ A FIRENZE IL 21 DICEMBRE 1873. COLUI CHE VIENE A ME, NON SARA’ ESCLUSO.

Coinvolto in un processo contro la Compagnia Ferroviaria del New Jersey.

 

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1873. Ambito toscano.Tomba in marmo di forma 'ohalim.' longitudinale a punta di diamante scolpita con croci con bracci trifogliati, inciso in lettere capitali e numeri arabi, poggiante su due basamenti in marmo, recinto con colonnini in pietra serena andati perduti. [M: A: 84.5 L: 144 P: ; P.s. A: L: P: Recinto L: 227. P: 163; Totale: A: 72. L: P: ] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: MANNING KENNARD/ BORN IN PORTSMOUTH NEW HAMPSHIRE/ 13 AUGUST 1813/ DIED IN FLORENCE 21 DECEMBER 1873// HIM THAT COMETH UNTO ME/ I WILL IN NO WISE CAST OUT [John 6.37]/ 1233/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Manning Kennard, Amerique, fils de Jacques/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Kennard/ Manning/ Giacomo/ America/ Firenze/ 22 Dicembre/ 1873/ Anni 59/ 1233/ Another James Kennard of Portsmouth, New Hampshire, whose father was James Kennard, was a writer who opposed slavery, who died of paralysis, and who could be his brother: http://www.seacoastnh.com/History/History-Matters/The-Agony-and-the-Ecstasy-of-James-Kennard-Jr/ N&Q 187. Manning Kennard, b. in Portsmouth, New Hampshire, 13 Aug., 1813 ; ob. 21 Dec., 1873. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
Involved with law suit against New Jersey Railroad Company.

 


B17D/ B27/ 1204/
REVD WILLIAM BOYD/ SCOZIAIN MEMORIA DEL REV. WILLIAM BOYD M.A. MINISTRO A MAINS E STRATHMARTINE, FORFARSHIRE. NATO IL 38 OTTOBRE 1840, MORTO IL 9 APRILE 1873. AVEVA IL MISTERO DELLA FEDE DENTRO UNA COSCIENZA PURA.

Church Records: '1866-1873, b. 30 Oct 1840 Dundee, son of John B., farmer; M.A. St Andrews 1860; ass. Leslie FIF; ord. 19 Apr 1866; d. 2 Apr 1873 Florence; mar. 1866 Janet Lockie, dau. of David Runciman, D.D., min. of St Andrew's Glasgow; issue: Janet Aitchison; John James; David Runciman'.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1873. Ambito Toscano. Lastra scolpita con croce, gigli e monogramma di Cristo JHS a rilievo, lettere capitali in piombo, poggiante su basamento in pietra serena, pietra serena erosa. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 126. L: 68. P: 18 ; P.s. A: 33. L: 89. P: 38. Totale: A: 159. L: 89. P: 38.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN  MEMORIAM/ THE REV. WILLIAM BOYD M.A./ MINISTER OF MAINS AND STRATHMARTINE/ FORFARSHIRE SCOTLAND/ BORN 38 OCTOBER 1840/ DIED 9 APRIL 1873/ HE HELD THE MYSTERY/ OF THE FAITH/ IN A PURE CONSCIENCE/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Guillaume Boyd, Ecosse, Rentier/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 455/ Maquay Diaries: 28 Jul 1855, etc./ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 178. Boyd/ Guglielmo/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 2 Aprile/ 1873/ Anni 32/ 1204/ N&Q 189. Rev. Wm. Boyd, M.A., minister of Mains and Strathmartine, Forfarsh., b. 30 Oct., 1840; ob. 2 Ap., 1873/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B17D/ B28/ 1210/ SARA (SALLY) MINTURN GRINNELL WATTS/ AMERICA/

Sara (Sally Tully, Giulia) è sepolta in una tomba murata. La figlia diciannovenne di Ridley e Sarah Minturn Watts. Il nonno era Henry Grinnell di New York. Sara ha una tomba bellissima con un arco in ferro per accogliere una rosa rampicante. Siamo riusciti a identificare questa tomba attraverso un Notes and Queries di cent’anni fa. Purtroppo l’iscrizione non è più leggibile.

 

In marmo, croce con bracci trifogliati poggiante su un basamento, iscrizione illeggibile in lingua inglese in lettere capitali incise, posto a sua volta su un blocco in pietra serena, pietra serena erosa, recinto in pietra serena e ferro, con arco in ferro con rosa rampicante. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 115. L 39: P: 22.5 ; P.s. A: 34. L: 44.5 P: 32.5. R: P.s.: A: 15. L: 87.5 P: 20.5; ferro: A: 170. L: 90. P: 200.]
 IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs  742 + Francs 142, deposit in walled grave. Tully N. Watts, Avril, enseveli le 30 du même mois. Obituary, Pall Mall Gazette. Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Watts/ Giulia (corrected to Sara in pencil)/ / / Firenze/ 24 Marzo/ 1873/ Anni 19/ 1210/ N&Q: 188. Sarah Minturn Grinnell Watts, d. of Ridley and Sarah Minturn Watts, b. 10 July, 1854; ob. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16C/ B29/ 1397/
EDWARD WILLIAM YOUNG/
INGHILTERRA/ GESU’ HA CHIAMATO A SE UN PICCOLO BAMBINO. ALLA CARA MEMORIA DI EDWARD WILLIE, L’ULTIMOGENITO DEL DR. YOUNG. EGLI MORI’ IL 16 MAGGIO 1877 ALL’ETA’ DI 5 ANNI.

Questo piccolo bambino ha una lapide molto grande con una mano che indica il Paradiso, simile a quella di Louis John Arrighi (B125). Manca ai genitori ma hanno altri figli per consolarli.
 


 

Cippo.
Scultore: Giuseppe Bondi. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1877. Ambito toscano. Cippo in marmo scolpito, riecheggia la tomba di Arrighi (1874), la mano scolpita è racchiusa in una ghirlanda di nontiscordardime, cippo crollato dopo il 1993 (schede Soprintendenza) e prima del 2000, basamento in marmo poggiante su un basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con colonnini spezzati e ferro, descrizione dalla foto delle Belle Arti per le schede del 1993. Possibile intervento di ripristino. [M: A: 126.6 L: 65. P: 23.5; P.s. A: 26.5 L: 69.5 P: 27.5 Recinto: A: 52. L: 95.5 P: 173.5 ] Iscrizione in lingua inglese in rilievo incisa in lettere capitali in piombo e numeri arabi, lettera 'W' mancante: "JESUS CALLED A LITTLE CHILD TO HIM". [Matt. 18.2]/ IN  LOVING  MEMORY OF EDWARD WILLIE/ YOUNGEST CHILD OF/ DR YOUNG DIED 16 MAY 1877/ AGED 5 YEARS/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Young/ Edoardo Guglielmo/ David/ Inghilterra/ Firenze/ 16 Maggio/ 1877/ Anni 5/ 1397/ N&Q 186. Edward Willie, youngest child of Dr. Young, ob. 16 May, 1877, a. 5. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.

B17D/ B30/ 1211/ ELISA (WASSENDARLL) PAGANINI/ SVIZZERA/ QUI RIPOSA IN ETERNA PACE/ ELISA WASSERDARLL PAGANINI/ NATA A LOSANNA IL 28 DICEMBRE 1802/ OGNI ELOGIO E' SUPERFLUO/ ALLA VIRTUOSA SPOSA ALLA MADRE INCOMPARABILE/ FU RAPITA ALL'AMORE DE SUOI FIGLI/ DA MORTE VIOLENTA 1873/ 1211//. . . //. . . /

E' la vedova del B23
/ PROFESSORE CESARE PAGANINI. Il padre si chiamava Gabriel Wassendarll.



Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1873. Ambito toscano. Croce scolpita in marmo a imitazione della corteccia del tronco d'albero e coperta da piante, poggiante su base a finte rocce su basamento a pianta quadrata con lettere capitali incise  su ciascun fianco, marmo sporco, altra base in pietra serena erosa, recinto in ferro e pietra serena. [M: A: 171; L: 66. P: 66.; P.s. A: 31; L: 89. P: 89. Recinto: L: 88. P: 206.] Iscrizione sepolcrale in lingua italiana incisa in lettere capitali e numeri arabi: QUI RIPOSA IN ETERNA PACE/ ELISA WASSERDARLL PAGANINI/ NATA A LOSANNA IL 28 DICEMBRE 1802/ OGNI ELOGIO E' SUPERFLUO/ ALLA VIRTUOSA SPOSA ALLA MADRE INCOMPARABILE/ FU RAPITA ALL'AMORE DE SUOI FIGLI/ DA MORTE VIOLENTA 1873/ 1211//. . . //. . . / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Elisa Vedova Paganini, Italiie, fils de Gabriel Wassendahl/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 422, A/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Paganini nata Wasserdarll/ Vedova Elisa/ Gabbriello/ Italia/ Firenze/ 1 Maggio/ 1873/ Anni 70/ 1211. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B16D/ B31/ 1219/ JOSEPH WATSON/
INGHILTERRA/ JOSEPH WATSON DI GATESHEAD ON TYNE, INGHILTERRA. MORI’ A FIRENZE IL 24 GIUGNO 1873 ALL’ETA’ DI 33 ANNI. ABBIAMO LA SPERANZA COME ANCORA DELL’ANIMA, SICURA E TENACE.

Suo padre, Joseph Watson, fondò Watson Burton’s nel  1811 a Gateshead on  Tyne. Il figlio Joseph, ingegnere nella ditta di Clarke, Watson & Gurney, Victoria Engine Works, Gateshead, sposò Lucy Fenwick (1838-1918) l’ultima figlia di William Fenwick d The Cottage, Stanhope alla casa d’Incontro degli amici a Newcastle.  Più tardi il fratello scrive: “Mio fratello Joe era molto malato da tempo. Era chiaro che aveva problemi ai polmoni. Charley Pease e la moglie andavano sul Nilo e offrirono di portarlo con loro. Speravano che gli avrebbe giovato. Le ultime lettere erano molto incoraggianti ma poi arrivò una lettera dicendo che era, invece, molto grave. Informai mio padre che sarei andato a incontrarlo a Napoli. Nella sua lettera aveva richiesto che qualcuno gli andasse incontro. Andai a Napoli e ci rimasi per 12 giorni ma non ricevetti né una lettera né un telegramma da parte sua, né da casa, niente di niente. Mentre, disperato, venivo via da Napoli vidi una nave sconosciuta che entrava nella baia, c’era lui. Era stato molto male e un giovane che l’aveva conosciuto cercò di trovargli una cabina in I° classe. Era, purtroppo,  impossibile e alla fine il giovane aveva ceduto la sua cabina in I° classe per trovarsi un’altra in 2° classe. Aiutò mio fratello per tutto il tragitto. Consultai un medico che mi informò  subito che Joseph stava morendo e che non potevo spostarlo. Nonostante ciò il tempo era bellissimo e riusciì a portarlo un po’ in giro. Fu assai interessato a tutto ciò che vedeva ma era molto debole. Lo portai con difficoltà a Roma e dopo 2 o 3 giorni si proseguì per Firenze. Un viaggio terribile che durò 15 giorni, come abbiamo fatto non riesco a capire. Fortunatamente tutti potevano vedere che stava molto male e non ci dettero alcun pensiero. Aveva anche la dissenteria oltre che i problemi ai polmoni. A Firenze, con grande difficoltà e molti problemi, conobbi un medico scozzese appena arrivato dall’India. Egli mi raccontò di essersi curato  per simili sintomi mentre era in India. Ci portò in una pensione eccellente tenuta dalla Signora Earle, figlia di un ufficiale. Avevamo tutte le  possibili comodità e una grande camera per Joe che riempivo di enormi mazzi di rose che mi costavano soltanto un penny e mezzo al giorno. Uscivo la mattina e tornavo con le braccia così piene di rose che faticavo a portarle. Era un posto splendido. Poi arrivarono mio padre, mia sorella Gertrude, mio fratello Willy e la moglie di Joe. A quel punto tornai a casa in Inghilterra. Joe visse per altre 3 settimane ma quando sono partito intuivo, anche se il medico non lo disse, che non c’era la minima speranza che l’avrei rivisto”.
Robert Spence Watson (1969) Reminiscences of the late Rt. Hon: Robert Spence Watson, York, stampato privatamente, p.65. La bella ancora scolpita sulla tomba, rovinata dai vandali, simboleggia la speranza.
Il suo testamento fu omologato a Durham 1873- 11-04 dalla vedova Lucy Watson e suo fratello Robert Spence Watson, esecutori;  effetti sotto 7.000 sterline. Dalle date si capisce che il medico non può essere il scozzese Dr. Wilson.



 

Croce e ancora.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1873. Ambito toscano. Tomba in marmo, croce e ancora scolpiti, danni causati da atti vandalici, intervento di restauro conservativo Iris Fromm. Possibile intervento di  pulitura. [M: A: 172. L: 62. P: 52.; P.s. A: 27. L: 90. P: 210.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: JOSEPH WATSON/ OF GATESHEAD ON TYNE ENGLAND/ DIED AT FLORENCE/ SIXTH MONTH/ 24 1873/ AGED 33 YEARS// WHICH HOPE WE HAVE/ AS AN ANCHOR OF THE SOUL/ BOTH SURE AND STEADFAST/ HEB. VI.19/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Joseph Watson, Angleterre, Rentier, fils de Joseph Watson/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 615, A/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 458 Burial 26/06 Rev Clark, Gateshead/  Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Watson/ Giuseppe/ Giuseppe/ Inghilterra/ Firenze/ 24 Giugno/ 1873/ Anni 33/ 1219/ N&Q 185. Joseph Watson, of Gateshead-on-Tyne, ob. 24 June, 1873, a. 33. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.


B15D/ B32/ 1220/
HIRAM POWERS/ AMERICA/ HIRAM POWERS/ DIED JUNE 27TH 1873/ AGED 68/

Pastore Luigi Santini: ”Hiram Powers (1805-1873) un americano, venne a Firenze per studiare e lavorare. Andò ad abitare, con la moglie e due figlie, in via dei Serragli, la strada degli artisti. Era famoso in tutto il mondo per le sue statue, per le quali sceglieva e seguiva la cavatura del marmo. Era, inoltre, famoso per aver scolpito alcuni busti di Presidenti statunitensi.  Il Cimitero testimonia anche il suo dolore: James (1838), Frances (1857) E Florence (1857) i suoi figli che morirono all’età di 5,8 e 17 anni in questo loro paese adottivo
(E56)”. Frederic Leighton studiò all’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove Hiram Powers era professore di scultura. B8/ ELIZABETH BARRETT BROWNING scrisse dei suoi occhi  di forma americana-indiana e scrive un sonetto appassionato alla sua “Schiava Greca” che venne messa in mostra alla Esposizione del 1851 a Crystal Palace, Londra. Qui Elizabeth vede un’analogia alla schiavitù degli Africani in America e in Russia. Il titolo di questo libro riporta un verso della poesia che parla della statua. La statua di Hiram Powers “L’ultima della Sua Tribù” mostra una nativa Americana che scappa da coloro che la vogliano catturare. Ogni dettaglio viene osservato, perfino le cuciture delicate presenti sui mocassini. Il tema ripete quello della “Schiava Greca”, una donna che rappresenta la libertà contro i suoi oppressori maschili. La statua “America” è molto più americana e molto più bella della Statua della Libertà, il dono della Francia, ma fu rifiutata dal Congresso prima della Guerra Civile perché lei calpesta le catene degli schiavi. La statua finì incenerita in un incendio. Nel 1966 un calco in gesso della statua fu rinvenuto nello studio di Hiram Powers, insieme a molti altri, tutti comprati poi da musei in Washington D.C. Fra le altre opere di Powers troviamo la testa della Principessa Matilde Bonaparte Demidoff. La carriera di scultore di Powers era iniziata a Cincinnatti, Ohio con un’opera in cera “Commedia di Dante”, commissionata da B80/ FRANCES (MILTON) TROLLOPE. Vicino alla tomba di Powers  si trova quella di B58/ KALIMA NADEZHDA DE SANTIS, una schiava nubiana nera battezzata ortodosso (Nadezhda significa “Speranza”). Morì libera a Firenze. Una storia simile si trova con F53/ HENRIETTA MARIA HAY, la madre greca fu comprata, in un mercato di schiavi ad Alessandria e liberata dall’egittologo scozzese Robert Hay che la  sposò a Malta nel 1828. La morte di Margaret Fuller, insieme al marito e il figlio nel naufragio della Elizabeth vicino a Fire Island fu causato, in parte, dalla statua enorme di Powers che si trovava nella stiva. Nel suo diario Sophia Hawthorne descrive Powers con emozione e Nathaniel Hawthorne seguiva Powers nel suo studio per ricerche connesse al suo romanzo  The Marble Faun . Hiram Powers era Console americano volontario, vedi i registri consolari di James Lorimer Graham. Le tombe B42/ ISABELLA BLAGDEN, B98/ MAJOR FRANCIS CHARLES GREGORIE, B99/ REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN, B32/ HIRAM POWERS, B103/ ELEANOR AUGUSTA TULK, B131/ HONOURABLE FRANCES TOLLEY, tutti spiritualisti e svedenborgiani, sono tutte insieme vicino alla tomba di Nadezhda, la ex schiava  nubiana-russa.  Anche il figlio di Hiram, Presto, divenne uno scultore (B37), mentre un altro figlio, Longworth, divenne fotografo. La moglie di Hiram, Elizabeth Gibson Powers e altri figli, Nicholas Longworth, Louisa Greenough, Giorgiana Rose e William Preston sono tutti sepolti al Cimitero degli Allori. Ora i resti di Preston (scolpì la tomba di Lily Nye) si trovano nell’ossario comunale. Kathryn P. Richards cited http://www.famousamericans.net/hirampowers/

    

Fotografia contemporanea nel diario di Susan Horner, 1861-1862.

         

WhiteSilence Elizabeth Barrett Browning, 'Hiram Powers' Greek Slave' 1850/Silenzio Bianco Elizabeth Barrett Browning, la “Schiava Greca” di Hiram Powers

They say Ideal Beauty cannot enter
The house of anguish. On the threshold stands
An alien Image with the shackled hands,
Called the Greek Slave: as if the sculptor meant her,
(That passionless perfection which he lent her,
Shadowed, not darkened, where the sill expands)
To, so, confront men’s crimes in different lands,
With man’s ideal sense. Pierce to the centre,
Art’s fiery finger! - and break up erelong
The serfdom of this world!  Appeal, fair stone,
From God’s pure heights of beauty, against man’s wrong!
Catch up in thy divine face, not alone
East griefs but west, - and strike and shame the strong,
By thunders of white silence, overthrown!
Si dice che la Bellezza Ideale non possa introdursi nella
casa d'angoscia. Sulla soglia una Figura straniera stante, con le mani
incatenate, detta la Schiava Greca: come se lo scultore designasse così lei,
(Quella perfezione impassibile che egli le diede,
ombreggiata, non oscurata, ove la soglia si espande)
per testimoniare i crimini degli uomini in differenti lidi

Con il senso ideale dell'uomo. Penetra nell'intimo,
infuocato dito dell'arte! - e spezza presto
la schiavitù di questo mondo! Appellati, bella pietra,
dalle pure sommità della bellezza di Dio, contro il male dell'uomo!
Cattura nel tuo volto divino, non soltanto
le pene orientali ma anche occidentali, - e colpisci e umilia i forti,
da tuoni di bianco silenzio sconfitti!

Tomba. Scultore, Preston Powers: Sec. XIX, post 1873. Sec. XIX, post 6/1873. Ambito toscano. Tomba in marmo, tomba semplice e imponente, marmo sporco, poggiante su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena e ferro. Intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitrescu, 2008. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 35. L: 163.5 P: 104.5; P.s. A: 21. L: 155. P: 96. Recinto: A: 91. L: 261. P: 202.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi in piombo: HIRAM POWERS/ DIED JUNE 27TH 1873/ AGED 68/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: F. Hiram Powers, America, Sculpteur, fils de Etienne Powers/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 550, A/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Powers/ Franco [later corrected to Hiram]/ Stefano/ America/ Firenze/ 27 Giugno/ 1873/ Anni 69/ 1220/ N&Q 184. Hiram Powers, ob. 27 June, 1873, a. 68/ Belle Arti 1993-1997 scheda/°=Niccolò, Alessio Michahelles, descendants. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Katherine Gaja, gimelc.html#gaja, Roger Crum, Melissa Debakis, CBVb.html, See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings,
Giuliana Artom Treves, Golden Ring, passim., TAU.

B15D/ B33/ 1225/ GREGORI NOTARA/ GRECIA/

La sepoltura di un adolescente greco.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1873. Ambito toscano. Lastra in marmo, marmo sporco, lettere capitali incise, illeggibili, posta su basamento in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 2. L: 56.5 P: 114.5; P.s. A: 19. L: 66. P: 123.] Iscrizione sepolcrale in greco: Gregory Notara. Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Gregoire Notara/ Grèce, fils de Nicola/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Notarà/ Gregorio/ Niccola/ Grecia/ Firenze/ 22 Luglio/ 1873/ Anni 13/ 1225. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B15C/ B34/ 1250
/ MARGHERITA BAZZI A PORTA/ SVIZZERA/ MARGHERITA A PORTA NATA BAZZI DA FETAN// 1842-1874// PAUSSA IN PASCHI A BUNS ANS VAIR!

Proviene da Fatan, una parte della Svizzera di lingua Romancia (la lingua che troviamo sulla sua tomba). E’ una vedova della famiglia a’Porta, il padre si chiamava Daniel Bazzi.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 21874. Ambito toscano. Lastra con angoli curvilinei scolpita con croce a rilievo poggiante su basamento in pietra serena, sui fianchi lettere capitali in rilievo in romancio, marmo sporco. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 21.5 L: 71. P: 169.; P.s. A: 24. L: 85.5 P: 184.5] Iscrizione sepolcrale in romancio in lettere capitali e numeri arabi in rilievo: MARGHERITA A PORTA NATA BAZZI DA FETAN// 1842-1874// PAUSSA IN PASCHI A BUNS ANS VAIR!/ Grigione/ Vve Marguerite a Porta, Suisse, fille de Daniel Bazzi/ Porta (à) nata Bazzi/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 92. Bazzi Vedova à Porta/ Margherita Carolina/ Daniele/ Svizzera/ Firenze/ 28 Febbraio/ 1874/ / 1250/ Vedova Margherita Carolina/ Daniele/ Svizzera/ Firenze/ 28 Febbraio/ 1874/ / 1250. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B15C/ B35/ 1247/
JOHN NESBIT MAXWELL/ IRLANDA/
SACRO ALLA MEMORIA DI JOHN NESBIT MAXWELL ESQ. M.D./A.M. TRINITY COLLEGE DUBLINO E/ IRLANDA. ERA IL FIGLIO MINORE E L'ULTIMO MEMBRO SOPRAVVISSUTO DELLA FAMIGLIA DEL DEFUNTO ROBERT MAXWELL. MORI' A FIRENZE IL 14 FEB. 1874 ALL'ETA' DI 67 ANNI./ SUSANNAH (FULLERTON) MAXWELL/ IRLANDA. ANCHE LA MOGLIE SUSANNAH FULLERTON MAXWELL. MORI' IL 19 OCT. 1876 ALL'ETA' DI 68 ANNI. NON TEMERE NON TI LASCERO' MAI NE' TI ABBANDONARO'.

Registro di matrimonio: Il 23 ott. Nella chiesa di San Pietro a Dublino, in presenza del Rev. Launcelot Dowdall, Rettore di Rathfarnham. John Nesbit Maxwell Esq., unico figlio sopravvissuto del defunto Robert Maxwell Esq., avvocato già di Summerhill, Dublino e Clonleigh nella Contea di Donegal con Susannah Hamilton, terza figlia del defunto George Alexander Fullerton Esq. Di Tolkington, Gloucestershire e Ballintoy Castle, Contea di Antrim. Ci saranno stai degli eredi?

 
Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1874// 10/1876. Ambito toscano. Croce infissa su cippo in marmo, marmo sporco, poggiante su due basamenti in marmo incisi con lettere capitali e numeri arabi, cammeo ora mancante, iscrizione per il consorte incisa sul basamento posto più in alto, iscrizione per la consorte incisa sul basamento in marmo più sporgente rispetto al primo, il terzo basamento è in marmo grigio, recinto in marmo e finte corde annodate in ferro battuto. Possibile intervento di pulitura.  [M: A: 215. L: 87. P: 44.5; R/M/ferro: A: 27. L: 106. P: 192.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ JOHN NESBIT MAXWELL ESQ M.D./ A.M. TRINITY COLLEGE DUBLIN/ AND/ . . . IRELAND/ HE WAS THE YOUNGEST SON AND LAST SURVIVING MEMBER OF THE/ FAMILY OF THE LATE ROBERT MAXWELL/ HE DIED AT FLORENCE ON THE 14TH DAY OF FEBRUARY 1874/ IN THE 67TH YEAR OF HIS AGE/ Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jean Maxwell, l'Angleterre, fils de Robert Maxwell/ Pall Mall Gazette, via Majenta/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Maxwell/ Giovanni/ Roberto/ Inghilterra/ Firenze/ 14 Febbraio/ 1874/ Anni 68/ 1247/ 1368/ SUSANNA (FULLERTON) MAXWELL/ IRELAND/ Iscrizione inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ALSO HIS WIFE SUSANNAH FULLERTON MAXWELL/ WHO DIED THE 19TH OCTOBER 1876/ AGED 68/ FEAR NOT I WILL NEVER LEAVE THEE NOR/ FORSAKE THEE/ HEBREWS [13.5]/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 502, Burial 21/10, Rev Tottenham, via Solferino, 4/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Maxwell nata Fullerton/ Vedova Susanna/ N./ Inghilterra/ Firenze/ 19 Ottobre/ 1876/ Anni 69/ 1368/ N&Q 249. John Nesbitt Maxwell, Esq., M.D., A.M., Trin. Coll. Dublin, and F.R.C.S., Ireland, the last surviving member of the family of the late Robert Maxwell, Esq., of Clonleigh, co. Donegal, and Sumner Hill, Dublin, ob. 14 Feb., 1874, a. 67. Also his w., Susannah Fullerton Maxwell, ob. 19 Oct., 1876, a. 68/ See Fullerton. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14C/ B36/ 1243/
REVD FRANCESCO ENRICO ROSTAGNO/ ITALIA/ FRANCESCO ROSTAGNO . . . / . . .

Pastore Luigi Santini: Franco Enrico Rostagno (1839-1871) nacque in una famiglia di pii pastori delle valli valdensiane.  Quando fu colto dalla morte aveva appena finito i suoi studi teologici  ed era ritenuto una speranza sicura per la missione valdensiana. Era ricordato come un uomo sereno e profondamente evangelico.

 


Stele
. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1874. Ambito toscano. Stele in marmo, marmo sporco, marmo scolpito con ramoscello d'ulivo, iscrizione in lettere capitali, posta su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 88. L: 48. P: 21.; P.s. A: 20. L: 60.5 P: 27.; R: A: 25. L: 89. P: 180.] Iscrizione sepolcrale in lingua italiana incisa in lettere capitali: FRANCESCO ROSTAGNO . . . / . . . / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Revd François Rostagno, l'Italie, pasteur, fils de François Rostagno/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Rostagno/ Francesco Enrico/ Francesco/ Italia/ Firenze/ 5 Febbraio/ 1874/ Anni 35/ 1243. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14C/ B37/ 1239/
LILLIE NYE/ AMERICA
LILLIE NYE FIGLIA UNICA DI WM. S.F.E. NYE DI MARIETTA OHIO USA MORI' A FIRENZE, ITALIA IL 15 GEN. 1873 ALL'ETA' DI 21 ANNI. UNA VOLTA C'ERA UN GIGLIO BIANCO PURISSIMO, UNA VISIONE COSI' BELLA DA GUARDARE TUTTI I GIORNI. ERA PIU' PURA DI UN FIOCCO DI NEVE E CON LA SUA GRAZIA ECCELSA ERA IL FIORE PIU' MAGNIFICO CHE LA MORTE HA MAI PRESO PER SE. LA SUA STORIA SI TROVA INCISA SU QUESTA PIETRA BIANCA INSIEME A QUESTE BELLE PAROLE. IN VITA SPLENDEVA. P. POWERS FECIT.

Il padre William S. Nye morì nel 1862 e la madre nel 1866. Si erano sposati nel 1851. Quindi questa giovane americana divenne orfana di padre all'età di 11 anni e di madre alla  giovane età di 16 anni. Il figlio di Hiram Powers, Prescott, scolpì la colonna decorata con calle. Vicino troviamo una tomba semplice ma enorme che Prescott eresse per il padre 
B32/ HIRAM POWERS, uguale alla tomba che Hiram Powers eresse per i suoi 3 figli E56/ CHILDREN OF ELIZABETH AND HIRAM POWERS, i figli di Elizabeth e Hiram Powers. 

 

Colonna. Scultore, Preston Powers, firma
P.POWERS.FECIT. Sec. XIX, post 1/1874. Ambito toscano. Colonna spezzata scolpita con calle, lettere capitali incise, poggiante su base a finte rocce in marmo. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 150.7 L: 64. P: 120.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa sulla colonna in lettere capitali e numeri arabi: LILLIE NYE/ ONLY CHILD OF/ WM S.F.E. NYE DEC'D/ OF MARIETTA OHIO U.S.A./ DIED AT FLORENCE ITALY/ JANUARY 15 1873/ AGED 21 YEARS// THERE WAS A LILY ONCE MOST PURELY WHITE/ WE WATCHED IT DAILY TWAS SO FAIR A SIGHT/ FOR SHE WAS PURER THAN A DRIVEN FLAKE/ OF SNOW AND IN HER GRACE MOST EXCELLENT/ THE LOVELIEST FLOWER THAT DEATH DID EVER TAKE/ THE TALE FOR TALE THERE IS OF THIS WHITE STONE/ ARE THESE FAIR WORDS WHILE SHE LIVED SHE SHONE/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Lillie Nye, Amerique/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Nye/ Lillie/ / America/ Firenze/ 15 Gennaio/ 1874/ Anni 21/ 1239/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13C/ B38/ 1237/ IDA AUGUSTA (JACKSON) ROENNEKE/ 
INGHILTERRA/ IDA AUGUSTA ROENNEKE/NACQUE A LONDRA IL......E MORI' A FIRENZE NEL 1873.

Inizialmente pensavo fosse la figlia illegittima di Constantino Henry Phipps/Phillips, Marchese di Normanby, conosciuto come Conte di Mulgrave, primo Governatore della Giamaica, Lord Tenente dell'Irlanda, Ambasciatore in Francia e poi Ministro plenipotenziario alla Legation a Firenze, dal 1854 al 1858. Era a Londra dal 1852 al 1854. La famiglia è imparentata con
D72/ SIR JAMES ANNESLEY nel Settore D. Diana Webb ha corretto la mia supposizione: “No, niente illegittimità credo, sebbene sarebbe stata una storia interessante.
Nel censimento del 1861 troviamo Ida che vive col padre Mulgrave Phipps Jackson e sua moglie a Bayswater. Egli viene descritto come un impiegato nell'Ufficio delle Tasse ma c'è molto altro. Era il figlio minore di John Jackson, RA (1788-1831) dello Yorkshire e godeva del patrocinio del Lord Mulgrave (il padre del Fiorentino Lord Nomanby. Ciò spiega il nome piuttosto fiorito che dette al figlio. Nel1818 John Jackson si sposa una seconda volta con Matilda, molto più giovane di lui. Matilda era la figlia di James Ward, RA e nipote dello zio George Morland. Sembra che Mulgrave Phipps nacque il 5 agosto 1830 ma fu battezzato soltanto due anni dopo (16 luglio 1832 a Marylebone). Non ho ancora districato tutti questi affari di matrimoni ma sembra che Ida fosse (o no?) la figlia di Sarah, sposata con Mulgrave Phipps soltanto nel 1854. Ida deve essere nata all'incirca nel 1852 ma non trovo la registrazione della nascita. Non c'è segno né di lei né del padre nel censimento del 1871, lui non appare neanche nel 1881, quando Ida era già morta.
 Il padre visse fino al 4 ottobre 1913 e The Times pubblicò un necrologio il 18 ottobre che diceva: Phipps Jackson ha mostrato i suoi quadri alla Royal Accademy per ben 12 anni di seguito e si dice che non abbia mai perso una visita privata da più di mezzo secolo. Nel 1880 circa fu eletto esperto di stima per il Governo nel reparto che si occupava delle tasse sulle successioni. Per un lungo periodo  scrisse delle recensioni  delle più importanti mostre per vari giornali. Sebbene abbia vissuto più a lungo della maggior parte dei suoi coetanei, Phipps Jackson era molto benvoluto dagli artisti della generazione più giovane e loro sentivano la sua mancanza nei luoghi dove di solito si incontravano.  Potrebbe essere ma sembra che 1891 si descriveva come vedovo quando Sarah era sempre viva (morì alla fine del 1899). L'anno successivo egli si risposò! Comunque questo non ci illumina  riguardo a Ida Augusta. Lei non è, in una parola, la figlia illegittima di Lord Normanby ma indirettamente connessa con lui o la sua famiglia attraverso il nonno, John Jackson  insieme al nome del padre. Troviamo altresì un sentore di scandalo riguardante il padre plurisposato...............Il necrologio nel The Times non menziona né i suoi matrimoni né i suoi figli. Era, ovviamente un frequentatore dei club e se ne parlava spesso nella cronaca del gossip.


   
Marquess Normanby

Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1874.. Ambito toscano. Croce in marmo crollata, basamento in pietra serena scolpito in lettere capitali e numeri arabi, recinto con otto colonnini e ferro (non superstiti), recinto condiviso con la tomba di Stahlberg. Tomba posta troppo vicina a un cipresso. [Ps. A: 33. L: 48. P: 39.; R: A: 40. L: 187. P: 208.] Iscrizione sepolcrale in lingua tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: IDA AUGUSTA ROENNEKE/ GEB . . . / IN LONDON . . ./ GEST IN FLORENZ  . . . 1873. Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Ida Roenecke, Angleterre, fille de Mulgrove Philips Jackson/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Jackson nei Roenneke/ Ida Augusta/ Mulgrave Phipps/ Inghilterra/ Firenze/ 6 Gennaio/ 1874/ 22/ 1237/ N&Q 251. Ida Augusta Roeneke. born Jackson, b. in London, 27 Dec., 1851 ; ob. 6 Jan., 1874/ See Elisabetta Stahlberg (B39) with whom she shares a plot. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13C/ B39/ 1238/ ELISABETH FABIANOVNA STAHLBERG NATA BERG/ RUSSIA/ STAHLBERG/ . . . / ZU FLORENZ

Fabian Berg è norvegese mentre Stahlberg significa tedesco in russo. Queste due donne, l'altra è
B38/ IDA AUGUSTA (JACKSON) ROENNEKE, che muoiano tutte e due nel 1874 e condividono la stessa zona frequentavano ambienti sociali cosmopoliti.

 

Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1874. Ambito toscano. Croce con bracci di forma arrotondata con lettere capitali incise, lettere illeggibili, poggiante su piedistallo posto su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con otto colonnini e ferro, ora mancanti, il recinto ospita anche la tomba di Ida Roenneke. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 95. L: 37. P: 30.5; P.s. A: 34. L: 45. P: 38] Iscrizione sepolcrale in lingua tedesca incisa in lettere capitali: STAHLBERG/ . . . / ZU FLORENZ/ Talalay: N° 1238, RC  Informazioni in cirillico/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Stahlberg nata Berg/ Elisabetta/ Fabiano/ Russia/ Firenze/ 11 Gennaio/ 1874/ Anni 19/ 1238/ See Ida Roenneke with whom she shares a plot. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B12C/ B40A/ 1340 1235/ MATILDE MANNHARDT/ GERMANIA/ MATILDE and B40B WILHELM L. MANNHARDT/ GERMANIA/ WILHELM MANNHARDT/ GEBOREN IN HAMBURG/ DEN 16 NOV 1861/ GESTORBEN DEN 31 DEC 1873
NATO AD AMBURGO IL 16 NOV. 1861 E MORTO IL 31 DIC. 1873.

Due bambini tedeschi di Amburgo. Fratello e sorella di 13 e 12 anni d'età.

 

Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1873// 1/1876. Ambito toscano. 1235 1340/ Iscrizione incisa in lettere capitali: MATILDE/ Tomba in pietra serena scolpita con croce e incisa , nome inserito nel marmo su tabula alla base della croce, sul tergo altra tabula per il fratello Wilhelm. [P.s. A: 42. L: 88. P: 181; M. L: 25 P: 7.] Mannhard/ Matilde/ Giulio/ Germania/ Firenze/ 12 Gennaio/ 1876/ Anni 13/ 1340/ B40B WILHELM L. MANNHARDT/ GERMANIA/ Intervento di restauro, I. F.; tabula in marmo inserita su quest'ultima tomba. [P.s. A: 73 L: 26.] Iscrizione sepolcrale in lingua tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: WILHELM MANNHARDT/ GEBOREN IN HAMBURG/ DEN 16 NOV 1861/ GESTORBEN DEN 31 DEC 1873/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Wilhelm Mannhardt, Allemagne, fils di Jules/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Mannhardt/ Guglielmo L./ Giulio/ Germania/ Firenze/ 13 Dicembre/ 1873/ Anni 12/ 1235. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 

B11D/ B41/ 1230/ ANNIE (PLACE) WOODHOUSE/ 
INGHILTERRA/AMERICA/ IN MEMORY/ ANNIE WOODHOUSE PLACE/ DAUGHTER OF/ LIONEL READ PLACE ESQ/ DIED DEC 3 1873/ AGED 27/ IN GRACE ARE WE SAVED/ THROUGH FAITH ARE THE SAVED/ TURNED TO THE GIFT OF GOD// 1230

Burke: parlando dei suoi genitori. Anne si sposa nel novembre del 1843 con Lionel Read Place, Tenente della Marina Inglese che morì nel maggio del 1854. Forse lei è considerata americana perché ha sposato l'americano Woodhouse?

 


Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1873. Ambito toscano. Croce in marmo a finto tronco d'albero, marmo sporco; finte corde in marmo legano la croce ad una colonna spezzata, inciso in lettere capitali in lingua inglese e numeri arabi in rilievo, recinto in marmo e finte corde in ferro con nodo al centro. [M: A: 145. L: 65. P: 24.; R/M/ferro: A: 38. L: 85. P: 200.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese con lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY/ ANNIE WOODHOUSE PLACE/ DAUGHTER OF/ LIONEL READ PLACE ESQ/ DIED DEC 3 1873/ AGED 27/ IN GRACE ARE WE SAVED/ THROUGH FAITH ARE THE SAVED/ TURNED TO THE GIFT OF GOD// 1230/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Anna Woodhouse, Amerique, fille Leonello/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 459 Annie Woodhouse Place, Burial 06/12 Rev Tottenham, via Solferino, 4/ Pall Mall Gazette, Morning Post, Times, 'of decline, after many years of suffering, aged 27, Annie Woodhouse Place, elder daughter of the late Lieut. Lionel Read Place, RN, of Ilfracombe, Devon.'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Place Rend Vedova Woodhouse/ Anna/ Lionello/ America/ Firenze/ 3 Dicembre/ 1873/ Anni 27/ 1230/ See Place/ N&Q 252. Annie Woodhouse, d. of Lionel Read Place, Esq.. ob. 3 Dec., 1873, a. 27/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B11C/ B42/ 1194/
ISABELLA BLAGDEN/
INGHILTERRA/INDIA/ ISABELLA BLAGDEN, NATA.....MORTA........1873.  LA TUA VOLONTA' SIA FATTA.

NDNB: Thomas Adolphus Trollope in What I Remember scrisse: Isa, la “Madonna di Bellosguardo” era molto amata dalla comunità anglo-italiana. Povera, viveva con i proventi dei suoi libri,
Agnes Tremorne (1861), The Cost of a Secret (1863), The Woman I Loved and the Woman who Loved Me (1865), Nora and Archibald Lee (1867),The Crown of a Life (1869), i suoi saggi come quello sulla scultrice francese esiliata Félicie de Fauveau insieme ai proventi che derivano dai i suoi numerosi pensionanti. Hélène Koehl-Krebs la posizionava nel bel mezzo del circolo spiritistico che teneva le sedute a Villa Colombaia. C'era un po' di mistero  sulla sua nascita, era ebrea, indiana, in parte nera come sia Theodosia Trollope e Elizabeth Barrett Browning? Nel Marble Faun di Nathaniel Hawthorne, la protagonista Miriam è un misto fra Isa e Theodosia (B85). Con le sue cure salvò la vita a Robert Lytton, un nobile inglese, quando si ammalò a Bagni di Lucca. Elizabeth e Robert speravano che si sarebbero sposati. Lytton scrisse una poesia su di lei, Lucille e lei scrisse un racconto su di lui Agnes Tremorne. Qualche anno più tardi Lytton divenne Vicere in India e scelse una ragazza inglese come consorte. Kate Field ci racconta che Isa e Robert Lytton erano presenti al funerale di Elizabeth Barrett Browning (B8) insieme alle famiglie Powers (B32) e Story. William Savage Landor (A29) non era presente perché dimenticarono di mandargli una carrozza. Mentre Isa aiutava tuttigli altri Lytton, Pen Browning, Bice ecc. trascurò la propria salute. Era cara a Henry James, James Brett e Elizabeth Barrett Browning. Spesso si trovavano alla Villa di Bellosguardo che viene menzionata in una scena apocalittica nel poema epico Aurora Leigh.

Una poesia di Isa
(WhiteSilence)

Sembra una fiamma rossa che si lancia nel cielo,
Avvolgendosi intorno alla vecchia torre,
I colori emblematici distesi,
Nasce la bandiera italiana.

I suoi colori emblematici sparsi col sangue del coraggio,
Sangue vitale di veri eroi,
Le palme verdi dei martiri,
Le vesti candide portate in Cielo.

Mia Firenze, così bella,
Un sogno di bellezza ai miei piedi,
Sorride sopra il cielo chiazzato,
Il grano maturo splende intorno a lei.

Bella, pacifica e splendente,
Sei Tu come Lei che ci dicono scese
Dal Cielo in vesti lucenti da sposa
Tua nuova Gerusalemme, San Giovanni!

Nel quadro di Aurora Leigh di John Brett si intravede il Cimitero Ebraico appoggiato al muro a sinistra.


NDNB, Thomas Adolphus Trollope, What I Remember, II.173-175. Isa, the 'Madonna of Bellosguardo', was much beloved in the Anglo-Italian community. Impoverished, she lived by the sale of her novels,  her essays, such as one on the exiled French sculptress Félicie de Fauveau, and her various lodgers. Hélène Koehl-Krebs (Aries 7 (2007), 185-206, places her squarely in the Villa Colombaia circle of Spiritualists. There was some mystery over her background, was she Jewish, was she East-Indian, was she part Black, in this being like Theodosia Trollope and Elizabeth Barrett Browning, and this gets into Nathaniel Hawthorne's Marble Faun in his description of Miriam, who is a composite of Isa and Theodosia . She saved the life of Robert Lytton when he was at Bagni di Lucca through her careful nursing of him. Elizabeth and Robert hoped they would marry. He wrote the poem Lucile about her, she the novel Agnes Tremorne about him. He became Viceroy of India and married a proper English girl for consort. Isa and Robert were both present at Elizabeth Barrett Browning 's funeral, Kate Field tells us, along with the Powers  and Story families, but not Walter Savage Landor , as they forgot to send a carriage for him. Caring for others, Lytton, Pen, Bice, she neglected her own health. Henry James, John Brett, Elizabeth Barrett Browning all appreciated her and her Bellosguardo, which Elizabeth uses for her apocalyptic scene in Aurora Leigh.  This was among her own poems: 

O'er the old tower, like red flame curled
Which leapeth sudden to the sky
Its emblem hues all wide unfurled
Upsprings the flag of Italy

Its emblem hues! the brave blood shed
The true life blood by heroes given,
The green palms of the martyred dead,
The snowy robes they wear in Heaven.
. . .

My Florence, which so fair doth be
A dream of beauty at my feet
While smiles above that dappled sky
While glows around that rip'ning wheat

As fair, as peaceful and as bright
Art thou as she we hear came down
From Heaven in bridal robes of light
Thy new Jerusalem St. John!
In John Brett's painting of Aurora Leigh you can just glimpse the Jewish Cemetery nestled against the wall to the left.

               
Firenze da Bellosguardo, Cimitero Ebraico alla sinistra al muro                Isa Blagden                      Lord Lytton, Vicere di India


Lastra sepolcrale. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1845. Ambito Toscano. Lastra in marmo scolpita con croce adagiata su una ghirlanda, marmo sporco, lettere capitali incise in lingua inglese e numeri arabi, iscrizione quasi illeggibile. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 51. L: 80. P: 200; M: A: 24.5 L: 70. P: 190; P.s. A: 21. L: 79. P: 201.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese, lieve incisione in lettere capitali e numeri arabi: ISABELLA [Croce distesa su ghirlanda di fiori] BLAGDEN/ BORN . . . DIED . . . 1873/ THY WILL BE DONE . . .[Matt. 6.10; 26.42; Luke 11.2]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Isabelle Blagden, l'Angleterre, fille de Thomas/ IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 622, A/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°447, Burial 28/01, Rev. Tottenham, Villa Castellani, Bellosguardo/ Times, 'American papers, please copy'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: / +/135. Blagden/ Isabella/ Tommaso/ Svizzera/ Firenze/ 20 Gennaio/ 1873/ Anni 55/ 1194/ Thomas Adolphus Trollope, What I Remember, II.173-175/ N&Q 253. Isabella Blagden, b. 30 June, 1816 ; ob. 20 Jan., 1873./ NDNB entry/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See blagdenfauveau.html, gimeld.html#gestri, Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU

B11C/ B43/ 1240/ MARIA (LISTER) SUSANNI/ INGHILTERRA/ MARIA SUSANNI/VEDOVA DI CARLO ERNESTO SUSANNI, FIGLIA MINORE DI WILLIAM LISTER ESQ. M.D. NATA A LONDRA L'8 DIC. 1806, MORI' A FIRENZE L'8 GENNAIO 1874, MARIA SUSANNI.

Il marito italiano, Carlo Ernesto Susanni, era deceduto nel a869, la sua magnifica pietra tombale si trova a http://www.culturaitalia.it/opencms/opencms/system/modules/com.culturaitalia_stage.liberologico/templates/viewItem.jsp?language=it&case=&id=oai%3Aartpast.org%3A0900299462-0. Il padre di lei è un medico a Londra. Successivamente un membro della famiglia diventa un pioniere dell'antisepsi nella chirurgia.




Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1874. Ambito toscano. Croce in marmo spezzata posta su due basamenti con lettere capitali incise in lingua inglese e numeri arabi, lastra con il nome in lettere capitali in piombo danneggiate, marmo molto sporco, basamento in pietra serena. Possibile intervento di consolidamento e pulitura. [M: A: 106. L: 72.5 P: 20; M A: 10. L: 80. P: 170.5.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali in piombo e numeri arabi: MARIA SUSANNI/ WIDOW OF CARLO ERNESTO SUSANNI/ YOUNGEST DAUGHTER OF WILLIAM LISTER ESQ M.D./ BORN IN LONDON 8 DECEMBER 1806/ DIED IN FLORENCE 8 JANUARY 1874/ MARIA SUSANNI/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Madam Vve Marie Susanni, Angleterre, fille de Guillaume Lister/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 461 Burial 20/01 Rev Tottenham, Piazza San Lorenzo, 6/  Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Susanni nata Lister/ Vedova Maria/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 10 Gennaio/ 1874/ Anni 66/ 1240/ See Lister./ N&Q 254. Maria, widow of Carlo Ernesto Susanni, youngest d. of Wm. Lister, Esq., M.D, b. 8 Dec., 1806 : ob. 8 Jan., 1874. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B10C/ B44/ 1227/
FREDERIC BENOIT/ SVIZZERA/ FREDERIC BENOIT/ NE A SAINT AURIN . . .ENNEUSE [?]/ LE 27 SEPT 1817/ MORT A FLORENCE LE 9 OCT 1873
NATO A SAINT AURIN IL 27 SETTEMBRE 1817 E MORTO A FIRENZE IL 9 OTTOBRE 1873.

Sappiamo che è un commerciante svizzero ma non siamo riusciti a capire da quale parte della Svizzera provenga. La croce sulla sua tomba è copiata da quella che si trova sul monumento a Re Guglielmo di Prussia, al centro del Cimitero, che, a sua volta, è copiata da quella in Piazza San Giovanni, con rose e gigli.




Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1873. Ambito toscano. Croce di San Giovanni con gigli e rosa in marmo, marmo non molto sporco, basamento in marmo inciso con lettere capitali in lingua francese e numeri arabi, poggiante su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 125. L: 57. P 37.; P.s. A: 5. L: 42.5 P: 40, Recinto: A: 26. L: 85. P: 198.] Iscrizione sepolcrale in lingua francese incisa in lettere capitali e numeri arabi [tomb/ inscription on reverse, copy monumental cross of San Giovanni/ King of Prussia]: FREDERIC BENOIT/ NE A SAINT AURIN . . .ENNEUSE [?]/ LE 27 SEPT 1817/ MORT A FLORENCE LE 9 OCT 1873/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Fredric Benoit, Suisse, negociant, fils de Jean Jacques, et de Suzanne, née Cornuz/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 108. Benoit/ Federigo/ Giovanni Giacomo/ Svizzera/ Firenze/ 9 Settembre/ 1873/ Anni 56/ 1227. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B10D/ B45/ Nella recinzione è stato lasciato uno spazio per la tomba di Anna Maria (Peace) Horner. Un'altra lapide si trova nel Settore B, piuttosto che nel Settore A.


B10D/ B46/ 1334/ EMILY BROADHURST/ INGHILTERRA/IN MEMORIA DI EMILY BROADHURST, NATA A BATH. MORI' A FIRENZE IL 24 NOVEMBRE 1876. AMATA E RIMPIANTA

Nel censimento viene registrata come nubile, vivendo prima con la madre e poi con la sorella a Bath
http://www.john-attfield.com/paf_tree/attfield_current/ind4528.html Il padre, Rev. Thomas Broadhurst, fondò il Collegio di Hackney, una scuola per dissidenti. Un fratello, un avvocato di successo, emigrò nel New South Wales, Australia. Sono parenti degli Attfield, Ball, Jopling e Broadhurst (E47/ ELIZABETH (ATTFIELD BALL) JOPLING) John Broadhurst, di cui manca la tomba, farà parte di questo gruppo?

1269/ JOHN BROADHURST/ INGHILTERRA/ Anni 58/ 1269/ John Broadhurst, l'Angleterre, fils de Georges Broadhurst/ GL23777/1 N°470, Age 56, Rev Tottenham; Pall Mall Gazette, John Broadhurst of Foston Hall, Derbyshire (now a prison)/ Broadhurst/ Giovanni/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 7 Maggio/ 1874/

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1876. Ambito Toscano. Croce in marmo con bracci trifogliati, lettere capitali incise in lingua inglese, posta su basamento in marmo di forma quadrata, marmo non molto sporco, poggiante a sua volta su basamento in pietra serena, pietra serena erosa. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 108. L: 45.5 P: 39.5; P.s. A: 23,5 L 50.: P: 44.5; R: A: 41. L: 88. P: 206.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF/ EMILY BROADHURST/ BORN AT BATH/ DIED AT FLORENCE 24 NOV 1876/ LOVED AND LAMENTED/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°493, Age 60, Rev Tottenham, via Venezia, 4/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Broadhurst/ Emilia/ / Inghilterra/ Firenze/ 24 Novembre/ 1875/ / 1334/ N&Q 158. Emily Broadhurst, b. at Bath, ob. at Florence, 24 Nov 1876. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

Per quest'ultima parte del Settore B dobbiamo seguire il Custode del Cimitero fra le tombe.

B10D/ B47/ 1325/ CLARA ARABELLA (BIRCH) CACCIA, E ALMA E MARIA CACCIA, FIGLIE/ INGHILTERRA/ D.O.M./ CLARA ARABELLA CACCIA/ NATA BIRCH/ SPIRAVA IL 2 D'AGOSTO 1875/ DI SOLI VENTICINQUE ANNI/ COMPIANTA E DESIDERATA/ DAL CONSORTE MARIO/ DAI FIGLI PARGOLETTI/ DAI CONGIUNTI/ CHE QUI LA SPOGLIA MORTALE/ LACRIMANDO NE COMPOSERO/ FIDENTI NELLA DIVINA PROMESSA/ "IO SONO LA RESURREZIONE E/ LA VITA: CHI IN ME CREDE/ SEBBEN SIA MORTO, VIVERA'"/ GIOV. XI.25// D.O.M./ IN MEMORIA/ DI/ ALMA E MARIA/ TENERE BAMBINELLE CHE QUALI ANGIOLI/ LA MADRE LORO/ PRECORSERO/ IN/ CIELO/ "DI QUESTI TALI E' IL REGNO/ DI DIO"/MARCO.X,14// MARIA E ALMA CACCIA/ ITALY/ D.O.M./ IN MEMORIA/ DI/ ALMA E MARIA/ TENERE BAMBINELLE CHE QUALI ANGIOLI/ LA MADRE LORO/ PRECORSERO/ IN/ CIELO/ "DI QUESTI TALI E' IL REGNO/ DI DIO"/  MARCO.X,14

Questa moglie inglese di un italiano di Bagni di Lucca è stata sepolta sotto una colonna spezzata, però non troviamo nei registri notizie delle due bambine, potrebbero essere sepolte a Bagni di Lucca assieme al padre. Il Webbs riporta che è imparentata con i Maquay.



Colonna spezzata. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1875. Ambito toscano. [nella stessa tomba con la madre] Colonna spezzata in marmo, poggiante su un alto pilastro a pianta quadrata con lettere capitali in piombo in lingua italiana, non molto sporco, posto a sua volta su basamento in pietra serena, recinto con colonnini in pietra serena e catena in ferro, intervento conservativo sul ferro Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2008. Possibile intervento di consolidamento sui colonnini in pietra serena e intervento di pulitura sul marmo. [M: A: 244.5 L: 60.5 P: 60.5 ; P.s. A: 18.5 L: 74. P: 74.; R: A: 75. L: 300.5 P: 201.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa con lettere capitali e numeri romani e arabi: D.O.M./ CLARA ARABELLA CACCIA/ NATA BIRCH/ SPIRAVA IL 2 D'AGOSTO 1875/ DI SOLI VENTICINQUE ANNI/ COMPIANTA E DESIDERATA/ DAL CONSORTE MARIO/ DAI FIGLI PARGOLETTI/ DAI CONGIUNTI/ CHE QUI LA SPOGLIA MORTALE/ LACRIMANDO NE COMPOSERO/ FIDENTI NELLA DIVINA PROMESSA/ "IO SONO LA RESURREZIONE E/ LA VITA: CHI IN ME CREDE/ SEBBEN SIA MORTO, VIVERA'"/ GIOV. XI.25// D.O.M./ IN MEMORIA/ DI/ ALMA E MARIA/ TENERE BAMBINELLE CHE QUALI ANGIOLI/ LA MADRE LORO/ PRECORSERO/ IN/ CIELO/ "DI QUESTI TALI E' IL REGNO/ DI DIO"/MARCO.X,14// MARIA E ALMA CACCIA/ ITALY/ D.O.M./ IN MEMORIA/ DI/ ALMA E MARIA/ TENERE BAMBINELLE CHE QUALI ANGIOLI/ LA MADRE LORO/ PRECORSERO/ IN/ CIELO/ "DI QUESTI TALI E' IL REGNO/ DI DIO"/  MARCO.X,14/ Records, Guildhall Library, London: GL 23777/1 N°490, Burial 05/08, Age 26, Rev William Keir, Villa Capi Gatti Allalastra fuori Porta San Gallo; Marriage GL20776 N°167, 27/12/69, Mario Caccia to Clara Arabella Birch at HTF, bride under age but with consent of her father; Fabio Caccia's first wife, Pauline Birch (N&Q '226. Pauline. No other inscription.' Lost tomb was in same area. Is it her sister's, married to her husband's brother in a double marriage? However, there is no burial record.), his second wife, Susan Rodman Caccia; GL22910 N°53, Mario Caccia buried, Bagni di Lucca, 02/08/75/ Times, husband Mario Caccia, Lieut-Colonel of the 7th Regiment of Bersaglieri/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Caccia nei Birch [sic]/ Clara/ Mario/ Inghilterra/ Firenze/ 3 Agosto/ 1875/ Anni 25/ 1325/ N&Q 159. Clara Arabella Caccia, b. Birch, ob. 3 Aug 1875, a. 25. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B11D/ B48/ 1316/ CARLO CUONZ/ SVIZZERA/ ALLA CARA MEMORIA/ DI/ CARLO CUONZ/ DI / FERNEZ GRIGIONE/ 1316

Proviene dalla regione svizzera di lingua romancia.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1875. Ambito toscano. Lastra incisa con croce con bracci trifogliati e lettere capitali incise in lingua italiana, lastra spezzata e sporca. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 76.5 P: 176.; P.s. A: 4. L: 72.5 P: 174.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: ALLA CARA MEMORIA/ DI/ CARLO CUONZ/ DI / FERNEZ GRIGIONE/ 1316/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Cuonz/ Carlo/ Niccola/ Svizzera/ Firenze/ 19 Maggio/ 1875/ Anni 27/ 1316. See also Kuonz. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B11D/ B49/ 1309/ LILLIAS ROSS/ SCOZIA/ ERETTO ALLA CARA MEMORIA DI LILLIAS ROSS. FIGLIA DI ANDREW ROSS, BALBLAIR, ROSSHIRE, SCOZIA. MORI' A FIRENZE IL 25 APRILE 1875. COLORO CHE DORMONO IN GESU'  PORTERANNO CON SE IL SIGNORE.

Il padre Andrew Ross era un grande proprietario terriero. Il fratello fondò una distilleria di whisky a Balblair. Il nome Lillias è frequente nella famiglia Ross. Le hanno eretto una tomba particolarmente bella.


 

Croce. Scultore: Giuseppe Bondi, Signature: G.BONDI.F. Sec. XIX, post 4/1875. Ambito toscano. Croce in  marmo su base a finte rocce in marmo ricoperte di vegetazione, iscrizione in lettere capitali e corsivo e numeri arabi in piombo, marmo molto sporco, posti su basamento in pietra serena, pietra serena erosa. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 180. L: 97. P: 62.5 ; P.s. A: 30. L: 103. P: 181.] Iscrizione in lingua inglese incisa in lettere capitali e non, e numeri romani: ERECTED/ IN LOVING REMEMBRANCE/ OF/ LILLIAS ROSS/ DAUGHTER OF ANDREW ROSS/ BALBLAIR ROSSHIRE SCOTLAND/ WHO DIED AT FLORENCE/ APRIL 25 1875/ 'Them also which sleep in Jesus/ will God bring with him.' [I Thessalonians 4.14]/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Ross/ Lillias/ Andrea/ Inghilterra/ Firenze/ 25 Aprile/ 1875/ Anni 30/ 1309/ N&Q 177. Lillias, d. of Andrew Ross of Balblair, Ross-shire, Scotland, ob 25 April 1875/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B12D/ B50/ 1304/ JOHN ASHTON/ INGHILTERRA. ALLA CARA MEMORIA DI JOHN ASHTON CHE MORI' A FIRENZE IL 5 APRILE 1875 ALL'ETA' DI 28 ANNI.

Sappiamo soltanto che è John Ashton, filgio di John Ashton.


 

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, 4/1875. Ambito toscano. Croce su base a finte rocce in marmo, marmo sporco, poggiante su basamento in pietra serena, lastra in pietra serena, recinto in ferro, intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitrescu, 2008. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 106. L: 53. P: 46.;.s. A: 29/18 L: 63/86. P: 56.5/183; R/M/Ferro: A: 46. L: 86. P:143.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi. TO THE BELOVED MEMORY OF/ JOHN ASHTON/ WHO DIED AT FLORENCE ON APRIL 5 1875 / IN HIS 28TH YEAR/ R.I.P./ Records, Guildhall Library, London: GL Death 04/04 Burial 06/04 Rev Tottenham, Hotel de Rome/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 38. Ashton/ Giovanni/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 5 Aprile/ 1875/ Anni 28/ 1304/ N&Q 178. John Ashton, ob. 5 April 1875, a. 28. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B12D/ B51/ 1285/ HUGH JOHN DIGBY WINGFIELD DIGBY/ 
INGHILTERRA. ALLA CARA MEMORIA DI HUGH JOHN DIGBY NATO A MENTON, FRANCIA IL 2 GENNAIO 1867. MORI' A FIRENZE IL 14 DICEMBRE 1874. TUO E' IL POTERE E LA GLORIA.

Ha sette anni e sembra che abbia vissuto per tutta la sua vita all'estero. Nacque a Menton e morì a Firenze. E' parente del Capitano John Digby Wingfield del Castello di Sherborne che nacque nel 1832 e morì nel 1888 lasciando una figlia.


 

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1874. Ambito toscano. Monogramma di Cristo 'JHS' a rilievo in lettere capitali al centro di una croce in marmo su base in marmo, iscrizione in lettere capitali e numeri arabi in piombo, recinto in pietra serena con colonnini e finte corde in ferro, per la maggior parte mancanti. [M: A: 104. L: 65. P: 58.5 ; P.s. A: 64. L: 88. P: 181.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN LOVING MEMORY OF/ HUGH JOHN DIGBY WINGFIELD DIGBY/ BORN AT MENTON FRANCE JAN 2 1867/ DIED AT FLORENCE DEC 14 1874/ THINE IS THE POWER AND THE GLORY [Daniel 7.14; Matt.6.13]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Hug John Digby Wingfield, l'Angleterre, fils de Richard/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 477 Burial 17/12 Rev Tottenham, via Luigi Alemanni, 21/ Morning Post, 'diphtheria'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Digby-Wingfield/ Ugo Giovanni/ Riccardo/ Inghilterra/ Firenze/ 14 Dicembre/ 1874/ Anni 7/ 1285/ See Wingfield/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
 
B13D/ B52/ 1265/ SARAH ISABELLA (SHELTON) ALLBUTT/ INGHILTERRA/IN MEMORIA DI SARAH ISABELLA VEDOVA DEL DEFUNTO THOMAS ALLBUTT EX RETTORE DI DEBACH, SUFFOLK, INGHILTERRA. LEI MORI' A FIRENZE IL 13 MAGGIO 1874 DOPO UNA BREVE MALATTIA. COLUI CHE VIVE NELL'AMORE, VIVE IN DIO E DIO IN LUI.

NDNB: Sir Thomas Clifford Allbutt, inventore del termometro clinico, figlio del Rev. Thomas Allbutt ma con madre diversa, Mary Anne Woolerche che morì nel 1843. Sarah Allbutt era la seconda moglie del padre? Il figliastro non è riuscito a trovare la sua pietra tombale e, quindi, ha ordinato una pietra più piccola per sostituirla.




Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, 5/1874. Ambito toscano. Cippo in marmo con croce, ghirlanda intorno alla traversa della croce, monogramma di Cristo JHS a rilievo, marmo sporco, posto su basamaneto in pietra serena, recinto in marmo. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 175. L: 85.5 P: 36.; P.s. A: 26. L: 87. P: 38,5 Recinto/M: A: 29 L: 88. P: 176.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF SARAH ISABELLA/ WIDOW OF THE LATE THOMAS ALLBUTT MA SOME/ TIME RECTOR OF DEBACH IN SUFFOLK ENGLAND WHO/ DIED AT FLORENCE MAY 13 1874 AFTER A SHORT ILLNESS/ HE THAT DWELLETH IN LOVE/ DWELLETH IN GOD AND GOD IN HIM [I John 4.16]/ [Also inscribed on two sides of small replacement plaque:] SARAH ISABELLA ALLBUTT/ DIED MAY 13TH 1874/ 1265/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Sarah Isabela Allbutt, l'Angleterre, fille de Thomas Shelton/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 468, via Palestro, 7/ Pall Mall Gazette/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 18. Allbutt nata Shelton/ Vedova Sara Isabella/ di Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 13 Maggio/ 1874/ Anni 59/ 1265 +/ NDNB and Times entries for the physician Sir Thomas Clifford Allbutt, son of the Rev. Thomas Allbutt, rector of Debach cum Boulge, Suffolk, was born at Dewsbury on July 20, 1836. but who has a different mother., Marianne, née Wooler/ N&Q 179. Sarah Isabella, wd. of the late Thomas Allbutt, Rector of Debach, ob. 13 May 1874/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13D/ B53/ 1259/
JAKOB FEDERER/ SVIZZERA/ . . . GELIEBTEN/ GATTEN UND FATER/ JAKOB FEDERER/ . . .

La sua salma è stata traslata a San Remo ma la pietra tombale esiste ancora. E' uno svizzero di lingua tedesca.



Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1874. Ambito toscano.Croce con bracci trifogliati e due basi in  pietra, lettere capitali incise in lingua tedesca, recinto con colonnini in marmo. [M: A: 13.6 L: 50. P: 36.; R/MF. A: 66. L: 89. P: 180.] Iscrizione sepolcrale in lingua tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: . . . GELIEBTEN/ GATTEN UND FATER/ JAKOB FEDERER/ . . . / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jacques Federer, Suisse, fils de Henri Federer/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Federer/ Giacomo/ Enrico/ Svizzera/ Firenze/ 13 Aprile/ 1874/ Anni 42/ 1259/ Spedito S. Remo 27.iv.1911. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 

B14D/ B54/ 1258/ AGNES/JANET (CAMERON) MACKINTOSH/ SCOZIA/ SACRA ALLA MEMORIA DI AGNES CAMERON,MOGLIE DI ALEXANDER MACKINTOSH TEANINICH ROSSHIRE, SCOZIA. NATA IL 28 MARZO 1844 MORI' IL 7 APRILE 1874. UN ANGELO DELLA PROVVIDENZA, TUTTA LA SUA VITA ERA AMORE.

Altrove si chiama Janet Cameron. Andò in India assieme al marito. Dopo la sua morte egli si risposò con Lilian Rogers. La famiglia aveva cinque domestici. Per il loro unico figlio superstite, Ewart  Alan Mackintosh, ucciso nella Prima Guerra Mondiale, vedi John Murray, Christ Church, Oxford, Aprile, 1918
http://beck.library.emory.edu/greatwar/poetry/mackintosh/mackintosh2005/

 

Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, 4/1874. Ambito toscano. Croce trifogliata e basamento inciso in lettere capitali e numeri arabi, recinto con quattro colonnini in marmo scanalati, finte corde annodate in ferro battuto.  [M: A: 186.5 L: 61. P: 47.5.; R/M/ferro. A: 75. L: 84. P: 177.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF AGNES/ CAMERON WIFE OF ALEXANDER/ MACKINTOSH TEANINICH/ ROSSHIRE SCOTLAND/ BORN 28 MARCH 1844/ DIED 7TH APRIL 1874/ A MINISTERING ANGEL/ ALL HER LIFE WAS LOVE/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Madame Agnes Mackintosh, l'Ecosse/ Pall Mall Gazette/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Mackintosh nata Cameson [Cameron]/ Agnese/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 7 Aprile/ 1874/ Anni 29/ 1258/ N&Q 181. Agnes Cameron, w. of Alexander Mackintosh of Teaninich, Ross, Scotland, b. 28 March,1844 ; ob. 1 Ap., 1874/ See Cameson/°=Robert Russell. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14D/ B55/ 1254/
TIMOTHY HASKARD/ INGHILTERRA/ ALLA MEMORIA DI TIMOTHY HASKARD CHE VISSE A FIRENZE PER 30 ANNI. STIMATISSIMO E AMATO DA TUTTI QUELLI CHE LO CONOSCEVANO. LASCIO' QUESTA VITA IL 25 MARZO 1874 ALL'ETA' DI 66 ANNI. BENEDETTI SIANO I MISERICORDIOSI PERCHE'
AVRANNO MISERICORDIA.

Catherine Carswell: Lying Awake (Google Books), ci informa che era un marinaio, con una gamba sola, e mercante di lana. Attraversò le Alpi a piedi. Il figlio fondò , con successo, la Banca di Haskard. Timothy, insieme alla famiglia, era residente di lungo corso a Firenze. Avevano discendenti in Irlanda e in Australia. Il nipote da parte del nonno
F83/ WILLIAM FRANCIS RAM HASKARD
è sepolto nel Settore F.

 

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1874. Ambito toscano. Monumento in marmo di forma 'ohalim' rettangolare a punta di diamante con apice longitudinale inciso in lettere capitali in lingua inglese e numeri arabi poggiante su basamento in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 52. L: 70. P: 167.; P.s. A: 40. L: 88. P: 185.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: TO THE MEMORY OF/ TIMOTHY HASKARD/ FOR 30 YEARS RESIDENT IN FLORENCE./ MUCH ESTEEMED AND BELOVED BY ALL WHO KNEW HIM/ DEPARTED THIS LIFE ON THE 25TH MARCH 1874/ IN HIS 66TH YEAR// BLESSED ARE THE MEEK FOR THEY SHALL/ INHERIT THE EARTH/ BLESSED ARE THE MERCIFUL FOR THEY SHALL/OBTAIN MERCY S..MATTHEW V.5-7V/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Timoteo Haskard, l'Angleterre, fils de Thomas Haskard/ Records, Guildhall Library, London: Marriage GL23773/4 N° 40 13/07/39 Timothy Haskard to Elizabeth Martin at HBM (Fox), Rev Tennant (F49); Baptisms children William Thomas GL2377 N° 63 b 01/11/43 bp 25/02/44, Rev Robbins (E101); Georgina GL23774 N° 109 b 16/02/45 bp 25/01/46 father Timothy mother Elizabeth, Rev Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Haskard/ Timoteo/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 25 Marzo/ 1874/ Anni 66/ 1254/ N&Q 183. Timothy Haskard, 40 yrs. resident in Florence, of). 25 March, 1874, a. 66/ Webbs, materials on descendants including a marriage to Giorgio Vicino Pallavicino. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B14D/ B56/ 1257/ CATHERINE (STRAITH) MACDONALD/ SCOZIA. IN MEMORIA DI CATHERINE STRAITH, VEDOVA DEL TENENTE COLONNELLO ROBERT MACDONALD, EX DEI ROYAL SCOTS. MORI' A FIRENZE. CHE DIANO A NOI BENEDETTI SONO I MORTI CHE TEMONO IL SIGNORE DICE LO SPIRITO.  CHE POSSANO RIPOSARE DAGLI SFORZI E CHE LE LORO OPERE LI SEGUANO .

Questa vedova militare scozzese sembra abbia deciso di vivere una vita frugale a Firenze. Forse il padre era un medico di Aberdeen.

 

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1874. Ambito toscano. Monumento in marmo di forma rettangolare con apice longitudinale inciso in lettere capitali in lingua inglese posto su basamento in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 52. L: 70. P: 167.; P.s. A: 40. L: 88. P: 185.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri romani: IN MEMORY/ OF/ CATHARINE STRAITH/ WIDOW OF LT COLONEL ROBERT MACDONALD/ LATE OF ST ROYAL SCOTS LATTERLY/ DIED AT FLORENCE . . . // . . . WHICH GIVE TO US . . .  BLESSED ARE THE DEAD WHO FEAR THE LORD/ YEA, SAITH THE SPIRIT/ THAT THEY MAY REST FROM THEIR LABOURS AND THEIR WORKS DO FOLLOW THEM. REV. IV [4.13]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Catherine Mac-Donald, l'Ecosse, fille de Alexandre Straith/ Pall Mall Gazette, widow of Lieut-Colonel Robert MacDonald, formerly of the Royals, CB/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Macdonald nata Straith/ Vedova Caterina/ Alessandro/ Inghilterra/ Firenze/ 3 Aprile/ 1874/ Anni 80/ 1257/ N&Q 182. Catharine Straith, wid. of Lieut.-Col. Robert Macdonald, C.B.,of 1st Royal Scots and 35th Regt,.06. 3 Ap.,1874. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 


Ora andate in cima per trovare:
 
B18E/ B57/ 1313/ CONRADO RATCLIFFE STEWART ENNIS ROMOLO NERUCCI/ INGHILTERRA/ITALIA/ AL FIGLIOLINO DILETTO/ CONRADO RATCLIFFE NERUCCI/ FILIPPO PRESTO RAPIDO ALLA VITA/ QUESTA MEMORIA/ POSERO LAGRIMANDO I GENITORI/ GHERARDO NERUCCI DA PISTOIAL/ E / FANNY CAROLINA CHAMBERS DA LONDRA/ NACQUE AL MONTALE IL 23 DI DI MAGGIO DEL 1872/ ET IVI MORI DI DIPTERITE IL 3 DI DI MAGGIO DEL 1875/ IL SIGNORE HA DATO IL SIGNORE HA TOLTO/ SIA BENEDETTO IL NOME DEL SIGNORE/ 1313

Vedi Wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Gherardo_Nerucci Gherardo Nerucci, uno studioso e patriota, è il padre di questo bambino italo-inglese di tre anni che muore di difterite. Gherardo era amico di Domenico Comparetti (la moglie del quale è sepolta nel Settore C, (C18/ ELENA RAFFALOVIC COMPARETTI) e Vittorio Imbriani. Gherardo e la moglie inglese Caroline Chambers, insieme al secondogenito, sono sepolti al Cimitero degli Allori.

 

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1875. Ambito toscano. Croce in marmo a finto tronco d'albero, poggiante su base a finte rocce in marmo, non molto sporco, cippo con lettere capitali incise posto su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena, pietra serena erosa, quattro colonnini e ferro non superstiti [M: A: 122. L: 50. P: 26.; P.s. A: 24. L: 66. P: 42: Recinto: A: 25. L: 98. P: 166; Totale: A: 146. L: 93. P: 166.] Iscrizione sepolcrale in lingua italiana incisa in lettere capitali e numeri arabi: AL FIGLIOLINO DILETTO/ CONRADO RATCLIFFE NERUCCI/ FILIPPO PRESTO RAPIDO ALLA VITA/ QUESTA MEMORIA/ POSERO LAGRIMANDO I GENITORI/ GHERARDO NERUCCI DA PISTOIAL/ E / FANNY CAROLINA CHAMBERS DA LONDRA/ NACQUE AL MONTALE IL 23 DI DI MAGGIO DEL 1872/ ET IVI MORI DI DIPTERITE IL 3 DI DI MAGGIO DEL 1875/ IL SIGNORE HA DATO IL SIGNORE HA TOLTO/ SIA BENEDETTO IL NOME DEL SIGNORE [Job 1.21]/ 1313/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 484 nr Pistoia, Burial 12/05, Rev Tottenham; Baptism G23775 N° 221 b 23/05/72 bp 16/06/72, Conrado Radcliff Stewart Ennis Romolo, father Gherardo gentleman, Villa di Malcalo nr Pistoia, mother Fanny Chambers  Rev Tottenham; sibling G23775 N° 255 Gherardo Radcliff George Martin b 19/11/77 bp 30/12/77 Rev Tottenham/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Nerucci/ Conrado Rotcliffe/ Gherardo/ Italia/ Firenze/ 3 Maggio/ 1875/ / 1313. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B17E/ B58/ 464/
KALIMA NADEZHDA DE SANTIS/ NUBIA/RUSSIA/

Kalima,  una schiava nera nata in Nubia, fu portata a Firenze nel 1827 all'età di 14 anni. La sua libertà fu comprata dallo zio di Rossellini della spedizione Champollion-Rossellini. Ella fu battezzata “Nadezhda” -Speranza in una famiglia russo-ortodossa e morì “Signorina” a Firenze. La sua tomba è l'unica nel Cimitero che porta una croce ortodossa perché gli svizzeri non permettono  croci che non siano latine. La croce russo-ortodossa ha la terza barra inclinata che significa la Salvezza del Ladro Buono e la Dannazione alla Crocefissione del Cattivo Ladro. L'iscrizione sulla tomba è in cirillico e racconta la sua storia. Vicino a lei si trova la  tomba di Hiram Powers,
B32/ HIRAM POWERS, lo scultore della Schiava Greca, in parte nativo americano. E' altrettanto vicino alla tomba di Hope Hayward (B93/ HOPE HAYWARD, 'OUR HOPE', La Nostra Speranza, mentre nel Settore E troviamo la grande statua della Speranza di Odoardo Fantacchiotti, E25/ SAMUEL REGINALD ROUTH. Nadezhda simboleggia lo spirito del Cimitero, l'abolizione della schiavitù, la fine dell'impiego di bambini nelle miniere e nelle fabbriche, la liberazione delle donne e la liberazione delle nazioni.Una storia molto simile si trova con  F53/ HENRIETTA MARIA HAY, la madre greca Kalitza Psaraki fu catturata dai turco ottomani nella Guerra d'Indipendenza Greca e poi comprata nel mercato degli schiavi da un egittologo scozzese, Robert Hay. Si sposarono nel 1828 a Malta. La morte a 38 anni di Kalima si verifica nello stesso anno del Crystal Palace Exhibition a Londra al centro del quale era bene in mostra la “Schiava Greca” di Hiram Powers.

     
Rosellini and Champollion Expedition to Egypt and Nubia

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1851. Ambito toscano. Croce ortodossa in marmo, basamento in marmo inciso in cirillico, buono stato di conservazione, non molto sporco. [M: A: 155. L: 63. P: 40. ; P.s. A: L: P: Totale: A: 155. L: 63. P: 40.] Iscrizione sepoclrale in cirillico e numeri arabi: De Santis, Kalima Nadezda Epitaffio: 'Zdes' pokoitsja telo/ negritjank Kalimy/ vo Sv. Kresenii Nadezdy/ privezennoj vo Florenciju/ iz Nubii v 1827 godu/ Primi mja Gospodi/ vo Carstvie Tvoe'/Qui giace il corpo nella negretta Kalima, nel Santo/ Battesimo chiamata Nadezda (Speranza) portata a Firenze dalla Nubia nel 1827, Accoglila Signore nel Tuo Regno/ Talalay: 27.8.1851, N°464, RC/ Informazioni in cirillico/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Desantis (Speranza [=Nadezda])/ Kalinna/ / Russia/ Firenze/ 25 Agosto/ 1851/ Anni 38/ 464. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B17-18E-F/ B59/ 648/
ROBERT VINCENT THURBURN/ EGITTO/ SACRO ALLA MEMORIA DI ROBERT VINCENT THURBURN. NATO IN EGITTO IL 9 FEB. 1813 E MORTO NELLA SUA VILLA A FIRENZE L'11 OTT. 1858.

Questa tomba di un inglese pone in evidenza la sua nascita in Egitto e la sua villa fiorentina, facendo sì che quest'angolo del Cimitero è nubiana/egizio e fiorentino.



 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1858. Ambito toscano. Lastra in marmo spezzata, marmo sporco, poggiante su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con quattro colonnini ora mancanti. [M: A: 2. L: 64. P: 137.; P.s. A: 20. L: 70. P: 144: Recinto A: 29. L: 100. P. 203. Totale: A: 29. L: 100. P: 203.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa con lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ ROBERT VINCENT THURBURN/ BORN IN EGYPT ON THE 9 FEBRUARY 1813 AND/ DIED IN HIS VILLA AT FLORENCE/ ON THE 11TH OCTOBER 1858/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Robert Vincent Thurburn, Angleterre/ Q 321 478 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 256 Burial 12/10 Rev O'Neill/ marriage G23774no102 Robert Vincent Thurburn to Vittoria Lybert at HBM (Bulwer). Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Thurburn/ Roberto Vincenzo/ / Inghilterra/ Firenze/ 11 Ottobre/ 1858/ Anni 43/ 648. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B17E/ B60/ 289/
JENNY (MOREL) WALTON/ SVIZZERA/INGHILTERRA/ ICI REPOSE JENNY WALTON NEE MOREL/ CHARITABLE BONNE MERE ET TENDRE EPOUSE/ AIMEE DE TOUS CEUX QUE ON CONNUE/ CONSOLATRICE DES AFFLIGES/ DECEDEE A FLORENCE LE 14 JUIN 1844/ NEE A GENEVE LE 14 DECEMBRE 1811/ SON AFFECTIONNE EPOUX GEORGE WALTON/ ET SON FILS LOUIS POSERANT/ PAR RECONAISSANCE ET AVEC BIEN DES LARMES/ 289

Proviene da Ginevra nella Svizzera francofona. Sembra che il marito George Walton sia inglese mentre il figlio porta un nome francese, Louis. Sul retro di questa lapide Daniel-Claudiu Dmitrescu ha trovato un'altra iscrizione a un'altra moglie svizzera alla quale, successivamente, fu eretta una tomba più grandiosa nel Settore C, C85/ LOUISE THOMEQUEX. Si trova insieme al marito. Dal riciclo si presume che la famiglia Walton era povera o che lo scalpellino li abbia imbrogliati.She is French-speaking and from Geneva, her husband, George Walton, appears to be English, their son Louis being given a French name. On the back of this stone Daniel Claudiu Dumitrescu found another inscription to another Swiss wife who later has a grander tomb in Sector C, , with her husband's. From the recycling we gather that either this family was poor or the stonemason cheated them.

 


Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1844. Ambito toscano. Lastra in marmo spezzata incisa con lettere capitali in lingua francese e numeri arabi poggiante su basamante in pietra serena. Consolidata da Daniel-Claudiu Dumitrescu, 7/2011, per scoprire che il retro era la lastra di Louise Thomequex, N° 123.  Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 70. P: 100. ; P.s. A: 8. L: 87. P:  119; Totale: A: 10. L: 87. P: 119.] Iscrizione sepolcrale in lingua francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ICI REPOSE JENNY WALTON NEE MOREL/ CHARITABLE BONNE MERE ET TENDRE EPOUSE/ AIMEE DE TOUS CEUX QUE ON CONNUE/ CONSOLATRICE DES AFFLIGES/ DECEDEE A FLORENCE LE 14 JUIN 1844/ NEE A GENEVE LE 14 DECEMBRE 1811/ SON AFFECTIONNE EPOUX GEORGE WALTON/ ET SON FILS LOUIS POSERANT/ PAR RECONAISSANCE ET AVEC BIEN DES LARMES/ 289/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Dame Jenny Marie Walton, née Morel, Genève, agé de 34 ans/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Walton/ Giovanna/ / Svizzera/ Firenze/ 14 Giugno/ 1844/ / 289. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 


B17E/ B61/ 276/
CHARLES EDWARD/ALEXANDER? LUSHINGTON/ INGHILTERRA/ IN MEMORIAM/ CAROLI ODOARDI LUSHINGTON/ ANNO AETATIS XXX/ AD MDCCCXLIV/ 276

1839 – Charles Alexander Lushington m. Sarah, vedova del defunto William Camac Esq., morto nel 1837. Sarà imparentato con Sir Henry Lushington, Console britannico a Napoli che vi fondò il Cimitero Acattolico? In questo Cimitero si trova la tomba di Mary Sommerville, lontana dal marito che si trova qui nel Settore E,
E29/ WILLIAM SOMERVILLE. I suoi nomi di battesimo hanno un suono giacobiano sebbene i Lushington si trovano per lo più nelle Contee di Sussex e Middlesex.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1844. Ambito toscano. Lastra spezzata e interrata su sostegni in pietra. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 68. P: 136.; P.s. A: 14. L: 80. P: 160.] Iscrizione sepolcrale in latino incisa in lettere capitali e numeri romani: IN MEMORIAM/ CAROLI ODOARDI LUSHINGTON/ ANNO AETATIS XXX/ AD MDCCCXLIV/ 276/ GL 23774 N° 59 age 30, London, Burial 20-01, Rev. Robbins (E101)/ m. Sarah Camac at All Souls, St Marylebone, London/ Morning Post, Gentlemans Magazine, giving name as Charles Alexander Lushington/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Lushington/ Carlo Alessandro/ / Inghilterra/ Firenze/ 19 Gennaio/ 1844/ / 276/ N&Q 170. Charles Edward Lushington, ob. 1844, a. 31. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

  ***


B16E/ B62/ 382/
GIACOMO SALOMONI/ SVIZZERA/ D.O.M/ ALLA MEMORIA/ DI/ GIACOMO SALOMONIS/ LAPIDE POSERO FIGLI DOLENTISSIMI

Proviene da una zona di lingua romancia e ha un caffè a Firenze. Rimpianto dai figli. Vedi  anche B126/ GASPERO N. SALOMONI



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1848. Ambito toscano. Lastra in marmo incisa in lingua italiana in lettere capitali, marmo sporco, presenza di crepe, posta su quattro sostegni in marmo poggianti su basamento in pietra serena. Possibile intervento di consolidamento. [M: 2.A: L: 65. P: 128.; P.s. A: 19. L: 71. P: 136. Totale: A: 21. L: 71. P: 136.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali: D.O.M/ ALLA MEMORIA/ DI/ GIACOMO SALOMONIS/ LAPIDE POSERO FIGLI DOLENTISSIMI/  Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jacques Salomoni (Giacomo), Sent, Canton des Grisons, en Suisse, Domicilié a Florence, Cafetier, fils de Nicolas Salomoni, et de Anne, née Salomoni, sa femme/ Q 196: 175 Paoli/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Salomoni/ Giacomo/ / Svizzera/ Firenze/ 1 Gennaio/ 1848/ / 382/ [marginal note]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16E/ B63/ 908/
COLONELLO ARTHUR HELSHAM GORDON/ INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI ARTHUR  HELSHAM GORDON,NEL SERVIZIO DI SUA MAESTA. MORI’ A ORVIETO MENTRE TORNAVA A CASA IL 12 MAGGIO 1863, ALL’ETA’ DI 84 ANNI.
SERVÌ’ SOTTO WELLINGTON NELLE CAMPAGNE PENISOLARI. PER OTTO ANNI  COMANDO’ IL 5°  GUARDIE DRAGONI DELLA PRINCIPESSA CHARLOTTE DEL GALLES, ANDÒ IN PENSIONE COME COLONNELLO DELLE GUARDIE DEI GRANATIERI.


Un partecipante nelle battaglie peninsolari contro Napoleone. Servì nella Penisola dal settembre del 1811 al giugno del 1813. ADC al generale Maggiore Ponsonby dal novembre del 1812 al maggio del 1818; Maggiore del  5° Dragoni l' 8 aprile 1813; Tenente Colonnello l’8 febbraio 1816. Morì a Orvieto mentre stava tornando a casa.

 

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1865. Ambito toscano. Tomba forma 'ohalim' orizzontale a punta di diamante in pietra serena, pietra serena erosa, scolpita con croce a relievo nella parte retrostante, incisa in lettere capitali e numberi arabi, due dei quattro colonnini del recinto superstiti, ferro mancante. [P.s. A: 60. L: 178. P: 63; R: A: 66. L: 206. P: 68.5] Iscrizione sepolcrale incisa in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ COLONEL ARTHUR HELSHAM GORDON OF H.R.M'S SERVICE/ HE DIED AT ORVIETO ON THE WAY HOME 12 MAY 1865 AGED 84 YEARS// HE SERVED UNDER WELLINGTON IN THE PENINSULAR CAMPAIGNS/ COMMANDED THE 5TH OR PRINCESS CHARLOTTE OF WALES'S DRAGOON GUARDS 8 YEARS/ AND RETIRED FROM THE ARMY AS/ COLONEL IN THE GRENADIER GUARDS/  Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: le Colonel G. Gordon, l'Angleterre/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 287.55/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 22.40/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 358, Burial 15/10, Rev Pendleton, Colonel of 5th Dragoon Guards, at Waterloo/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Gordon/ Colonn: G/ / Inghilterra/ Firenze/ 12 Maggio/ 1865/ Anni 84/ 908. N&Q 167, Col. Arthur Helsham Gordon of H.R.M.'s service, ob. at Orvieto 12 May 1865, a. 84. He served uder Wellington in the Peninsula campaigns, commanded the 5th Dragonn Guards, 8 yrs, and retired as Colonel in the Grenadier Guards. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See waterloo.html


B16E/ B64/ 275/ WILLIAM WANSEY/
INGHILTERRA/ H.S.E/ GULIELMUS WANSEY ANGLUS/ FILIUS NATI MAJOR/ GULIELMI ET MARIE WANSEY/ NATUS LONDINI// HERE ARE INTERRED THE REMAINS OF WILLIAM WANSEY JUNIOR/ OF LONDON/ ELDEST SON OF WILLIAM AND MARY WANSEY/ BORN IN LONDON 13TH OCTOBER 1811/ DIED AT FLORENCE 28TH DECEMBER 1843/ AGED 32 YEARS

Troviamo diverse contraddizioni nei necrologi riguardanti l’indirizzo a Londra di questo giovane. Sul Web troviamo: “C’è ancora una famiglia di nome Wansey che vive a Warminster nel Wiltshire fin dal regno di Enrico Ottavo. Henry Wansey esq. F.S.A. era un conosciutissimo antiquario dell’ ultima generazione, autore di un’opera su Stonehenge, e coadiutore di Sir Richard Colt Hoare, il cui nome si trova in quella parte di History of Modern Wiltshire che contiene i cento di Warminster, foglio 1831. Suo nipote  William Wansey Esq. (ex di Arborfield, vicino a Reading e ora Bognor). Membro della Società di Antiquari (eletto nel 1833 e ha servito come Custode Primario nella Campagna dei Pescivendoli di Londra” Saranno i  nostri Wansey?



Colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1843. Ambito toscano. Colonna spezzata posta su uno zoccolo in marmo poggiante su due basamenti in pietra serena, pietra serena erosa. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 148. L: 48.5 P: 48.5 ; P.s. A: 29. L: 63. P: 63; Recinto: A: 62. L: 86. P: 203; Totale: A: 197. L: 86. P: 203.] Iscrizione sepolcrale in latino e lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: H.S.E/ GULIELMUS WANSEY ANGLUS/ FILIUS NATI MAJOR/ GULIELMI ET MARIE WANSEY/ NATUS LONDINI// HERE ARE INTERRED THE REMAINS OF WILLIAM WANSEY JUNIOR/ OF LONDON/ ELDEST SON OF WILLIAM AND MARY WANSEY/ BORN IN LONDON 13TH OCTOBER 1811/ DIED AT FLORENCE 28TH DECEMBER 1843/ AGED 32 YEARS/ Records, Guildhall Library, London: GL23774 N° 57 Burial 30/12 Rev Robbins (E101)/ Times, Bristol Mercury, Gentlemans Magazine/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Wansey/ Guglielmo/ / Inghilterra/ Firenze/ 28 Dicembre/ 1843/ Anni 32/ 275/ N&Q 171. William, born at London 13 Oct 1811, elder s. of Wm. and Mary Wansey, ob. 28 Dec 1843, a. 32. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16E/ B65/ 268/
EDWARD PORTEUS/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI EDWARD PORTEUS ESQ. VICE ISPETTORE GENERALE DEGLI OSPEDALI MILITARI DI SUA MAESTA’. NIPOTE DEL DEFUNTO REV. RETTORE BEILBY PORTEUS, EX VESCOVO DI LONDRA. LASCIO’ QUESTA VITA A FIRENZE IL 12 SETT. 1845 ALL’ETA’ DI 68 ANNI. QUESTO MONUMENTO ALLA MEMORIA DI UN MARITO AFFETTUOSO, UN BUON PADRE E UN AMICO CAPACE, VIENE ERETTO DALLA VEDOVA INCONSOLABILE DOMENICA E L’UNICO FIGLIO SOPRAVVISSUTO, GEORGE.// P.BAZZANTI.F
 
Lo zio di questo partecipante alla Battaglia di Waterloo, il Vescovo di Londra, Beiby Porteus, di famiglia scozzese, era della Virginia. Un anglicano profondo oppositore dello schiavismo.
Wikipedia http://en.wikipedia.org/wiki/Beilby_Porteus. Questa tomba è stata distrutta dai vandali ma è stata restaurata e pulita da Daniel-Claudiu Dumitrescu e Nicolai Ovrei.


           

Scultore, P. Bazzanti, firma:
P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 9/1845. Ambito toscano. Tomba con lastra in marmo scolpita con croce a rilievo, poggiante su quattro lastre verticali in marmo, un fianco inciso con stemma e lettere capitali in lingua inglese e numeri arabi, ora danneggiato e discosto, le quattro lastre sono poste su basamento in pietra serena, recinto con quattro colonnini, ferro mancante. Intervento di restauro conservativo, Alberto Casciani, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010. Fondi da parte del Waterloo Committee. [M: A: 8. L: 120. P: 58; lastre verticali in marmo: A: 37 L.108 X 2; A: 37 L: 42 X 2; R A: 76. L: 153. P: 232.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ EDWARD PORTEUS ESQRE DEPUTY INSPECTOR GENERAL OF ARMY HOSITALS IN H.B. MAJESTY'S SERVICE/ NEPHEW TO THE LATE RIGHT REVD RECTOR BEILBY PORTEUS/ LATE BISHOP OF LONDON DEPARTED THIS LIFE  AT FLORENCE/ ON THE 12 SEPT 1845 AGED 68 YEARS/ THIS MONUMENT TO THE MEMORY OF AN AFFECTIONATE HUSBAND A GOOD FATHER AND AN ABLE FRIEND/ IS ERECTED BY HIS DISCONSOLATE WIDOW DOMENICA AND SURVIVING ONLY SON GEORGE/ P.BAZZANTI.F/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 54: Burial 14-09, Rev F. Goddard officiates, Robbins (E101) attests; Marriage G23773/4 N° 6 04/02/34 Edward Porteus to Dominica Schirroni at HBM (Seymour), groom deputy inspector general of army hospitals, Rev Hutton/ See waterloo.html. Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Porteus/ Eduoardo/ / Inghilterra/ Firenze/ 12 Settembre/ 1843/ Anni 68/ 268/ N&Q 172. Edward Porteus, Esq. Dep. Director of Army Hospitals, nephew to Right Rev Dr Beilby Porteus, Bishop of London, ob. 12 Sept 1843. Erected by his wd. and his only s. Goerge. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.
See waterloo.html



B14E/ B66/ 651/ HENRY GOUSSE BONNIN/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI HENRY GOUSSE BONNIN PER 30 ANNI UN UFFICIALE NELL'ESERCITO DI SUA MAESTA', VICE APPRIVVIGIONATORE. NATO A LONDRA IL 27 LUGLIO 1775. MORI' A FIRENZE IL 18 NOV. 1858. QUESTO MONUMENTO ALLA MEMORIA DI UN MARITO AFFETTUOSO, UN BUON PADRE E UN AMICO PREZIOSO, FU ERETTO DALLA SUA VEDOVA.

La famiglia era franco-ugonotta. Jane Bonnin scrive: Henry Gousse Bonnin discende da Goussé Bonnin il chirurgo http://www.bonnin.co.uk/genealogy/gousse_bonnin_surgeon.php Il figlio di Goussé, Henry, era un mercante nelle Antigua e un importante mercante di schiavi. Il figlio di Henry (un altro Goussé), fu mandato a scuola in Inghilterra. Andò a Eton quindi la famiglia doveva essere molto benestante. Successivamente si sposò con Dorothy Palmer, la figlia di Sir Charles Palmer Bt. Henry convinse Sir Charles A dargli del denaro cosicché lui e il suo socio potessero fondare la prima fabbrica di porcellana americana a Philadelphia. La fabbrica fece bancarotta dopo circa 18 mesi e Henry ritornò in Inghilterra dove nacquero i suoi figli. L'intera famiglia si trasferì in Europa dove la vita era più a buon mercato che in Inghilterra. Henry Gousse,  suo figlio, nacque in Inghilterra. Non conosco molto al suo riguardo a parte il fatto che si sposò con Charlotte Ede e morì a Firenze. Il figlio William Wingfield nacque a Livorno all'incirca nel 1820 e sembra che svolse diversi lavori, incluso l'agente di assicurazioni per una compagnia inglese desiderosa di lavorare in Italia. Ritornò a vivere in Inghilterra e morì all'incirca nel 1901. Il figlio si chiama William Wingfield Bonnin. La vedova Charlotte Ede, che forse conta due parenti nel Cimitero, C48/DENZIL EDE e E111/CHARLES EDE proveniente dalla Cornovaglia, C48/ DENZIL EDE and E111/ CHARLES EDE, from Cornwall.

 

Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1858. Ambito Toscano. Lastra con angoli curvilinei scolpita con una croce, marmo sporco, posta su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 12. L: 66. P: 143.; P.s. A: 20. L: 74. P: 153.5 R/p.s.: A: 55. L: 102.5 P: 203.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali in piombo e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ HENRY GOUSSE BONIN/ FOR NEARLY 3O YEARS AN OFFICER/ IN H.R.M. SERVICE/ DEPUTY PERVEYOR [sic]/ BORN IN LONDON 27 JULY 1775/ DIED AT FLORENCE 18TH NOV 1858/ THIS MONUMENT TO THE MEMORY/ OF AN AFFECTIONATE HUSBAND/ A GOOD FATHER AND VALUABLE/ FRIEND IS ERECTED BY HIS WIDOW/ Henri G. Bonnin, Angleterre/ I: 1852-1859 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Paoli 632/ Q 327 343 Paoli/ Records, Gyuildhall Library, Rev O'Neill, 'decay'/ Morning Chronicle, Morning Post, late Deputy-Purveyor of HM's forces/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 152. Bonnin/ Enrico G/+/ / Inghilterra/ Firenze/ 18 Novembre/ 1858/ Anni 83/ 651/ N&Q 166. Henry Gousse Bonnin, 50 yrs an officer in service, deputy Purveyor, b. in London, 27 July 1775, ob. 18 Nov 1858. Erected by his widow. Webbs, marries Charlotte Ede, son William Wingfield Bonnin marries twice, (1) Frances Fisher, (2) Margaret Jane Pillans, information on spouse, children, relations with Wingfield, Broughton, Shields. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

715E/ B67/ 1256/ JOHN WITHEM/
INGHILTERRA/ IN MEMORY OF JOHN WITHEM ESQ/ OF WIMBLEDON SURREY/ WHO DIED IN FLORENCE/ ON THE 29 DAY OF MARCH 1874/ AGED 76 YEARS// 1236

Un altro inglese piuttosto anziano di cui sappiamo poco.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1874. Ambito toscano. Lastra in marmo (marmo molto sporco) incisa in lettere capitali in lingua inglese poggiante su basamento in pietra serena. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 15. L: 73. P: 172.; P.s. A: 19. L: 67. P: 168.; R: A: 40. L: 109. P: 200.] Iscrizione in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF JOHN WITHEM ESQ/ OF WIMBLEDON SURREY/ WHO DIED IN FLORENCE/ ON THE 29 DAY OF MARCH 1874/ AGED 76 YEARS// 1236/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jean Withem, l'Angleterre, fils de Jean Withem/ Records, Guildhall Library, Rev Tottenham, viale Principessa Margherita, 82/ Pall Mall Gazette, of Pall Mall East/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Wethem/ Giovanni/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 30 Marzo/ 1874/ Anni 76/ 1256/+ / N&Q 172, John Withem, Esq., of Wimbledon, Surrey, ob. 29 Mar 1874, a. 76. See Wethem. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 


B14E/ B68/ 769/
REAR ADMIRAL EDWARD AUGUSTUS FRANKLAND/ INGHILTERRA/ SACRED/ TO THE MEMORY OF/ REAR ADMIRAL/ EDWARD AUGUSTUS FRANKLAND/ WHO DIED AT FLORENCE/ 2 JANUARY 1862/ AGED 67 YEARS/ BELOVED AND REGRETTED
SACRO ALLA MEMORIA DEL CONTRAMMIRAGLIO EDWARD AUGUSTUS FRANKLAND. MORI' A FIRENZE IL 2 GENN. 1862 ALL'ETA' DI 67 ANNI. AMATO E RIMPIANTO.

Esiste una biografia nel John Marshall, Royal Naval Biography, Or Memoirs of the Services of all the Flag Officers, accessibile su Google Books. Molti membri della famiglia facevano parte della Marina Militare. Sembra che non si sia mai sposato.


 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1875. Ambito toscano, lastra in marmo incisa in lettere capitali e numeri arabi, basamento in pietra serena frammentato, in origine colonnini in pietra serena e ferro. Possibile  intervento di consolidamento su lastra e colonnini. [M: A: 2. L: 645. P: 130.; P.s. A: 19. L: 73.5 P: 142.R: A: 50. L: 102. P: 203.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ REAR ADMIRAL/ EDWARD AUGUSTUS FRANKLAND/ WHO DIED AT FLORENCE/ 2 JANUARY 1862/ AGED 67 YEARS/ BELOVED AND REGRETTED/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Le Contre Amiral Edouard Auguste Frankland, l'Angleterre/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Paoli 585 + Paoli 40/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 304, Burial 04/01, Rev O'Neill, 'hypertrophy of heart'/ Morning Post, Nottinghamshire Guardian, second son of the late Rev R Frankland, of Somerset, by a sister of Admiral Lord Colville'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Frankland/ Edoardo Augusto/ / Inghilterra/ Firenze/ 2 Gennaio/ 1861/ Anni 67/ 769/ N&Q 165. Rear-Admiral Edward Augustus FRankland, ob. 2 Jan 1861, a. 67. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14E/ B69/
272/ ANTHONY DENNY/ IRLANDA/INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI ANTHONY DENNY ESQ. DI BARHAM WOOD NEL HERTS. QUARTO FIGLIO DEL REV. MAYNARD DENNY DELLA CORTE DI KERRY IN IRLANDA E GENERO DEL DEFUNTO AMMIRAGLIO COLLINGWOOD DI HEATHPOOL. LASCIO' QUESTA VITA A FIRENZE IL 19 OTT. 1843 ALL'ETA' DI 56 ANNI. RIMPIANTO DALLA SUA FAMIGLIA E GLI AMICI. IL SIGNORE HA DATO E IL SIGNORE HA PORTATO VIA. BENEDETTO SIA IL NOME DEL SIGNORE.

Il suocero di Anthony Denny, Il Vice Ammiraglio Collingwood, era il secondo in commando a Trafalgar fino alla morte di Nelson del quale era molto amico. Le lettere di Nelson cominciarono sempre con, “Mio caro Coll”. Chiese che la discendenza del suo titolo nobiliare  passasse anche alle sue figlie, Sarah e Mary Patience, ma gli fu negato. Il marito di Sarah prese il nome di Collingwood mentre Mary sposò Anthony Denny e morì nel 1822, undici anni prima di lui. Lord Collingwood si trova sepolto accanto a Nelson nella Cattedrale di San Paolo a Londra. Vedi anche
D25/ HARCOURT POPHAM, Settore D. Fra le tombe perse negli anni c'è quella di Emma Carew, la sorellastra di Horatia Nelson.


 

Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti, Firma: P.BAZZANTI.F  Sec. XIX, post 10/1843. Ambito toscano. Sarcofago in marmo scolpito con corona d'alloro, nastri, fiori, lettere capitali in lingua inglese e numeri arabi, marmo sporco, basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con quattrocolonnini, ferro andato perduto. Possibile intervento di ripristino su recinto e colonnini e di pulitura sul marmo. [M: A: 75.5 L: 121. P: 48.6; P.s. A: 43. L: 137.4 P: 64; Recinto: A: 77.5 L: 199.5 L: 96.7] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ ANTHONY DENNY ESQ OF BARNHAM WOOD/ IN THE COUNTY OF HERTS FOURTH SON OF THE/ REVD MAYNARD DENNY IN THE COUNTY OF KERRY/ IRELAND AND SON-IN-LAW TO THE LATE/ ADMIRAL LORD COLLINGWOOD OF HEATHPOOL/ WHO DEPARTED THIS LIFE AT FLORENCE/ ON THE 19TH OF OCTOBER 1843 IN THE 56TH YEAR OF HIS AGE/ DEEPLY REGRETTED BY HIS FAMILY AND FRIENDS/ THE LORD GAVE AND THE LORD HATH TAKEN AWAY/ BLESSED BE THE NAME OF THE LORD [Job 1.21]/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 56: Barham Woods Herts, 4th son of Rev Maynard Denny Co Kerry, Age 55, Burial 22-10, Rev Robbins (E101)/ Jacksons Oxford Journal/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Denny/ Antonio/ / Inghilterra/ Firenze/ 19 Ottobre/ 1843/ Anni 56/ 272/ Collingwood, Popham, Carew, cemetery's connections to Lord Nelson/ N&Q 174. Anthony Denny, Esq., of Barnham Wood, 4th s. of Rev Maynard Denny, co. Kerry, son-in-law to the late Admiral Collingwood, ob. 19 Oct 1843, a. 56/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B14E/ B70/ 902/ CARL JOHANN FRIEDRICH VON GULICH/ GERMANIA/ CARL JOHANN FRIEDRICH WILHELM/ VON GULICH AUS OSNABRUCK/ GEBOREN D. 21 OCTOBER 1788/ GESTORBEN D. 16 APRIL 1865/ 902

Osnabruck si trova nella Bassa Sassonia. Non conoscendo il nome del padre o altre informazioni, sappiamo poco di lui.

 

Lastra.Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1865. Ambito toscano. Lastra in marmo, lastra spezzata con lettere capitali incise in lingua tedesca, basamento in pietra serena, anch'esso spezzato. Possibile intervento di consolidamento e pulitura su lastra e base. [M: A: 2. L: 60. P: 121; P.s. A: 19. L: 70. P: 128.] Iscrizione sepolcrale in lingua tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: CARL JOHANN FRIEDRICH WILHELM/ VON GULICH AUS OSNABRUCK/ GEBOREN D. 21 OCTOBER 1788/ GESTORBEN D. 16 APRIL 1865/ 902/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Guillaume de Gélich, Osnabruck, rentier/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Paoli 200.55/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Gélich von/ Guglielmo/ / Germania/ Firenze/ 6 Aprile/ 1865/ Anni 79/ 902. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14E/ B71/ 860/
JULIA (AULICK) STOUT/ AMERICA/ SACRO ALLA MEMORIA DI JULIA (AULICK) STOUT CHE MORI' A FIRENZE IL 23 DIC. 1863 ALL'ETA' DI 42 ANNI. FIGLIA DEL COMMODORO J.H. AULICK DELLA MARINA STATUNITENSE E VEDOVA DEL TENENTE EDWARD C. STOUT DELLA MARINA STATUNITENSE. UN UFFICIALE PRODE CHE PERSE LA VITA SERVENDO LA SUA PATRIA. ALLA NOSTRA AMATA MADRE QUESTA LAPIDE E' RESTAURATA DALLE SUE FIGLIE NELL'OTTOBRE DEL 1879.

Una vedova militare della Guerra Civile Americana. Suo padre fu mandato da Daniel Webster, allora Segretario di Stato, a trattare col Mikado nel Giappone ma il piroscafo Susquehanna fece ritardo a causa della diplomazia a Rio de Janeiro e a Zanzibar e poi egli venne sostituito dall'Ammiraglio Perry. Il marito di Julia si trova nell'elenco del Lost and Wrecked Ships 1801-1941, p.71 (Navi Perse e Affondate).

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1863. Ambito toscano. Lastra in marmo incisa in lettere capitali e numeri arabi, basamento in pietra serena, intervento di restauro, 1879. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 5/2010. [M: A: 22. L: 67. P: 138.5; P.s. A: 21. L: 73.5 P:  141.5.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ JULIA A. STOUT/ WHO DIED AT FLORENCE/ DEC 23 1863/ AGED 42 YEARS/ DAUGHTER OF COMMODORE J.H. AULICK/ US NAVY/ AND/ WIDOW OF LIEUTENANT EDWARD C. STOUT/ US NAVY/ A GALLANT OFFICER WHO LOST HIS LIFE/ IN THE SERVICE OF HIS COUNTRY/ TO OUR BELOVED MOTHER/ THIS TABLET/ IS RESTORED BY HER DAUGHTERS/ OCT 1879/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Julie Aulick Veuve Stout, Washington, Amérique/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Stout (Aulick)/ Vedova Giulia/ / America/ Firenze/ 23 Dicembre/ 1863/ / 860/ N&Q 164. Julia A. Stout, d. of commodore J.H. Aulick, U.S. Navy, and wd of Lt Edward C. Stout, U.S. Navy, ob. 23 Dec 1863. Erected by her daughters. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13E/ B72/ 252/
MARIA STEVENS/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI MARIA STEVENS, NUBILE. NATA A LONDRA IL 12 APRILE 1823. MORI' DOPO LUNGA E DOLOROSA MALATTIA IL 6 DIC. 1842 ALL'ETA' DI 34 ANNI.

Maria Stevens, nubile, 34 anni di Pistoia.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1842. Ambito toscano. Lastra spezzata posta su basamento in pietra serena. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 68. P: 136.; P.s. A: 10. L: 78.5 P: 150.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY/ OF MARIA STEVENS/ SPINSTER/ WHO WAS BORN IN LONDON ON THE 12TH OF APRIL 1823/ AFTER A LONG AND PAINS[sic]ULL ILLNESS/ ON THE 6TH OF DECEMBER 1842/ AGED 34 YEARS/ Obituary, The Standard, Maria, second daughter of William Stevens, Esq, of Queen street Cheapside/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Stevins/ Maria / / Inghilterra/ Pistoia/ 6 Dicembre/ 1842/ Anni 34/ 252/ N&Q 175. Maria Stevens, spinster, b. in London, 12 Apr 1823, ob. 8 Dec 1842, a. 34. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13E-F/ B73/ 872/ MARCIA E. ROPES/ AMERICA/  MARC . . . WIFE OF/. . .ROPES / BORN IN . . ./ DIED IN FLORENCE . . ./ . . .
MARCIA MOGLIE DI . . . ROPES. NATA  A . . . MORI' A FIRENZE . . .

Probabilmente è la madre del bambino che si trova sotto e che ora viene sepolta qui. Joseph Ropes di Hartford. Connecticut era un architetto di giardini. Notes and Queries riporta questa tomba fra quella di Frances Trollope e quella di Julia Stout.

ROPES INFANT/ AMERICA/ 1856, 25 Juin, Un Enfant du sexe feminine née mort, fille de Joseph Ropes, de Hartford, Etat de Conecticut, Etats Unis de l'Amerique du Nord, et de Maria E. Ropes, sa femme/ I: 1852-1859 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Paoli 146/ Q 239: 80 Paoli.

Una bambina nata morta a una coppia americana, il padre un artista da Hartford, Connecticut.

   
Joseph Ropes, 'Lake Geneva'

Blocco in marmo in forma 'ohalim' a punta di diamante (molto sporco) iscrizione illeggibile salvo per 'MARC . . . WIFE OF/. . .ROPES / BORN IN . . ./ DIED IN FLORENCE . . ./ . . ./ iscrizione in lingua inglese illeggibile, posto su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena, le quattro colonne sono andate perdute. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 16. L: 58. P: 117.; P.s. A: 24. L: 55. P: 104. R: A: 28. L: 177. P: 86.]/ Marcia Ropes, l'Amerique, agée de 39 ans/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Francs 331.75/ Ropes/ E./ / America/ Firenze/ 17 Luglio/ 1864/ Anni 39/ 872/ +. N&Q 163. Marcia Eliz. Sewall, w. of Joseph Ropes, b. in Bath, Maine, U.S.A., 1 July 1825, ob. in Viareggio 17 July 1864/

B13E/ B74/ 310/
GIACOMO BISENZI/ SVIZZERA/ QUI RACC . . . SI/ LE SPOGLIE/ DI GIACOMO BISENZI/ NATO IN ZENEERSE/ MORTO IN FIRENZE LE 22 GIUGNO 1845/ IN ETA DI ANNI 67/ IL FIGLIO IN MEMORIA/ Q M O

Sarebbe un pasticciere svizzero di lingua romancia.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1845. Ambito Toscano. Lastra in marmo spezzata, marmo sporco, Possibile intervento di consolidamento e pulitura. [M: A: 2. L: 67.5. P: 137.; P.s. A: 19. L: 73. P: 143.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: QUI RACC . . . SI/ LE SPOGLIE/ DI GIACOMO BISENZI/ NATO IN ZENEERSE/ MORTO IN FIRENZE LE 22 GIUGNO 1845/ IN ETA DI ANNI 67/ IL FIGLIO IN MEMORIA/ Q M O/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jacques Bisenzi, Zernete dans le Canton des Grisons, Pastissier/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 132. Bisenz/ Giacomo/ / Svizzera/ Firenze/ 22 Luglio/ 1845/ / 310. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B12E/ B75/ UNKNOWN/ IGNOTA/ SACRED TO THE MEMORY/ OF /
SACRO ALLA MEMORIA

Lastra in marmo danneggiata all'angolo destro in alto (parte mancante), marmo sporco e intaccato dai licheni, iscrizione illeggibile, posta su basamento in pietra serena.
Possibile intervento di pulitura. [M: A: 13,5 L: 65.5 P: 137.5.; P.s. A: 16.5 L: 73.5 P: 142.5: ] Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

 


B12E/ B76/ 1079
/ ANDREA CASENTINI/ ITALIA/ AL DILIGENTE E STUDIOSO GIOVANE/ ANDREA DI MARIANO CASENTINI/ CARO A TUTTI PER DISTINTE VIRTU'/ CHE NATO IN LONDRA/ IL 14 MARZO 1853/ ERA TOLTO ANZI TEMPO ALLA VITA/ IN QUESTA CITTA'/ IL 2 FEBBRAJO 1870/ DESOLATI PADRE E FRATELLO/ QUESTA COMMEMORATIVA PIETRA/ ESPRESSIONE DI AFFETTO E DOLORE/ PIETOSAMENTE PONEVANO// INVENZIONE DEL PADRE/ E.ITA. DA G. LAZZERINI

A questo giovane italo/inglese viene eretta una tomba magnifica commissionata dal padre, il Prof. Giuseppe Lazzerini di Carrara. Recentemente è stata restaurata da Eleonora Gioventù dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze e messa in mostra al Castel Sant'Angelo a Roma.

  
 

Scultura. Scultore: Giuseppe Lazzerini, Firma: INVENZIONE DEL PADRE/ E[SEGU]ITA. DA G. LAZZERINI. Sec. XIX, post 2/1870. Ambito toscano. Allegoria della Morte, scheletro in marmo con teschio bendato, con la falce recide gigli e papaveri, marmo sporco con presenza di crosta nera, posta su piedistallo inciso con l'iscrizione sepolcrale, a sua volta poggiante su basamento scolpito con una croce in pietra serena, pietra serena erosa. In restauro, Opificio delle Pietre Dure, 2009-2010. [M: A: 340. L: 90. P: 210.; P.s. A: 55. L: 90. P: 210.] Iscrizione sepolcrale incisa in lingua italiana in lettere capitali e numeri arabi: AL DILIGENTE E STUDIOSO GIOVANE/ ANDREA DI MARIANO CASENTINI/ CARO A TUTTI PER DISTINTE VIRTU'/ CHE NATO IN LONDRA/ IL 14 MARZO 1853/ ERA TOLTO ANZI TEMPO ALLA VITA/ IN QUESTA CITTA'/ IL 2 FEBBRAJO 1870/ DESOLATI PADRE E FRATELLO/ QUESTA COMMEMORATIVA PIETRA/ ESPRESSIONE DI AFFETTO E DOLORE/ PIETOSAMENTE PONEVANO/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Andrea Casentini, Italia, fils de Mariano Casentini/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 443/ Freeman, 225/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Casentini/ Andrea/ Mariano/ Italia/ Firenze/ 2 Febbraio/ 1870/ Anni 17/ 1079/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ Trizzino, Corso di Restauro dei Monumenti, pp. 63-67/ Tesi, Eleanora Gioventù, Opificio delle Pietre Dure, 2010/ Mostra, Castel Sant'Angelo, 2011. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU.


B
11-12E/ B77/ 399/ HENRIETTE MAURIN/ SVIZZERA/ . . . GIT/ HENRIETTE MAURIN/ . . .

Probabilmente è valdensiana.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1849. Ambito toscano. Lastra in marmo, marmo molto sporco, presenza di crepe, lastra incisa in lettere capitali, poggiante su basamento in pietra serena. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 69. P: 138; P.s. A: 17. L: 84. P: 150.] Iscrizione sepolcrale in lingua francese incisa in lettere capitali: . . . GIT/ HENRIETTE MAURIN/ . . . / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henriette Morin, Suisse, Vevey Canton de Vaud./ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Maurin/ Enrichetta/ / Svizzera/ Firenze/ 10 Marzo/ 1849/ / 399. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B12E/ B78/ 245/ HELEN SKENE/ SCOZIA/IN MEMORIA DI MISS HELEN SKENE, FIGLIA DEL DEFUNTO GEORGE SKENE DI RUBISLAW, SCOZIA. MORI' A FIRENZE IL 20 LUGLIO 1842.

Helen Skene non si sposò mai e morì nubile a Firenze. The Webbs riporta che sua sorella Catherine si sposò il Dr. Kissock di Edimburgo. Loro figlia, la nipote di Helen, Janet Jardine Kissock, è sepolta nel Cimitero Protestante a Roma. I domestici del Dr. Kissock si trovano fra le “tombe perse”.
JOHN LOCKE BOOTH/ INGHILTERRA/ GL 23773/4 N° 46, age 12 1/2, son of widow Booth, late servant to Dr Kissock, Burial 31-01, Rev. Hutchinson/ Booth/ Giovanni/ / Inghilterra/ Firenze/ 31 Gennaio/ 1836/ Anni 14/ 133/
He is twelve and a half or fourteen, the son of a widow who was formerly servant to the Scottish Dr Kissock. Small wonder there is no extant tomb.

HENRY FIELDS/ IRLANDA/ Henri Fields, Angleterre, ancien Palfrenier/ agé de soixante-quatorze ans/ I: 1852-1859 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Paoli 230/ GL23777/1 N°182, age 64, Burial 13/01, Rev O'Neill; see below for marriage/ Fields/ Enrico/ / Inghilterra/ Firenze/ 11 Gennaio/ 1853/ Anni 74/ 497/
He is from Down, Ireland.

ELIZABETH (BOOTH) FIELDS/ INGHILTERRA/ Elisabeth Fields, l'Angleterre/ Indigente/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 77.55/ GL23777/1 N°326, Burial 26/05, Rev FHS Pendleton; 2nd marriage GL23773/4 N° 22 17-11-36 Henry Fields to Elizabeth Booth at HBM, groom, Down Ireland, bride, 'widow of Florence', Rev Henry Hartopp Knapp; burial of husband 11/01/53//  Fields/ Elisabetta/ / Inghilterra/ Firenze/ 24 Maggio/ 1863/ Anni 80/ 832/
Her second husband was Irish, she a Florentine widow at her marriage to him. She is buried a pauper.
    
Earlier George Skene of Rublislaw, 1706

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1842. Ambito toscano. Lastra in marmo spezzata poggiante su basamento in pietra serena, marmo sporco. Possibile intervento di consolidamento e pulitura. [M: A: 2. L: 70. P: 137.5 ; P.s. A: 18.5 L: 76. P: 149.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF MISS HELEN SKENE DAUGHTER OF THE LATE GEORGE SKENE OF RUBISLAW IN SCOTLAND WHO DIED IN FLORENCE ON THE 20 DAY OF JULY 1842/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 35: called 'Ellen', Burial 22-07, Rev H. Gipps Vicar of Corbridge Northumberland/ Caledonian Mercury/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Skene/ Elena/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Luglio/ 1842/ Anni 75/ 245/ N&Q 176. Miss Helen Skene, d. of the late George Skene, of Rubislaw, Scotland, ob. 29 July 1842. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.

B10-11E/ B79/ 330/ WILLIAM GEORGE FRANCKLIN/ INGHILTERRA/ WGPWASBORN&DIEDFEB221846
NATO E MORI' IL 22 FEBBRAIO 1846.

Questo bambino visse soltanto per 2 ore. Lo scalpellino ha scolpito erroneamente le sue iniziali.

 

Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1846. Ambito toscano. Croce in marmo orizzontale, marmo sporco, adagiata su lastra in pietra serena, iscrizione sul basamento in pietra serena, pietra serena sporca. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 2. L: 34.5 P: 75.; P.s. A: 13. L: 49. P:  86.5.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: WGP[Sic]WASBORN&DIEDFEB221846/ GL 23774 N° 92: William George Francklin, s of Rev William Francklin and Maria Penelope, Burial 24-02, Rev Robbins (E101); baptism, Records, Guildhall Library, London: GL23774 N°111 22/02, Rev Francklin. Private baptism by father at birth, Robbins (E101) burying him/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Franklin/ Guglielmo Giorgio/ / / Firenze/ 22 Febbraio/ 1846/ Ore 2/ 330. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.  


B11E/ B80/ 849/
FRANCES (MILTON) TROLLOPE/
INGHILTERRA/ FRANCESCAE TROLLOPE/ QUOD MORTALE FUIT/ HIC IACET/ . . . / MEMORIA/ NULLUM MARMOR QUAERIT/ APUD STAPLETON/ IN AGRO SOMERSET ANGLORUM/ A.D. 1780 NATA/ FLORENTIAE/ TUMULUM A.D.1863/ NACTA EST

Riportai in “Iron Chain, Gold Ring”: Il 28 dic. 1827 la nave Edward salpò dal porto di Londra per il porto di New Orleans. A bordo si trovavano Frances Trollope 40, Cecilia Trollope 10, Henry Trollope 14, tutti inglesi. Frances Wright  un'americana associata con  Lafayette,  e August Hervieu 23, francese. Frances Wright aveva invitato i Trollope a Nashoba dove aveva un insediamento per l'educazione degli schiavi neri. August Hervieu, un brillante giovane artista, era il tutore e compagno dei bambini. Insieme inoltre c'erano Hester Rust e William Abbott, i loro domestici. Spesso Hervieu dovette vendere le sue opere per darli da mangiare”. Nel Cincinnatti lei aveva commissionato dal giovane principiante scultore B32/ HIRAM POWERS una statua della Commedia di Dante.
Il Pastore Luigi Santini scrisse della sua presenza a Firenze: “Era una matriarca di un clan di scrittori; lei, due figli e due nuore, arrivò a Firenze con il figlio Thomas Adolphus nel 1843. Andarono ad abitare in Piazza Santa Croce. Divenne subito amica dei Notabili di Corte e la comunità britannica. Nel 1849 traslocò, insieme al figlio e la nuora Theodosia Garrow, in una piccola casa, il Villino Trollope in Piazza Barbano, ora Indipendenza. Si dedicò al teatro, organizzò la vita sociale degli anglo-fiorentini e scrisse in maniera molto proficua. La casa divenne un luogo d'incontro e punto di riferimento per gli scrittori come Charles Dickens, Thomas Hardy e Thackeray. La biografia del figlio, What I Remember (Londra 1887), è una splendida finestra sulla città di Firenze, cosmopolita e acculturata.

    
Auguste Hervieu                Villino Trollope             

Stele. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1863. Ambito toscano. Stele in marmo incisa in lettere capitali in lingua latina e numeri arabi, marmo sporco, posta su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con quattro colonnini spezzati. Intervento di pulitura, Alberto Casciani/ Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010.  [M: A: 162. L: 87. P: 51.; P.s. A: 20. L: 96. P: 60; R: A: 38: 198. P: 83.] Iscrizione sepolcrale in latino incisa in lettere capitali e numeri arabi: Iscrizione sepolcrale in latino incisa in lettere capitali e numeri arabi: FRANCESCAE TROLLOPE/ QUOD MORTALE FUIT/ HIC IACET/ . . . / MEMORIA/ NULLUM MARMOR QUAERIT/ APUD STAPLETON/ IN AGRO SOMERSET ANGLORUM/ A.D. 1780 NATA/ FLORENTIAE/ TUMULUM A.D.1863/ NACTA EST/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Françoise Veuve Trolloope, l'Angleterre, fille de Revd. Guillaume Milton, et de Marie, née Gressley, son épouse/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 337 Burial 08/10 Age 84 Rev Pendleton/ Hampshire Advertiser, Morning Post, relict of Thomas Anthony Trollope, Esq, barrister-at-law/ Maquay Diaries, EBB Letters/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Trolloape [Trollope] nata Milton/ Vedova Francesca/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 6 Ottobre/ 1863/ Anni 84/ 849/ On the Trollopes in Florence, see Giuliana Artom Treves, Golden Ring, passim/ Thomas Adolphus Trollope writes the Latin of the inscriptions for his mother, his wife, his father-in-law; Thomas Adolphus Trollope, What I Remember, I & II/ N&Q Francisca Trollope, b. at Stapleton, Somt, 1780, ob. 1863. (In Latin.)/ NDNB entries for Trollopes, etc/*=Dennis Looney. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.
See ironchain.html, http://www-florin.ms/gimel CBV.html#Ayres, Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU.


B11E/ B81/ 1380/ FRANCES BROOKE/ IRLANDA/ 1380

La sua tomba,  con la lapide ormai rotta, si trova fra quelle di Frances e Theodosia Trollope. Aveva già sepolto il padre John Brooke, nel Settore A (A30), venticinque anni prima. Cent'anni fa Notes and Queries riporta che abitava a Casa Gandelli in Piazza Soderini.

JOHN BROOKE/ IRELAND / 191. Brooke/ Giovanni / /Inghilterra/ Firenze/ 17 Ottobre/ 1852/ Anni 82/ 491/ John Brooke, Angleterre/ / GL23777/1 N°1780, Rev Gilbert/ SACRO ALLA MEMORIA DI JOHN BROOKE DI DUBLINO. LASCIO' QUESTA VITA A FIRENZE IL 22 OTT. 1852 ALL'ETA' DI 82 ANNI. L'ULTIMO TRIBUTO DELLA FIGLIA.

    

Lastra in marmo spezzata, posta tra le tombe dei Trollope, marmo sporco, iscrizione illeggibile e il ' N° 1380 inciso trova questa corrispondenza nei documenti d'archivio, posta su basamento in pietra serena.
Possibile intervento di pulitura. [M: A: 2.5 L: 58. P: 128.; P.s. A: 21. L: 67. P: 136.] GL23777/1, Rev Tottenham, Daughter to John Brooke, Casa Gandelli, Piazza Soderini/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 190/ Brooke/ Fanny/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 1 Febbraio/ 1877/ Anni 77/ 1380 / [Tombstone illegible, identified only by number 1380]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B
10E/ B82/ 236/ SIR THOMAS SEVESTRE/ INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI SIR THOMAS SEVESTRE . . .BART/CHE . . .

Cavaliere dell'Ordine Portughese della Torre e della Spada in merito alla sua partecipazione, in veste di chirurgo, sulla nave Confiano durante la cattura di Cayenne. Egli e Raffles fanno visita a Napoleone sull'isola di Sant''Elena. Thomas Adolphus Trollope  in What I Remember II 146-147, descrive Sir Thomas Sevestre come un vecchio chirurgo dell'esercito chiamata a Bagni di Lucca per assistere un duellante morente.
 

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/182. Ambito toscano. Lastra scolpita con croce a rilievo, iscrizione quasi illeggibile, poggiante su quattro sostegni in marmo. posti a loro volta su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena e colonnini scanalati (un colonnino mancante), ferro mancante. Possibile intervento di consolidamento e pulitura. [M: A: 4/18 L: 78. P: 151.; P.s. A: 13. L: 78.5 P: 151. R: A: 41. L: 144.5 P: 224.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ SIR THOMAS SE . . . BART/ WHO . . . / . . . / Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 31: Burial, 17-02, Rev Tennant (F49)/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Sevestre/ Tommaso/ / Inghilterra/ Firenze/ 15 Febbraio/ 1842/ / 236/ N&Q 160. Sir Thomas (Sevestre?) Kt, ob. 15 Feb 1842. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU

B10E/ B83/ 855/ LESTER BINGLY LESTER GARLAND/ INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI LESTER BINGLEY LESTER, UNICO E AMATISSIMO FIGLIO DI AUGUSTUS LESTER E CLEMENTINA MATILDA GARLAND. NACQUE IL 24 NOV. 1832 E LASCIO' QUESTA VITA IL 24 NOV. 1863 DOPO UNA MALATTIA DURATA QUASI DUE ANNI E MOLTA SOFFERENZA CHE HA SOPPORTATO CON UNA PAZIENZA E UNA RASSEGNAZIONE ESEMPLARE. LASCIA LA MADRE VEDOVA INCONSOLABILMENTE TRISTE. QUESTO MONUMENTO E' ERETTO DALLA MADRE CHE EGLI ADORAVA E CHE LO HA ASSISTITO DURANTE TUTTO IL LUNGO PERIODO DELLA SUA MALATTIA, NON LASCIANDOLO MAI NE' DI GIORNO NE' DI NOTTE. LA TOMBA ASSOMIGLIA A QUELLE CHE LEI ERESSE NEL CIMITERO DI LIVORNO ALLA MEMORIA DEL MARITO E DUE FIGLIE. E' UNA SEPARAZIONE CRUDELE MA SIA FATTO IL VOLERE DEL SIGNORE.

La tomba uguale di Augustus Lester e le due sorelle di Lester si trova a Livorno. La prima fotografia sotto ci è stata gentilmente concessa da Matteo Giunti dal “Old English Cemetery of Livorno”. Matteo Giunti è un membro attivo dell'Associazione”Livorno delle Nazioni” che sta cercando di salvare il cimitero  o la citta? dalla rovina e dalla misinterpretazione del passato. Ci si chiede se ci fosse rimasto qualcuno per erigere la tomba della madre di Lester oppure se è sepolta insieme a lui e non ci fosse nessuno per incidere il suo nome sulla lapide di marmo.
La stessa noncuranza si trova nel caso di Sophia Lagersvard (
B20). Troviamo, inoltre, famiglie separate fra il Cimitero degli Inglesi e il Cimitero degli Allori. Le tombe resistano questa separazione. Per esempio la tomba di Mary Spencer Stanhope (B10) rispecchia quella pre-raffaelita del padre, scolpita da lui, che si trova al Cimitero degli Allori.

    
Livorno                            Florence

Colonna. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1863. Ambito toscano. Colonna poggiante su sei gradini con quattro sfere tra il primo e il secondo. Possibile intervento di consolidamento e pulitura. [M: A: 154. L: 114. P: 114.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ LESTER BINGLEY LESTER/ THE ONLY AND MOST DEARLY BELOVED SON OF/ AUGUSTUS LESTER AND CLEMENTINA MATILDA GARLAND/ HE WAS BORN THE 24TH NOV 1832 AND DEPARTED THIS/ LIFE THE 24TH NOV 1863/ AFTER AN ILLNESS OF NEARLY TWO/ YEARS OF MUCH SUFFERING WHICH HE BORE/ WITH THE MOST EXEMPLARY PATIENCE AND RESIGNATION/ LEAVING HIS WIDOWED MOTHER IN THE MOST/ INCONSOLABLE GRIEF THIS MONUMENT IS ERECTED BY HIS MOTHER WHOM HE SO TENDERLY LOVED/ WHO ATTENDED HIM DURING THE WHOLE PERIOD OF HIS/ LONG ILLNESS NEVER LEAVING HIM NIGHT OR DAY/ IT IS LIKE THE ONE SHE ERECTED IN THE OLD/ ENGLISH BURIAL GROUND AT LEGHORN TO THE/ MEMORY OF HIS BELOVED FATHER AND TWO SISTERS/ IT IS A CRUEL SEPARATION/ BUT THE LORD'S WILL BE DONE [Matt. 5.7; 26.42; Luke 11.2]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Lester Bingley Garland, l'Angleterre, fils di Auguste Garland/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 354.59/ GL23777/1 N°339, Burial 20/11, Age 30 years 11 months, Rev Pendleton; Baptism GL20990 N° 66, 19/02/33, Rev Harvey, Ripoli/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Garland/ Lester Bingly/ Augusto/ Inghilterra/ Firenze/ 18 Novembre/ 1863/ Anni 33/ 855/ Obituary, Times/ Webbs, materials for marriage of parents, baptism of siblings in Livorno. His mother dies two years later: Clémentine Mathilde Garland, l'Angleterre/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 354.59/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 368, Death 20/11, Burial 21/11, age 61, widow of Augustus Garland, Death 18/03/39, qv Rev Pierce Connolly/ Garland/ Clementina Matilde/ / Inghilterra/ Firenze/ 19 Novembre/ 1865/ / 928/ N&Q Lester Bingley, only s. of Augustus Lester and Clementina Matilda Garland, b. 24 May 1831, ob. 19 Nov 1865. Erected by his widowed mother. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 


B
11F/ B84/ 1001/ CHARLES JOHN PROBY/
INGHILTERRA/ IN/ MEMORIAM CHARLES JOHN PROBY/ FOR SOME TIME/ H.B.M. VICE CONSUL/ IN FLORENCE/ OB. 4TH JANUARY 1868/ AET 52/ BLESSED ARE THE DEAD WHICH DIE IN THE LORD/ REV. XIV. [14.13]/ THERE THE WEARY BE AT REST/ JOB III.17/ 1001
INGHILTERRA/IN MEMORIA DI CHARLES JOHN PROBY PER UN CERTO PERIODO VICE CONSOLE A FIRENZE. MORI' IL 4 GENN. 1868. BENEDETTI SIANO I MORTI CHE MUOIANO NEL SIGNORE. LI'  STANCHI TROVERANNO RIPOSO.

Vice Console Britannico a Firenze. La moglie, Elizabeth (Chapman) Proby. Pubblica The Dennes of   Daundelyonn, Londra 1859. Si trova sul Web. Perdono la figlia 945/ AMY ISABELLE PROBY poco prima della morte del padre.

945/ AMY ISABELLE PROBY/ INGHILTERRA/ Proby/ Amata Isabella/ Carlo/ Inghilterra/ Firenze/ 11 Luglio/ 1866/ Mesi 3/ 945/ Aimée Isabelle Proby, l'Angleterre, fille de Charles Proby, et de Elisabeth, née Chap[man?], son épouse/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 202.30.

Probabilmente è sepolta insieme al padre, il Vice Console Britannico a Firenze. Lei muore poco prima del padre all'eta' di tre mesi.
 

Obelisco.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1868. Ambito toscano. Obelisco in marmo, marmo sporco, posto su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena, colonnini spezzati e mancanti. Possibile intervento di consolidamento sulle colonne e pulitura sul marmo. [M: A: 127 L: 52.5 P: 52.5 ; P.s. A: 48. L: 60. P: 60.; R: A: 34. L: 152. P: 128.]  Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi: IN/ MEMORIAM CHARLES JOHN PROBY/ FOR SOME TIME/ H.B.M. VICE CONSUL/ IN FLORENCE/ OB. 4TH JANUARY 1868/ AET 52/ BLESSED ARE THE DEAD WHICH DIE IN THE LORD/ REV. XIV. [14.13]/ THERE THE WEARY BE AT REST/ JOB III.17/ 1001/  Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Charles John Proby, l'Angleterre, fils de Revd Charles Proby/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 353.72/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Proby/ Carlo Giovanni/ Carlo/ Inghilterra/ Firenze/ 4 Gennaio/ 1868/ Anni 52/ 1001/ Was unpaid Vice Consul 1863-1865, officially under Macbean at Leghorn. Post abolished 1865 when Embassy moved from Turin, Florence becoming capital of Italy/ N&Q 195. Charles John Proby, for some time H.B.M.'s Vice-Consul in Florence, ob. 4 Jan., 1868, a. 52. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B11E/ B85/ 904/
THEODOSIA (GARROW) TROLLOPE/ INGHILTERRA/ THEODOSIAE TROLLOPE/ T. ADOLFI TROLLOPE CONIUGIS/ QUOD MORTALE FUIT/ HIC IACET/ OBITUM EIUS FLEVERUNT OMNES/ QUANTUM AUTEM FIERI MERUIT/ VIR EUGUI SCRIPTORES/ SCIT SOLUS/ JOSEFE GARROW ARMr FILIA/ APUD TORQEY IN AGRORUM DEVON ANGLORUM NATA/ FLORENTIAE NOMEN AGENS LUSTRUM/ AD PLURES DIVINAE . . ./ MENSES APRILES A.D. 1865

Da ragazza invalida a Torquay aveva conosciuto Elizabeth Barrett, anche le invalidata con la tubercolosi.
Pastore Luigi Santini: “Arrivò a Firenze nel 1845 insieme al padre [
B108/ JOSEPH GARROW, sepolto vicino a lei], un bravo violinista, e la madre che entrò in amicizia con i vicini di casa, i Trollope, attraverso la reciproca amicizia che avevano con Charles Dickens. Theodosia si sposò con Thomas Adolphus Trollope e si trasferì in Piazza Barbano nel 1848. Era una scrittrice di talento, padroneggiava con maestria la lingua italiana e tradusse opere di Giusti e Giovanni Battista Niccolini. Era una sostenitrice dell'Indipendenza dell'Italia e pubblicò la storia della Rivoluzione Toscana nel Athenaeum. Thomas Adolphus Trollope, What I Rermember,11 150-159, 166-168 e cap. XVIII, la descrive come la nuova Corinne di Firenze; p. 171-173. Theodosia (T. Garrow sulla copertina). Tradusse la tragedia di Giovanni Battista Niccolini, Arnoldo di Brescia, pubblicata a Londra nel 1846 e, inoltre, History of the Tuscan Revolution. Elizabeth Skinner (C71), la sua domestica, viene menzionata nel testamento di Harriet Fisher il 10 luglio 1849. Scrisse: A Elizabeth Skinner domestica: la somma di 30 sterline, il mio orologio d'oro e qualsiasi capo di abbigliamento che non interessi a mia sorella. T. Garrow”. Questa sorellastra C77/ HARRIET THEODOSIA FISHER (GARROW) è sepolta nel Settore C insieme a C71/ ELIZABETH SHINNER, la loro domestica. Fra molte delle nostre tombe vediamo il grande affetto e rispetto che i “padroni” avevano per i loro domestici: CHARLES CROSBIE, A20 to MARY DUVALL, A80; the friends of the late WILLIAM READER, A23 to HENRY AUSTIN, E34; FRANCES (MILTON) TROLLOPE, B80, THEODOSIA (GARROW) TROLLOPE, B85, and HARRIET THEODOSIA FISHER (GARROW), C77, to ELIZABETH SHINNER, C71; ISABELLA BOUILLON LANZONI, D29, to ANNA ROFFY, C61SIR WILLIAM HENRY SEWELL, E58, to JAMES BANSFIELD, E59; Prince Demidoff to GEORGE FREDERIC WAIHINGER, E64; Rosina Buonarotti Simoni to MARY ANNE SALISBURY, F2. B42/ ISABELLA BLAGDEN
(in questo Settore B), si prende cura dell'orfana Pen Browning e poi di Bice Trollope quando le loro madri muoiono di tubercolosi. NDNB riporta per Theodosia Trollope, James Archibald Stuart-Wortley, il cui nipote sposò in prime nozze la figlia di Theodosia, Bice e in seconde nozze la figlia di Millais, Caroline. Vedi Garrow, Trollope, Shinner, Fisher e la fotografia del Villino Trollope sotto dove si trova questa lapide. Le iscrizioni in latino sulle tombe della madre,
B80/ FRANCES (MILTON) TROLLOPE, della moglie B85/ THEODOSIA (GARROW) TROLLOPE, e quella del suocero, B108/ JOSEPH GARROW.

  
               
Villino Trollope, Thomas, Fanny,    The day 13 April 1865/ died in this house/ Theodosia Garrovv-Trollope/ 
Bice, Theodosia                                  who wrote in English with an Italian spirit/ of the struggle and the triumph of Liberty

Stele. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 42/1865. Ambito toscano. Stele in marmo, marmo inciso in lettere capitali in latino e numeri arabi, marmo sporco, posta su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena con quattro colonnini spezzati. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 166. L: 86. P: 52.; P.s. A: 20. L: 95. P: 57. R:  A: 47.  L: 191. P: 85.]  Iscrizione sepolcrale in latino incisa in lettere capitali e numeri arabi: THEODOSIAE TROLLOPE/ T. ADOLFI TROLLOPE CONIUGIS/ QUOD MORTALE FUIT/ HIC IACET/ OBITUM EIUS FLEVERUNT OMNES/ QUANTUM AUTEM FIERI MERUIT/ VIR EUGUI SCRIPTORES/ SCIT SOLUS/ JOSEFE GARROW ARMr FILIA/ APUD TORQEY IN AGRORUM DEVON ANGLORUM NATA/ FLORENTIAE NOMEN AGENS LUSTRUM/ AD PLURES DIVINAE . . ./ MENSES APRILES A.D. 1865/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Theodosia Trollope, l'Angleterre/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 357 Burial 15/04 Age 46 Rev Pendleton; Marriage GL23774 N° 71+170/6 N° 71 03/04/48 Thomas Adolphus Trollope to Theodosia Garrow at HBM (Hamilton) bride d of Joseph Garrow, Devon, Rev Robbins (E101); Baptism of child GL23775 N° 219/40, Beatrice Catherine Harriet 05/05/53, father Thomas Adolphus Esq, mother Theodosia, Rev O'Neill/ Morning Post/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Trolloape [Trollope]/ Teodosia/ [Joseph Garrow]/ Inghilterra/ Firenze/ 12 Aprile/ 1865/ Anni 46/ 904/+/ Thomas Adolphus Trollope, What I Remember, II.150-159, 166-168, Chapter XVIII, pp. 171-173/ N&Q 196. Theodosiae Trollope | T. Adolphi Trollope conjugis | quod mortale fuit | hicjacet. | Obitum ejus fleverunt omnes | quantum autem fieri meruit | vir eheu superstes | scit solus. | Josefi Garrow, Arm. filia | apud Torquay inagro Devon Anglorum nata | Florentiae | nonum agens lustrum | ad plures abiit j 13 die mensis Aprilis, A.D. 1865/ NDNB entries for Theodosia Trollope, James Archibald Stuart-Wortley, whose grandson married first Theodosia's daughter, Bice, then Millais' daughter, Caroline/ See Fisher, Garrow, Trollope, Shinner. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.
See Olive Baldwin and Thelma Wilson, 'Tom Trollope's Mother-in-Law', garrows.html/ TAU



B11F/ B86/ 1356/
MARCELLINA E VETURIA VOTA/ GRECO/ GRECIA/ITALIA/ 1065 1356 QUI RIPOSANO LE DUE ANGIOLETTE/ MARCELLINA E VETURIA GRECO/ CHE INNANZI AI QUATTRO ANNI/ MORIRONO/ L'UNA A 29 MAGGIO 1869/ E L'ALTRA A 20 MAGGIO 1876/ LASCIANDO A I LORO VECCHIO GENITORE/ DESOLATI I DI CHE GLI SOPRAVANZERANNO/ ED ALLA MADRE LUTTO A PIANTO

Due bambini greci di circa 4 anni rimpianti dai genitori maturi d'età.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1876. Ambito toscano. Lastra in marmo, lastra spezzata e sporca. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 73.5 P: 45.; P.s. A: 15. L: 95. P: 56.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: 1065 1356 QUI RIPOSANO LE DUE ANGIOLETTE/ MARCELLINA E VETURIA GRECO/ CHE INNANZI AI QUATTRO ANNI/ MORIRONO/ L'UNA A 29 MAGGIO 1869/ E L'ALTRA A 20 MAGGIO 1876/ LASCIANDO A I LORO VECCHIO GENITORE/ DESOLATI I DI CHE GLI SOPRAVANZERANNO/ ED ALLA MADRE LUTTO A PIANTO/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 113/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Vota/Greco/ Voto/ Marcellina/ Antonio/ Grecia/Firenze/ 30 Ottobre/ 1869/Anni 4/1065//Greco/Vittoria/ Antonio/ / Firenze/ 21 Maggio/ 1876/ Anni 3/ 1356. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B12F/ B87/ 861/
RICHARD BRATTON ADAIR/
INGHILTERRA/ IN MEMORIA DI RICHARD BRATTON ADAIR. EX CAPITANO DEGLI ARTIGLIERI REALI. SI ADDORMENTO' IN GESU' IL 27 DIC. 1863 ALL'ETA' DI 42 ANNI.

Suo padre, Thomas Benjamin Adair morto nel 1849, era un Generale Maggiore nella Marina Reale, C:B: Servì con le truppe del “Alexander” sul Nilo. Era sposato con Sarah, la figlia dei Bratton di Shrewsbury. Avevano sei figli, tre maschi e tre femmine. Richard era il primogenito e Capitano negli Artiglieri Reali, morì nel 1863. Era sposato con Sophia, la figlia dei Steward.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, 12/1863. Ambito toscano. Intervento di restauro, Piero Marmi, anno 2000, lastra spezzata per la caduta di un cipresso, intervento di restauro, anno 2001, posta su basamento in pietra serena, colonnini recinto in pietra serena andati perduti. Possibile intervento di pulitura. [Dimensioni Marmo: Altezza: 46. Lunghezza: 68. Profondità: 144.; Pietra serena. A: 18. L: 72. P: 146 ; Recinto, p.s.: A: 25. L: 93. P: 186.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi, piombo e ottone mancanti: IN MEMORY OF/ RICHARD BRATTON ADAIR/ LATE CAPTAIN ROYAL ARTILLERY/ HE FELL ASLEEP IN JESUS/ ON THE 27TH DEC 1863/ AGED 42/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Richard Bratton Adair, l'Angleterre/ GL23777/1 N° 341, Rev Pendleton/ Times, Richard Bratton Adair, Captain, half-pay Royal Artillery, eldest son of the late Major-General Adair, C.B., Freeman's Journal, Hampshire Telegraph, Bury & Norwich Post/ 7. Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Adair/ Riccardo Bratton/ Inghilterra/ Firenze/ 26 Dicembre/ 1863/ Anni 43/ 861/ N&Q 197. Richard Bratton Adair, late Captain R. British Artillery, ob. 27 Dec., 1863, a. 43. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
 


B
12F/ B88/ 818/ CAPTAIN JAMES JOHNSTON McCLEVERTY/
INGHILTERRA/ IN MEMORIA DEL CAPITANO JAMES JOHNSTON McCLEVERTY C.D./R.N. MORI' IL 4 MARZO 1863 ALL'ETA' DI 52 ANNI. BENEDETTI SIANO I MISERICORDIOSI PERCHE' RICEVERANNO LA  MISERICORDIA.// F.GIOVANNOZZI.F.

Le sue navi si chiamavano “Poliphemus”, “Terrible” e “Cambrian” e navigavano nel Mediterraneo e nel Mar Nero durante la guerra di Crimea e successivamente nei mari delle Indie dell'Est e Cina. La sua tomba fu scolpita da Francesco Giovanozzo che, in seguito, scolpì anche la tomba di Elizabeth Barrett Browning dal disegno di Lord Leighton e commissionata dal Conte Cottrell e Robert Browning (
B8/ ELIZABETH BARRETT BROWNING). La tomba è scolpita da un unico blocco di marmo nella forma di un'ancora. Sia la tomba di Adair che quella di McCleverty furono distrutte  dalla caduta dei cipressi nel 2000. Successivamente furono riparate.

 

Scultore, Francesco Giovannozzi, Firma: F.GIOVANNOZZI.F. Sec. XIX, post 3/1863. Ambito toscano. Ancora legata con finta corda a una croce con bracci trifogliati poggiante su base a finte rocce scolpite in marmo, marmo eroso, a sua volta posta su basamento in pietra serena. Intervento di restauro conservativo Piero Marmi, 2000, danni causati dalla caduta di un cipresso. Intervento di  restauro,  2000, crollo nel 2010 e nuovo intervento di restauro. Intervento di restauro Alberto Casciani, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 176.5 L: 79.5 P: 73.; P.s. A: 55. L: 87.5 P: 150.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF/ CAPTAIN JAMES JOHNSTON M.CLEVERTY C.D./ R.N./ WHO DIED ON THE 4TH MARCH 1863/ AGED 52/ BLESSED ARE THE MERCIFUL/ FOR THEY SHALL OBTAIN MERCY [Matt. 5.7]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: James McCleverty, l'Angleterre, Capitaine de Marine, agé de 53 ans/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 321 Burial 03/03, Rev Ponton/ Inscription has him die day after burial!/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: MacCleverty/ Cap: Giacomo/ / Inghilterra/ Firenze/ 1 Marzo/ 1863/ Anni 53/ 818/ +/ N&Q 198. Capt. James Johnston McCleverty, C.B., R.N., 06. 1 March, 1863, a. 52/ See Cleverty. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

B12-13F/ B89/ 923/ HENRY YEAMES/
INGHILTERRA/ HENRY YEAMES MORI' A  BADEN IL 13 SETTEMBRE 1865.

Nacque e fu battezzato a San Pietroburgo, Russia il 21 agosto 1791. I genitori erano Henry Savage Yeames e Wilhemina. Henry sposò Adela Bastogi, sorella del banchiere Pietro Bastogi,lo zio del pittore vittoriano William Frederick Yeames che soggiornò da Henry a Firenze mentre seguiva un corso d'arte.
Diana Webb scrive: “Mi colpì il nome di Henry Yeames. Morì a Baden Baden nel settembre del 1865 all'età di 71 anni e fu portato a Firenze per la sepoltura. L'avevo trovato nei registri del Gabinetto Vieusseux e altrove e mi chiedevo se ci fosse qualche legame con il pittore del quadro, “And When Did You Last See Your Father?” (Quand'è l'ultima volta che hai visto tuo padre?). Trovai questo: John Lambe Yeames (1705-1787) costituì legami  duraturi in Russia quando era Ispettore della Marina Reale Russa. Suo figlio Henry Savage divenne Console-Generale del Mar Nero nel 1803 e morì nel 1819, quando il figlio gli succede. James era uno dei tre figli, gli altri erano Henry (credo sia nostro e il più grande) e William che faceva il mercante con la Russia. Nel 1842 James e la famiglia, anche William Frederick che nacque in Russia alla fine del 1835, vennero in Italia e soggiornarono a Firenze con il fratello Henry e sua moglie Adela. Questo è il nostro Henry e Adela è, niente meno, la sorella di Bastogi, un importante banchiere di Livorno che fece parte dei finanziatori delle ferrovie toscane e più tardi divenne Ministro delle Finanze nel Governo italiano. Sembra che Adela fosse una regina dei salotti nella società fiorentina. La famiglia lasciò Firenze per Venezia dove William senior morì pochi giorni o settimane prima della nascita del figlio più piccolo. In qualche modo tornarono in Russia ma successivamente si trovano in Germania. Nel 1852 vennero di nuovo in visita a Firenze ma questa volta il giovane William Frederick fu lasciato con gli zii per abitare da loro mentre studiava l'arte. Un libro di ricordi su di lui, scritto molto più tardi da un nipote, nomina alcune persone che incontrò mentre era a Firenze; Rossini, Mary Sommerville (
E29) ecc. Si trasferì a Roma per proseguire gli studi e successivamente tornò al Palazzo Yeames prima di fare ritorno in Inghilterra dove vivevano la madre, i fratelli e le sorelle. Si trovano nel Censimento del 1851. Il fratello più grande, Henry, continuò a fare il mercante con la Russia. Quindi sembra che Henry fosse uno di quei residenti “britannici” fiorentini che non nacque in Inghilterra e probabilmente non aveva mai messo piedi nelle Isole Britanniche, se non come visitatore, se l'avesse mai fatto.(Gli americani Horace Hall e il Cattolico Francis Sloane sono due esempi). Quindi, attraverso Henry esiste un legame col suo nipote William Frederick Yeames”.

  
William Frederick Yeames, 'And When Did You Last See Your Father?', 1878

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1865. Ambito toscano. Tomba in marmo con croce orizzontale in stile gotico poggiante su basamento in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 40. L: 67.5 P: 172.; P.s. A: 40. L: 75. P: 176.; R: A: 30. L: 106. P: 200.] HENRY YEAMES/ DIED AT B.BADEN THE 13TH SEPTEMBER 1865/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henri Yearnes, l'Angleterre/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 303.35/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 365 brought from Baden Baden, Burial 25/09 Rev Pendleton/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Yearnes/ Enrico/ / Inghilterra/ Baden Baden/ 13 Settembre/ 1865/ / 923/N&Q 213. Henry Yeames, ob. at Baden-Baden, 13 Sept., 1865, a. 71. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13-14F/ B90/ 1098/ MARGARET ANN REYNOLDS/
INGHILTERRA/

Un anno dopo la morte del marito la madre di Margaret si risposò con il Rev. Henry Greene (
A51). La tomba è stata distrutta dai vandali.

Croce in marmo spezzata, basamento e blocco in marmo con iscrizione illeggibile posta su pietra serena erosa, recinto in pietra serena, pietra serena erosa. Possibile intervento di ripristino..[M: A: 80. L: 37. P: 30.; P.s. A: 18. L: 48. P: 40.; R: A: 26. L: 86. P: 184.] Marguerite Reynolds, l'Angleterre, fille de Guillaume/ G23777/1 N° 423 Burial 28/06 Age 58, Rev Tottenham, 9 Piazza dell'Independenza/ Obituary, Times, the family from Liverpool/ Reynolds/ Margherita/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 25 Giugno/ 1870/ Anni 55/ 1098. Reynolds/ Margherita/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 25 Giugno/ 1870/ Anni 55/ 1098/ N&Q Margaret Ann Reynolds, ob. 25 June, 1870. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14F/ B91/ 991
/ FANNY (FISHER) BONNIN/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI FANNY, PER PIU' DI 23 ANNI L'AMATA MOGLIE DI WILLIAM WINGFIELD BONNIN ESQ. DI BUCKINGHAM STREET, THE STRAND, LONDRA. MORI' A FIRENZE IL 31 OTTOBRE 1867.

Fanny è la moglie del figlio di Henry Gousse Bonnin, William Wingfield Bonnin e la sorella di Eliza, la moglie di A73/ JAMES SHIELDS. L'anno seguente William Wingfield Bonnin si risposa con Margaret Jane Pillans a Firenze.

 

Sarcofago. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1867. Ambito Toscano. Sarcofago in marmo scolpito con violette, poggiante su basamento in pietra serena, pietra serena erosa, recinto in ferro, intervento conservativo sul ferro Daniel Dumitrescu, 2008. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 74. L: 156.5 P: 70.5; P.s. A: 35. L: 153. P: 72.; R/P.s/ferro: A: 43. L: 208. P: 113.5] [Pansies] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese entro tabula incisa in lettere capitali e numeri romani: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ FANNY/ FOR UPWARDS OF XXIII THE BELOVED WIFE/ OF/ WILLIAM WINGFIELD BONNIN ESQ/ OF/ BUCKINGHAM STREET STRAND LONDON/ DIED AT FLORENCE xxxi OCTOBER MDCCCLXVII/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Fanny Bonnin, née Fischer, l'Angleterre, fille de Henri Fischer/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 2 393/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°386, Rev. Pierce Connolly; Marriage GL20990 N°50, 07/08/44, William Wingfield Bonnin to Frances Fisher, BCL, Rev. Gambier, 2nd marriage of husband, GL23871 N°88/19/115 17/02/68 William Wingfield Bonnin to Margaret Jane Pillans at BE, groom widower of London, Rev. Tottenham; marriage of sister: 02/02/52 James Shields (buried, Sector A) to Eliza Fisher at HBM (Scarlett), groom goods manager on Pistoia/Prato railroad, bride place Casa Scarlett, Rev O'Neill, relations with Wingfield, Broughton, Shields (Sector A)/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: 153. Bonnin nata Fischer/ Fanny/ Enrico/ Inghilterra/ Firenze/ 31 Ottobre/ 1867/ Anni 48/ 991/ N&Q 225. Fanny, for 23 yrs. w. of Wm. Wingfield Bonnin, C.E., of Buckingham St., Strand, ob. 31 Oct.. 1867, a. 48/ See Digby. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16-17F/ B92/ 952/
AURORE (GRÅBERG DE HEMSO) ECKHARDT DURCKHEIM MONTMARTIN/ SVEZIA/ . . . AURORE COMTESSE ECKHORECHT DURCKHEIM MONTMARTIN/ . . . MORTE A FLORENCE LE 6 NOVEMBRE 1866// ELLE N'EST PAS MORT/ ELLE . . . TOUJOURS

Lei è svedese, il padre era Olof Graberg de Hemso mentre lo zio, Jacob Graberg de Hemso, che la adottò, era il bibliotecario del Granduca a Palazzo Pitti e membro dell'Accademia Italiano di Torino. Jacob si sposò con Jeanne Marie Brigitte Hugues, la figlia di un architetto di Lione e la madre adottiva di Aurore e la sorella Sophie Hugues, quest'ultima, successivamente, si sposò con
B20/ JOHAN CLAES LAGERSVARD. Questo spiega perché tutte queste tombe si trovano così vicine.

 


Tomba in forma di croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1866. Ambito toscano. Tomba a croce gotica orizzontale in pietra serena, pietra serena erosa, incisa in lettere capitali in lingua francese e numeri arabi. [Ps. A: 35. L: 60. P: 193.] Iscrizione sepolcrale in lingua francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: . . . AURORE COMTESSE ECKHORECHT DURCKHEIM MONTMARTIN/ . . . MORTE A FLORENCE LE 6 NOVEMBRE 1866// ELLE N'EST PAS MORT/ ELLE . . . TOUJOURS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Eleanore Gråberg de Hemsö, [Stockholm] en Suède, rentier, fille du Chevalier Olof Gråberg de Hemsö et de Jeanne Marie, née Schinkel/ Aurora Eckhardt de Durckheim Montmartin, Suède, née Gråberg, fille de Chevalier Olaf Gråberg de Hemsö et de Jeanne Marie, née Schinkel/III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 311/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Dürkheim nata Gråberg de Hemso/ Anna/ / Svezia/ Firenze/ 6 Novembre/ 1866/ Anni 49/ 952/See Gråberg de Hemsö [same death date as Eleanore Gråberg de Hemso] /Gråberg de Hemsoe/ Eleanora/ Olof/ Svezia/ Firenze/ 21 Febbraio/ 1863/ Anni 47/ 817/ Gråberg de Hemsoe (nei Dürkheim)/ Aurora/ Svezia/ Firenze/ 21 Febbraio/ 1863/ Anni 47/ 817]/°= Ivar and Kristin Håkansson . Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B18F/ B93/ 1260/
HOPE HAYWARD/ AMERICA/ LA NOSTRA SPERANZA HOPE (SPERANZA) HAYWARD MORI' IL 16 APRILE 1874 ALL'ETA' DI 3 ANNI , 2 MESI E 11 GIORNI.

Hope (Speranza) si trova vicino a Nadezhda, la tomba della schiava nubiana, battezzata con il nome russo che significa speranza. Il francese “fils” piuttosto che “fille” indica che è un figlio maschio e non femmina. I genitori americani furono costretti a lasciarlo qui. Ci si chiede se il nonno sia George Hayward, il Presidente del Athenaeum e che, a Harvard, vanta un busto scolpito da Richard Saltonstall Greenough.

 

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1874. Ambito toscano, croce in marmo con inciso 'OUR HOPE' (Nostra speranza) al centro, posta su base a finte rocce in marmo, rotolo inciso con lettere capitali in lingua inglese, poggiante a sua volta su tegole in terra cotta, recinto in pietra serena con colonnini e catene, catene danneggiate. Possibile intervento di consolidamento sul recinto ed i colonnini. [M: A: 119. L: 56. P: 42. ; P.s. A: L: P: Recinto A: 11. L: 90. P: 180. Totale: A: 129. L: 90. P: 180.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi sulla croce a rilievo: OUR HOPE/ incisa sul rotolo: HOPE HAYWARD/ DIED/ APRIL 16 1874/ AGED 3 YEARS/ 2 MONTHS, 11 DAYS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Hope Hayward, l'Amerique, fils de Georges Harward/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Hayward/ Hope/ Giorgio/ America/ Firenze/ 16 Aprile/ 1874/ Anni 3/ 1260/ +/ N&Q 168. Hope Hayward, ob. 16 April 1874, a. 3 yrs. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B18G/ B94A/ 333/
ADELAIDE DELISSER/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI ADELAIDE DELISSER CHE MORI' IL 18 LUGLIO 1845 ALL'ETA' DI 13 ANNI/B94B/ALEXANDER DELISSER/INGHILTERRA/SACRO ALLA MEMORIA DEL DR. DELISSER CHE MORI' A FIRENZE IL 4 MAGGIO 1844 ALL'ETA' DI 48 ANNI/B94C/ELLIS WILLIAM DELISSER/INGHILTERRA/SACRO ALLA MEMORIA DI ELLIS WILLIAM DELISSER CHE MORI' IL 14 LUGLIO 1843 ALL'ETA' DI 19 ANNI. // . . . ZZANTI.F.

JL Maquay, Diari 8-5-1844: “Ricevuto una lettera da P ieri sera. Delisser è morto improvvisamente nella sua carrozza la sera di sabato”. Sul Web troviamo “Alexander Delisser era un chirurgo a Londra da circa il 1820 a circa il 1836. Si sposò con Deborah Crawford a Londra nel 1823. (Sua vedova, ora Dora Delisser, muore il 12-5-1867 a Marylebone di bronchite e il cuore ingrossato). Avevano 9 bambini, tutti battezzati a Londra fra il 1824 e 1835. C'è un forte legame con la Giamaica, sembra infatti che lì abbia studiato medicina sotto un Dr. Morales. Dr. Morales si sposò due volte e in ambedue i casi con una Delisser. Ci sono tanti Delisser nei registri giamaicani, per lo più famiglie ebree. Alexander fece bancarotta all'incirca nel 1825, poco dopo il suo matrimonio. Sembra che si attenesse agli ordini della Corte quindi non sono sicuro che la bancarotta fosse la ragione per cui si trasferì a Firenze. Dei discendenti australiani hanno messo insieme la loro storia. La madre aveva già sepolto loro padre chirurgo a Firenze dove morì e fu sepolto. Successivamente il figlio diciannovenne, molto promettente ma soggetto a emicranie, muore e c'è un'inchiesta anche perché lo stesso giorno la sorella di 13 anni cadde da una finestra. La madre manda le salme da casa loro a Marylebone  (un luogo molto frequentato dai “giamaicani” come i Barrett Moulton Barrett) a Firenze per stare accanto ai resti del marito, lasciandosi uno spazio per la propria tomba che poi, alla fine, non adopererà. Mi chiedo se Elizabeth Barrett Browning, la loro vicina, avrà conosciuto la loro storia? Elizabeth stessa quasi morì di dispiacere e di tubercolosi alla morte del fratello per affogamento. Morning Post: Un'unica figlia sopravvive, Agnes Isabella  Elizabeth, già di Woburn-place, Russell Square e già di Firenze che si sposò nella Chiesa di St. Mary, Cheltenham, il12-2-1850. Questa tomba è stata restaurata da Iris Fromm, Maestro Massone della Baviera, e poi da Daniel-Claudiu Dumitrescu da Romania.
.

 

Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti, firma: . . . ZZANTI.F. Sec. XIX, post 7/1845. Ambito toscano. Sarcofago in marmo sormontato da una colonna, colonna molto erosa, in cima urna, sarcofago scolpito con strumenti scientifici e una croce, iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa entro una tabula, basamento in pietra serena, pietra serena erosa, intervento di restauro da Iris Fromm a seguito dei danni per la caduta di un cipresso, I. F., 2006. Il recinto avrebbe dovuto accogliere anche la tomba della consorte del Dr Alexander Delisser, madre di Ellis e Adelaide. [M: A: 251. L: 119. P: 119. ; P.s. A: L: 137. P: 137. Recinto L: 200. P: 200. Totale: A: 251. L: 200. P: 200.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ ADELAIDE DELISSER/ WHO DIED JULY 18 1845/ AGED 13 YEARS/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 67/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Delisser/ Adelaide/ / Inghilterra/ [died 18 July 1845, 1 Devonshire Street, St Marylebone]]/16 Maggio/ 1846/[14]/ 333/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ °=Jenny MacKay, Western Australia/ B94B/ DR ALEXANDER DELISSER/
INGHILTERRA/ Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ DR DELISSER/ DIED AT FLORENCE MAY THE 4 1844 AGED 48 YEARS/ Records, Guildhall Library, London: Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 67: note in pencil 'The bodies of a son and a daughter of the above Dr Delisser were brought from London and interred in the Protestant Burial Ground at Florence in the beginning of 1846 - no service was performed, G. Robbins (E101)'/ Maquay Diaries: 8 May 1844/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Delisser/ Alessandro/ / Inghilterra/ Firenze/ 4 Maggio/ 1844/ Anni 50/ 286/ Belle Arti 1993-1997 scheda. / °=Jenny MacKay, Western Australia/  [garlanded urn, column, ruined temple, cross, ourobouros, cross] B94C/ ELLIS WILLIAM DELISSER/ INGHILTERRA / Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ ELLIS WILLIAM DELISSER/ WHO DIED JULY 14 1845 AGED 19 YEARS/ Death 14 July 1845, 1 Devonshire Street, St Marylebone; Records, Guildhall Library, London: GL23774 N° 67, note in pencil, 'The bodies of a son and a daughter of the above Dr Delisser were brought from London and interred in the Protestant Burial Ground at Florence in the beginning of 1846 - no service was performed, G. Robbins' (E101)/Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Delisser/ Ellis Guglielmo/ / Inghilterra/ Firenze/ 13 Marzo/ 1846/[19] / 332/ N&Q 239. Dr. Delisser, ob. 4 May, 1844, a. 48. Adelaide Delisser, ob. 18 July, 1845, a. 13. Ellis Wm. Delisser, ob. 14 July, 1845, a. 19/ Death Certificates of Delissers supplied by way of Australia/ Belle Arti 1993-1997 scheda/ °=Jenny MacKay, Western Australia/ Trizzino, Corso di Restauro dei Monumenti, pp. 54-62. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Nulla osta.


B17G/ B95/ 72/
GIOVANNI SCARTAZZONI/ SVIZZERA/ ALLA MEMORIA/ DI/ GIOVANNI SCARTAZZONI DI CIERE/ NEI GRIGIONE/ MORTO IN PRATO LE 10 MARZO 1833/ NELL'ETA D'ANNI 43/ I FIGLI DOLENTI POSERO/ 72

Suoi figli di Prato posano questa lapide in italiano sulla tomba del padre svizzero di lingua romancia.


 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1833. Ambito toscano. Lastra in marmo, lastra spezzata incisa con croce gigliata e lettere capitali e numeri arabi, marmo sporco. Intervento di consolidamento, Gheorghe Petrache, 2009. [M: A: 2. L: 85. P: 130.] Iscrizione sepolcrale incisa in lingua italiana in lettere capitali e numeri arabi: ALLA MEMORIA/ DI/ GIOVANNI SCARTAZZONI DI CIERE/ NEI GRIGIONE/ MORTO IN PRATO LE 10 MARZO 1833/ NELL'ETA D'ANNI 43/ I FIGLI DOLENTI POSERO/ 72/ See N° 73 1828-1844/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Scartazzoni/ Giovanni/ / Svizzera/ Prato/ 10 Marzo/ 1833/ Anni 43/ 72. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16-17G/ B96/ 454/
FREDERICK ADOLPH KLEINKAUF/ AUSTRIA/

JL Maquay, Diari 19-4-1851: “Sabato, un bellissimo giorno. Dopo la banca andai a Livorno per passarci la Pasqua con William Henry. Ho trovato sia lui che gli altri Smyth in buona salute ma il marito di Ida Macdonell, Kleinkauf, morì improvvisamente mercoledì ed è stato sepolto oggi. Un gran funerale militare ma non l'ho visto”. Il Console Scozzese Hugh Macdonell e i due Kleinkauf sono sepolti nello stesso recinto ferrato con uno spazio lasciato per la figlia/moglie/madre, Ida Alexandrina Macdonell Kleinkauf. La figlia di Hugh Macdonell, Ida, aveva sposato l'ufficiale austriaco Kleinkauf e gli aveva dato una figlia, anche lei con il nome Ida, che morì poco dopo la nascita. La tomba della cognata B135/ LOUISE CATHERINE ADELAIDE (MACDONELL) CUMBERLAND si trova lì vicino.
Questo successe durante il periodo quando il Granduca richiamò l'odiato esercito austriaco, con le loro divise bianche, per controllare il popolo. Vedi: Casa Guidi Windows, parte II di Elizabeth Barrett Browning.
The Webbs discover that she married again, to the Spanish Ambassador at the Court of Vienna, Augusto Conte Lerdo de Tejada from Cadiz (See Spanish Wikipedia entry). Her mother continued to live at the ex-convent Annalena in via Romana.


 

Marriage Record sent by Francisco Conte Mac Donell

Sarcofago.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1851. Ambito toscano. Sarcofago con lastra scolpita con croce a rilievo, incisa in lettere capitali e numeri illeggibili, poggiante su quattro sfere su basamento in marmo. Intervento conservativo sulla recinzione in ferro, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 02/2010. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 38. L: 76. P: 146; Recinto condiviso con le tombe dei MacDonell.]/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Kleinkauf/ Federigo Adolfo/ / Austria/ Firenze/ 16 Aprile/ 1851/ Anni 24/ 454/ / Frederick Adolph Kleinkauf/ Austria/  Austria/ Maquay Diary Apr 19 1851 'Saturday fine day after Bank went down to Leghorn to pass Easter with William Henry found him and all the Smyths quite well Ida Macdonell's husband Kleinkauf died suddenly on Wednesday and was buried today, a large Military funeral but I did not see it.'/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Kleinkauf/ Federigo Adolfo/ / Austria/ Firenze/ 16 Aprile/ 1851/ Anni 24/ 454/ See Ida Macdonell Kleinkauf, his wife, B97/ HUGH MACDONELL her father. IDA KLEINKAUF/ AUSTRIA/ITALIA Piedistallo per un'urna ora mancante. [M: A: 15. L: 38.5 P: 38.5.] Ida Kleinkauf, agée de six heures, fille de Frédéric Adolphe Kleinkauf, Capitaine . . . dans les armées de S.M.L. l'Empereur d'Austriche, originaire de Vienne en Autriche et de Ida Alexandrina Kleinkauf, née Macdonell/ 31/1/1850/ Webbs, materials on descendants. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B16H/ B97/ 363/
HUGH MACDONELL/ SCOZIA/CANADA/ SACRO ALLA MEMORIA DI HUGH MACDONELL ESQ. MORI' A FIRENZE IL 3 GIUGNO 1847.

JL Maquay, Diari 5-6-1847: “Sabato. Sono andato al funerale di Hugh Macdonell, stamane alle sei, bel tempo e molte persone. Sono andato in banca e per il resto del giorno sono rimasto a casa”. Webbs riporta che era un giovane giacobino in esilio che, nel 1773, emigrò in America col padre e gli zii. Si trasferì in Canada dopo l'indipendenza degli USA. Nel 1804 ritornò in Inghilterra, fra il 1813 e il 1820 divenne Console  Danese in Algeri. Nel 1815  sposò, in seconde nozze, Ida Louise Ullic, figlia del Console Danese. Nel 1816 venne arrestato, torturato e ridotto in schiavitù dai i Dey di Algeri, causando il bombardamento da parte di Lord Exmouth, il padre del
A112 ADMIRAL THE HON. FLEETWOOD BROUGHTON REYNOLDS PELLEW, sepolto nel Settore A. La loro figlia si sposò con un austriaco B96/ FREDERICK ADOLPH KLEINKAUF, un ufficiale dell'esercito dell'Imperatore durante l'occupazione austriaca della Toscana. La loro figlia, di nome Ida, morì sei ore dopo la nascita. Così il nome Ida ricorre attraverso tre generazioni. Un'altra figlia B135/ LOUISE CATHERINE ADELAIDE (MACDONELL) CUMBERLAND, nacque ad Algeri ed è sepolta  vicino a Hugh, i genitori si chiamavano Hugh e Ida Macdonell, mentre un'altra figlia, Emily, si sposò con il Marchese d'Aguado uno degli uomini più ricchi della Spagna, e fu Dama di Corte dell'Imperatrice Eugenie di Francia. Il padre comprò l'ex convento Oltrarno, Casa Annalena e elesse i Principi polacchi Poniatowski e il Marchese Luigi Torrigiani come tutori per i suoi figli minori. Dopo la sua morte la moglie si risposò con il Duc de Talleyrand, nipote di Talleyrand. Successivamente Ulrich Kleinkauf si sposò con Augusta Conte  y Lerdo de Tejada.

 

                   His daughter, Ida MacDonell Ulrich Kleinkauf, later marries
Augusto Conte y Lerdo de Tejada.
 
Sarcofago.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1847. Ambito toscano. Sarcofago in marmo scolpito con stemma e croce latina, inciso in lettere capitali in lingua inglese, ai quattro angoli inferiori foglie d'acanto e capsule di papavero a rilievo, poggiante su due sostegni e due basamenti in marmo, recinto in ferro con altre tombe della famiglia (nipote e genero, Kleinkauf). Possibile intervento di pulitura. [M: A: 51. L: 99. P: 133] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF HUGH MACDONELL ESQ DIED AT FLORENCE ON THE 3RD JUNE 1847/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 111 HBM late consul and agent at Algiers, died Florence 03-06 in his 94th year, Burial 05-06, Rev Robbins (E101)/ Maquay Diaries: 5 Jun 1847 June 5  1847/ Freeman's Journal, Caledonian Mercury, Dundee Courier, Aberdeen Journal/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: MacDonnell/ Ugo/ / Inghilterra/ Firenze/ 3 Giugno/ 1847/ / 363/ +/ N&Q 235. Hugh Macdonnell, Esq., ob. June, 18(41?)/ Note many baptism, marriage entries of this family/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. Desendant: Francisco Conte Mac Donell


B15G/ B98/ 649/
MAJOR FRANCIS CHARLES GREGORIE/
INGHILTERRA/ MA FRANCES CHARLES C. GRE . . LATE CAPTAIN 13 LIGHT DRAGOONS, DIED OCTOBER 16, 1858

'GREGORIE, Charles (or Gregory). Tenente il 4 agosto 1808. Capitano 72° Reggimento degli Highlanders il 15 settembre 1808. Capitano 6° Guardie Dragoni il 10 maggio 1810. Capitano 13° Dragoni Leggeri il 20 giugno 1811. Servì nella Penisola con i Dragoni Leggeri dal settembre 1811 al gennaio 1814. Presente a Arroyo dos Molinos, Vittoria, Nivelle e Nive e Garris. Ricevette la medaglia del Servizio  Generale Militare per Vittoria, Nivelle e Nive. Servì altresì a Waterloo. Lasciò il Reggimento nel 1818. Waterloo Committee: Elencato in Charles Dalton, Waterloo Roll Call, p.78. Menzionato da Thomas Adolphus Trollope, What I Remember e Sophia Peabody Hawthorne, Notes in Italy e nel registro alfabetico del Cimitero come Maggiore con il nome Gregorie. Si dice che era presente a Waterloo mentre Nathaniel Hawthorne, Italian Notebooks, parla di questo veterano di Waterloo che vive insieme alla famiglia a Bellosguardo nella Villa Colombaia, un ex convento. Era, invece, celibe e abitava con dei parenti alla lontana, i Crossman, per i quali vedi:
REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN, B32. Le tombe di
B42/ ISABELLA BLAGDEN, B98/ MAJOR FRANCIS CHARLES GREGORIE, B99/ REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN, B32/ HIRAM POWERS, B103/ ELEANOR AUGUSTA TULK, B131/ HONOURABLE FRANCES TOLLEY sono dei Svedenborgiani, amici di EBB, e vicini a quella di Nadezhda, la schiva da Nubia.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1858. Ambito toscano. Lastra in marmo spezzata posta su basamento in pietra serena, quattro colonnini non superstiti. Intervento di pulitura sui frammenti, Alberto Casciani, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010. Fondi dal Waterloo Committee, 2010. [M: A: 2. L: 66. P: 130.; P.s. A: 16. L: 69. P: 141.5; R: L: 98 P: 228.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: MA FRANCES CHARLES C. GRE . . LATE CAPTAIN 13 LIGHT DRAGOONS, DIED OCTOBER 16, 1858/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Major Charles Gregorie, Angleterre/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli P40/ Q 323 649 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 257, death 16/10, burial 18/10, Charles Gregoire, late capt 13th Light Dragoons, Rev O'Neill/ Maquay Diaries/ Morning Chronicle/ Son of Captain Charles Gregorie, East India Company, and Catherine Sophia Macaulay, Edinburgh, bo, 14/4/1791, bp 12/5/1791, St Mary's Marylebone. Gregorie, Charles (or Gregory) Lt 4 Aug 1808. Captain. 72nd Highland Regiment. 15 Sep 1808. Captain 6th Dragoon Guards 10 May 1810. Captain 13th Light Dragoons 20 Jun 1811. Served in the Peninsula with 13th Light Dragoons from Sep 1811 - Jan 1814. Present at Arroyo dos Molinos, Vittoria, Nivelle, Nive and Garris. Awarded the Military General Service medal for Vittoria, Nivelle and Nive. Also served at Waterloo. Left the regiment by 1818/ Waterloo Committee: Listed in Charles Dalton, Waterloo Roll Call, p. 78/ Mentioned by Thomas Adolphus Trollope, What I Remember, and Sophia Peabody Hawthorne, Notes in Italy, and in the Cemetery's Alphabetical Register as Major with spelling of Gregorie, the first two stating he was at Waterloo, while Nathaniel Hawthorne, Italian Notebooks, mentions this Waterloo veteran as living at Bellosguardo in the Villa Columbaia, a former convent, with his family, which he owned. Related by marriage to the Crossmans who also lived there/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Gregorie [Gregory?]/ Magg. Carlo/ / Inghilterra/ Firenze/ 10 Ottobre/ 1858/ Anni 67/ 649/ N&Q 227. Brevet-Major Charles Gregorie, late Capt. 13th Light Dragoons, ob. 16 Oct., 1858, a. 67/ Gregorie, Crossman, Powers, spiritualists, Swedenborgians, are buried together. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See waterloo.html, Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU.


B15G/ B99/ 532/
REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN/ IRLANDA/ SACRED TO THE MEMORY OF THE REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN DIED THE 27TH OF FEBRUARY 1854 AGED 62 HE IS NOT DEAD BUT SLEEPETH

GenForum: “Se George Brickdale Crossman fosse stato testimone al matrimonio della sorella il 28 luglio 1803 non avrebbe dovuto esserlo perché aveva soltanto 12 anni. Si laureò al Magdalen College nel 1812 all'età di 21 anni. Prese i voti nel 1814 secondo il data base dei Clericali della Chiesa d'Inghilterra. Prese il posto di rettore del padre a Blagden nel Somerset nel 1815 ma sembra che abbia dato le dimissioni 4 anni più tardi. Ciò che mi interesserebbe sapere  è il cognome della moglie. Si trovano a Firenze fra gli anni 1840 e 1850. Il Rev. George ci morì il 7 febbraio 1854. Avevano due figlie, Anne e Georgina. Per parecchi anni abitarono a Bellosguardo , una collina che si affaccia su Firenze,  con un certo Maggiore Charles Gregorie che era senz'altro un parente. Ma era il fratello della Signora Crossman, come ritengono alcuni studiosi dei Browning? Non credo ma mi piacerebbe conoscere il suo nome da ragazza. (era Oakes?)” JL Maquay, Diari 28-2-1854. “Ieri, dopo la banca andai alla Colombaia avendo saputo dell'improvvisa morte di Crossman. E' morto improvvisamente fra le 9 e le 10 del mattino. Ho visto Georgina Baker”. Ann Crossman comprò un lotto accanto al marito ma non è sepolta qui, l'ultima menzione in Italia è a Bagni di Lucca nel 1863 Le tombe di B42/ ISABELLA BLAGDEN, B98/ MAJOR FRANCIS CHARLES GREGORIE, B99/ REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN, B32/ HIRAM POWERS, B103/ ELEANOR AUGUSTA TULK, B131/ HONOURABLE FRANCES TOLLEY, spiritualisti e svedenborghiani si trovano raggruppati vicino  alla tomba di Nadezhda, la ex schiava nubiana-russa. 
Christine McIver, Australia, ci ha inviato le seguente genealogia che spiega i rapporti di parentela nella famiglia.


 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1875. Ambito toscano. Lastra in marmo spezzata, iscrizione in lingua inglese in lettere capitali incise, marmo sporco. Recinto in pietra serena con colonnini, ferro mancante; il recinto taglia il basamento della tomba di Florence Oldham. Possibile intervento di consolidamento. [M: A: 2. L: 65. P: 135.5; P.s. A: 18. L: 74. P: 145. Recinto L. 99. P: 230. Totale: A: 20. L: 99. P: 230.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF THE REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN DIED THE 27TH OF FEBRUARY 1854 AGED 62 HE IS NOT DEAD BUT SLEEPETH [Matt.9.24; Mark 5.29; Luke 8.52]/ 532/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: George B. Crossman, Isles Britanniques/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli 575 + his widow Anne Crossman buys plot adjacent to his tomb, last recorded in Italy at Bagni di Lucca, 1863/ Q 114: 305 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL 23777/1 N°198 Death 27/02, Burial 01/03, late of St John's and Oflest Grove, Co Cork Ireland, Age 62, Rev Greene (A51)/ Maquay Diaries: 28 Feb 1854/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Crossman/ Giorgio B./ / Inghilterra/ Firenze/ 7 Febbraio/ 1854/ Anni 63/ 532/ N&Q 228. Rev. Geo. Brickdall (C)rossman, ob. 27 Feb., 1854, a. 62/ Gregorie, Crossman, Powers, Tulk, spiritualists, Swedenborgians, are buried together. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

***

B14G/ B100/ 490/ HELEN (COLQUHOUN) READE/
INGHILTERRA/ SACRED TO THE MEMORY/ OF/ HELEN COLQUHOUN DAUGHTER OF THE LATE SIR JAMES COLQUHOUN OF LUSS, BART AND THE/ BELOVED WIFE OF JOHN PAGE READE ESQRE/ OF SUTTON IN THE COUNTY OF SUFFOLK WHO/ DIED AT FLORENCE OCTOBER 17TH 1852/ "BLESSED ARE THE DEAD WHICH DIE IN THE LORD"/ REV. XIV.13
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI HELEN COLQUHOUN, FIGlIA DEL DEFUNTO SIR JAMES COLQUHOUN DI LUSS. BARONETTO E L’AMATA MOGLIE DI JOHN PAGE READE ESQ. DI SUTTON, SUFFOLK. MORI’ A FIRENZE IL 17 OTTOBRE 1852/BENEDETTI SIANO I MORTI CHE  MUOIANO NEL SIGNORE.

Prima generazione: William Colquhoun di Garscadden sposò Helen Colquhoun, figlia di Sir James Colquhoun di Luss, I° Baronetto e Helen Gordon il 2 gennaio 1774, a New Kilpatrick, Dunbartonshire, Scozia. Seconda generazione: Helen Colquhoun, figlia di Sir James Colquhoun di Luss, II° Baronetto, e Mary Falconer.
Terza generazione: John Page Reade nacque nel 1806 in India. Era il figlio di George Reade e Elizabeth Swinton. Sposò Helen Colquhoun, figlia di James Colquhoun, II° Baronetto, e Janet Sinclair il 9 aprile 1829. Morì il 28 marzo 1880: Visse a Sutton Hoo, Suffolk, Inghilterra. Il loro figlio era James Colquhoun Revell Reade che nacque nel 1840. Vedi anche Sinclair nel cimitero.



 

Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti: Firma: P.BAZZANTI.F  Sec. XIX, post 11/1852. Ambito toscano. Sarcofago in marmo, marmo non molto sporco, scolpito con globo alato e due anfore lacrimali classiche, iscrizione in lettere capitali in piombo ora mancanti e numeri arabi, poggiante su basamento in pietra serena. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 88 L: 131.5 P: 66.5 ; P.s. A: 26.5 L: P: 143.5.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri romani e arabi in piombo SACRED TO THE MEMORY/ OF/ HELEN COLQUHOUN DAUGHTER OF THE LATE SIR JAMES COLQUHOUN OF LUSS, BART AND THE/ BELOVED WIFE OF JOHN PAGE READE ESQRE/ OF SUTTON IN THE COUNTY OF SUFFOLK WHO/ DIED AT FLORENCE OCTOBER 17TH 1852/ "BLESSED ARE THE DEAD WHICH DIE IN THE LORD"/ REV. XIV.13/Eglise Evangelique-rmée de Florence Régistre des Morts: Helene Reade née Colquhum, femme de John Page Reade, fille de Colqahun, Sutton, Comté de Suffolk, en Angleterre/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli 775 + Paoli 66/ Q 37: 486 Paoli/ Records, Guildhall Library, 'Colquhoun' crossed out and 'Reade' inserted with note 'this name was made by my request and in my presence, signed, John Page Reade, Rev Gilbert/ Morning Chronicle/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Reade nata Colquhoun/ Elena/ / Inghilterra/ Firenze/ 17 Ottobre/ 1852/ / 490/ N&Q 224. Helen, d. of the late Sir James Colquhoun, of Luss, Bt., w. of John Page Reade, Esq., of Stutton, Suff., ob. 17 Oct., 1S52/ See Colquhoun/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B14G/ B101/ 319/
HELEN FLORENCE OLDHAM/
INGHILTERRA/ IN MEMORIA DI HELEN FLORENCE, UNICA FIGLIA DI CHARLES OLDHAM E SUA MOGLIE HELEN. NACQUE A ROMA IL 20 NOVEMBRE 1844 E MORI’ A FIRENZE IL 6 NOVEMBRE 1845.

Questa bambina inglese è sepolta sotto un piccolo sarcofago scolpito da
B32/ HIRAM POWERS. Moltissimi dei bambini sepolti qui, maschi e femmine, portano il nome Florence. Sebbene gli archivi la registrino come inglese potrebbe essere americana.


  

 Sarcofago. Scultore: Hiram Powers, H.POWERS.F. Sec. XIX, post 1845. Ambito toscano. Sarcofago scolpito con ghirlanda sul fronte e sul tergo, lampada con manico a forma di serpente su un fianco laterale, teste di cherubini alati ai quattro angoli del coperchio, inciso in lettere capitali e minuscole e numeri arabi, poggiante su due sostegni in marmo posti su basamento in pietra serena. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010. [M: A: 58.5 L: 86. P: 47. ; P.s. A: 28. L: 154.5 P: 111.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e non, e numeri arabi: To the Memory/ OF/ HELEN FLORENCE/ ONLY CHILD/ OF/ CHARLES OLDHAM AND HELEN HIS WIFE/ BORN AT ROME NOV 20TH 1844 DIED AT FLORENCE NOV 6 1845/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 84 Burial 08-11, Rev Robbins (E101)/ Sculptor is Hiram Powers/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Oldham/ Elena Firenze/ / Inghilterra/ Firenze/ 6 Novembre/ 1845/ Mesi 11/ 319/ N&Q 223. Helen Florence, only ch. of Charles and Helen Oldham, b. at Rome, 20 Nov., 1844; ob. 6 Nov., 1845/ Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present. 


B13G/ B102A/ 536/
GEORGIANA CLEMENTINA (TULK) SLOPER/ INGHILTERRA/ IN MEMORIA DI GEORGIANA CLEMENTINA, MOGLIE DEL REV. JOHN SLOPER DI WESTY WOODHAY HOUSE NELLA CONTEA DI BERKSHIRE. MORI’ A FIRENZE IL 2 APRILE 1854 ALL’ETA’ DI 40 ANNI. QUESTO MONUMENTO VIENE ERETTO DALL’UNICO GENITORE SOPRAVVISSUTO IN SEGNO DI UN GRANDISSIMO AFFETTO……….FIDUCIOSO D’ESSERE…..MERITI DEL SALVATORE NEL…… PRESENZA LEI ORA……MAI. QUESTA MORTALE DEVE PRENDERE LA VIA DELL’IMMORTALITA’. SACRO ALTRESI’ ALLA MEMORIA DEI DUE BAMBINI DI HENRY COUNT COTTRELL E SUA MOGLIE SOPHIA AUGUSTA. ELOIS ALICE ENRICA MORI’ L’8 NOV. 1849, ALL’ETA’ DI 16 MESI. CARLO, IL PIU’ GIOVANE, MORI’ IL 18 GIUGNO 1850 ALL’ETA’ DI 25 GIORNI.COSI’ E’ IL REGNO DEL CIELO.

J.L Maquay nei suoi diari nota che i Cottrell assistono il morente Sloper. Webbs riporta che Georgiana è la sorella di Sophia Augusta (Tulk) Cottrell, figlia di Eleanor Augusta Tulk. I due bambini Cottrell (la loro morte turbò moltissimo Elizabeth Barrett Browning) sono nominati sulla sua tomba e probabilmente sono sepolti insieme a lei. Il Conte Cottrell stesso battezzò Carlo Ludovico mentre stava morendo ma il Rev. Moloney gli disse che non era valido, scrivendolo nel registro soltanto in matita.

 

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1854. Ambito toscano. Lastra orizzontale in marmo quasi illeggibile, poggiante su quattro lastre verticali in marmo poste su basamento in pietra serena, recinto in pietra serena. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 05/2010. [M: A: 20. L: 66. P: 133.; P.s. A: 14. L: 69.5 P: 137; R: A: 19. L: 176. P: 228.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: TO THE MEMORY OF/ GEORGIANA CLEMENTINA/ WIFE OF THE REV JOHN SLOPER OF WESTY/ WOODHAY HOUSE IN THE COUNTY OF BERKSHIRE/ DIED AT FLORENCE APRIL 2 1854/ IN THE 40 YEAR OF HER AGE THIS MONUMENT IS / ERECTED BY HER ONLY SURVIVING PARENT/ IN TOKEN OF MOST AFFECTIONATE. . . TRUSTING TO BE . . ./ MERITS OF THAT SAVIOUR IN . . . / PRESENCE SHE NOW . . . EVER . . . / - / THIS MORTAL MUST PUT ON IMMORTALITY [I Cor. 15.53]/ ALSO SACRED TO THE MEMORY OF THE TWO INFANT/ CHILDREN OF HENRY COUNT COTTRELL AND SOPHIA AUGUSTA HIS WIFE/ ELOIS ALICE ENRICA AUGUSTA DIED NOVEMBER 8 1849 AGED 16 MONTHS/ THE YOUNGER CARLO LUDOVICO DIED JUNE 18 1850 AGED 25 DAYS/ OF SUCH IS THE KINGDOM OF HEAVEN [Matt. 19.24]/ 537 [Error for 536]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Clementine Sloper, Isles Britanniques/ I: 1852-1859 'Registre des Sèpultures avec detail des frais', Paoli 538/ Q 122: 273 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 201 Burial 04/04, Rev Greene (A51)/ Maquay Diaries note Cottrells cared for the dying Sloper, Webbs noting she is sister to Count Henry Cottrell, her aunt Eleanor Augusta Tulk/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Sloper/ Clementina/ / Inghilterra/ Firenze/ 2 Aprile/ 1854/ Anni 40/ 536/ N&Q 217. *Georgiana, w. of the Rev. John , ob. 3 Ap., 18(34?), a. 40. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


B13G/
B102BC/ 418 430/ ELOIS ALICE ENRICA AUGUSTA COTTRELL/
INGHILTERRA/ CHARLES LEWIS COTTRELL/ ITALY/INGHILTERRA/ SACRO ALTRESI’ ALLA MEMORIA DEI DUE BAMBINI DI HENRY COUNT COTTRELL E SUA MOGLIE SOPHIA AUGUSTA. ELOIS ALICE ENRICA MORI’ L’8 NOV. 1849, ALL’ETA’ DI 16 MESI. CARLO, IL PIU’ GIOVANE, MORI’ IL 18 GIUGNO 1850 ALL’ETA’ DI 25 GIORNI.COSI’ E’ IL REGNO DEL CIELO.

B8/ ELIZABETH BARRETT BROWNING