FLORIN WEBSITE © JULIA BOLTON HOLLOWAYAUREO ANELLO ASSOCIAZIONE, 1997-2017: MEDIEVAL: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, SWEET NEW STYLE: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, & GEOFFREY CHAUCER || VICTORIAN: WHITE SILENCE: FLORENCE'S 'ENGLISH' CEMETERY || ELIZABETH BARRETT BROWNING || WALTER SAVAGE LANDOR || FRANCES TROLLOPE || ABOLITION OF SLAVERY || FLORENCE IN SEPIA  || CITY AND BOOK CONFERENCE PROCEEDINGS I, II, III, IV, V, VI, VII || MEDIATHECA 'FIORETTA MAZZEI' || EDITRICE AUREO ANELLO CATALOGUE || UMILTA WEBSITE || RINGOFGOLD WEBSITE || LINGUE/LANGUAGES: ITALIANO, ENGLISH || VITA
New
: Dante vivo || White Silence
 


PROCEEDINGS OF THE

THE CITY AND THE BOOK V  INTERNATIONAL CONFERENCE ON



THE AMERICANS IN FLORENCE'S 'ENGLISH' CEMETERY, INTRODUCTION

SATURDAY, 11 OCTOBER 2008


FLORENCE'S LYCEUM CLUB AND THE 'ENGLISH' CEMETERY

Introduction
Go to I. Abolitionists in the 'English' Cemetery
         II. Hiram Powers, Kate Field, Amasa Hewins
         III. Joel Tanner Hart
         IV. William Wetmore Story
         V. Collectors and Visitors


Versione in lingua italiana

A hundred Americans in the years 1828-1877 were buried in the Swiss-owned so-called 'English' Cemetery in Florence. Many were deeply involved in the Abolition of Slavery. Several were sculptors of note. Several amassed fine libraries in Florence which they then willed to entities in America. See the web essays http://www.florin.ms/americantombs.html and http://www.florin.ms/americanappeal.html. This year we celebrate the 180th anniversary of our monumental cemetery with the fifth City and Book International Conference, 11 October 2008, to be held on the Americans buried in the so-called 'English' Cemetery and their friends. The events will take place at the Lyceum Club, in the Palazzo Giugni, Via degli Alfani 48, next to the University of Florence, and at the 'English Cemetery', with lodging at the Villa Agape (click for maps) for participants.

Sally Mitchell of Temple University makes the following recommendation, 'The Protestant Cemetery at Florence', Harper's New Monthly Magazine, 1873, pp. 507-513, for understanding the American perspective on the 'English' Cemetery (apologies, it's a very long URL):

http://cdl.library.cornell.edu/cgi-bin/moa/pageviewer?frames=1&cite=http%3A%2F%2Fcdl.library.cornell.edu%2Fcgi-bin%2Fmoa%2Fmoa-cgi%3Fnotisid%3DABK4014-0047-71&coll=moa&root=%2Fmoa%2Fharp%2Fharp0047%2F&tif=00517.TIF&view=75


IL CIMITERO EVANGELICO PORTA A' PINTI A FIRENZE
180° ANNIVERSARIO

FLORENCE'S SWISS-OWNED ENGLISH CEMETERY

AND ITS HUNDRED AMERICANS

CITY AND BOOK INTERNATIONAL CONFERENCE V




Grenville Temple Southwood Smith
Thomas Browne Elizabeth Moore Samuel Reginald Routh William Somerville Isaac Lumley
Bentinck Yelverton Cecilia Yelverton Jemima Kellett Elizabeth Barrett Browning Willim Henry Beck Sofia Golokoff Robert Hart J.P. Vieusseux Frederic Goodban
Anne Alice Holt James Walters Redman Severin Goedtke Ivan Leontieff Lewitzky Emma Gamgee Thomas Williams Trotman

Of these William Henry Beck and Robert Hart, with tombs in pietra serena, are American, while Thomas Trotman, M.D., is from the West Indies. Arthur Hugh Clough (his tomb invisilbe here) spent his youth in America. Joel T. Hart sculpts Southwood Smith's tomb and obelisque. William Wetmore Story designs Theodore Parker's tomb. Emily Dickinson writes at least two poems about Elizabeth Barrett Browning's death and tomb. James Lorimer Graham dies in 1876 and so is not yet present.


PROGRAM

Friday, 10 October 2008:
The Celebration of the 180th Anniversary of the Cimitero Evangelico Porta a' Pinti
Visit to the English Cemetery, Piazzale Donatello, 38, 4:30 p.m.-5:30 p.m.
Salone Brunelleschi, 6:00, Lectures on 'English' Cemetery by Pastore Mario Marziale, Julia Bolton Holloway
Salone Brunelleschi, 8:00 p.m. Buffet with its Owner Members of the Swiss Evangelical Reformed Church
Julia Bolton Holloway's presentation in English and Italian. The Salone Brunelleschi is
in the Palazzo di Parte Guelfa in the historic centre of Florence, off the Piazza della Repubblica to its left hand side, Piazzeta di Parte Guelfa 1, at the end of Via Pelliceria, going up the outdoor stairs.

Saturday, 11 October 2008: 'The Hundred Americans in the Swiss-owned 'English' Cemetery'

Lyceum Club, Via degli Alfani 48
Presentations in English

Introduction

Welcoming Address. Julia Bolton Holloway, President, Aureo Anello
'On American Families in Two Florentine Cemeteries'. Grazia Gobbi Sica, New York University

I. The Swiss-owned 'English' Cemetery and Anti-Slavery http://www.florin.ms/CBVa.html

'Edmonia Lewis and the Boston of Italy'. Marilyn Richardson, Independent Scholar
'Theodore Parker's Graves'. Sally Mitchell, Temple University
'Villino Trollope, Piazza dell'Independenza: Incubator for the Independence of the African-American'. Brenda Ayres, Liberty University
'Social Criticism in Richard Hildreth's The White Slave, 1852'. Sirpa Salenius, Universty of New Haven in Florence


II. Hiram Powers, Kate Field and Amasa Hewins http://www.florin.ms/CBVb.html

'The 'English' Cemetery and Historical Reconstruction: Liberating Hiram Powers' 'Greek Slave' to Return to Florence'. Roger J. Crum, University of Dayton
'Hiram Powers, Kate Field and the Italian Risorgimento'. Melissa Dabakis, Kenyon College
'Kate Field'. Francesca Limberti
'Fortunate Associations: The American Painter Amasa Hewins (1795-1855) and Florence
'. John F. McGuigan, Independent Scholar

III. Joel Tanner Hart http://www.florin.ms/CBVc.html

'Hiram Powers and Joel Tanner Hart: Two Sculptors, a Voyage from Cincinnati Ohio to Florence Italy and the Friendship that Developed'. Ted Gantz, Sculptor and Collector
'Joel Tanner Hart: A Kentucky Sculptor in Florence'. David Dearinger, Boston Athenaeaum.
'"Daily Visiting My Studio": Joel Tanner Hart and the Nineteenth-Century Atlantic World'. Robert P. Murray, University of Kentucky.
'From Florence to Frankfort: Joel Hart's Re-interment'. Donald Williamson

IV. William Wetmore Story http://www.florin.ms/CBVd.html

'The Significance of Florence in the Life of William Wetmore Story and his Family'. Kathleen Lawrence, George Washington University
'A Storied Life: Marble Fauns, Angels, and Cemeteries: William Wetmore Story and Friends in Italy'. Elise Madeleine Ciregna, University of Delaware/ Forest Hills Cemetery


V. American Collectors and Visitors http://www.florin.ms/CBVe.html

'Albert Jenkins Jones: The New York Times' Sculpture Critic in Italy, 1860-1876'. Nancy Austin, Independent Scholar
'James Lorimer Graham, American Consul, 1832-1876, U.S. Consul in Florence.' Jeffrey Begeal, Independent Scholar
'Tracking Enigma - A Grave with a Nickname in the 'English' Cemetery'. Margot Fortunato Galt, University of Minnesota and Hamline University, St. Paul, Minnesota
'Jennie's Gift: The Early Purchases of French Imprints for the Daniel Willard Fiske Petrarch Collection'. Patrick J. Stevens, Curator of the Fiske Collections and Selector for Jewish Studies, Cornell University
'Anne Mac Cracken'. Richard Mac Cracken, Independent Scholar

'Louisa Catherine Adams Kuhn, Florentine Adventures, 1859-1860'. Robert J. Robertson, Lamar University, Beaumont, Texas


Exhibition: Bust of Hiram Powers' Greek Slave, Rare Books
'English' Cemetery, P.le Donatello, 38



Friday, 10 October 2008: The Celebration of the 180th Anniversary of the Cimitero Evangelico Porta a' Pinti

SINTESI STORICA DEL CIMITERO 'DEGLI INGLESI'

PASTORE MARIO MARZIALE

 
GLI INIZI

'All'inizio dell'Ottocento, la vita dei protestati in Toscana non era facile nemmeno da morti', così si legge nell'opuscoletto sul Cimitero scritto dal pastore Santini. Le tumulazioni delle salme, infatti, sollevavano questioni religiose e perfino diplomatiche.

Il primo cimitero protestante fu aperto dagli inglesi a Livorno, dove le salme erano trasportate con costi e disagi enormi. Col crescere della colonia protestante a Firenze, la situazione esplose a tutti i livelli intorno al 1825.

In questo periodo, i modesti ma tenaci svizzeri di lingua italiana, soprattutto grigionesi ed engadesi, iniziarono a smuovere le acque.
Col passare del tempo, divenuti più numerosi e intraprendenti, trovarono nel loro connazionale J.P. Gonin, l'uomo giusto che li organizzà e li guidà. Cosicchè, nel giro di un triennio, riuscirono ad impiantare in città la Chiesa Evangelica Riformata, la Scuola dei Padri di Famiglia, che in seguito darà origine alla Scuola Svizzera, e il Cimitero Protestante.

Per l'apertura del locale di culto, sia pure nell'ambito del suo Protettorato a Firenze, fu necessario l'intervento del Re di Prussia, che agì tramite il suo plenipotenziario, conte Waldburg-Truchsess, presso il Gran Duca Leopoldo II. Ottenuta l'autorizzazione a celebrare liberamente il culto, i protestanti svizzeri si riunirono per la prima volta in Comunità religiosa il 3 luglio 1826, dando così vita alla prima Chiesa protestante di Firenze.

Appena costituitasi, la Chiesa avverti subito l'esigenza di disporre di un proprio Cimitero, in cui inumare degnamente le salme dei propri defunti, senza dovere affrontare il disagio del trasporto a Livorno, dato che nei cimiteri cittadini, dipendenti del clero, erano accolte soltanto le salme di cattolici.

Il Consiglio di Chiesa avanzò, perciò, al Gran Duca di Toscana la richiesta di autorizzazione ad erigere un proprio Cimitero, su un appezzamento terreno improduttivo dello Stato situato fuori della Porta a' Pinti, a ridosso delle mura di cinta della città.

La richiesta, presentata con i buoni uffici del rappresentante del Re di Prussia Federico Guglielmo IV, fu accolta dal Gran Duca con un decreto il 14 settembre 1827. Mentre il contratto fu stipulato il 19 ottobre 1927, davanti al notaio Redi, tra i rappresentati del Consiglio della Chiesa Evangelica Riformata e il Commendatore Sergardi, Direttore dell'Amministrazione delle proprietà dello Stato.

Il contratto prevedeva la cessione in enfiteusi del terreno, di circa 8000 metri quadrati, tra Porta a' Pinti e Porta la Croce, per una somma annua di 140 Lire fiorentine. Nel dispositivo del contratto era ribadito, esplicitamente, che la cessione dell'enfiteusi era fatta con lo scopo, esclusivo, che il terreno servisse come cimitero per l'inumazione e tumulazione delle persone appartenenti alla religione riformata, che sarebbero decedute a Firenze e dintorni.

La somma di £. 15.214, occorsa per la costruzione del Cimitero, fu raccolta: con una sottoscrizione tra i protestanti domiciliati a Firenze, fruttata 3.400 Lire, con i doni generosi del Re di Prussia e del Re di Wurtemberg, dei cantoni svizzeri di Zurigo, Vaud, Berna, Argovia, Basilea, Grigioni, Turgovia, Appenzel e Neuchatelle, con un contributo del Comitato della Chiesa Anglicana, con alcune collette speciali raccolte a Ginevra e a Berna, ed infine con le offerte di protestanti di passaggio a Firenze.

I lavori, che prevedevano la costruzione del muro di cinta, la porta d'ingresso, le fosse di drenaggio, le panchine in pietra, il livellamento e la sistemazione del terreno, i viali interni, le piantagioni, i drappi e gli arredi mortuari, ecc., iniziati nel mese di novembre 1827, terminarono nel corso dell'anno 1928.

Il Cimitero iniziava così la sua attività. La prima sepoltura fu quella di Jean Marc Gonin, morto all'età di sedici anni, il 17 gennaio 1828, e figlio di quel Gonin fondatore e organizzatore della Chiesa.

Sebbene proprietà della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, essendo l'unico luogo in cui si potevano inumare gli acattolici, il Cimitero fu aperto a tutti i protestanti, di ogni denominazione e nazionalità.

La direzione del Cimitero applicà una tariffa unica per tutti, senza distinzione di nazionalità; ma creò due classi, per tenere conto delle diverse condizioni sociali delle famiglie. Inoltre, decise di inumare gratuitamente gli indigenti, sia che appartenessero alla Chiesa, sia che fossero protestanti di passaggio.

Dato che in questo periodo i defunti erano di nazionalità in maggioranza inglese e americana, la popolazione fiorentina attribuì il nome di "Cimitero degli Inglesi". Ma, per la vicinanza all'omonima porta, il cimitero prese anche il nome di 'Cimitero Porta a' Pinti', e di 'Cimitero Protestante' come è indicato in tutte le carte topografiche del tempo.

Forse è il caso solo di accennare che fin dall'inizio dell'attività del Cimitero, non mancarono atti di vandalismo e profanazione delle tombe, ispirati da fanatismo, i cui responsabili non furono mai scoperti.

LO SVILUPPO

Dopo circa un ventennio di attività, durante il quale era stata ampliata la parte muraria del cimitero, con la costruzione della cappella e della camera mortuaria, il Consiglio di Chiesa, considerato che la situazione finanziaria lo permetteva, decise di liberarsi dell'enfiteusi e acquistare la proprietà. 

La cosa fu possibile, e il 23 aprile del 1847, davanti al notaio Redi, fu firmato il contratto d'acquisto dal Segretario dell'Amministrazione delle proprietà dello Stato e dai rappresentanti del Consiglio di Chiesa.

Il prezzo fu di £. 3.571. Nel contratto si faceva riferimento a quello precedente del 1827, e si ripeteva la ragione per la quale il terreno era ceduto dal Governo toscano.

Col passare del tempo, cresceva il numero delle sepolture, e con loro il numero dei monumenti in marmo, alcuni dei quali veramente apprezzabili dal punto di vista artistico.

Questi monumenti hanno contribuito a rendere l'ambiente del Cimitero degno dell'attenzione dei visitatori, e a conferire un titolo d'onore alla religione evangelica nel cospetto dei cittadini.

Tra i diversi monumenti che hanno abbellito il cimitero, va segnalato quello dell'inglese Samuel C. Routh, deceduto nel 1860, sul quale si eleva la statua della Speranza, vera opera d'arte dello scultore fiorentino Fantacchiotti, e la colonna di marmo sormontata dalla croce, eretta nella parte più alta della nostra poetica necropoli, per volontà del Re di Prussia Federico Guglielmo IV, in occasione della visita al cimitero, durante il suo soggiorno a Firenze nel 1859.

Nonostante le basse tariffe applicate e le facilitazioni praticate, la cassa del Cimitero andò sempre più crescendo, a tal punto da consentire alla Chiesa di far fronte meglio alle sue necessità: procurasi un locale più rispondente alle esigenze del culto, aumentare l'onorario pastorale e assumere un secondo pastore per la parte della comunità di lingua tedesca.

A questo punto, la Chiesa affidò la direzione del Cimitero ad un Comitato di tre persone, composto dal Presidente, dal Cassiere e da un terzo membro del Consiglio di Chiesa che, con il titolo d'Ispettore, aveva compiti amministrativi.

Il tutto era retto da un 'Regolamento del Cimitero della Chiesa Evangelica Riformata', approvato dal Consiglio di Chiesa nelle sedute del 2 e 15 febbraio 1852, e confermato dal nuovo 'Regolamento e Statuto della Chiesa Evangelica Riformata di Firenze', del 10 dicembre 1861, e da quello successivo dell'1 giugno 1868.

Le cose procedevano talmente bene da fare prevedere che, di là a poco, il cimitero sarebbe stato insufficiente ad accogliere le salme.

Dovendo riprendere i lavori per completare la forma e definire l'accesso al Cimitero, fu colta l'occasione per di aggiungere una parte di terreno, di circa 900 metri quadrati, sempre di proprietà dello Stato, per formare la spianata davanti alla porta d'ingresso.

Per l'acquisto, l'accordo fu raggiunto dopo la caduta del governo granducale, e il contratto, fu firmato l'11 febbraio 1860, per la somma di £. 769.

Anche in questo contratto fu inserita una clausola: che il terreno fosse 'racchiuso da un muro di cinta ed unito al Cimitero del Culto riformato per formare parte integrante dello stesso'.

Le spese per la costruzione del muro e l'aggiunta del nuovo appezzamento di terreno ammontarono ad oltre 5.000 Lire e furono sostenute della Chiesa.

Ma da qualche parte era scritto che la previsione di ampliare il Cimitero si sarebbe dovuta rivelare sbagliata.

 
LA CRISI

Il mutamento politico che fece scomparire il Gran Ducato di Toscana, assorbito dal Regno d'Italia, comportò il rinnovamento della legislazione.

Ebbene, la Legge sulla salute pubblica, entrata in vigore il 1° luglio 1865, decretava la soppressione virtuale del nostro Cimitero.

L'articolo 71 del Regolamento applicativo, prescriveva che i cimiteri dovevano essere ad una distanza minima di 100 metri dai luoghi abitati.

Ma dato che l'articolo 73, dello stesso Regolamento, prevedeva disposizioni speciali per i cimiteri esistenti, per il nostro, si profilava un lungo periodo di tolleranza, anche perchè il numero delle inumazioni, in questo momento, non sembrava creare un reale pericolo per la salute pubblica.

Inoltre, con il trasferimento della capitale a Firenze, si rese necessario ampliare la città.

Quando il Comune deliberà la demolizione delle mura di cinta sulla riva destra dell'Arno e di sostituirle con un grande viale, fiancheggiato da case, fu fin troppo evidente che non si poteva evitare una prossima soppressione del Cimitero, costruito a ridosso delle mura.

La Chiesa aveva ragione di sperare che non si espropriasse il suo Cimitero senza che le venisse assegnato un altro luogo, adatto allo scopo, e che le fosse riconosciuto un indennizzo, per le spese che il trasferimento avrebbe comportato.

Nel corso dell'anno 1868, vi furono diversi incontri tra una commissione, nominata ad hoc dal Consiglio di Chiesa, e i Conti Sarristori e l'architetto Falcini, incaricati dalla Giunta comunale.

Alla fine di questi incontri, alla Chiesa fu proposto un terreno, indicato dallo stesso architetto, di superficie pressappoco equivalente a quella del Cimitero di Porta a' Pinti, a fianco del Cimitero Monumentale di San Miniato al Monte.

Il Comune, inoltre, proponeva di concedere il terreno dopo averlo espropriato e munito di muro di cinta. E su richiesta dei rappresentanti della Chiesa, acconsentiva a fare, a proprie spese, i lavori di livellamento del suolo e la preparazione della superficie, in modo che alla Comunità restassero soltanto la disposizione interna del cimitero e la costruzione della cappella e della camera mortuaria.

La Giunta comunale, fedele agli impegni assunti, verso la fine del 1868, presentò la proposta al Consiglio Municipale per l'approvazione; ma il Consiglio la bocciò per motivi finanziari.

Aveva considerato che quello che avrebbe concesso per il Cimitero di Porta a' Pinti, avrebbe dovuto concederlo per tutti gli altri cimiteri, cattolici e non cattolici, che rientravano nella Legge di soppressione, e che in fondo per legge non era tenuto a dare indennizzi speciali.

Nel corso della seduta di Consiglio del 20 gennaio 1869, il Sindaco notificò che era giunto il momento di operare la soppressione dei cimiteri ricompresi nelle disposizioni degli articoli 70 e 71 del Regolamento sulla Salute Pubblica, e ricordò che il Consiglio non aveva approvato la proposta di fornire altri luoghi ai proprietari dei diversi cimiteri da sopprimere, per il fatto  che la soppressione non era ordinata dal Comune, bensì da una Legge del Regno.

Ma, per liberare l'amministrazione da ogni obbligo, propose di votare un indennizzo pari a £. 26.000, da utilizzare per la predisposizione, nel Cimitero comunale di Trespiano, di un luogo separato e speciale, per l'inumazione delle salme di persone non appartenenti alla Chiesa cattolica romana.

Il Consiglio approvò la proposta, e nella seduta successiva del 22 febbraio 1869, votò la seguente mozione:

'Le inumazioni saranno proibite nei Cimiteri esistenti nel territorio del Comune di Firenze, fatta eccezione per il Cimitero di S. Miniato al Monte.

La Giunta è incaricata di adottare tutte le misure necessarie affinchè questa deliberazione abbia esecuzione nel più breve tempo possibile tenendo conto delle esigenze delle parti, ma nell'osservanza delle leggi e dei regolamenti in vigore'.  

Queste delibere procurarono un forte dolore alla Chiesa. Non occorrono molte parole per dimostrare che la proposta di andare a Trespiano non poteva essere accettata dalla Chiesa, che avrebbe dovuto sostituire il suo bel Cimitero, così ben tenuto e così solenne nella sua semplicità, con un riquadro per gli acattolici nel Cimitero di Trespiano, distante dalla città e difficilmente raggiungibile, attraverso una strada lunga e scoscesa, che scoraggiava le visite ai defunti.

Il Consiglio di Chiesa cercò, allora, di indagare per vedere se avesse diritto ad un qualche indennizzo, e se non fosse il caso di adire per vie legali per indurre il Comune a sostituire convenientemente quanto stava per togliergli.

Ma la consulenza di uno dei più rinomati avvocati della città, chiarò che la soppressione del Cimitero, essendo dovuta ad una legge statale sulla salute pubblica, non dava diritto a risarcimento da parte del Comune, e che questi, fornendo un posto per le inumazioni degli acattolici, là dov'era il suo Cimitero principale, faceva quello cui era tenuto per legge.

Appariva chiaro, perciò, che se la Chiesa voleva evitare l'inaccettabile trasferimento a Trespiano, doveva provvedere per conto proprio, sottoponedosi di nuovo ad enormi sacrifici, non più sopportabili.
 
LA SOLUZIONE

Intanto, il mutato clima politico e il trasferimento della capitale d'Italia a Firenze, avevano creato maggiore apertura e libertà, perciò altre Chiese evangeliche erano sorte in città.

Queste Comunità, avendo riscontrato il nostro medesimo problema, stavano anch'esse costruendo un loro cimitero in prossimità di Firenze. Ma l'ampliamento della città, comportò l'esproprio e la soppressione anche del loro cimitero ancora in costruzione. L'indennizzo concesso fu di £. 21000.

In questo frangente, alla Chiesa Evangelica Riformata Svizzera pervenne da queste Chiese, la proposta di unire le forze di tutti i protestanti di Firenze per realizzare un unico Cimitero comune.

La Chiesa anglicana e la Chiesa scozzese avevano già data la loro adesione.

Dopo attenta riflessione la Chiesa accettò la proposta, ben conscia però che il nuovo Cimitero non sarebbe stato di sua esclusiva proprietà come l'attuale.

La prima riunione dei delegati di queste diverse Chiese, così consorziate, ebbe luogo il 18 febbraio 1869. In quelle successive, del 22 e 25 dello stesso mese, furono gettate le basi di un accordo.

Le Autorità municipali, informate del progetto, si mostrarono d'accordo e disposte a cedere, all'insieme delle chiese, per lo scopo che si proponevano, una parte della somma stanziata per i lavori previsti per la sistemazione del riquadro nel Cimitero di Trespiano, località che tutte le Chiese rifiutarono di comune accordo.

Fu costituito, così, un Comitato per l'esecuzione delle decisioni delle Chiese consorziate e per la ricerca di un luogo idoneo.

Non rientra nel fine di questa relazione, descrivere tutti gli atti compiuti da questo Comitato per creare il nuovo Cimitero, le numerose difficoltà, sempre rinascenti, contro di cui dovette lottare e che furono la causa del prolungamento della sua esistenza, ancora per diversi anni, prima di raggiungere lo scopo.

Intanto, mentre il Comitato neo eletto operava alacremente alla ricerca di un terreno, i lavori d'ampliamento della città proseguivano. Le mura di cinta erano abbattute e il bel quartiere della Mattonaia sorgeva in prossimità del nostro Cimitero.

Secondo il piano dell'ingegnere Poggi, adottato dal Comune, il grande viale che stava nascendo, arrivato in prossimità del Cimitero di Porta a' Pinti, si biforcava circondando il Cimitero e lasciandolo tale e quale era, come Collina Monumentale, che ben presto sarebbe entrata a far parte dei Beni Artistici, sotto la tutela delle Belle Atri.

In seguito a ciò, si resero necessari nuovi lavori per il sostegno del terreno sopraelevato e per la costruzione dell'attuale muro di cinta, sormontato dalla griglia ornamentale.

Questi lavori iniziati nel 1869 e terminati nel 1870, furono diretti dall'ingegnere Pierre Ganzoni, membro del Consiglio della Chiesa.

Nel corso d'essi, fu rifinita l'intera area del Cimitero, e fu aggiunto un pezzo di terreno nella zona Sud e tagliato una in quella Nord - Est.

La somma per detti lavori percepita dalla Chiesa dal Comune, ammontò a £. 31.671. In essa non era compreso il costo della griglia ornamentale, che fu posta in opera direttamente dal Comune.

In occasione di questi lavori, il Concistoro decise di ingrandire la cappella e la sala mortuaria, in maniera da ricavare un alloggio sopraelevato per il custode.

Questi ed altri lavori di riordino all'interno del cimitero, che gli fecero assumere la forma attuale, comportarono per la Chiesa un'ulteriore spesa di £. 6.200.

Bisogna ora tornare un istante sui nostri passi, e ricordare che con l'anno 1869, doveva cessare il seppellimento nel Cimitero di Porta a' Pinti.

L'Autorità municipale l'aveva decretato; ma non aveva fatto nulla per trovare una reale soluzione alternativa.

Il Comitato delle Chiese consorziate, dopo lunghe ricerche, resosi conto dell'impossibilità di trovare un terreno adatto nel territorio del Comune di Firenze, decise di acquistare il 'Podere agli Allori' nel comune di Galluzzo, al confine con Firenze.

Ma il consenso delle autorità per la costruzione del Cimitero in detta località, benchè promesso prima dell'atto acquisto, tardava a venire.

Inoltre, il Comune di Firenze non eseguiva i lavori nel Cimitero di Trespiano deliberati dal Consiglio. Per cui si arrivò al mese di dicembre senza sapere cosa fare.

Per far fronte alle esigenze del momento, il Comune propose di adattare un locale presso l'antica fortezza di S. Miniato al Monte, ora Cimitero Monumentale, per tenervi depositate le salme, in attesa di poterle inumare nel nuovo cimitero.

La proposta incontrò l'energica opposizione da parte del Consiglio della Chiesa e degli altri Protestanti fiorentini.
 
Cosicchè, all'ultimo momento, l'autorità Municipale concesse il permesso di continuare a seppellire nel Cimitero di Porta a' Pinti. Ma la concessione era temporanea, revocabile in qualsiasi momento, e fatta a condizione che le salme fossero chiuse in bare di zinco. Quantunque provvisoria e accolta con orgoglio e con l'angoscia del momento, prolungò l'esistenza attiva del nostro Cimitero per circa altri otto anni.

Per quanto riguarda il Cimitero agli Allori, continuava l'opposizione del Comune di Galluzzo, il quale non riteneva di dover accettare sul proprio territorio un cimitero al servizio di un altro Comune.

Intanto, spuntava fuori un alto progetto della città di Firenze che prevedeva la costruzione di una grande nuova necropoli a Certosa, dove sarebbero stati assegnati comparti speciali a tutte le confraternite e confessioni.

Ma ben presto questo disegno fu abbandonato. Si ripresentava quindi la necessità di ottenere il consenso del Municipio di Galluzzo.

Quando questo finalmente fu concesso, vi furono forti opposizioni da parte dei proprietari terrieri confinanti, che si appellarono al Consiglio dei Ministri e perfino al Re.

La questione rimase in sospeso fino a quando, finalmente, un decreto ministeriale del 31 luglio 1877, dava il consenso definitivo e irrevocabile per la costruzione del nuovo cimitero Evangelico agli Allori.

Come è stato detto, per alcuni anni, l'attività del Cimitero di Porta a' Pinti continuò alle condizioni dettate dal Comune di Firenze e nonostante l'opposizione dei proprietari confinanti, che non cessarono mai di reclamare contro la tolleranza usata dal Comune.

Ma il momento della cessazione definitiva doveva però arrivare.

Dopo una lunga contestazione in comune, da parte dei proprietari dei terreni circostanti, una sentenza del Tribunale di Firenze, emessa nel mese di Aprile del 1877, imponeva in maniera assoluta la cessazione delle inumazioni alla fine del mese di settembre, pena un'enorme multa per il Comune.

L'ultima inumazione, pertanto, fu quella della signorina Elisa Bossé, nata a Riga il 1822 e morta il 24 settembre 1877.

Così, mentre il Cimitero di Porta a' Pinti chiudeva i suoi battenti, dopo mezzo secolo di attività, iniziavano i lavori in quello Agli Allori.

Quale misura transitoria, fu assegnato per alcuni mesi un locale nell'Asilo mortuario pubblico di S. Caterina, ove depositare le salme, in attesa di essere trasportate nel nuovo Cimitero.

Le prime inumazioni nel Nuovo Cimitero Consorziale avvennero nel mese di dicembre del 1877.

PARZIALE RIAPERTURA

Per tutto il tempo in cui il Cimitero è rimasto inattivo, più di un secolo, le spese di manutenzione sono state sostenute della Chiesa Riformata Svizzera. E solo nell'ultimo ventennio, in seguito all'unificazione delle due Amministrazioni, dal Cimitero Evangelico agli Allori.

In verità, prima dell'unificazione delle due Amministrazioni, per liberarsi del gravoso peso del Cimitero, la Chiesa fece un primo tentativo di donazione al Comune di Firenze, con la mediazione del Console Svizzero e dell'Ente del Turismo, senza però raggiungere alcun risultato nonostante si fosse arrivati perfino ai sindaci La Pira e Bargellini.

Il secondo tentativo fu fatto nel 1995 presso il FAI, il quale in un primo memento accettò, ma poi rifiutò, quando il Cimitero fu riaperto nel dicembre 1996, per accogliere l'urna cineraria del grande coreografo e ballerino russo, Evgheni Polyakov, che aveva eletta Firenze come seconda patria. Furono i suoi colleghi ed amici fiorentini, con a capo il sindaco Bogianchino, ad agire presso la Sovrintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici, perchè concedesse l'autorizzazione a tumulare le sue ceneri nel nostro Cimitero.

Cosicchè, da allora, il Cimitero è stato riaperto e autorizzato ad interrare urne cinerarie e resti mortali fino ad un massimo di 504 unità.

Nel 1999, un'ingiunzione del Comune imponeva alla Chiesa di eseguire i lavori di consolidamento del muro di cinta e di ripristino della griglia ornamentale. Data l'entità della spesa, superiore al mezzo miliardo di Lire, in attesa di trovare i fondi necessari, i lavori furono più volte rinviati, finchè furono eseguiti nel corso dell'anno 2000.

Alla spesa per tali lavori concorsero in misura diversa e in ordine crescente: parte di un lascito di un membro di Chiesa, il Comune di Firenze, la Cassa di Risparmio di Firenze e soprattutto l'Amministrazione del Cimitero agli Allori.

Dopo circa venticinque anni, nell'agosto 2000, una persona è tornata a vivere come custode nei locali del Cimitero, pronta ad accogliere i visitatori italiani e stranieri, che sempre più numerosi vi fanno capolino, per ammirarne i piccoli ma significativi monumenti e per rendere omaggio alla memoria delle numerose personalità religiose, artistiche e culturali, le cui salme sono custodite nel nostro Cimitero Monumentale.

Dal 1° marzo 2006, l'Amministrazione del Cimitero di Porta a' Pinti è tornata alla Chiesa Evangelica Riformata Svizzera di Firenze, che lo gestisce come nel secolo scorso per mezzo di un Comitato, formato dal Presidente, dal Tesoriere e dal Pastore, il quale si riunisce ogni lunedì mattina, presso il Cimitero stesso.
 
DATI STATISTICI

Il numero delle salme seppellite nel Cimitero di Porta a' Pinti è di 1409, appartenenti a 16 nazioni. Il nucleo più folto è quello inglese con 760, seguono gli svizzeri con 433, i nordamericani con 87, gli italiani con 84 e i russi con 54.

Come singolarità, si rileva l'età molto giovane dei defunti: 164 avevano meno di due anni, 185 meno di vent'anni, 180 meno di trent'anni, 194 meno di quarant'anni.

La storia del cimitero presenta una sorta di stratificazione sociale: prima abbiamo piccoli commercianti svizzeri e aristocratici inglesi, quindi la Firenze cosmopolita. A metà secolo, affiorano i primi protestanti fiorentini e dopo il 1859 i valdesi. Con Firenze capitale si perde ogni distinzione di nazionalità o di ceto.

* * *

Terminando questa relazione, come pastore della Chiesa, desidero rivolgere un pensiero grato innanzitutto a Dio, per aver nel passato suscitato la fede in tante persone, che si sono impegnate con coerenza e fino al sacrificio, per dare una degna sepoltura ai propri cari, e per lasciare a perpetua memoria un segno storico ed artistico di grande rilievo.

Inoltre, desidero rivolgere un pensiero grato anche alla Firenze Ottocentesca, che col tempo ha saputo accogliere ed apprezzare coloro che certamente sono venuti ad attingere, a piene mani, alle sue bellezze e al suo patrimonio artistico e culturale, ma che, da parte loro, vi hanno lasciato segni indelebili del loro apprezzamento e del loro amore per la Città.  



HISTORY OF THE CEMETERY, 180TH ANNIVERSARY

JULIA BOLTON HOLLOWAY

 

An open air museum, the beautiful Swiss-owned Porta a' Pinti Cemetery, commonly known as the 'English' Cemetery, lives on in the memory even with just one visit as an attractive and attracting place. On each return the living aspect and the desire of the visitors are those of finding it always more beautiful and cared for. Listening to these voices, at times critical of its neglect, we remain faithful to our task to the utmost, in these past years, of not betraying this heritage of art that neither neglect nor familiarity can obliterate, constantly filled with the desire to restore to the city of Florence and the world this historically rich heirloom. Tapestry of life and death, design of marble and memory, white marble light and colour. Sacred words and echoes of life. Strangers and exiles in the city that has become their home. Rooted and distant. Near and far away. Loved.

The hill was perhaps an Etruscan tomb. The Cemetery owes its name to the Fiesolan Gate built by Arnolfo di Cambio, later called the Porta a' Pinti. It is an ecumenical cemetery that maps Victorian Florence appropriately. A cosmopolitan city which these strangers chose as their second country, English, Swiss, Russians, Americans, inspired by the spirit of liberty living here, communing through love with its art and culture. Different alphabets and languages - as witness to the ferment which the city knew in those decades - through the epitaphs which offer the frame of this research that leaves living imprints of itself.

 

From the engraving reproduced on the posters and copying a photograph by Longworth Powers, one of Hiram Powers' sons, published in Harper's Monthly Magazine, 1873, we see how the cemetery appeared in the nineteenth century. The engraving shows the view of the cemetery from the terrace above the library and workroom.


In the article we read how the President of the Swiss Evangelical Reformed Church of Florence, accompanied by his young son, Jean David Marc Gonin, came here to direct the workers carrying out the initial work on the land recently bought by the Church from the Grand Duke to build their Cemetery, met with a terrible prophecy of an appointment with death. At the time the boy, struck by the beauty of the place, traced with his foot a sign on the ground saying 'I will be buried here'. By some strange mystery the words of the fifteen-year-old boy came to pass within only fifteen days. The bust finished three years later by Pietro Bazzanti shows him as if eighteen, and the portrait by the Swiss artist Solomon Counis (who now lies near him), is shown as if twenty-two. The bust, romantically good-looking as if of a Byronic hero, is placed on a column at the top of the hill and framed by the pink roses that flourish beside Evgen Polyakov's tomb. In 1828 this Gonin tomb was the first in the Cemetery and thus the event that we celebrate today a hundred and eighty years later.


The description of the Cemetery in Susan and Joanna Horner's Walks in Florence, published in 1877, the year of the Cemetery's closure, is likewise romantic in mood:

Near this piazza lies the old Protestant Cemetery of Florence, once beyond the Porta Pinti, and under the shelter of the ivy-covered walls, both of which have been included in the recent demolitions.  The greater number of the tall old cypresses which crowned the summit of the mound have been cut down, and the picturesque beauty, as well as seclusion of the spot, which were so congenial to the feelings of mourning friends, no longer exist.  It is now protected by a neat iron railing, within which have been planted cypresses and various shrubs, which it is to be hoped will, in time, restore some of its former beauty.  The mountains of Vallombrosa and Fiesole are not quite shut out by the row of houses rising on all sides, and the order and care . . . leave no room for complaints.  The white marble monuments, to each of which is attached a little garden of roses or other flowers, give a peculiar loveliness to this cemetery, far removed from gloom, and in the spring-time, the remains of the departed seem to repose under a shower of sweet blossoms.

We recall that the Cemetery in 1827 in its original square form leaned against the medieval wall built by Arnolfo di Cambio, closed on the side by the wall built by Michelangelo, this form being the design of the young architect, Carlo Reishammer.


Later the Cemetery took on its present oval form from the work of Giuseppe Poggi who tore down the city walls and constructed the boulevards or viali, which caused its closure in 1877.

Pietro Bazzanti's family workshop produces copies of sculpture to this day, and were very active in the nineteenth century. He sculpted the earlier tombs in the cemetery, neo-classical in style, of garlanded broken colums, cinerary urns, widows and orphans in drapery, in marble,


sarcophagi with extinguished torches, reflecting classical matrimonial and funereal practices, and his work includes the large cross at the Cemetery's centre. On many of the monuments are found Egyptian motives because of the enthusiasm caused by Champollion and Rosellini's 1828 Expedition to Egypt and Nubia which was funded by the same Grand Duke of Tuscany as who sold the Swiss Church this land. These motives include the winged solar disk with serpents on Arthur Hugh Clough's tomb taken from Champollion's book owned by the Marchese Torrigiani.


To these are added also crosses and passages from the Bible in many languages, even Romantsch, which for the Catholic laity before Vatican II was forbidden.

Then, in the second half of the nineteenth century, the tombs became more natural, less escapist. After Pietro Bazzanti, among the great sculptors from Tuscany and elsewhere figure Michele Auteri Pomar, Lorenzo Bartolini, Emmanuele Caroni, Aristodemo Costoli, Odoardo Fantacchiotti, Francesco Giovannozzi, Francesco Jerace, Giuseppe Lazzaroni, Alessandro tomba, Ettore Ximenes, Emilio Zocchi, Italian, Johan Niklas Bystrom, Swedish, Felicie and her brother Hippolite, Fauvau, French, William Holman Hunt, Frederic, Lord Leighton, John Roddam Spencer STanhope, English, Fyodor Fyodorovich Kamensky, Russian. Amongst other sculptors who worked in the Cemetery are five Americans, Joel Tanner Hart, Hiram Powers, Preston Powers, William Wetmore Story, and Launt Thompson. Two of them, Joel Hart and Hiram Powers, are also buried here. An essay on them can be found at http://www.florin.ms/sculptors.html

In the cemetery are persons from almost all European nations, English, Swiss, Russian being in the majority. Also 80 Americans, some Canadians, and one Australian whose roots also include Tasmania.


The most touching monument is the beautiful Orthodox cross in white marble for a black slave named Nadezhda, Hope, who came at 14 from Nubia to Florence and whose story is told on her tomb base in Cyrillic characters.

Many famous writers, women and men, found burial here.


Elizabeth Barrett Browning, whose tomb was designed by Lord Leighton, Walter Savage Landor, Arthur Hugh Clough,


Frances Trollope, Theodosia Trollope, Isa Blagden. Among the famous Americans, the collector and Consul James Lorimer Graham, the sculptor and Consul Hiram Powers, the writer and Consul Richard Hildreth, the theologian and preacher Theodore Parker.

 

The first gravestone for Theodore Parker was sculpted by Joel Hart, and it was this tomb that Frederick Douglass, the ex-slave, visited when he came to Florence to pay homage to him. The present gravestone is that sculpted by William Wetmore Story.


Leighton Sketch Book XXXV, Royal Academy Library

ebbtomb8__ebbtomb6__ebbtomb7
Greek Lyre                   Christian Harp                Hebrew Harp
Tragedy and Comedy    Cross                            Jubilee with Broken Slave Shackle

The lyre sculpted on Elizabeth Barrett Browning's tomb is symbol for the Classic world, showing the two faces of the god Pan. The other two medallions represent David's harp on which rests a broken slave shackle to symbolize freedom from Egyptian and Babylonian slavery, and the lyre with the cross, symbol for Christianity. All three string instruments signify the rich multi-culturalism of Europe. But the harp also signifies the tragedy of nineteenth-century slavery, serfdom in Russia, Blacks in America.

          They say Ideal Beauty cannot enter
          The house of anguish. On the threshold stands
          An alien Image with the shackled hands,
          Called the Greek Slave: as if the sculptor meant her,
          (That passionless perfection which he lent her,
          Shadowed, not darkened, where the sill expands)
          To, so, confront men's crimes in different lands,
          With man's ideal sense. Pierce to the centre,
          Art's fiery finger! - and break up erelong
          The serfdom of this world! Appeal, fair stone,
          From God's pure heights of beauty, against man's wrong!
          Catch up in thy divine face, not alone
          East griefs but west, - and strike and shame the strong,
          By thunders of white silence, overthrown!

Leighton here remembers Elizabeth's sonnet on Hiram Powers' 'Greek Slave', a statue he sculpted in Florence that was shown at the centre of the Crystal Palace Exhibition in 1851 and in America.

All these artists and writers raised their voice against slavery. Buried here are also participants in the Battle of Waterloo, many friends of Florence Nightingale, the Swiss historian Jacques Augustin Galiffe. Robert Davidson, the Jewish medievalist from Gdansk is buried here. His Storia di Firenze (History of Florence) is a magnificent work, the fruit of intense research carried out in Florentine and European archives.


William Somerville was buried here by his wife. To Mary Somerville we owe the discovery of two planets. Her science books, even though she had no schooling, were text books at the University of Cambridge. She taught mathematics to Ada Lovelace, daughter of Lord Byron, who in turn collaborated with Charles Babbage to invent the computer, she suggesting to him the use of the Jacquard loom cards with holes punched in them and the binomial theorem, of noughts and ones.
 


In the German-speaking world the Cemetery is most famous for being the Swiss painter Arnold Boecklin's 'Island of the Dead', whose six-month-old daughter Maria Anna was buried here in an unmarked grave beneath its cypresses in 1877.

Resurrecting the dead, preserving their records through time, the monuments are mirrors that give to us through their symbols and words fragments of lives and stories so that the research in many cases brings together past, present and future. They become a pilgrimage in which we also can journey towards justice and freedom.


This photograph taken 100 years ago by Brogi shows us the landscape gardening the Cemetery had. For some time now we have attempted to restore the landscape of the hill, with its white marble tombs interrupted by green box hedges and lavender, with its crown of cypresses, the beautiful and majestic Cedar of Lebanon and the yew at the entrance beyond the arch. In the nineteenth century the separation between life and death was in part overcome by planting myrtle, symbol of love and faithfulness, on the Russian, Swiss and English tombs. Also palms were planted, symbol of the Resurrection, as on the tomb of Salvatore Ferretti and his wife. The Irish aristocrats for their tombs prized the exotic oleander. The tomb of an Italian count and his English wife still today has an iron arch to which forsythia is trained, the first to flower as early as January in this Cemetery.

This marvel has come about because we have now forbidden the use of weed killers. Their poison in the course of the years had burned and dried the soil, and their acid destroyed the pietra serena bases to the tombs, giving the Cemetery as aspect of greyness and neglect. In the Spring one sees that the wild strawberries have now returned, also perfumed violets. We now joy in the many plants and bulbs that flower in such colours. Nicholas Dakin-Elliot, head gardener at Villa La Pietra has given us wild iris bulbs (Florence's purple lily) which in March were planted thickly on both sides of the central avenue by students from New York University. Three American students from SACI helped weed the Cemetery this past Sunday in preparation for this conference. Other bulbs - planted by Roma families - and roses of different varieties have been given by Jennifer Waite and Dutch visitors, by Priscilla Bayard and Linda Terzani White. The plumbago is very beautiful amongst the lavender at the entrance of the Cemetery and adorning the tomb of two baby sisters. Three dwarf pomegranates grow beside the tombs of our illustrious poets, Elizabeth Barrett Browning, Walter Savage Landor and Arthur Hugh Clough. The lavender edging the oval and growing along the paths are given by Anna Porcinai. The box hedge and the miniature pomegrates were donated by Katherine Goldsmith and planted by Vieri Torrigiani Malaspina of the Giardino Torrigiani who continues to collaborate with us in this project. These many plants are like words in a book. An alphabet of love. Like the words sculpted on the marble they show the tender affections and strength of family ties.

The Cemetery has about 700 tombs, some single, some family ones, though the number of burials (1409 up to 1877), is double that. Many of the tombs need restoring and cleaning. Many need research on their inscriptions. The nineteenth-century wrought and cast iron work ornamenting the tombs has now been beautifully conserved with their rust cleaned off and two coats of anti-rust and two coats of enamel applied to them. Since 1877, the year of its closure to bodies, the cemetery has accepted and still accepts ashes and remains.

Joining marble monuments and books and archival documents and their catalogues on the web enables a fruitful matrix for the research of their history, art, poetry and love. We bring together English, Swiss, Americans, Russians, Poles, Hungarians, Greeks and many others, French, Dutch, Germans, Swedes, Danes, Finns, Lithuanians, from the past into the present as seeds for the future. In virtue of this cosmopolitan character and using a geographic taxonomy we order the various notices relative to the burials and tombs by nationality. This material is shared with us by descendants, relatives and scholars. These families and individuals also help with funds for restoring the monuments most at risk. Sometimes we find ourselves re-uniting different branches of a family as happened with the Wital and the Checcucci. One branch of the Checcucci is in Australia, another in France, and now they work together even with the funding for the repair of their tombs.  Our archive has been enriched by photographs of portraits of Jean David Marc Gonin, of Joseph Garrow, of Elvira Garinei,

 

 and of Sarah McCalmont. These treasures give the tombs a face, a character, their humanity.

Crucial for this work has been the digital camera given us by Carlo Steinhauslin, the computer by Pastore Marziale, and the Web space which I acquired for the project. Together my colleague and I prepare dual language texts, such as this lecture which includes material from others I gave in Italy, Russia and America. The idea of creating a weblog to help with the appeal for restoration funding came about at the UNESCO conference in St Petersburg on Information Technology and Culture in 2005. The project, focussing on a small monumental cemetery in Florence, but which is most famous world-wide, has become global and interactive one using the most modern technologies, yet capturing aspects of oral history telling. Our taxonomy uses the alphabet (itself a form of Information Technology of past millennia) and geographic space to carry out biographic and genealogical research. The Oxford Dictionary of National Biography has stated its appreciation for our work in publishing the details of these persons on the Web. Our challenge is to both continue this research and to seek funds globally for this fine yet needy cosmopolitan Cemetery in Florence. 

The Russian scholar Mikhail Talalay has researched his numerous fellow citizens who are buried in the Cemetery, carrying out that work in the archives in St Petersburg and in the Russian Orthodox Church in Florence. Anthony Webb has similarly carried out work on our English burials in the Guildhall Library, the Public Records Office and the Foreign Office in London. In the Swiss Church archives Russians and Poles are listed only as part of the Russian Empire, Hungarians similarly as part of the Austrian empire. I have instead differentiated between them and likewise between the Welsh, Scots, Irish, Canadian and Australian burials. Because the Swiss Church is independent from its cantons or federation their burials lack a duplicate government archive in Switzerland. The Americans lack these bureaucratic archival systems altogether and thus their deaths and burials are only registered in the archives of this small Swiss Church in Florence. Here I show the burial documents for Theodore Parker.    

  

It has been possible to carry out this kind of research because the so-called 'Registri dei Morti', the Death Registers, of the oldest decades which initially we had believed had been lost at the 1966 Florence Flood have now come to light. These are exquisitely hand-written in French, and even give the maiden name of the deceased's mother, the Swiss Canton from which he came and his profession.

These archives are joined by the Belle Arti's inventory of 220 tombs, compiled in 1993. These describe the monuments and note their needed repairs. We must now complete the remaining 480 of the 700 tombs. Only when this global project is finished will it become easy to obtain permission from the Belle Arti to restore the tombs.


Sculpture, space, green, colours - symbols of life - enclose the dead. They open for us a vision of beauty, a mediation in itself on art and poetry, on ourselves and life.
 

Julia Bolton Holloway

Salone Brunelleschi, Florence

10/10/2008 



STORIA DEL CIMITERO PORTA A' PINTI DALLA SUA APERTURA AD OGGI

JULIA BOLTON HOLLOWAY

Museo all'aperto, il bellissimo Cimitero di Porta a' Pinti, proprietà della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, comunemente noto come Cimitero 'degli Inglesi', anche dopo una sola visita vive nella memoria di tutti come luogo di fascino e bellezza. Ad ogni ritorno la viva aspettativa e il desiderio del visitatore sono quelli di ritrovarlo sempre più bello e curato. Facendoci interpreti di queste voci, talora raccogliendo malumori, fedeli al nostro impegno tutti gli sforzi sono tesi oggi, così come in passato, a non tradire quest'eredità d'arte che nè l'incuria nè l'approssimazione dovranno mai cancellare, costantemente animati dall'intento di restituire integro alla città questo patrimonio ricco di storia. Arazzo di vita e morte, disegno di marmi e memoria, bianca marmorea luce e colore. Parole sacre ed echi di vita. Straniero ed esule nella città sua dimora. Radicato e distante. Vicino e lontano. Amato.

Il cimitero, posto su una collinetta, forse una tomba etrusca, deve la sua denominazione all'arnolfiana Porta Fiesolana, divenuta poi Porta a' Pinti. E' un cimitero ecumenico che ben rappresenta la Firenze ottocentesca, citta cosmopolita che gli stranieri elessero a loro seconda patria. Inglesi, Svizzeri, Russi, Americani, animati da spirito di libertà dimorarono qui accomunati dall'amore per l'arte e la cultura. Alfabeti e lingue diverse - testimoni del fermento che la città conobbe in quegli anni - attraverso le epigrafi ci offrono le trame di questa dotata cerchia che lasciò viva impronta di sé.

Dall'incisione riprodotta sull'invito e realizzata da una foto di Longworth Powers, figlio dello scultore americano Hiram Powers, pubblicata in un articolo della rivista Harpers Monthly Magazine nel 1873, vediamo come il cimitero appariva nell'Ottocento. L'incisione mostra la veduta del cimitero dalla terrazza della casetta che ospita oggi anche la biblioteca e la bottega.

Nell'articolo leggiamo che il Presidente della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera di Firenze accompagnato dal giovanissimo figlio Jean David Marc Gonin trovatosi a dare direttive agli operai impegnati nei primi lavori sul terreno da poco acquisito dalla Chiesa dal governo granducale per costruirvi il loro cimitero - si vide investito da un terribile presagio o anticipato appuntamento con la morte. In quell'occasione il ragazzo colpito dalla bellezza del luogo tracciando con il piede un segno sul terreno affermò: ' Qui riposerò'. Come per mistero si avvereranno presto le parole che quel giorno affiorarono alle sue labbra. Jean David Marc Gonin muore prematuramente solo quindici giorni dopo a quindici anni d'età. Il busto di Pietro Bazzanti nel cimitero lo mostra diciottenne, mentre nel dipinto del pittore svizzero Solomon Counis (che riposa accanto a lui), è raffigurato sempre in giovane età (come fosse ventiduenne). Romanticamente bello è il suo busto di eroe byroniano posto su una colonna che osservato dall'alto della collinetta si staglia contro l'alberello di rose rosa che cresce sontuoso accanto al sepolcro di Eugen Polyakov. Nel 1828 la sua fu la prima sepoltura nel cimitero e ne inaugurò l'apertura che oggi celebriamo nei suoi cent'ottanta anni.

Molto romantica è la descrizione del cimitero in Walks in Florence di Susan e Joanna Horner, guida pubblicata nel 1877, anno della chiusura del Cimitero:

- vicino questa piazza (Piazza Massimo d'Azeglio) sorge l'antico Cimitero Protestante di Firenze, un tempo posto fuori della Porta a' Pinti all'ombra delle mura ricoperte d'edera, demolite oramai per l'abbattimento dell'intera cerchia muraria. Il maggior numero degli alti e vetusti cipressi che coronavano la cima della collinetta sono stati tagliati, la bellezza pittoresca e la quiete del luogo, che rendevano inclini all'esprimere il compianto per i propri amici, sono svanite. Una semplice cancellata in ferro protegge ora il cimitero, all'interno sono stati piantati cipressi e arbusti vari. Col tempo è nostra speranza questo restituisca al luogo parte dell'antica sua bellezza. Le case a schiera lungo i lati non nascondono alla vista le montagne di Vallombrosa e le colline di Fiesole. La cura e la sollecitudine profuse dal Comune nella tutela del cimitero, ereditato per acquisto, non lasciano alcuna possibilità di rimostranze. I bianchi monumenti in marmo, accanto a ciascuno dei quali crescono rose o altri fiori, come fossero piccoli giardini, conferiscono al cimitero quella rara bellezza, assai lontana dall'evocare cupe atmosfere. In primavera le spoglie mortali paiono riposare sotto una pioggia di fragranti fiori.

Richiamiamo alla memoria che il cimitero, fondato nel 1827, nella sua originaria forma quadrata addossato alla cerchia muraria arnolfiana, racchiuso da un lato dal tratto di muro di Michelangelo, fu opera del giovane architetto Carlo Reishammer.

Si definò successivamente nell'attuale ovale a seguito degli interventi di Giuseppe Poggi con la costruzione dei viali dopo l'abbattimento della cinta muraria, che ne determinarono poi la chiusura nel 1877.  

La bottega di scultura di Pietro Bazzanti  specializzata nella produzione di copie dall'antico fu attivissima nell'Ottocento. La critica del tempo, tuttavia, più che scultore lo considerò marmista. Sue le tombe più antiche del cimitero in stile neoclassico. Sono colonne inghirlandate, talora spezzate a indicare morti premature, colonne con urne cinerarie, vedove e orfani nel morbido panneggio in marmo bianco,

sarcofagi con torce capovolte a riflettere pratiche classiche di matrimonio e di seppellimento, assai lontane dalla cristianità. Per molti dei monumenti ricorrono motivi egizi che sotto gli effetti dell'entusiasmo per la spedizione del 1828 in Egitto e in Nubia di Champollion e Rosellini finanziata dal Granduca suggestionarono l'immaginario degli artisti-scultori.

Il disco solare alato sulla tomba di Arthur Hugh Clough, e ancora l'uroboro, lo scarabeo alato, gli obelischi, le piramidi. Unitamente a questi simboli possiamo osservare l'utilizzo di croci, e il ricorso per molte delle iscrizioni sepolcrali a citazioni è in diversi alfabeti e diverse lingue, anche in Romancio - dalla Sacra Scrittura, il proibito Libro dei libri per i cattolici prima del Concilio.    

Successivamente, nella seconda metà dell'Ottocento, le tombe divengono più moderne, domina meno il senso di evasione dalla realtà. Come maestri e grandi scultori nell'ambiente toscano e non, dopo Bazzanti figurarono i nomi di Michele Auteri Pomar, Lorenzo Bartolini, Emmanuele Caroni, Aristodemo Costoli, Odoardo Fantacchiotti, Francesco Giovanozzi, Francesco Jerace, Giuseppe Lazzerini, Alessandro Tomba, Ettore Ximenes, Emilio Zocchi, lo svedese Johan Niklas Bystrom, i francesi Felicie de Fauveau e il fratello Hippolite, gli inglesi William Holman Hunt, Frederic Lord Leighton, John Roddam Spencer Stanhope, il russo Fyodor Fyodorovich Kamensky. Hanno operato tra gli altri nel cimitero anche cinque scultori americani: Joel Tanner Hart, Hiram Powers, Preston Powers, William Wetmore Story e Launt Thompson. Due di loro, Joel T. Hart e Hiram Powers, riposano nel cimitero stesso. Un saggio a loro dedicato e da me curato è stato pubblicato sul Web all'indirizzo http://www.florin.ms/sculptors.html.

Nel cimitero sono rappresentati quasi tutti i paesi europei. E' inglese, è svizzero, è russo. E' abitato dalla pluralità. Hanno qui trovato sepoltura anche ottanta americani, alcuni canadesi, e un australiano le cui origini sono da ricercare in Tasmania. Il monumento più toccante è probabilmente la bellissima croce ortodossa in marmo bianco per una schiava nera di nome Nadezhda, 'Speranza', giunta a Firenze dalla Nubia a quattordici anni d'età, che reca sul basamento un'iscrizione in cirillico che ne narra la storia..

 Molti sono gli scrittori, uomini e donne, che hanno qui trovato sepoltura: Elizabeth Barrett Browning, il cui sepolcro fu disegnato da Lord Leighton,

Walter Savage Landor, Arthur Hugh Clough,

Frances Trollope, Theodosia Trollope, Isa Blagden. Tra gli altri illustri americani, l'artista e console Amasa Hewins, lo scultore e console Hiram Powers, lo scrittore e console Richard Hildreth, il teologo e predicatore Theodore Parker.


   

Il primo cippo per Theodore Parker fu scolpito da Joel T. Hart, ed fu questa la tomba che Frederick Douglass, schiavo affrancato, visitò giungendo a Firenze con l'intento di rendergli omaggio. Il cippo venne poi successivamente sostituito dall'attuale sepolcro scolpito da William Wetmore Story.


Leighton Sketch Book XXXV, Royal Academy Library

ebbtomb8__ebbtomb6__ebbtomb7
Greek Lyre                   Christian Harp                Hebrew Harp
Tragedy and Comedy    Cross                            Jubilee with Broken Slave Shackle

Sulla tomba di Elizabeth Barrett Browning, scolpita da Francesco Giovanozzi, la lira a simbolo del mondo greco-romano mostra il Dio Pan bifronte. Gli altri due medaglioni rappresentano uno l'arpa del re Davide sulla quale posano le catene spezzate a simbolo della liberazione dalla schiavitù d'Egitto e di Babilonia, e l'altro una lira con la croce, a simbolo della cristianità. Tutti e tre gli strumenti a corde stanno a significare il ricco multiculturalismo dell'Europa. L'arpa anche simboleggiando la tragedia della schiavitù nell'Ottocento, i servi in Russia, i neri in America.

Con questi simboli Leighton rende omaggio ad Elizabeth per il suo sonetto sulla 'Schiava Greca' di Hiram Powers, che egli scolpì nel suo studio a Firenze. Statua esposta nel 1847 in America e a Londra al Crystal Palace per l'Esposizione del 1851. 


          They say Ideal Beauty cannot enter
          The house of anguish. On the threshold stands
          An alien Image with the shackled hands,
          Called the Greek Slave: as if the sculptor meant her,
          (That passionless perfection which he lent her,
          Shadowed, not darkened, where the sill expands)
          To, so, confront men's crimes in different lands,
          With man's ideal sense. Pierce to the centre,
          Art's fiery finger! - and break up erelong
          The serfdom of this world! Appeal, fair stone,
          From God's pure heights of beauty, against man's wrong!
          Catch up in thy divine face, not alone
          East griefs but west, - and strike and shame the strong,
          By thunders of white silence, overthrown!     


Tutti loro con l'arte e gli scritti alta levarono la loro voce nella lotta per l'abolizione della schiavitù. Hanno qui trovato sepoltura anche sei partecipanti alla Battaglia di Waterloo, molti amici di Florence Nightingale, lo storico svizzero Jacques Augustin Galiffe con la sua famiglia, il ginevrino Gianpietro Vieusseux. Anche Robert Davidsohn, medievalista ebreo originario di Danzica, è sepolto qui. Magnifica la sua monumentale Storia di Firenze, frutto del certosino lavoro di ricerca compiuto negli archivi toscani ed europei.

Riposa qui per volontà della moglie, William Somerville. A Mary Somerville, membro onorario della Royal Society, si deve la scoperta di due pianeti, Nettuno e Plutone. I suoi lavori scientifici, anche se Mary non ricevette una formazione universitaria, sono stati adottati come libri di testo alla Cambridge University. Insegnò matematica ad Ada Lovelace, figlia di Lord Byron, che a sua volta collaborò con Charles Babbage fino all'invenzione della 'macchina analitica', padre del moderno computer. Fu lei a suggerire l'utilizzo delle schede perforate del telaio Jacquard per tracciare il pattern voluto nella tessitura e l'adozione del sistema di numerazione binario di 'uno' e 'zero'.

Nel mondo di lingua tedesca, il cimitero è per lo più noto per "L'Isola dei morti" del pittore svizzero Arnold Boecklin, la cui figlioletta di sette mesi fu sepolta all'ombra dei suoi cipressi nel 1877. 

Facendo rivivere le sepolte spoglie mortali, perpetuando il ricordo nel tempo i monumenti sono specchio che consegna a noi, per mezzo di simboli e parole, frammenti di vita e narrazioni che la ricerca, in alcuni casi, compone, ancorando passato, presente, futuro. Costituendo un pellegrinaggio che noi stessi compiamo verso la giustizia e la libertà.

La foto Brogi del cimitero qual era cento anni fa è nostra guida nel progetto per il recupero paesaggistico della collinetta su cui svetta nella sua candida veste marmorea il cimitero, interrotto dal verde delle siepi di bosso, dalla lavanda, dalla corona di cipressi, e, oltre l'arco all'entrata, dal maestoso cedro del libano e dal tasso. Nell'Ottocento la separazione tra la vita e la morte fu in parte superata piantando arbusti di mirto, a simbolo dell'amore e della fedeltà sulle tombe russe, svizzere, inglesi. O ancora piantando la palma, simbolo di Resurrezione, come per la tomba di Salvatore Ferretti e della consorte. Gli aristocratici irlandesi per le loro tombe prediligevano gli esotici oleandri. Sulle tombe dei bambini gli archi in ferro battuto erano ricoperti di rose rampicanti. La tomba del Conte italiano Giovanni Gigliucci e quella della moglie inglese sono poste ancora oggi sotto un arco che fa mostra di una bellissima forsizia, in primavera la prima pianta a fiorire in questo cimitero.

A questo mirando è stato in primo luogo sospeso l'impiego di sostanze diserbanti, che, oltre a corrodere i basamenti in pietra serena di molte tombe, nel corso degli anni aveva reso brullo e arido il terreno fino a dare al cimitero l'apparenza di grigiore e sempre più accentuandone il senso di abbandono. In primavera si vedono oggi spuntare le fragoline di bosco, le violette, i papaveri, la nepitella, i fiori di campo. Possiamo ammirare le numerose altre  piante, i fiori da bulbo dagli splendidi variegati colori, viola pallido, giallo, bianco, azzurro. Nicholas Dakin-Elliot, giardiniere di Villa La Pietra ha donato i bulbi di giaggiolo (il Giglio di Firenze) che agli inizi del mese di marzo sono stati interrati sui due lati del lungo viale con l'assistenza di un gruppo di studenti della New York University. Ancora altri bulbi - molti dei quali sono stati piantati con l'aiuto di alcune famiglie Rom - piante di rosa di diverse varietà sono stati donati rispettivamente da Jennifer Waite e alcuni visitatori olandesi, da Priscilla Bayard e Linda Terzani White. Bellissima la fioritura del plumbago, sprazzi d'azzurro pallido tra il blu scuro della lavanda, all'entrata del cimitero e ad ornamento della tomba di due bimbe. Tre alberelli di melograno crescono accanto alle tombe dei nostri più illustri poeti, Elizabeth Barrett Browning, Walter Savage Landor, Arthur Hugh Clough. Le piante di lavanda che delimitano l'ovale e segnano alcuni sentieri sono dono di Anna Porcinai. Le siepi di bosso e gli alberelli di melograno, dono di Katherine Goldsmith, sono stati piantati con l'aiuto di Vieri Torrigiani Malaspina del Giardino Torrigani che ancora oggi collabora con noi in questo progetto. Le diverse piante sono come le parole di un libro. Un alfabeto d'amore. Come dalle parole incise traspare l'affettuosa tenerezza e forza dei legami familiari.

Il cimitero ospita 700 tombe circa, tra sepolture individuali e tombe di famiglia, seppur maggiore è il numero dei sepolti (1409 fino al 1877). Numerosissime tombe necessitano di restauro, e dell'intervento di pulitura. Per molte è anche necessario un lavoro di ricerca sulle iscrizioni. Sulle ottocentesche recinzioni in ferro battuto - con funzione decorativa e di protezione - intaccate dalla ruggine è stato da poco condotto a termine un intervento di restauro conservativo con la pulitura e l'applicazione di due mani di antiruggine e due mani di vernice protettiva. Dal 1877, anno della sua chiusura, e fino ad oggi il cimitero ha accolto, e ancora oggi può accogliere, urne cinerarie e cassette di resti ossei.

Coniugando monumenti in marmo e libri/documenti sono continui i rimandi incrociati tra l'elenco dei sepolti ed il materiale custodito in biblioteca, anche disponibile sul Web. Un rinvio costante e fruttuoso nel nostro essere interpreti della pluralità che abita questo luogo dei morti ricco di coordinate storiche, impresso d'amore, arte e poesia. Per ricongiungersi esso in tutte le sue sembianze al presente, promessa e seme del futuro. Sono state così compiute molte ricerche nel cimitero, ultima dimora terrena di una nutrita cerchia di inglesi, svizzeri, americani, russi, polacchi, ungheresi. greci e numerosi altri continentali, francesi, olandesi, tedeschi, svedesi, danesi, finlandesi, lettoni. In virtù di questo suo carattere cosmopolita e utilizzando una tassonomia geografica le varie notizie relative alle sepolture e ai sepolti vengono ordinate per nazionalità.

Molte volte il lavoro di ricerca, che talora circostanze e coincidenze rendono ancor più semplice, ci ha permesso di scoprire, e riunire due rami della stessa famiglia come è avvenuto per le famiglie Wital e Checcucci. Un ramo della famiglia Checcucci affonda le sue radici in Francia, l'altro in Australia - e ora collaborano assieme, anche con i fondi necessari, per il restauro delle loro due tombe. Sono andati ad arricchire il nostro archivio anche le riproduzioni fotografiche dei ritratti di Jean David Marc Gonin e

   

di Sara McCalmont  Le immagini dei due ritratti gelosamente custoditi in famiglia hanno ora dato loro un volto.

Necessario prerequisito per il lavoro di ricerca, inoltre, è stato il disporre di una macchina fotografica digitale, dono di Carlo Steinhauslin, di un computer, grazie al Pastore Marziale, del Website, mia donazione. Altrettanto importante il mio lavoro ed il lavoro della mia collega, che ha anche collaborato alla stesura di questo intervento che in alcune sue parti ricalca i contributi per altre conferenze che ho tenuto in Italia, in Russia, e in America.

L'idea di creare un Weblog a sostegno dell'appello di emergenza, promosso qualche anno fa, è originata dai fecondi scambi nell'ambito del convegno dell'UNESCO su tecnologia informatica e cultura tenutosi a San Pietroburgo nel 2005. Questo progetto focalizzato su un piccolo cimitero monumentale a Firenze, famosissimo in tutto il mondo, può essere definito un progetto storico-genealogico che si nutre anche di oralità in virtù degli scambi con i numerosi visitatori e grazie alle notizie che ci giungono tramite il Web. E' un progetto globale e interattivo, dunque, portato avanti impiegando le più moderne tecnologie informatiche.

Lo studioso russo Mikhail Talalay ha dato il suo contributo per i numerosi connazionali che nel cimitero hanno trovato sepoltura, compiendo lavoro di ricerca sia negli archivi di San Pietroburgo sia negli archivi della Chiesa Ortodossa Russa di Firenze. Un altro studioso, Anthony Webb, egli stesso inglese, si occupa degli inglesi che hanno trovato sepoltura in Toscana. Sue fonti importanti sono gli archivi della Guildhall Library a Londra, del Public Records Office, del Foreign Office. Nei documenti d'archivio della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera Russi e Polacchi risultano registrati indifferentemente come facenti parte dell'Impero russo, al pari gli Ungheresi come facenti parte dell'Impero austriaco. Nel mio lavoro ho, invece, sempre separato e distinto la diversa origine. Adottando il medesimo metodo per gli inglesi, nel caso in cui venga specificato, ho operato una differenzazione tra scozzesi, irlandesi, gallesi, canadesi e australiani. Per quanto riguarda gli svizzeri, essendo la loro Chiesa indipendente dal governo, manchiamo di un doppio archivio cui fare riferimento che ci consenta un raffronto comparativo sulle sepolture.  

  

Nel caso degli americani non abbiamo alcun tipo di archivio, salvo i registri della Chiesa Riformata Svizzera. Nell'immagine compaiono i documenti su Theodore Parker.

E' stato possibile avviare questo tipo di ricerca grazie i cosiddetti "Registri dei Morti" di epoca più antica che inizialmente si credevano  andati perduti durante l'alluvione del 1966. I dati riportati in questi registri sono coevi all'epoca in cui i registri sono stati redatti. Sono in lingua francese in una scrittura dal tratto raffinato e forniscono altre notizie ugualmente importanti oltre che ancora più dettagliate riguardo ai sepolti: il nome da ragazza della madre, il cantone svizzero di provenienza, la professione.

L'archivio è stato arricchito anche delle schede del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali compilate nel 1993 dalla Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici  relative a 240 sepolcri su 700 superstiti. Ogni singola scheda riporta la descrizione del monumento, il suo stato di conservazione, le notizie storico critiche, e la registrazione dell'iscrizione sepolcrale. Ereditiamo noi oggi il compito di portare a compimento questo lavoro di catalogazione fino a coprire le rimanenti 460 tombe. Soltanto questo iniziale progetto potrà nel tempo tradursi nel disegno di un piano di intervento globale con il restauro conservativo dei sepolcri nel loro complesso sotto la supervisione della Soprintendenza.

 

Sculture, spazio, verde, colore - simboli di vita - racchiudono la morte. Aprono i nostri passi ad una visione di bellezza meditazione in sù sull'arte e la poesia, sull'uomo e la vita.

 

 



Saturday, 11 October 2008: 'The Hundred Americans of the Swiss-owned 'English' Cemetery�

Lyceum Club, Via degli Alfani 48
Presentations in English

Introduction

Welcoming Address. Julia Bolton Holloway, President, Aureo Anello
'On American Families in Two Florentine Cemeteries'. Grazia Gobbi Sica, New York University

I. The Swiss-owned 'English' Cemetery and Anti-Slavery http://www.florin.ms/CBVa.html

'Villino Trollope, Piazza dell'Independenza: Incubator for the Independence of the African-American'. Brenda Ayres, Liberty University
'Theodore Parker's Graves'. Sally Mitchell, Temple University

'Edmonia Lewis and the Boston of Italy'. Marilyn Richardson, Independent Scholar
'Social Criticism in Richard Hildreth's The White Slave, 1852'. Sirpa Salenius, Universty of New Haven in Florence


II. Hiram Powers, Kate Field and Amasa Hewins http://www.florin.ms/CBVb.html

'The 'English' Cemetery and Historical Reconstruction: Liberating Hiram Powers' 'Greek Slave' to Return to Florence'. Roger J. Crum, University of Dayton
'Hiram Powers and Joel T. Hart'. Ted Gantz
'Hiram Powers, Kate Field and the Italian Risorgimento'. Melissa Dabakis, Kenyon College
'Kate Field'. Francesca Limberti
'Fortunate Associations: The American Painter Amasa Hewins (1795-1855) and Florence
'. John F. McGuigan, Independent Scholar

III. Joel Taner Hart http://www.florin.ms/CBVc.html

See also
'Hiram Powers and Joel T. Hart'. Ted Gantz
'Joel Tanner Hart: A Kentucky Sculptor in Florence'. David Dearinger, Boston Athenaeaum.
'"Daily Visiting My Studio": Joel Tanner Hart and the Nineteenth-Century Atlantic World'. Robert P. Murray, University of Kentucky.
'From Florence to Frankfort: Joel Hart's Re-interment'. Donald Williamson


IV. William Wetmore Story http://www.florin.ms/CBVd.html

'The Significance of Florence in the Life of William Wetmore Story and his Family'. Kathleen Lawrence, George Washington University
'A Storied Life: Marble Fauns, Angels, and Cemeteries: William Wetmore Story and Friends in Italy'. Elise Madeleine Ciregna, University of Delaware/ Forest Hills Cemetery



V. American Collectors and Visitors http://www.florin.ms/CBVe.html

'Albert Jenkins Jones: The New York Times' Sculpture Critic in Italy, 1860-1876'. Nancy Austin, Independent Scholar
'James Lorimer Graham, American Consul, 1832-1876, U.S. Consul in Florence.' Jeffrey Begeal, Independent Scholar
'Tracking Enigma - A Grave with a Nickname in the English Cemetery'. Margot Fortunato Galt, University of Minnesota and Hamline University, St. Paul, Minnesota
'Jennie's Gift: The Early Purchases of French Imprints for the Daniel Willard Fiske Petrarch Collection'. Patrick J. Stevens, Curator of the Fiske Collections and Selector for Jewish Studies, Cornell University
'Anne Mac Cracken'. Richard Mac Cracken, Independent Scholar

'Louisa Catherine Adams Kuhn, Florentine Adventures, 1859-1860'. Robert J. Robertson, Lamar University, Beaumont, Texas


Exhibition: Bust of Hiram Powers' Greek Slave, Rare Books
'English' Cemetery, P.le Donatello, 38


BOOK-BINDING WORKSHOP

The conference was preceded and followed by paper-marbling and book-binding workshops, Wednesday through Friday, 8-10 October 2008, taught by Enrico Giannini, whose family has been marbling paper and binding books in Florence for five generations. The book-binding workshop took place at the 'English' Cemetery and in Enrico Giannini's laboratory in Via Velluti, Oltrarno.


BOOK FAIR

We invited Florentine publishing houses and others to exhibit a Book Fair at the Lyceum Club. Exhibitors were: Art Codex, Centro Di, Le Lettere, Leo Olschki, Penguin, Pickering.

Conference language is English. We publish the papers simultaneously with the conference on the website http://www.florin.ms/CBV.html.



Julia Bolton Holloway
President, Aureo Anello Associazione Mediatheca 'Fioretta Mazzei' e Amici del Cimitero 'degli Inglesi'
Piazzale Donatello, 38

50132 FIRENZE, ITALY

Telephone (39) 055 584956
e-mail: holloway.julia@tiscali.it


PROCEEDINGS

This welcoming address should be accompanied by http://www.florin.ms/CITYBOOKV.ppt


THE CITY AND THE BOOK V

THE 80 AMERICANS OF THE
SWISS-OWNED SO-CALLED
'ENGLISH' CEMETERY

Maria Grazia Beverini del Santo is the extraordinary President not of one small Association but of two important entities, one the Fondazione Del Fiore for poetry, the other the Lyceum Club Internazionale, under whose roof we are now gathered, and she welcomes you in the name of the city of Florence in the Florentine language, Tuscan Italian:

Likewise does Signor Gerardo Kraft, President of the Swiss Evangelical REformed Church of Florence welcome you to their Cemetery, offically known as the 'Porta a' Pinti Cemetery'.

Our series of the City and the Book international conferences are held in honour of a great woman, Fioretta Mazzei, a Florentine, the friend of the Sicilian Mayor of Florence, Giorgio La Pira. Together they worked tirelessly for the poor and for peace.


I named our library in the cemetery, the Mediatheca 'Fioretta Mazzei', for her. Her brother, Lapo Mazzei, the Florentine banker (whose name should remind you of Thomas Jefferson's Italian friend, Philip Mazzei, and of Iris Origo's marvellous Merchant of Prato, Francesco Datini and his letters to his great friend, the lawyer for Santa Maria Nuova Hospital, Lapo Mazzei), has given us the wine for this conference. Many of our presenters are members of this library and its Aureo Anello Association. One becomes a member of it through giving it a book a year.

This library is to be found in the Gatehouse, built in 1860 in the Swiss-owned so-called 'English' Cemetery. The land for the Cemetery was purchased in 1827, its first burial being in 1828. Before that time non-Catholic foreigners, if they died here, had to be transported by ox-cart, without refrigeration, to Livorno for burial.
 
We have many fine papers, and even further virtual ones, the Italians calling the opening of a conference the beginning of 'the works', 'i lavori'. So we must all be brief in order for each to have a voice, and for those in our Swiss-owned so-called 'English' Cemetery likewise to share their presence among us. Our introductions to the presenters likewise are brief. And the chief reason for this is that this evening at the 'English' Cemetery we have a very special guest.



They say Ideal Beauty cannot enter
The house of anguish. On the threshold stands
An alien Image with the shackled hands,
Called the Greek Slave: as if the sculptor meant her,
(That passionless perfection which he lent her,
Shadowed, not darkened, where the sill expands)
To, so, confront men's crimes in different lands,
With man's ideal sense. Pierce to the centre,
Art's fiery finger! - and break up erelong
The serfdom of this world! Appeal, fair stone,
From God's pure heights of beauty, against man's wrong!
Catch up in thy divine face, not alone
East griefs but west, - and strike and shame the strong,
By thunders of white silence, overthrown!

She is the 'Greek Slave' returning briefly to her creator Hiram Powers' final resting place. At least her marble bust, now treasured by his descendants. signed by him. Incidentally, its beautiful face is that of Signora Mignaty, wife to the painter Giorgio Mignaty, who gave us the canvas showing Casa Guidi as it was when Elizabeth Barrett Browning died there in 1861. Their two children Dmitri and Elena are buried in the 'English' Cemetery.

Our papers today are on the great Abolitionists, these including the American sculptors Edmonia Lewis and Hiram Powers. Also to be discussed are two other sculptors, Joel Hart and William Wetmore Story, though not Launt Thompson nor Preston Powers, all of whose works are in the Cemetery, nor Harriet Hosmer who sculpted the Brownings' 'Clasped Hands', also the American painter Amasa Hewins. Discussed as well shall be Albert Jenkins Jones and James Lorimer Graham, important as collectors, and the wife of another American collector, Jackson Jarves. Several of our figures, including Margaret Fuller and Kate Field, were American women journalists. Last but by no means least shall be Louisa Catherine Adams Kuhn, whose death is described by her brother Henry in the Chaos chapter of The Education of Henry Adams. We include papers on Frances Trollope, Theodore Parker, and Daniel Willard Fiske of Cornell University.

But my work here is to give the others their voices, their presence, so they shall not be left out. First, there are 16 American children,
8 girls, 8 boys, including three children of Elizabeth and Hiram Powers, James, Frances and Florence. Perhaps the most touching, apart from Powers' death mask of James, now in the Smithsonian, is

* HENRY FLORENCE GRAY/ AMERICA/ Gray/ Enrico Fiorenzo/ Giovanni A.C./ America/ Firenze/ 19 Febbraio/ 1855/ Mesi 10/ 565/ +/ Henri Florence Gray, fils de John A.C. Gray de New York, Estats Unis de l'Amerique du Nord/ Maquay Diaries: 23 Mar 1855: 'to a funeral service at Mr Greys for his child 22 months old died some weeks ago�thence in carriages provided by them to the cemetery where the coffin was previously sent.'/ [bust of child in frock] IN MEMORY/ OF/ HENRY FLORENCE/ INFANT SON OF/ JOHN A.G. AND SUSAN M. GRAY/ OF NEW YORK/ DIED IN THIS THE CITY OF HIS BIRTH/ FEBRUARY 19 1855/ AGED 9 MONTHS & 23 DAYS/ FARE THEE WELL OUR YOUNGEST TREASURE/ ON THE SOIL THAT GAVE THEE BIRTH/ BY THE RIPPLING ARNO'S WATER/ REST THEE IN ITALIA'S EARTH/ WHILE THE MEMORY OF THY SWEETNESS/ CHEERS A DISTANT HOME AND HEARTH/ CHEERS US WHILE OUR SAD HEARTS TELL/ THE DEAR LORD DOETH ALL THINGS WELL/B18M

aaa

Indeed, many children who find burial in the Cemetery are named 'Florence', in this case even for a boy. While a close candidate for its sweetness is Hope Hayward, 'Our Hope'. This child's tomb has already been adopted. But we urge the adoption of other American tombs, which you can find at http://www.florin.ms/americantombs.html

Altogether there are 32 males, some famous, some unknown apart from their entries in our registers, many of whom now even lacking graves. American bodies typically were later shipped back in lead by way of Livorno to the States.



We know that Theodore Parker received the most expensive funeral this cemetery ever had, his body being most elaborately embalmed and prepared for such shipment. But instead he remains here soaked in formaldehyde and moss and enclosed in lead beneath our earth. We have five American women buried here who married Italians. Not very many. And 25 other American women. Sometimes we receive information even photographs from descendants. This is of Eliza Doane, circa 1858:



A total of 30, almost as many as the men. For birth and death are great equalizers. But this attests to the courage of both men and women, coming to a land and a language foreign to them. On their tombs I have placed not the present-day Stars and Stripes but instead that of the nineteenth century.

Next I should like to discuss some American women who are not buried here. Margaret Fuller's body was never found following the shipwreck of the 'Elizabeth' off Fire Island though that of her little son was, while it was still warm though he was dead.



She and her child and her child's father, the Marchese Ossoli, had visited the Brownings in Casa Guidi before that tragic voyage, little Pen and little Angelo playing with each other as if Jesus and John the Baptist in a Holy Family painting. Elizabeth Barrett Browning enshrines Margaret Fuller in the character Aurora in her epic poem Aurora Leigh, just as Nathaniel Hawthorne also enshrines her as Zenobia in The Blithedale Romance.

Sophia Peabody Hawthorne and her husband, Nathaniel, visited the Brownings also and they write about them in their travel diaries on Italy.

The soul selects her own society,
Then shuts the door;
On her divine majority
Obtrude no more.

Unmoved, she notes the chariot's pausing
At her low gate;
Unmoved, an emperor is kneeling
Upon her mat.

I've known her from an ample nation
Choose one;
Then close the valves of her attention
Like stone.



While Emily Dickinson treasured a postcard of Elizabeth Barrett Browning's tomb, designed by Frederic, Lord Leighton, and wrote 'The Soul selects her own Society' about it. She also wrote a poem on EBB's Last Poems. In these the greatest American woman poet honours and celebrates the greatest English woman poet. I write about this at http://www.florin.ms/emperor.html

      
Fanny Trollope by Auguste Hervieu   Scene of cruelty in Jonathan Jefferson Whitelaw by Auguste Hervieu

Now for two honourary Americans. I give you Frances Trollope, who wrote the first anti-slavery novel, Jonathan Jefferson Whitelaw, and also the hated Domestic Manners of Americans. What she loathed about America were the pigs in the streets of Cincinnati, the tobacco chewing and spitting into great brass spittoons, and above all else, slavery and its cruelty. Today we would agree with her criticism.


   

Richard Hildreth wrote the second anti-slavery novel. Both she and he are buried in the 'English' Cemetery.


Harriet Beecher Stowe, who knew them and the Brownings, copied their two novels with her Uncle Tom's Cabin, starting the great Civil War between the States.


Our other honourary American is Arthur Hugh Clough who grew up in Charleston, South Carolina.

Odoardo Fantachiotti, associate of Hiram Powers, sculpts a most beautiful figure, 'Hope', in the 'English' Cemetery:

    

While the bust sculpted by him is owned in America by someone who says his father hung his baseball caps on it.

Hiram Powers, the American sculptor and Consul in Florence, described the 'English' Cemetery in 1864:

Mr Woodall's grave is in the same cemetery where three of my own children are buried. A more beautiful spot could hardly be found. It is against the outer wall of the city and it looks more like a beautiful garden than a place of the dead. In the spring and summer the place blooms with flowers, and even in winter there are some roses lingering over the graves. . . . I indeed go to the graves of my children and my tears fall upon their graves while I look up, giving to earth her just tribute . . . She may claim our bodies but not our souls.

Now, while the Americans tend to ship their bodies back to the States wrapped in lead, the English instead arrogantly think that
wherever they lie is forever England. Thus I give you an American Island in the midst of Florence, as it was.


as it was in the 1873 Harpers Monthly Magazine, the engraving from a photograph by Longworth Powers taken of the ceemtery seen from the terrace above the library/workshop,


as  it was in the painting by Inger Laub in 1939, under Mussolini's rule in Italy,


and as it was when photographed for my father's book on Elizabeth Barrett Browning in the 1960s,

englishcem

and as it is now,

cimitero

Now, while the Americans tend to ship their bodies back to the States wrapped in lead, the English instead arrogantly think that wherever they lie is forever England. Thus I give you an American Island in the midst of Florence, as it was.

Welcome.


________


Our first speaker is Grazia Gobbi Sica architect, professor in New York University. A member of the Aureo Anello Association, she is author of many books : the most recent is The Florentine Villa Architecture History Society published by Routledge 2007. She was a curator of the exhibition held at the Uffizi in 2004 'Of Queens' Gardens: the Myth of Florence in the Pre-Raphaelite Milieu and in American  culture. (19th -20th Centuries.  Her research field is now on the relationship between the city of Florence and the foreigners. She is writing a book on the Allori cemetery.

'And here, among the English tombs / in Tuscan ground we lay her': On American Families Buried in two Florentine Cemeteries.
Grazia Gobbi Sica, New York University in Florence.

'And here, among the English tombs,/In Tuscan ground we lay her' - Elizabeth Barrett Browning

 

'My beautiful Florence! The flower of cities, the most highly cultivated of communities, the very rose of civilization', exclaimed Nathaniel Hawthorne in Notes on England and Italy (New York 1875, p. 372). Many foreigners shared Hawthorne's reverence, and a substantial portion of them decided to stay on here even after their deaths. Their tombs, and the cemeteries in which they are located, represent the strong ties that bound the expatriate community to Florence, the place that inspired their life and art.  To quote Hawthorne again: 'So between two stools we come to the ground and make ourselves a part of one or the other country only by laying our bones in its soil'.

My paper focuses on three American families, the Altrocchi, the Meeks, and the Powers, whose loved ones are divided between the two Protestant cemeteries of Florence, the English Cemetery and the Allori. First, however, let me say a bit about the cemeteries themselves.

The life of the so-called English Cemetery in Piazzale Donatello was rather brief. Opened in 1828, it closed fifty years later, in 1877, when it became full and was unable to expand, since Giuseppe Poggi's plans called for it to be hemmed in by the ghastly traffic circle you see today. In the meantime, the Protestant community had grown considerably, and a new cemetery was opened, on the site of a farm called Agli Allori, on the via Senese in Galluzzo (eventually incorporated into the Comune di Firenze). The Allori, as it came to be known, was a welcome addition, but it was painful for the city's older Protestant families, who had earlier buried their members in the English Cemetery, not to be able to lay later ones to rest in the same place. As Julia Bolton Holloway puts it, 'the separation into two cemeteries [. . .] further cruelly divorced the bodies of husbands from wives, mothers from sons, fathers from daughters'.

Near the highest point of the English Cemetery, enclosed by a finely-spun iron rope supported by little piers at each corner, there is an ivy-covered marble tombstone in the shape of a Golgotha cross, probably carved by Giuseppe Bondi. Its inscription reads:

LUCIA ALTROCCHI
BORN JUNE 22 1855 DIED APRIL 2 1873

 

'Lucia Altrocchi' is, of course, an Italian name, but the Altrocchi family was, in a sense, American. Lucia's father, Domenico Altrocchi, whose grave is at the Allori, was born in Lodi in 1814. He was a musician and composer, having studied with Gaetano Donizetti. Like many Italians of his period, he emigrated to the United States, and in 1849, he married 17-year-old Pauline Hemenway, the daughter of a wealthy businessman. The couple had four children, of whom Lucia was the third. At the time Lucia died, the family was living in Florence, (in villa La Querce via della Piazzola, in front of the Collegio, later on occupied by the convent of Padri Barnabiti) and since they belonged to the Episcopal Church, the girl was buried in the English Cemetery. When, six years later, her father died as well, the cemetery was no longer in use, and he was buried in the Allori instead. A classical monument was erected for him, similar to some existing at the English Cemetery. The inscription reads:

 

QUI E' SEPOLTO
IL MAESTRO DOMENICO ALTROCCHI
NATO A LODI IL DI 8 MAGGIO 1814
MORTO IN VIAREGGIO IL 5 AGOSTO 1879
FU VALENTE NELL' ARTE DELLA MUSICA
CHE ESERCITO' LUNGAMENTE IN NEW YORK
SUA PATRIA ADOTTIVA
GENEROSO COI POVERI, AFFABILE CON TUTTI
HA LASCIATO AI SUOI
IL CARO ED ESEMPLARE RICORDO
DELLE SUE VIRTU'

 

Domenico's wife Pauline died in Florence many years later, in 1914, at age 82. She too is buried at the Allori, where she was eventually joined by her daughter Maria, who died in 1940 at 88. (D III 20)  Like Lucia's grave, that of Pauline and Maria is surrounded by an iron rope supported by piers, but theirs features a Celtic cross on a truncated pyramid. The inscription reads:

 

IN LOVING MEMORY OF PAULINE HEMENWAY ALTROCCHI
NOV. 23D 1832
OCT. 25TH 1914
AND OF
MARIA ALTROCCHI MARTINETTI
JUNE 23D 1852

FEB. 5TH  1940

 

Rather unusual, and different from the others, were the monuments erected for the sons of Domenico and Pauline, who lived longer than Lucia but also passed away somewhat prematurely:  Nicola, who died in 1894 at 44, and Giovanni, who died in 1897 at 38, and who, like his father, was a musician. The brothers' graves are near the steps of the amphitheater in the Allori. Their monuments were made by the Galli brothers, whose workshop produced the bronze copy of Michelangelo's David in piazzale Michelangelo. Nicola's monument is made with two slabs of white marble decorated with botanical motifs. Resting atop one of the slabs at an angle and appearing to crack it is a fragment of column that seems to have fallen out of the sky.  In front of the column are an open book and a Latin cross fleurée, and behind it is a broken pediment. The inscription reads:

 

NICOLA ALTROCCHI
BORN IN NEW YORK
SEPTEMBER 11TH 1850
DIED IN FLORENCE OCTOBER 26TH  1894

 

And on the right page of the book we find:

 
HONESTE VIVERE
NEMINEM LAEDERE

SUUM CUIQUE TRIBUERE

 

Close to Nicola's grave, his brother's is also distinctive. Lying in a disordered heap atop a pink marble slab, as if simply tossed there, are a branch of palm, a lyre, and a musical score, the latter two being references to his profession. A cross of simulated wood has been erected toward the back of the tomb. The inscription reads:

 

GIOVANNI ALTROCCHI
BORN IN NEW YORK NOV 6TH 1858
DIED NEAR FLORENCE SEPT 20TH 1897

In the same grave is Giovanni's wife Pauline, who commissioned the monument. Her inscription reads:

 

PAULINE ALTROCCHI
BORN IN NOV 20TH  1859 DIED MARCH 9TH 1932
IN FLORENCE

Both the brothers' graves have Masonic elements: the broken column and pediment, for instance, suggest a ruined temple where nature has reasserted herself. It may be that the brothers became involved in Freemasonry through Pauline's father, Panajotis Zamvos, who belonged to a Masonic lodge and whose own grave is embellished with Masonic symbols: in addition to fragments of column, as on Nicola's grave, there are a compass and set square. (Incidentally, Pericles Zamvos, Panajotis' son and Pauline's brother, who died at 16 months, is buried in the English Cemetery. The Panajotis family lived in a villino in Piazza Massimo d'Azeglio).

The maternal grandmother of the Altrocchi brothers, Mary Cummings Hemenway, is also buried at the Allori. (D VII 11) Her grave is a rather plain sarcophagus with a convex roof, topped by a large sculpted cross with a beautiful lily.Under the cross, the inscription reads:

 

SACRED TO THE MEMORY
OF
MARY CUMMINGS HEMENWAY
WIDOW OF
LUKE HEMENWAY OF NEW YORK
BORN IN
SULLIVAN NEW HAMPSHIRE AUG. 22D 1807
DIED IN
FLORENCE FEB. 20TH 1885

 

Let me now turn to the Meeks family. Eugene Meeks, an artist, was born in New York in 1843. He studied art in New York and Holland, but spent most of his professional life in Florence, where he belonged to the Accademia di Belle Arti. He had his studio in via dei Serragli.  He married May Pratt of Boston, and the couple's first child, Russle, was born in 1872. In 1875 the boy died and was buried in the English Cemetery. Little Russle's grave is a simple marble cross on a plinth, originally surrounded by an iron chain such as we have seen in other graves. The inscription reads:

 

SACRED TO THE MEMORY OF
RUSSLE THE BELOVED SON OF EUGENE AND MAY MEEKS
AGED 2 YEARS  8 MONTHS AND 25 DAYS
THY WILL BE DONE
AUGUST 27 1872 DIED FLORENCE APRIL 27 1875

 

Eventually the Meeks had a daughter, Hilda, born in Florence in 1879.  She is buried with her parents at the Allori. The family grave is rather unusual. Its three stelae, sculpted by Attilio Formilli, hark back to the quattrocento with their carved angels. Eugene's stele, at the center, has an angel in full profile, holding a ribbon. Under the sculpture, the inscription reads:

IN LOVING MEMORY OF
EUGENE MEEKS
BORN IN NEW YORK MAY 29 1843
DIED IN FLORENCE OCTOBER 7 1916

'I WILL GIVE YOU REST'
MATT. XI-28

On either side, the stelae of Hilda and May feature kneeling angels in profile. On the left  the inscription reads:

HILDA MEEKS
BORN IN FLORENCE ON 9 OCTOBER 1879
DIED IN FLORENCE ON 5 FEBRUARY 1950
HER KIND HEART WAS EVER
READY TO DO GOOD TO THE POOR

On the right:

IN LOVING MEMORY
OF
MAY LOUISE MEEKS
BORN IN BOSTON DECEMBER 26 1851
DIED IN FLORENCE FEBRUARY 15 1919
'THE SOULS OF THE RIGHTEOUS
ARE IN THE HANDS OF GOD'

 

The classicism of the grave gives it a strong resemblance to some of those in the English Cemetery.

Finally we come to the Powers family. Hiram Powers is, of course, a famous figure about whom much has been written, and I will restrict myself to discussing his posthumous fate and that of his family. As you probably know, Powers came to Florence in 1837 and remained for the rest of his life, becoming a fixture of the city's Anglo-American scene. He and his wife Elizabeth lost three children: James in 1838, age 5; Frances in 1849, age 8; and Florence in 1863, age 17. (About this last tragedy, Robert Browning wrote to Isa Blagden: 'Poor Powers! I don't remember Florence, but pity them heartily'. Dear Isa: Letters from Robert Browning to Isa Blagen.) The three are buried together in the English Cemetery. Their monument, probably made by either Hiram or his son Preston (also a sculptor), is a very simple sarcophagus on which the names of the children are engraved:

 
JAMES/
FRANCES/
FLORENCE/
CHILDREN
OF ELIZABETH
 AND HIRAM POWERS

 

Fortunately there were many other children in the family who lived in a villa at Il Bobolino: Longworth, Louisa, Anna, Edward, and Ellen, in addition to Preston. On Hiram's death in 1873, he too was buried in the English Cemetery, and Preston designed for his father a monument closely resembling that of the three children. Many other family members are in the Allori, including Elizabeth (E II 16), Louisa and her husband Alfred Ibbotson (E III 16), and Longworth and his wife Georgiana Rose (E II 15). In each case the graves are extremely simple, in keeping with family tradition. The daughters of Louisa and Alfred, Mary Florence (whose name commemorated her aunt) and Alice Mildred, are also buried in the same part of the cemetery (E V 21 and 22). Their monuments are very simple stelae topped by a cross. This type of grave would be repeated for all the descendants of Mary Florence, who married Heinrich Charles Michaelles. Two of the couple's four sons, Ruggero and Ernesto, became prominent artists in the Futurist movement, and the internationality of the family, which was Italian-Swiss-American, nicely reflected the cosmopolitanism of Florence itself at that time.

Before closing, let me consider some of the differences between the graves of these three families, differences arising from their attitudes toward death, their religious beliefs, their cultural proclivities, and the nature of the families themselves. The graves of the Powers family are the simplest in style and most conservative: the grave for James, Frances, and Florence established a precedent to follow for at least two generations. The Meeks, meanwhile, chose a classical monument that echoes those at the English Cemetery. As for the Altrocchi family, we find a range: very traditional for Lucia and her parents, more idiosyncratic for Nicola and Giovanni.

For all these differences, however, there are some common features, such as the fact that all the graves are surrounded by flowers and other plants, both growing from the ground and carved in marble, which help mark the frontier between two worlds. The dead sleep surrounded by the sweetness of honeysuckle, rose and hyacinth, joined with the living through the continuous cycle of nature. We can say that these monuments, both in the English Cemetery and the Allori, demonstrate that even though tastes and lifestyles changed from generation to generation, Americans in Florence, when dealing with death, preferred tradition to novelty, and that they tried to offset their unfortunate division between two graveyards by making their tombs at the Allori mirror those at the English Cemetery.



______


Go to Introduction
         I. Abolitionists in the 'English' Cemetery
         II. Hiram Powers, Kate Field, Amasa Hewins
         III. Joel Tanner Hart
         IV. William Wetmore Story
         V. Collectors and Visitors




With the Sponsorship of the Comune di Firenze, the United States Consulate General in Florence, Syracuse University in Florence, Oxford Dictionary of National Biography, the Lyceum Club of Florence, the Chiesa Evangelica Riformata Svizzera of Florence, and the Aureo Anello Associazione Mediatheca 'Fioretta Mazzei' e Amici del Cimitero 'degli Inglesi'

Il giglio di Firenze   [Immagine] - Quadro
            di Teresa Poluzzi per il Centenario    

       


FLORIN WEBSITE © JULIA BOLTON HOLLOWAYAUREO ANELLO ASSOCIAZIONE, 1997-2017: MEDIEVAL: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, SWEET NEW STYLE: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, & GEOFFREY CHAUCER || VICTORIAN: WHITE SILENCE: FLORENCE'S 'ENGLISH' CEMETERY || ELIZABETH BARRETT BROWNING || WALTER SAVAGE LANDOR || FRANCES TROLLOPE || ABOLITION OF SLAVERY || FLORENCE IN SEPIA  || CITY AND BOOK CONFERENCE PROCEEDINGS I, II, III, IV, V, VI, VII || MEDIATHECA 'FIORETTA MAZZEI' || EDITRICE AUREO ANELLO CATALOGUE || UMILTA WEBSITE || RINGOFGOLD WEBSITE || LINGUE/LANGUAGES: ITALIANO, ENGLISH || VITA
New
: Dante vivo || White Silence