FLORIN WEBSITE © JULIA BOLTON HOLLOWAYAUREO ANELLO ASSOCIAZIONE, 1997-2017: MEDIEVAL: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, SWEET NEW STYLE: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, & GEOFFREY CHAUCER || VICTORIAN: WHITE SILENCE: FLORENCE'S 'ENGLISH' CEMETERY || ELIZABETH BARRETT BROWNING || WALTER SAVAGE LANDOR || FRANCES TROLLOPE || ABOLITION OF SLAVERY || FLORENCE IN SEPIA  || CITY AND BOOK CONFERENCE PROCEEDINGS I, II, III, IV, V, VI, VII || MEDIATHECA 'FIORETTA MAZZEI' || EDITRICE AUREO ANELLO CATALOGUE || UMILTA WEBSITE || RINGOFGOLD WEBSITE || LINGUE/LANGUAGES: ITALIANO, ENGLISH || VITA
New
: Dante vivo || White Silence




 
THUNDERS OF WHITE SILENCE

Capitolo VIII: SECTOR F

WhiteSilence
Say not the struggle naught availeth,
   The labour and the wounds are vain,
The enemy faints not, nor faileth,
   And as things have been they remain.

If hopes were dupes, fears may be liars;
   It may be, in yon smoke conceal'd,
Your comrades chase e'en now the fliers,
   And, but for you, possess the field.

For while the tired waves, vainly breaking,
   Seem here no painful inch to gain,
Far back, through creeks and inlets making,
   Comes silent, flooding in, the main.

And not by eastern windows only,
   When daylight comes, comes in the light;
In front the sun climbs slow, how slowly!
   But westward, look, the land is bright!

                             Arthur Hugh Clough, F8
White Silence

It irk'd him to be here, he could not rest.
       He loved each simple joy the country yields,
               He loved his mates; but yet he could not keep,
       For that a shadow lour'd on the fields,
               Here with the shepherds and the silly sheep.
                      Some life of men unblest
       He knew, which made him droop, and fill'd his head.
               He went; his piping took a troubled sound
               Of storms that rage outside our happy ground;
       He could not wait their passing, he is dead.
. . .
Alack, for Corydon no rival now!—
       But when Sicilian shepherds lost a mate,
               Some good survivor with his flute would go,
       Piping a ditty sad for Bion's fate;
               And cross the unpermitted ferry's flow,
                      And relax Pluto's brow,
       And make leap up with joy the beauteous head
               Of Proserpine, among whose crowned hair
               Are flowers first open'd on Sicilian air,
       And flute his friend, like Orpheus, from the dead.
                          From Matthew Arnold, Thyrsis
                      Epitaph for Arthur Hugh Clough, F8

Letterati: Arthur Hugh Clough, F8; Jean Pierre Vieusseux, F48; William Edgeworth (Maria Edgeworth's nephew, F79), Marian Wordsworth (William Wordsworth's daughter-in-law, F74), Vera Ourosova (her family and the Tolstoys were friends, F122)
Religiosi: Rosa Madiai, F129; John McNab, F37; Giulia Guicciardini Morrocchi, F34;  Hugh James Rose, F35; Jean Daniel Peyran, F39; Henri Schneider, F82; Henry Robert John Tennant, F49
Militari
: Severinus Zimbowsky, F7;  John Locke, F38; Charles Sidney Lever, F
Marinai: Guillaume de Constant Rebecque, F25
Diplomatici: Paolo Enrico Wulfen, F40; Paul de la Villestreux, F123
Medico: Thomas Williams Trotman, F51
Scultori: Robert Hart,  F11; Joel Tanner Hart, F28
Inventore: Guppy, F36
Scrittore, Esploratore, Pittore, Inventore: Arnold Henry Savage Landor, F128
Setti: Theosophy, F93; Oxford Movement, E35; Positivism, F25, F103; Plymouth Brethren, F34
Svizzeri: Cadisch, F29; Grandi, F42, F44; Rytz, F46; Vieusseux, F48; Peer, F58; Kessler, F64; von Parpart, F81; Schneider, F82, F85, F102; Mejean, F86, F89, F90; Crastan, F94; Fent, F95; Stalvies, F97, F126, F132; Hermann, F104, F135; Wolff, F117
Russi/Polacchi/Finnici: Levitsky, F6; Zimbowsky, F7; Golikova, F9; Nordenstam, F26; Mordvinov, F66; Urosova, F122; Radetsky, F131
Americani: Beck, F10; Hart, F11, F28; Bomford, F15; Johnson, F17; Field, F18; Olmsted, F113; Hubard, F119; Gipner, F130

Maps giving coordinates of tombs


                                                                  marrone, intervento conservativo sul ferro
                                                                  rosso, tombe danneggiate, intervento di ripristino
                                                                  azzurro, tombe, intervento di pulitura


                Clicca per aggrandirle           


                                                                       Beck  Golikova         Vieusseux         Gamgee
Holt                                Kelson        Levitski Zimbowski



Chiave:

COORDINATE DELLA PIANTA/ NUMERO DELLA TOMBA IN SPAZIO/ NUMERO DELLA TOMBA IN TEMPO/ NOME/ NAZIONE/ ISCRIZIONE

Paragrafo che ricava ritratti dal materiale d'archivio. La storia di ogni persona.

Foto


Belle Arti description: [Misure/Measurements: Marmo/Marble: Altezza/Height;  Lunghezza/Length; Profondita/Depth; Pietra serena: A: L: P: Recinto/Frame: Marmo o Pietra Serena con Ferro/Iron: A: L: P: ]/ INSCRIPTION ON TOMB/
Archival materials retrieved from:
1828-1844 = the earliest Register of Burials in the Swiss Cemetery.
Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts:
I: 1852-1859 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Paoli = Expense entries for funerals where here the total is given, while the accounting in the Register also carefully lists in that total the costs for the coffin, its lining, the grave, the crepe and gloves for the bearers, the carriage for the pastor, etc.
II: 1859-1865 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Paoli e Francs
III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs
IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs. This register is the only one indicating the zone of burial. Its A comprises Sectors A,B, its B comrpises Sectors E,F, its C corresponds with Sectors C and D.
Quittance receipts, Q plus number.
Guildhall Library Records, etc./
Orbituaries supplied by the Webbs, etc.
1873 Chronological Register in French, then Italian/#/Cognome/Nom/Age/Patria/Domicile/Décés/Enterrement/Remarques
1877 Alphabetical Register in Italian gives following information in columns:
[Flyleaves] Cognome/ Nome/ Paternita` / Patria/ Data della Morte/ Eta/ Tomba
[Surname/ Christian name/ Father's Christian name/ Country/ Date of death/ Age/ Tomb number]
Mediterranean culture has the woman retain her maiden surname, northern European culture has her renounce it in favour of her husband's surname. We attempt to follow cultural practices so: Mediterranean women being listed under their maiden surnames; English and American wives having their maiden names given in brackets before their husband's surname/
Notes and Queries (N&Q) then extant tomb inscriptions, published 100 years ago by Lieut. Col. G.S. Parry, 'Inscriptions at Florence in the Protestant Cemetery'.
Further information from descendants, etc.
Schede di Belle Arti, 1993-1997
Trizzino: Università degli studi di Firenze, Prof. L. Trizzino, Corso di Restauro dei Monumenti, 2006/7

Web materials, also Mediatheca 'Fioretta Mazzei', TAU, holdings


Per prima cosa giriamo questo settore iniziando dalla casa e salendo verso la statua “Hope”, "Speranza", prima di esplorare le tombe più all’interno.


F2N/ [F1]/ 42/
SAXON COCKER/
INGHILTERRA
/

Una delle prime tombe per una persona di Bath. Il suo funerale fu officiato da Horace Hall e il Pastore Charles Recordon. La tombe è la più bella, un’urna rotondata con una ourobouros e un serpente con la coda in bocca, che simboleggia l’eternità, sulla superficie convessa. La ourobouros deriva dalla spedizione in Egitto e in Nubia nel 1828 di Champollion e Rossellini. Guardate dietro alla tomba per vedere il timpano sulla tomba di F4/ ANN ALICE HOLT, un altro geroglifico, una clessidra alata abbracciata da serpenti e radici, anche questo ispirato dalla egittomania della spedizione del 1828. Si trovano dappertutto nel Cimitero e furono mostrati nella Esibizione nazionale del Museo Archeologico di Firenze nel 2006-2007


    
Cocker tomb with Holt tomb behind it, Marianne Erika Raab, 2012

Urna su colonna. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1831. Ambito toscano. Urna scolpita con orobouros su colonna quadrata in marmo bianco. Pulito, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: Urn: A: 66; L: 43; M. A: 16; L: 56.5; P: 56.5.]/ Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SAXON COCKER/ DIED 25th JANUARY 1831/ AGED 24 YEARS/ N°. 24/ See 1828-1844/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Cocker/ Saxon/ / Inghilterra/ Firenze/ 25 Gennaio/ 1831/ Anni 25/ 42/ Belle Arti scheda, 1993-1997/Museo Archeologico, 2006-2007: http://www. florin.ms/egyptian.html. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See http://www.florin.ms/egyptian.html


F2M-N/ F2/ 386/
MARY ANNE SALISBURY/
INGHILTERRA/ ERETTA ALLA MEMORIA DI MARY ANNE SALISBURY DALLA SUA AFFEZIONATA DATRICE DI LAVORO, ROSINA BUONARROTI SIMONI. MORI’ IL 31 MARZO 1848.

Questa tomba, per una domestica, fu eretta dalla moglie cattolica dell’ultima discendente di Michelangelo Buonarroti, sotto un grande tasso all’ingresso del Cimitero. Era usanza nei cimiteri inglesi avere due tassi, velenosi per le vacche ma essenziali per gli arcieri di Agincourt, simboleggiano anche le colonne di Jachin e Boaz al tempio di Gerusalemme. E’ rimasto soltanto un tasso e un ramo caduto da esso distrusse questa tomba, ora rimpiazzato dal Club del Rotary il 23.4.2012. I  busti del Conte Cosimo Buonarroti e Rosina, scolpiti da Aristodemo Costoli, adesso adornano il Museo di Michelangelo alla Casa Buonarroti. Costoli scolpì, inoltre, il ritratto a cameo presente sulla tomba di GEORGE AUGUSTUS WALLIS, A64. Nel Cimitero vediamo molte tombe di domestici erette con affetto e rispetto dai padroni di casa:A64/.Nel Cimitero vediamo molte tombe di domestici erette con affetto e rispetto dai padroni di casa: CHARLES CROSBIE, A20 to MARY DUVALL, A80;  gli amici del defunto WILLIAM READER, A23 to HENRY AUSTIN, E34; FRANCES (MILTON) TROLLOPE, B80, THEODOSIA (GARROW) TROLLOPE, B85, e HARRIET THEODOSIA FISHER (GARROW), C77, a ELIZABETH SHINNER, C71; ISABELLA BOUILLON LANZONI, D29, a ANNA ROFFY, C61SIR WILLIAM HENRY SEWELL, E58, a JAMES BANSFIELD, E59; Principe Demidoff a GEORGE FREDERIC WAIHINGER, E64; Rosina Buonarotti Simoni a MARY ANNE SALISBURY, F2. Mary Anne Salisbury si buttò in un pozzo.

 

Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1848. Ambito toscano. Cippo rotondato di marmo bianco, inciso, distrotto da un ramo di un albero, 2008. Sostuito da una copia, in marmo bianco, inciso a mano, 2011: Rotary Club. [M: A:  80; L: 43; P: 10; A: 10; L: 54.5; P: 20; P.s. A: 17; L: 68; P: 34.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ERECTED TO THE MEMORY/ OF/ MARY ANNE SALISBURY/ BY HER ATTACHED MISTRESS/ ROSINA BUONARROTI SIMONI/ DIED ON THE 31 OF MARCH 1848/ 386/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 123, aged 45, Burial 01-04, Rev Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Salisbury/ Marianna/ / Inghilterra/ Firenze/ 30 Marzo/ 1848/ Anni 50/ 386/ [marginal note]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3N/ F3/ 283/
ELIZABETH (DAUBENY) DAUBENEY/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI ELIZABETH, AMATA MOGLIE DEL GEN. MAGG. DAUBENEY DI BATH. FIGLIA DELL' ARCIDIACONO DAUBENY. MORI’ A FIRENZE IL 3 APRILE 1844 ALL’ETA’ DI 61 ANNI.

Suo padre, l’Arcidiacono Charles Daubeny di Bristol, viaggiò in lungo e in largo in Europa del nord del centro e orientale. Inaugurò la prima Chiesa Libera in Inghilterra ed ebbe due figli maschi e una figlia. Si trovano altre informazioni sul NDNB e su Wikipedia. JL Maquay, Diari 5.4.1844. “Ero presente al funerale della Signora Daubeney, stamane presto. The Webbs riporta che il marito Daubenney fu sepolto a Roma nel 1853. Nella nostra ricerca abbiamo scoperto che la tomba del marito, nel Cimitero Protestante a Roma, è identica a quella della moglie qui. Il figlio, il Generale Sir Henry Charles Barnston Dauberney (1810-1903) svolse la sua carriera di militare in modo esemplare. Wikisource “Nato a Ripon, Yorkshire il 19 dicembre 1810, era il primogenito del Ten. Gen. Henry Daubeney con la moglie e prima cugina, Elizabeth, figlia di Charles Daubeny, Arcidiacono di Sarum. Studiò a Sandhurst e si arruolò nell'esercito come portabandiera nel 55° Fanteria nel 1829, (in seguito nel 2° Battaglione nel Reggimento di Confine). Servì in quel corpo per ben 30 anni fino a quando fu promosso a Colonnello. Nella compagna di Coorg, nell'India meridionale (1832-34), era nel Reggimento della Colonna settentrionale guidato dal Colonnello Waugh; era presente all'attacco e alla cattura della fortezza di Kissenhully e all'attacco a Soamwarpettah. Fu a capo di uno dei cannoni della colonna e con la sua perseveranza le evitò la cattura durante la ritirata. Le perdite inglesi erano 3 ufficiali e 45 soldati con 118 feriti, ma il Rajah di Coorg, opposto all' avanzata  britannica fu vinto e spodestato il 5 aprile del 1834. Daubeney servì nel Reggimento durante la Guerra con la Cina 1841-42, e nel ruolo di Capitano comandò la Compagnia Leggera al respingimento dell'attacco nemico a Chinhae e all'assalto e la cattura di Chapou (18 maggio 1842). Era Maggiore nella Brigata di Sir James Schoedde a Woosung, Shanghai e Chin-Kiang e per ben due volte fu menzionato nei dispacci. Ricevette una medaglia  il 23 dicembre 1842. Come Maggiore (25 novembre 1845), partecipò alla campagna della Crimea nel 1854. Il 26 ottobre 1854 aiutò a respingere la sortita dei russi da Sebastopoli. A Inkermann, il 5 novembre 1854, Daubeney al comando di 30 uomini del reggimento, eseguì una carica laterale, senza sparare un colpo attraversò con la forza, la colonna attaccante russa e con questa manovra fece sì che i battaglioni nemici dovettero ritirarsi in caos. Fu encomiato in vari dispacci e fu promosso a Tenente Colonnello il 12 dicembre 1854, per i suoi servigi a Inkermann. Però declinò la promozione, che l'avrebbe allontanato dalla guerra e avrebbe percepito metà paga mentre il suo reggimento era nel mezzo dell'azione. Il Generale John Pennefather (fratello di Kingsmill Pennefather e zio di  A86/ CATHERINE (PENNEFATHER) SAVILE, great uncle of A85/ ELEANOR MARY MOORE, and related by marriage to A77MAJOR MICHELANGELO GALEAZZI] lo raccomandò per la Victoria Cross, essendo però un ufficiale di Campo fu considerato ineleggibile, secondo le regole del tempo. L'anno seguente ricevette una ricompensa per il suo encomiabile servizio , una  medaglia con 3 nastrini, la legione d'onore e la medaglia di 4° classe dell'Ordine di Medjidie.  Dal 1858 al 1869 fu l'Ispettore dell'Abbigliamento dell'Esercito. Il 6 marzo 1868 fu promosso a Generale Maggiore e il primo ottobre 1877 a Tenente Generale, fu nominato KCB il 30 maggio 1871 e promosso a Colonnello del Reggimento il 3 febbraio 1879. Divenne Generale il 4 marzo 1880 e fu promosso G. C. B. il 24 marzo 1881”. Quindi le medaglie del figlio sono simili a quelle di A48/ SIR DAVID DUMBRECK, nel Settore A. Questa tomba è stata finemente restaurata e pulita con i contributi datici dai discendenti.



Urna su colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1844. Ambito toscano. Urna con fiamme su colonna, recinta in pietra serena e ferro. Pulitura di crosta nera su marmo, Palazzo Spinelli, ferro restaurato, DanielClaudiu Dumitrescu, 2008, pulito e piantato, 2011. SACRED/ TO THE MEMORY OF/ ELIZABETH/ THE BELOVED WIFE OF/ MAJOR. GENERAL. DAUBENEY. K.H./ OF BATH/ DAUGHTER OF ARCHDEACON DAUBENY/ WHO DIED AT FLORENCE/ THE 3RD OF APRIL 1844/ AGED 61/
Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 64: Elizabeth Daubeny, wife of General Daubeny of Bath, died 3rd April 1844 and was buried in the Protestant burial ground in Florence, the 5th April 1844 aged 61 years by me, George Robbins (E101), Chaplain/ Maquay Diaries: 5 Apr 1844/ Obituary, Bristol Mercury/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Daubeney/ Elisabetta/ / Inghilterra/ Firenze/ 3 Aprile/ 1844/ Anni 61/ 283/ NDNB entry on Charles Daubeny/ °=Hugh and Eleanor Moss, Bedford, England. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3-4N/ F4/ 56/
ANN ALICE HOLT/
INGHILTERRA/ ALLA MEMORIA DI ANN ALICE MOGLIE DI RICHRAD HOLT ESQ. DI ORIO VICINO A MILANO. LASCIO' QUESTA VITA L'OTTAVO GIORNO DI NOVEMBRE 1831.

Morì un ora dopo aver dato alla luce il loro figlio. Richard Holt possedeva una villa enorme poco fuori Milano che dovette essere venduta alla sua morte nel 1847, a causa dei debiti contratti per il suo restauro: http://www.villalitta.it/Photo/photo-gallery.html

    Harper's Monthly engraving
Holt tomb behind Cocker tomb, Egyptian motifs


Monumento. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1831. Ambito toscano. Monumento scolpito con oroboros su clessidra alata. Intervento di pulitura, re-incisione delle lettere consummate, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A:  157; L: 116; P: 116; M: A: 36; L: 122; P: 122; RP.s.: A: 20; L: 202; P: 293.5.] Iscrizione sepolcrale inglese in lettere capitali e numeri arabi in piombo: [?]/ TO THE MEMORY OF/ ANN ALICE/ THE WIFE OF RICHARD HOLT ESQ/ OF ORIO NEAR MILAN/ WHO DEPARTED THIS LIFE THE 8TH DAY OF NOVEMBER 1831/ Pastor G. Emil Demola/ Obituary, Times, Morning Post/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Holt/ Anna Alice/ / Danimarca/ Firenze/ 8 Novembre/ 1831/ / 56/ Belle Arti scheda, 1993-1997/ Museo Archeologico, 2006-2007: http://www. florin.ms/egyptian.html. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
She died an hour after giving birth to their son. Richard Holt possessed an enormous villa outside Milan, which had to be sold at his death in 1847 on account of his debts for its restoration: http://www.villalitta.it/Photo/photo-gallery.html


F4-5N/ F5/ 760/
JAMES WALTERS KELSON/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI JAMES WALTERS KELSON. MORI' IL 28 NOVEMBRE 1861 ALL'ETA' DI 49 ANNI. LASCIATI ANDARE E TEMI … E . . ..NON SONO . . . VIRTUOSO . . .PENTIMENTO . . . COLORO CHE SEMINANO CON LE LECRIME RACCOGLIERANNO LA GIOIA.

Ancestry.com riporta che James Walters Kelton, sepolto nel Cimitero a Firenze nel 1861, forse era il 2° marito di Grace Price Kelson,nata Morgan, nel 1811 in India. Il primo marito era il Rev. Frederick Grueber Lugard che  divorziò per adulterio. Kelton era della Cavalleria dei Yoemen. Il mirto che si trova accanto a questa tomba è una delle poche piante originali rimaste di quelle del Cimitero nel 19° secolo. Abbiamo piantato delle tale di questo mirto sulle nostre tombe russe in memoria delle righe di Pushkin scritte per un suo amico sepolto a Livorno, “sotto il mirto della dolce Italia”.

  Harp
er's Monthly engraving

Urna su colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1861. Ambito toscano. Urna su colonna quadrata, base di pietra serena, recinta con la stessa. Mirto originale. [M: A: 103; L: 31.5; P: 31.5; P.s. A: 43.5; L: 60.5; P: 60.5; R: A: 61.5; L: 196.5; P: 90.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ JAMES WALTERS KELSON/ WHO DIED THE 28th NOV 1861/ AGED 49/ LET GO YE AND FEAR . . AND . . I AM NOT (come to call the) RIGHTEOUS (but sinners to) REPENTANCE/ MAT 9.10// 778//. . . //THEY THAT SOW IN TEARS SHALL REAP IN JOY (Psalm 126.6)/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: James Walter Kelson, l'Angleterre, fils de Charles Kelson et de Catherine/ Q 488: 370 Paoli, including English Church's tax/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 300, Burial 01/12, Rev O'Neill, 'concussion of the brain' margin: 'Services of the Custode of the Cemetery are required to prepare a grave by tomorrow at 1 0'clock for an English gentleman deceased and for that reason it may be necessary for him to do some of the work on Sunday morning Dec 1 1861'/ Obituary, Morning Post/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Kelson/ Giacomo Gualtiero/ Carlo/ Inghilterra/ Firenze/ 29 Novembre/ 1861/ Anni 49/ 760/ [marginal note]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5N/ F6/ 888
/ IVAN LEONTEVIC LEVICKIJ (LEWITZKY)/ POLOGNA/RUSSIA/

Un amato paggio dello Zar Alessandro II,che liberò i servi il 2 marzo 1861e che commissionò la tomba con l'iscrizione. Questo bambino di 10 anni nacque a Varsavia in Polonia e probabilmente fu mandato da San Pietroburgo  a Firenze per guarirlo della tubercolosi. Il lavoro in ferro battuto e le 4 urne, una  a ogni angolo di questa magnifica tomba, possono essere visti nelle fotografie fatte dal figlio di Hiram Powers, Longworth Powers, e nell'incisione del 1874, purtroppo rubati. La colonna, ornata di ghirlande, significa che è morto troppo giovane. Abbiamo intenzione di piantarci dei mirti.

 

Colonna spezzata.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1864. Ambito toscano. Colonna spezzata inghirlandata in marmo bianco, sporco, recinta in marmo che da prima ha avuto urne sopra le 4 colonne (vedi foto di Longworth Powers custodita nel Gabinetto Vieusseux) e ferro, piantata con mirto, che ora mancano. Da pulire. [M: A: 195; L: 91.5; P: 91.5; RM: A: 60; L: 181.5; P: 181.] Iscrizione sepolcrale inglese russa in lettere cirilliche e numeri arabi: Levickij Ivan Leont'evic/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Giov. Lewitzky Leontieff, Varsovie, Pologne/  Talalay: Varsavia, 31.1.1854 -Firenze 5.11.1864; 'figlio del generale luogotenente Leontij Petrovic Levickij e Sofia nata Genrius', MFK; N° 888, RC;  Epitaffio: paz dvora/ Ego Imperatorskogo Velicestva Gosudarja Imperatora Vserossijskogo/ Aleksandra II Ty dal/ Ty vzjal/ Gospodi da budet/ Volja Tvoja Svjataja/ Do svidanija do skorogo svidanija/ ditja moe/ paggio di Sua Maesta Imperatore di tutte le Russie Alessandro II. Tu hai dato e Tu hai tolto, Signore (Job 1.21), sia fatta la tua santa volonta (Matt 6.10). A riverderci presto, bambino mio/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Leontieff Lewitzky/ Giovanni/ / Russia/ Firenze/ 5 Novembre/ 1864/ Anni 10/ 888/ Indagine cognoscitiva, preparatoria al restauro delle opere site nel Cimitero Protestante di Firenze detto 'degli Inglesi', Gianguido Fumelli, Adriano Giachi, Stefano Landi, Antonella Malavolti, Sabrina Milani, 1991, 61(misidentified as Rebesov). Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
Harper's Monthly engraving in which we see the now-stolen urns


F6N/ F7/ 868/
SEVERINUS GOEDKE ZIMBOWSKY/ POLOGNA/RUSSIA/ +/ SEVERINUS GOEDKE/ POLONUS/ PATRIAE SUAE VINDEX/ MDCCCLXIII/ FILIUS BONUS/ AMICUS FIDELIS/ CIVIS PROBUS/ MILES INTREPIDUS/ - /OBIIT IN EXILIO. V NOV . . . /MDCCCLXIV/ - /FRATRES FRATRE POSUERUNT// +/ SEWERYN GOEDKE/ POLAK/ RODEM, SERCEM, UMYSŁEM, CZYNEM/ RZĄDU NARODOWEGO. PRZY ODDZIAŁACH/ WALCZĄCYCH W WOIEWÓDZTWIE PODLASKIM/ KOMMISSARZ/ R. 1863/ - /SYN/ PRZYIACIEL/ OBYWATEL/ I ŹOŁNIERZ DOBRY/ UMARŁ NA WYGNANIU WE FLORENCYI/ D. 3 MARE 1864 W 27 ROKV ŹYCIA./ - / I DZIWIŁY SIĘ RZESZE/ MÓWIĄC OTO UMIERAIĄ I NIE SKARŹĄ SIE/ - /BRACIA BRATU POŁOZYLI

Severinus Goedke Zimbowsky, anche lui di Varsavia, ironicamente si trova accanto al paggio favorito dello Zar (
F6). Muore in esilio a Firenze a causa delle ferite subite nella lotta contro la Zar per la libertà della Polonia. Kamil Dziubek ha corretto l'iscrizione in polacco e ha dato i diacritici. Inoltre nota che l'iscrizione in polacco contiene un verso dall'Anhelli, un poema epico di Juliusz Slowaki, scritto nello stile di una parabola biblica e descrivendo le vite miserevoli  degli esuli polacchi in Siberia, tradotto da Dorothy Prall Radin, come “E le folle erano sgomente dicendosi ”Ah, stanno morendo e non si lamentano” (http://konicki.com/blog2/2009/10/23/october-23-%e2%80%93-an-excerpt-from-anhelli-by-juliusz-slowacki/). Ricordiamo che Elizabeth Barrett Browning in Casa Guidi Windows scriveva delle signore polacche imbiancate dalla neve.
Hast thou found
No remedy, my England, for such woes?
No outlet, Austria, for the scourged and bound,
No entrance for the exiled? no repose,
Russia, for knouted Poles worked underground,
And gentle ladies bleached among the snows?
No mercy for the slave, America?
No hope for Rome, free France, chivalric France?
Alas, great nations have great shames, I say.


Nessun rimedio, mia Inghilterra per siffatte sventure? Nessuno sbocco, Austria per gli oppressi e gli incatenati? Nessun ingresso per gli esiliati? Nessuna speranza, Russia, per i polacchi percossi, costretti a lavorare sottoterra, e gentili dame sbiancate tra le nevi? Nessuna compassione per gli schiavi, America? Nessuna speranza per Roma, o libera Francia, Francia cavalleresca? Ahimé, le grandi nazioni hanno grandi vergogne, dico io.

Ivan Leontevic Lewitsky era russo ortodosso, Severinus Goedke era protestante ma ora giacciano uno accanto all'altro al Cimitero Svizzero di Firenze.

      
  Harper's Monthly engraving

Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1864. Ambito toscano. Cippo di marmo bianco, inciso fronte e retro, sporco, recinto con 4 colonne in cativo stato. Cippo restaurato, Fabrizio Checcucci, 2004. [M: A: 143; L: 32.5; P: 76.5; (Mattone). A: 10; L: 39.5; P: 88.5; RP.s.: A: 59; L: 88; P: 193.] Iscrizione sepolcrale latina e polacca incisa in lettere capitali e numeri arabi: [Cross] SEVERINUS GOEDKE/ POLONUS/ PATRIAE SUAE VINDEX/ MDCCCLXIII/ FILIUS BONUS/ AMICUS FIDELIS/ CIVIS PROBUS/ MILES INTREPIDUS/ OBIIT/IN EXILIO FLORENTIAE / V NOV . . . /MDCCCLXIV/ FRATRES FRATRE POSUERUNT// SEWERYN GOEDKE/ POLAK/ RODEM SERCEM UMYSLEM CZYNEM/ RZADU NARODOWEGO PRZY ODDZIAIACH/ WALGZACYCH W WOZEWODZTWIE PODLASKIM/ KOMISSARZ/ R. 1863/ SYN/ PRZYIACIEL/ OBYWATEL/ J ZOINIERZ DOBRY/ UMARI NA WTCNMNIU WE FLORENCYI/ D. 3 MARE 1864 W 37 ROKV ZYCIA/ I DZIWLY SIE RZE52E/ MOWIHC DTO UMIERA I NIE SKARZVI SIE/ BRACIA BRATU POLOZYLI/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Severin Gethke, dit Zimbowsky, Varsovie, Pologne, rentier/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Gethke (Zimbowsky)/ Severino/ / Russia/ Firenze/ 3 Maggio/ 1864/ Anni 26/ 868/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See http://www.florin.ms/gimele.html#bernardini


F7N/ F8/ 758/
ARTHUR HUGH CLOUGH/ AMERICA/
INGHILTERRA/ ARTHUR HUGH CLOUGH EX MEMBRO DEL ORIEL COLLEGE A OXFORD. MORI' A FIRENZE IL 13 NOVEMBRE MDCCCLXI ALL ETA' DI 42 ANNI. UN ULTIMO SALUTO DALLA MOGLIE DESOLATA E LA SORELLA.

Arthur Hugh Clough visse a Charleston, Sud Carolina fino all'età di 10 anni e poi si trasferì in Inghilterra per frequentare la Rugby School diretta da Thomas Arnold. Frequentò il Balliol College e poi fu membro del Oriel College. Scrisse The Bothie of Tober-naVuolich. Era testimone, insieme a Emerson, della Rivoluzione francese nel 1848 e della Rivoluzione romana nel 1850, scrisse  Amours de voyage e collaborò con Florence Nightingale, sua parente. Ritornò in America per un anno nel 1852 ma si ammalò di malaria viaggiando in Italia. Matthew Arnold scrisse Thyrsis a sua memoria. Successivamente Lytton Strachey nel suo Eminent Victorians lo descrisse così:
Ma ci fu un ragazzo eccezionale sul quale le intense e acute esortazioni del Dr. Arnold ebbero un effetto molto differente. Una minorità di ragazzi cadde sotto la sua influenza, rispose come la cera sotto la pressione del suo potere e plasmarono le loro vite con una riverenza appassionata, agli insegnamenti del loro Maestro. Fra essi brillava brillava Arthur Clough. Iscritto a Rugby all'età di 10 anni, entrò velocemente in ogni fase della vita scolastica sebbene, ci dicono, “una debolezza delle caviglie gli impedisse di  fare parte di rilievo negli sport praticati”. All'età di 16 anni era nella 6° classe e non soltanto un semplice studente ma capo studente di tutte le classi. Il Dr. Arnold non ebbe mai  uno studente alla sua pari. Questo adolescente giudizioso con le caviglie deboli e la faccia solenne, viveva con soltanto gli ideali più alti. Non pensava che al bene morale, il male morale, l'influenza morale e la responsabilità morale. Alcune delle sue prime lettere sono state conservate e rivelano sia l'intensità con la quale sentiva l'importanza della propria posizione e lo strano stress dello spirito sotto il quale tribolava. “Sono in uno stato continuo di eccitazione  da almeno  tre anni”. Questo lo scrisse prima di raggiungere i 17 anni, “e ora è giunto il memento della prostrazione”. Però non si lasciò riposare e qualche mese dopo scrisse a un compagno di scuola:
Credo veramente che tutto il mio essere sia intriso con la voglia, la speranza e l'impegno di fare del bene alla scuola o, piuttosto, di appoggiarla e fare in modo che non cada in questo momento critico. Così le mie ansie i miei affetti, le mie conversazioni, pensieri, parole e i miei atti guardano involontariamente soltanto in quella direzione. Temo, penserai, che questa “ipocrisia” e sono cosciente che anche i sentimenti più veri, se spesso dimostrati, possano creare un'apparenza negativa e fastidiosa, però purtroppo è vero e anche se tendo ad andare sopra il limite non credo che mi abbia fatto dimenticare i miei amici come, in particolare, Gell, Burbidge e Walrond e, naturalmente te, mio caro Simpkinson.
Forse non sorprendeva il fatto che un giovane cresciuto in tale ambiente fosse caduto nella bocca del leone a Oxford, alle frenesie delle discussioni; che fosse quasi impazzito dal raziocinio di W.G.Ward, che abbia perso la fede, che abbia passato il resto della sua esistenza a lamentare la perdita, sia in prosa che in poesia, e che alla fine cedette coscientemente e finì per incartare, in carta marrone, i pacchetti per Florence Nightingale.
La moglie era Blanche, la sorella Anne Jemima Clough, la prima Rettore femmina a Newham College. Susan Horner scrisse nel suo diario l'8 dicembre 1861:
Sono andata alla Chiesa Italiana e Mamma  (A15/ ANNE SUSANNA (LLOYD) HORNER) Joanna e Signora Zileri (A69/ MARGARET (EDMOND) ZILERI) Insieme a Blanche sono andata dalla Signora Bracebridge, per discutere la pietra tombale che sta per erigere in memoria del marito. Dopo siamo tornate a piedi dall'Hotel de la Ville a casa nostra. Harry Stewart e i Sig.ri  Macbean di Livorno sono venuti a farci visita. Il Marchese Torrigiani  mi ha mandato l'opera di Champollion sull'Egitto perché Blanche voleva che la figura alata della Divinità per la pietra tombale del Sig. Clough. Le finestre di palazzo Pitti sono tutte accese per il gran ricevimento del Principe Carignano. Il corteo funebre di un soldato è appena passato sotto le nostre finestre.


Questo disco, con ai lati dei serpenti, si vede anche sopra i cancelli e le porte nei templi egiziani. Come simbolo di un Dio del Sole tiene lontano la malignità e protegge il territorio sacro dalle influenze maligne. Il globo alato e i loti in piombo sul marmo fanno parte dell'egittomania di questo periodo. Il lauro topiario, che in passato dava ombra alla tombe, ha macchiato il marmo in modo quasi irreparabile ed è stato tolto. Il Dr. Vieri Torrigiani Malaspina ha piantato dei melagrani accanto alle tombe dei nostri tre grandi poeti e una rosa bianca sulla tomba della madre di Susan Horner nel Settore A,
A15/ ANNE SUSANNA (LLOYD) HORNER. Le fragoline di bosco, ricordate dalle signore anziane che qui giocavano da bambine, sono ritornate 30 anni dopo che non viene più usato il veleno per le erbacce.



Marmista ignoto. Sec. XIX, post 111861. Ambito toscano. Cippo in marmo bianco con disegni di un globo alato con serpente e loti preso dal libro di  Campollion e lettere in piombo. Un alloro che faceva molti danni al marmo è rimosso; nel suo luogo è piantato una melegrana miniatura dal Giardino Torrigiani, 2007. Pulito, Museo Archeologico, 2007; piombo retaurato, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2011. [M: A: 142.5; L: 95; P: 38; R: fA: 24.5; L: 204; P: 90.] Iscrizione sepolcrale inglese in lettere capitali e numeri arabi in  piombo: ARTHUR HUGH CLOUGH/ SOMETIME FELLOVV/ OF ORIEL COLLEGE OXFORD/ DIED AT FLORENCE/ NOVEMBER 13 MDCCCLXI/ AGED 42/ THE LAST FAREVVELL OF/ HIS SORROVVING VVIFE AND SISTER/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Arthur Hugh Clough, l'Angleterre, fils de James Butler Clough et de Anna Clough/ Susan Horner, Diary 8&12/61/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Clough/ Arturo Ugo/ Giacomo Butler/ Inghilterra/ Firenze/ 13 Novembre/ 1861/ Anni 42/ 758/ Matthew Arnold, Thyrsis/ DNB cerebral haemorrhage after malarial fever; Freeman 223-224; DND/NDNB entries/ Museo Archeologico, 2006-2007/ °=Rugby School, Balliol College, Oriel College. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See
http://www. florin.ms/egyptian.html, http://www.florin.ms/gimeld.html#price
, http://www.florin.ms/AHCwebsite.html
 

F8N/ F9/ 827/
SOPHIA FELICATOVNA GOLIKOVA/ RUSSIA/ A.TOMBA.FECE 1864.

Una tomba marmorea bellissima con una ringhiera di ferro con un angelo russo con diadema, come quelle nella “Trinità” di Andre Rublev dove l'angelo porta la giovane donna al Paradiso. Lo scultore si chiama in modo appropriato “Alessandro Tomba”. Sophia ha soltanto 22 anni ed è nubile, probabilmente morì di tubercolosi.

   Harper's Monthly engraving

A.TOMBA.FECE 1864
. Sec. XIX, post 4/1863. Ambito toscano. Cippo in marmo bianco scolpito con una giovane donna portato al cielo da un angelo alato e diademmato. Restaurato, Palazzo Spinelli. Ferro restaurato, Daniel Dumitrescu, 2008. [M: A: 204.5; L: 40.5 P: 134; M:. A: 26; L: 193; P: 143; RF: A: 87; L: 187; P: 143.] Iscrizione sepolcrale russa incisa in lettere cirilliche e numeri arabi: Golikova Sofija Felicatovna/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Sophie Golikof, Russia, rentière. fille de Pheliter Golikoff, et de Pauline Golikoff/ Talalay: nata 8.10.1841, Epitaffo: 'Blazeni cistii serdcem ibo oni Boga uzrjat'/ Beati coloro che hanno il cuore immacolato perché di essi è il Regno di Dio [Matthew 5.8] ], N° 827, RC/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Golikoff/ Sofia/ Phelitre/ Russia/ Firenze/ 12 Aprile/ 1863/ Anni 22/ 827. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F8N/ F10/ 683/
WILLIAM HENRY BECK
/
AMERICA/ SACRO ALLA MEMORIA DI WILLIAM HENRY BECK ESQ. DI FILADELFIA, U.S. AMERICA CHE MORI' A FIRENZE IL PRIMO DI NOVEMBRE 1859 ALL'ETA' DI 36 ANNI.

Una grande tomba di pietra serena sgretolata, per un giovane suicida ("insanità da veleno") americano di Filadelfia.

     Harper's Monthly engraving

Monumento. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1859. Ambito toscano. Monumento in pietra serena, incisa, erosa. [P.s. A: 200; L: 116; P: 67.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ WILLIAM HENRY BECK ESQRE/ OF PHILADELPHIA, U.S. AMERICA/ WHO DIED AT FLORENCE/ NOVEMBER 1ST, 1859, AGED/ 36 YEARS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henri Beck, Etats Unis d'Amerique/ Q 381: 438 Paoli, 110 Paoli for the English Church's tax/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°272 Death 31/10 Burial 3/11 Rev. O'Neill/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 95. Beck/ Guglielmo Enrico/ / America/ Firenze/ 1 Novembre/ 1859/ Anni 36/ 683/ [marginal note]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9N/ F11/ 768/
ROBERT HART/ AMERICA/
SACRO ALLA MEMORIA DI ROBERT HART/SCULTORE DEL KENTUCKY, U.S. AMERICA. MORI' A FIRENZE IL PRIMO GENNAIO 1862 NEL 33° ANNO DELLA VITA. L'ULTIMO TRIBUTO DALLA MOGLIE AL MARITO.

E' il nipote del più famoso Joel Tanner Hart, anche lui del Kentucky. Venne a lavorare con lo zio nel 1856 circa e ora giace sotto una piramide di pietra serena minuziosamente ornata di simboli massonici. Probabilmente la forma è stata concepita da Robert Hart, come la piramide di Caio Cestius a Roma. Era stato uno scultore di pietre tombali nel Kentucky. La scelta della pietra serena dimostra le ristrettezze della famiglia.

   
Harper's Monthly engraving, in which we see the pyramid had a a ball at its summit

Piramide.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1862. Ambito toscano. Piramide di pietra serena, nell'incisione ha avuto una palla sopra, lati scolpito con emblemi masonici e incisi, molta erosa, 4 post in ferro.  [P.s. A: 220; L: 106; P: 106; P.s.: A: 144; L: 122; P: 122.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e non e numeri arabi: Sacred/ to the memory of / ROBERT HART/ Sculptor/ of Kentucky, U.S. of America/ who died at Florence Jan 1, 1862,/ in the 33d year of his age/ A wife's last tribute to her husband/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Robert Hart, l'Amerique/ (Nephew to Joel Tanner Hart)/ Records, Guildhall Library, Rev O'Neill, 'decline'/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hart/ Roberto/ / America/ Firenze/ 1 Gennaio/ 1862 / Anni 32/ 768/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



F9N/ F12/
1282/ MARTHA REBECCA MOORE/ IRELANDA/ IRLANDA/MARTHA REBECCA, MOGLIE DI JAMES MOORE ESQ. DI STRANDFIELD, COUNTY LOUTH. NELLE TUE MANI POSO IL MIO SPIRITO, MI HAI REDENTO, O SIGNORE, DIO DELLA VERITA'

Il marito è un latifondista e scrive per: A Topographical Dictionary of Ireland.



Sarcofago. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1874. Ambito toscano. Sarcofago in marmo bianco, ora sporco, sopra pietra serena. [M: A: 110; L: 160.7; P: 95; P.s. A: 90; L: 175; P: 106.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere e non e numeri arabi: MARTHA REBECCA , Wife of/ JAMES MOORE Esquire,/ Strandfield, County Louth// Into thine hand I commit my spirit/ thou hast redeemed me, O Lord God of Truth/ PSA. XXX1.5/ DIED 19th November 1874// Stemma. Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Madame Rebecca Martha Moore, Angleterre, fille di Edouard/ Records, Guildhall Library, London: GL Burial 25/11, Rev Tottenham, via Solferino, 4/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Moore/ Rebecca Marta/ Odoardo/ Inghilterra/ Firenze/ 19 Novembre/ 1874/ Anni 54/ 1282/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

_______________________________________

Ora si gira verso destra e passiamo fra le tombe non allineate verso lo studio di Michele Gordigiani.


F9O/ F13/ 1319/
FLORENCE EVELYN JULIA FLEETWOOD WILSON/
INGHILTERRA/ FLORENCE EVELYN JULIA FLEETWOOD WILSON/INGHILTERRA/FLORENCE EVELYN JULIA FLEETWOOD WILSON NACQUE IL 3 MAGGIO 1853 E MORI' IL 2 GIUGNO 1875./IL SIGNORE E' IL MIO PASTORE/SICURA  FRA LE SUE BRACCIA E SICURA POGGIATA SUL SUO PETTO, IL SUO AMORE OFFUSCAVA  DOLCEMENTE LA MIA ANIMA A RIPOSO.

La tomba scolpita con un glglio spezzato su una croce è simile alla tomba irlandese della Yelverton, nel Settore B, (B3/ ANNA MARIA CECILIA YELVERTON), racconta una storia più simile a un romanzo di Frances Trollope che di Jane Austen. A causa dei debiti del fratello il padre, Thomas Hugh Wilson Fleetwood, deve lasciare Knowle Hall nel Warwickshire e venire a vivere a Firenze dove la madre, Harriet Horatia, aveva famiglia. Sappiamo che la madre è la figlia di C96/ CAPTAIN CHARLES MONTAGUE (HUDLESTON) WALKER, e C97/ ANNA MARIA (RIDDELL) WALKER, ambedue sepolti nel Settore C. Sono quindi i nonni di F13/ FLORENCE EVELYN JULIA FLEETWOOD WILSON. Abbiamo raccolto queste informazioni dalle medaglie e il ritratto del fratello, Guy Douglas Arthur Fleetwood Wilson: http://www.dnw.co.uk/medals/auctionarchive/searchcataloguearchive/itemdetail.lasso?itemid=67211Florence nacque a Firenze oppure le fu dato il nome dai nonni che ci abitavano? The Webbs riporta che la sua famiglia è interconnessa con le famiglie Chichester, Baldelli, Walker, Riddell, Fleetwood Wilson, MacDouall e Moyser. Tony Fleetwood Wilson riporta connessioni con un'altra famiglia nel Cimitero, l'Ammiraglio Edward Fleetwood Pellew: “Ho saputo che i miei avi, i Wilson, hanno adottato il nome di Fleetwood dopo che il Ten. Alex Wilson della Marina Reale dette il nome a uno dei suoi figli avendo servito sotto il comando di Sir Edward Pellew, poi Lord Exmouth. Ho letto due biografie di Lord Exmouth ma non ho trovato nessuna menzione di un Alex Wilson ma la connessione era in relazione alla storia della famiglia raccontata da una prozia. Uno dei figli di Alex si chiamava  Edward Pellew e un altro Fleetwood Pellew, tutti nomi della famiglia Exmouth. Alex Wilson sposò la sorella della mia trisavola, Barbara of Banff, Scozia. Sembra che ambedue le famiglie adoperavano nomi presi in prestito da Sir Edward Pellew, Lord Exmouth. Qualche anno fa ero in contatto con un Edward Pellew Wilson del Rio de Janeiro, un discendente di Edward Pellew, il primogenito di Alex Wilson. Alex Wilson morì nel 1817 quindi potrebbe aver servito sotto il comando di Sir Edward Pellew durante le guerre rivoluzionarie in Francia”. Tony Fleetwood Wilson è, inoltre, connesso con A63/ JAMES LUKIN DAVIS, Sector A.

      

Knowle Hall, WarwickshireLastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1875. Ambito toscano. Lastra di marmo scolpita con giglio spezzato sopra una croce, sopra pietra serena in un recinto con 6 colonne, A: 69 L: 16.5 P: 69.5. [M: A: 21; L: 60; P: 133; P.s. A: 23.5; L: 69.5; P: 141.5; R: A:  69; L: 200; P: 223.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: FLORENCE EVELYN JULIA/ FLEETWOOD WILSON/ BORN 3 MAY 1853 - DIED 2 JUNE 1875/ THE LORD IS MY SHEPHERD I SHALL NOT WANT/ PSAL, XXIII/ SAFE IN THE ARMS OF JESUS SAFE ON HIS GENTLE BREAST/ THERE BY HIS LOVE O'ERSHADED SWEETLY MY SOUL SHALL REST/ Records, Guildhall Library, London: Baptism GL23775 N° 224/45 Florence Evelyn Julia Wilson 07/11/53 father Fleetwood Thomas Hugh Wilson Esq mother Harriet or Henrieta Horatia, Rev O'Neill; sibling GL23774 N° 176 older brother, Guido Douglas Arthur Fleetwood 13/12/50 sponsors, Archibald Viscount Drumlanery, Arthur De Nac Walker, Anne Countess of Falmouth, Rev Robbins (E101)/ Obituary, Times, diphtheria/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Wilson/ Firenze/ Fleetwood/ Inghilterra/ Firenze/ 2 Giugno/ 1875/ Anni 22/ 1319/ +/. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9O/ F14/ 1056/
BIANCA [WALKER] BALDELLI/
ITALIA
ALLA DILETTA BIANCA/ NATA IL 19 FEBRAIO 1852/ A LORO TOLTO NEL DI 10 LUGLIO 1869/ POSERO DESOLATI GENITORI/ ANTONIO E GERTRUDE [Walker] BALDELLI//. . . // SE OGNI DOLCE COSA/ M'INGANNA E AL TEMPO CHE SPERAI SERENO/ FUGGIR MI SENTO LA VITA AFFANNOSA/ SIGNOR FIDANDO AL TUO PATERNO SENO/ L'ANIMA MIA RICORRE E SI RIPOSA/ IN UN AFFETTO QUE NON E TERRENO

Sua madre è Gertrude Walker, discendente dei Riddell (C96/ CAPTAIN CHARLES MONTAGUE (HUDLESTON) WALKER, e C97/ ANNA MARIA (RIDDELL) WALKER). Il padre è il Conte Antonio Baldelli. Sappiamo che queste tombe sono una accanto all'altra perché sono tutte e due membri della famiglia protestante dei Walker, connessi con il Conte Piero Guicciardini e la sorella, F34/ CONTESSA GIULIA GUICCIARDINI MORROCHI , sepolta in questo settore F. Il Conte Piero Guicciardini, Bartolomeo Bartolini Baldelli, Antonio Targioni-Tozzetti e Giuseppe Gazzer hanno pubblicato insieme Primo rapporto e regolamenti dell'asilo infantile aperto in Firenze nell'antico convento di Santa  Monaca, Firenze, presso la Tipografia galileana, 1835. Successivamente questo orfanotrofio ebbe la sede nella villa di Piazza d'Azeglio, lasciata alla Chiesa Valdesiana dalla Contessa Giulia Baldelli, anche lei una Walker che continuò il lavoro svolto da  AB27/ SALVATORE FERRETTI, sepolto nel Settore AB. La famiglia ha ordinato per la tomba una copia della statua di Lorenzo Bartolini 1834 “Fiducia in Dio”, ma stipularono che fosse vestita e non nuda. L'astronomo Simone Bianchi ha scritto dicendo che la madre, Gertrude Walker Baldelli (forse a causa di un'amicizia con Mary Somerville), lavorò con i primi Direttori dell'Osservatorio ad Arcetri.

  a    
 
Lorenzo Bartolini, 'La fiducia in Dio', 1834, Milano, Museo Poldi Pezzoli

Scultura.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1869. Ambito toscano. Scultura copia vestita (1869) di Bartolini, 'Fiducia in Dio' (1834), nuda nll'originale. Recinto con quattro colonne. [M: A: 78.5; L: 33; P: 45; P.s. A: 160; L: 86; P: 62; R: A: 60.5; L: 149; P: 209.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: ALLA DILETTA BIANCA/ NATA IL 19 FEBRAIO 1852/ A LORO TOLTO NEL DI 10 LUGLIO 1869/ POSERO DESOLATI GENITORI/ ANTONIO E GERTRUDE [Walker] BALDELLI//. . . // SE OGNI DOLCE COSA/ M'INGANNA E AL TEMPO CHE SPERAI SERENO/ FUGGIR MI SENTO LA VITA AFFANNOSA/ SIGNOR FIDANDO AL TUO PATERNO SENO/ L'ANIMA MIA RICORRE E SI RIPOSA/ IN UN AFFETTO QUE NON E TERRENO// Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Bianca Baldelli, Florence, fille de Comte Antoine Baldelli/ sposato con Gertrude Walker. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9P/ F15/
692
GEORGE CATTON BOMFORD/
AMERICA


E' il figlio del Colonnello George Bomford, capo delle Ordinanze a Washington  che inventò il “Columbiad”, un cannone che sparava proiettili pesanti con traiettorie sia alte che basse, rendendolo capace di sparare pallini e palle a lunga gittata, allora un'eccellente difesa delle coste. Sua moglie era la cognata di Joel Barlow, l'autore del poema Columbiad. George Catton Bomford era attivo nel Territorio dell'Oregon, ora lo Stato di Washington. Morì a Firenze nel 1859, mentre era in visita dalla sorella Louise che abitava a Firenze con la figlia sposata. Il suo testamento fu registrato a Washington nel 1862. Stranamente le famiglia scelse di non rimpatriare la salma dove i suoi genitori giacciano in un mausoleo, non si sono neanche occupati della sua, quasi persa, tomba.
Vd.
http://www.bcgcertification.org/skillbuilders/narrativegenealogyngsqstyle.pdf/


 


Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastra persa, base di pietra rimane, dal recinto, 3/4 colonne rimanano. [P.s. A: 17; L: 69.5; P: 140; RP.s.: A: 58; L: 94; P: 200.]
Georges C. Bomford, l'Amerique// Etats Amerique// GL23777/1 N°279, Death 18/12, Burial 20/12, George Easton Bomford, Washington, U.S. Rev. O'Neill. Cause of death, paralysis./ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Paoli 715/ Q 388: 438 Paoli/  Bomford/ Giorgio C/ / America/ Firenze/ 7 Dicembre/ 1859/ Anni 52/ 692/ N&Q X p224 no338, insc GEORGE BOMFORD DIED 17 DEC 1859 AGE 52, Sector E, between John Logan Campbell and Thomas Brunker.
Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F9P/ F16/ NON IDENTIFICATA Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastra degrada, in base di pietra. [P.s. A: 22; L: 72.5; P: 140.5; RP.s.: A: 29; L: 90; P: 159.]

 


F9
P/ F17/ (119) 905/ ANNA A. JOHNSON/ AMERICA/ ANNA A. MOGLIE DI J.C. JOHNSON, UN NATIVO DELLO STATO DI NEW YORK. MORI' A FIRENZE IL 18 APRILE 1865 ALL'ETA' DI 19 ANNI E 3 MESI.

Si sposò e morì molto giovane. Non abbiamo notizie della sua famiglia americana.

 



Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1865. Ambito toscano. Stele scolpita, sul fronte angelo racchiuso in un tondo. Marmo sporco, presenza di crosta nera. Due colonnie con ferro. Possibile intervento di consolidamento sul basamento, cippo a rischio di crollo. Possibile interevento di pulitura. [M: A: 167.5; L: 76; P: 24.2; P.s. A: 49; L: 85; P: 48; RP.s.: A: 58; L: 87; P: 157.] Iscrizione sepolcrale in inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ANNA A./ WIFE OF J.C. JOHNSON/ A NATIVE/ OF/ THE STATE OF NEW YORK/ DIED AT FLORENCE/ APRIL 18 1865/ AGED 19 Y, 3 M./ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Anna S. Johnson, l'Amerique/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 637.15 + Francs 22.40/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Johnson/ Anna S./ / America/ Firenze/ 18 Aprile/ 1865/ Anni 19/ 905/ +/ N&Q 354. Anna A., w. of J. C. Johnson, of New York, ob. 18 Ap., 1865, a. 19 y. 3 m/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9Q
/ F18/ 1058/ ANNIE SCOTT MANN BROWN FIELD/ AMERICA/ ANNIE SCOTT NIPOTE E FIGLIA ADOTTIVA DI J. PRESTON MANN M.D. ESQ., USA DI NEW YORK. NACQUE IL PRIMO GIUGNO 1806 E MORI' IL 26 LUGLIO 1869. HA FATTO QUEL CHE POTEVA..

Dal Web: “Il Dottore Preston Mann, laureato al Brown University è un esperto medico a Newport  dove ospitò Washington e La Fayette durante la Rivoluzione”. Mentre Thomas Skinner Brown costruì la ferrovia da Mosca a San Pietroburgo per lo Zar, 1849-1854. E' strano che la tomba di Annie non parli del suo secondo matrimonio, da vedova, con Edward Forbes Field con il quale ebbe sette figli. Forse lui commissionò la tomba omettendo il proprio nome?



Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 171869. Ambito toscano. Tomba di marmo bianco sporco.  [M: A: 13; L: 173.5;  P: 57; P.s. A: 33; L: 205; P: 87.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ANNIE SCOTT, NIECE AND ADOPTED DAUGHTER OF J. PRESTON MANN, M.D, ESQ., OF NEWPORT, R.I., AND WIDOW OF MAJOR T.S. BROWN, U.S.A., OF NEW YORK/ BORN JUNE 1 1806, DIED JULY 26 1869/ SHE HATH DONE WHAT SHE COULD/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Anna Brown, l'Amerique/ Records, Guildhall Library, London: Marriage GL20776 N°39 16/04/57, Edward Forbes Feild [sic] of St Petersburgh, USA to Annie Mann Brown at HBM (Normanby), Rev O'Neill/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Brown nata Mann/ Anna/ Giovanni/ America/ Firenze/ 26 Luglio/ 1869/ Anni 63/ 1058. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9R/ F19/ (138) 895/
ANNIE DALLAS/ 
INGHILTERRA/INDIA/AUSTRALIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI ANNIE, UNICA FIGLIA DEL DEFUNTO CAPITANO ARBUTHNOT DALLAS DELL'ESERCITO INDIANO. MORI' IL 9 GENNAIO 1865. NON E' MORTA MA DORME. BENEDETTI SIANO I PURI DI CUORE PERCHE' VEDRANNO DIO.

Il padre era responsabile per il trasporto via mare di cavalli, per la Cavalleria indiana, da Sydney in Australia a Madras e Calcutta. La Hyderabad naufragò e tutto il carico e gli animali furono persi. Sposò Sophia Elizabeth Despard nel 1846 in Australia e ritornarono a Calcutta, India, dove lui morì il 21 dicembre 1848. Quindi è la sua madre australiana che erige questa croce delicata di filigrana che si trova alla testa della tomba.

 

Cross.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1865. Ambito toscano. Croce in marmo di Siena finemente scolpita in filigrana. Identica alla tomba della madre nel Cimitero 'Agli Allori'. Buono stato di conservazione.  Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 117; L: 50, +51; P: 33; P.s. A: 6; L: 54; P: 37; RM: A: 8; L: 87; P: 193; RP.s. A: 23; L: 93; P: 201.] Iscrizione sepolcrale in inglese sul recinto in marmo in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF ANNIE, ONLY CHILD OF THE LATE CAPT/ ARBUTHNOT DALLAS INDIAN ARMY DIED JANUARY 9TH 1865// SHE IS NOT DEAD BUT SLEEPETH/ MARK 5.39// BLESSED ARE THE PURE IN HEART FOR THEY SHALL SEE GOD./ MATTHEW 5.8/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Anna Dallas, l'Angleterre, fille de Arbutha Dallas et de Sophie Elisabeth/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 400.55/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°352, Annie Dallas, Burial 11/01, Rev Pendleton/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Dallas/ Anna/ Arbutha/ Inghilterra/ Firenze/ 9 Gennaio/ 1865/ Anni 17/ 895
. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



F9R/ F20/
1043/ MARY GARDNER/
INGHILTERRA/ IN MEMORIA DELLA SECONDA FIGLIA DI ROBERT GARDNER ESQ. DI SANSAW NELLA CONTEA DI SALOP IN INGHILTERRA. MORI' IL24 MARZO 1869 ALL'ETA' DI 57 ANNI. SII PRONTO QUINDI, PERCHE' NON SAPPIAMO NE  QUALE GIORNO NE QUALE ORA POSSA ARRIVARE IL FIGLIO DI DIO.

Web: “I nostri registri necrologici riportano il decesso di Robert Gardner esq. di Sansaw  in questa contea, il 14 aprile 1880 a The Mythe Malvern dove aveva vissuto per parecchi anni. Il Signore deceduto ereditò la tenuta di Sabsaw dallo zio, il Rev. Dr. Gardner e acquisì la tenuta di Leighton attraverso il solo matrimonio con la nipote e unica erede di Thomas Kynnersley esq., con la quale ebbe una famiglia numerosa. Il primogenito Thomas Kinnersley sposò, nel 1856, la primogenita del Col. Frederick Hill di Frees Hall e nipote del defunto Visconte Hill. Il Signor Gardner era Magistrato nella contea di Salop ma da molti anni non partecipava attivamente alla vita pubblica. Aveva 76 anni”. Di nuovo non c'è nessuna menzione dei matrimoni contratti da lei in Italia. Sembra che sia la figlia o la nipote di SARAH (GARDINER BROWN) ACERBI?
857/ SARAH (GARDINER BRUIN) ACERBI/ INGHILTERRA/

Sarebbe la sorella del Rev. Gardner che è venuto in Italia con la nipote. La storia di lei è triste. E' inglese, vedova di un marito inglese che successivamente sposa un italiano, Joachim Acerbi. Era così povera che morì indigente all'età di 75 anni. La sua morte venne ufficialmente registrata e gli svizzeri le dettero una sepoltura gratis. In quell'epoca si moriva a casa con tutta la famiglia intorno, la morte in ospedale era considerata ignominiosa e soltanto per gli indigenti.

[marginal note] Sarah Gardiner, veuve Brown et femme de Joachino Acerbi, Angleterre, fille de Gardiner/ indigente, decédée à l'hopital di S.M.N./ Death 20/11 Burial 23/11. Rev. Pendleton/ GL23777/1/ Acerbi Vedova Bruin nata Gardiner/ Sara/ / Inghilterra/ Firenze/ 22 Novembre/ 1863/ Anni 75/ 857/ [marginal note] De Bruin negli Acerbi nata Gardiner/ Sara/ / Inghilterra/ Firenze/ 22 Novembre/ 1863/ Anni 75/ 857/



Tomba in forma di croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1869. Ambito toscano. Tomba in forma di croce orizzontale in pietra serena. [P.s.: A: 48; L: 85; P: 193.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF THE SECOND DAUGHTER OF ROBERT/ GARDNER ESQUIRE OF SANSAW IN THE COUNTY/ OF SALOP IN ENGLAND WHO/ DIED MARCH THE 24 1869 AGED 57 YEARS// WATCH THEREFORE FOR/ WE KNOW NEITHER THE DAY NOR THE HOUR/ WHERE THE SON OF/ MAN COMETH (Matthew 25.13)/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Maria Gardner, l'Angleterre, fille de Robert Gardner/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 405, Burial 26/03, Rev Tottenham/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Gardiner/ Maria/ Roberto/ Inghilterra/ Firenze/ 24 Marzo/ 1869/ Anni 38/ 1043/ See Acerbi. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9R/ F21/ (137) 1218/
HARRIET MATILDA (ROBBINS THYNNE INGHIRAMI) GRABAU/
INGHILTERRA/ ..E SORELLA DEL REV. GEORGE ROBBINS. MORI' A GIUGNO ….     ERETTA IN MEMORIA AFFETTUOSA DALLE AMOREVOLI NIPOTI . RESURGAM.

Henrietta Matilda Robbins, figlia di Thomas Robbins, sposò il primo marito “Lord Thomas Thynne, primogenito del 2° Marchese di Bath, il Visconte Weymouth. Membro del Parlamento (Conservatore) per  Weobley 1818-1820. L'undici maggio 1820 sposò il secondo marito il Conte Inghirami e il terzo marito Carlo Grabau, Console Anseatico a Livorno. 'Enrichetta Inghirami, patrizia Volterrana': 'Niccolò Inghirami Fei (1804-1869) Console d’Austria a Livorno. Nato ad Amburgo nel 1804 dal cav. Lino Marcello Inghirami Fei e da Maria Giuseppa di Sebastiano Benedetto Riccobaldi Del Bava, fu il secondogenito di sette fratelli. I suoi genitori si trovavano ad Amburgo fin dal 1799 poiché suo padre, particolarmente distintosi nel raccogliticcio esercito di sanfedisti che, mentre Napoleone si trovava in Egitto, era riuscito a rioccupare la Toscana cacciandone i francesi, aveva preferito in seguito mettersi al sicuro con la famiglia abbandonando l’Italia. Marcello Inghirami, infatti, in qualità di generale riconquistò Volterra, mentre suo fratello Curzio, che fungeva da suo luogotenente, entrò col suo esercito in Livorno abbandonata dai francesi. Furono però successi assai effimeri: dopo il ritorno di Napoleone e la vittoria di Marengo, i francesi s’impadronirono nuovamente dell’Italia obbligando pertanto gli oppositori che si erano maggiormente esposti a cercare scampo con la fuga. Marcello Inghirami si trasferì così in Germania e mentre il suo figlio primogenito Sebastiano si stabilì definitivamente ad Amburgo, ove ebbe numerosa prole, Niccolò (che rimase sempre celibe) preferì ritornare in Italia e si stabilì a Livorno dove già viveva sua sorella Enrichetta sposata al console del regno di Hannover Carlo Grabau. Qui Niccolò lavorò per l’amministrazione lorenese che trovò in lui un funzionano abile e fidato ed alla quale egli rimase sempre fedele anche durante la cruenta occupazione austriaca di Livorno che seguì al ritorno in Toscana di Leopoldo II. Per la grande stima che si era universalmente guadagnato, dopo la caduta del governo lorenese e al sopravvento del Regno d’Italia, poté esercitare, proprio a Livorno, la carica di console dell’Impero austro-ungarico. Accadde così che nel maggio del 1869 fu incaricato di accompagnare al porto della città il generale Folliot de Crenneville, di origine francese, che, passato al servizio dell’Austria, era stato nominato nel 1849 governatore di Livorno e che durante il periodo dello stato d’assedio a cui allora fu sottoposta la città si era distinto per la ferocia e l’implacabile tracotanza con cui aveva esercitato le sue funzioni repressive. La notizia della sua presenza in città si sparse subito alimentando propositi di vendetta. La sera del 24 maggio 1869 il conte de Crenneville e l’Inghirami raggiunsero il porto dove l’ex governatore doveva imbarcarsi sul piroscafo Sardegna ma giunti dinanzi al monumento dei "Quattro Mori” alcuni uomini che li avevano seguiti si fecero avanti ed un colpo di pugnale trafisse il volto del generale. L’Inghirami si piegò per soccorrere il ferito, ma nella concitazione di quei momenti fu colpito mortalmente da una nuova pugnalata diretta al conte; egli cadde pertanto esanime sul corpo del de Crenneville che invece se la cavò con poche ferite lievi. La sera stessa la sua salma fu trasportata con gran seguito popolare al cimitero della Misericordia dove ebbe una modesta sepoltura arricchita in seguito, su ordine dell’imperatore Francesco Giuseppe, da una lapide sormontata da una croce di marmo. Il processo che seguì all’attentato si concluse con l’assoluzione degli imputati: l’uccisione di Niccolò Inghirami restò dunque impunita ed il vero movente che fu all’origine questo fatto di sangue, anche a causa di forti pressioni politiche, non fu mai chiarito'. Dal questo si desume che è la cognata vedova, Enrichetta, ora sposata con il Console di Hannover, così che   lui come Console austriaco  possa abitare insieme a loro. Ci sono dei documenti d'archivio a Livorno scritte da Enrichetta Inghirami a proposito della Villa Grabau a Lucca, veniamo a sapere che 'Carlo Grabau, di nobili origini tedesche, nato ad Amburgo nel 1784, si era trasferito a Livorno come Console Generale delle Città Anseatiche del Mare del Nord presso il Granduca di Toscana ed aveva sposato Enrichetta Inghirami, patrizia Volterrana'. 'Carlo di Amburgo, console di Annover e di altri Stati in Livorno e ammogliato con Enrichetta Inghirami, patrizia volterrana, fu ammesso alla nobiltà di Volterra nel 1836. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di Nobile di Volterra e nobile di Livorno'. Continuò, durante i suoi futuri matrimoni a firmarsi “Weymouth”. Daniel-Claudiu Dumitrescu ha restaurato e pulito la tomba distrutta dai vandali del suo fratello uomo di chiesa,  E101/ REVD GEORGE ROBBINS.

        
Harriet Thynne, 1820            Longleat, seat of the Marquess of Bath

Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1873. Ambito toscano. Croce in marmo su basamento in pietra serena, recinto condiviso con la tomba del fratello. Intervento di consolidamento sulle colonnine e sul ferro battuto della tomba danneggiata a seguito di atti vandalici, intervento di pulitura sul marmo, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 5/2010. [M: A: 63.5; L: 40.5; P: 27.5; P.s. A: 44; L: 51; P: 38; RP.s.F: A: 64; L: 408; P: 97.5.] Iscrizione sepolcrale in inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi . . . AND SISTER OF THE REV. GEORGE ROBBINS/ DIED JUNE // ERECTED IN AFFECTIONATE REMEMBRANCE/ BY HER LOVING NIECES/ RESURGAM [Matt.27.63]Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henriette Vedova Inghirami, Angleterre, Rentier, fille de Thomas Robins/  IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 524, B/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 510, Burial 25/03, Rev Tottenham, via Cavour, 22/ Obituary, Pall Mall Gazette, Harriet Inghirami Countess, widow of Thomas, Viscount Weymouth/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Inghirami nata Robins/ Vedova Enrichetta/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 18 Guigno/ 1873/ Anni 77/ 1218/ See E101/ REVD GEORGE ROBBINS/ N&Q 410. by Viscount Weymouth, and sister of the Rev. George Robbins, ob. 18 June, 1873. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See http://janeaustensworld.wordpress.com/2009/11/01/the-viscount-and-the-toll-keepers-daughter-how-thomas-thynne-never-became-the-marquess-of-bath/


F9S/ F22/ 313/
MARY BENNETT/
INGHILTERRA/ …SACRO ALLA MEMORIA DI MARY BENNETT, L'AMOREVOLE MADRE DI M. NAPIER, ACCANTO AL QUALE ORA GIACE. LASCIO' QUESTA VITA IL 13 SETTEMBRE 1845 ALL'ETA' DI 80 ANNI.

Era l'amante del 3° Duca di Richmond, Charles Lennox  e  F23/ CAROLINE (BENNETT) NAPIER
che le giace accanto è la loro figlia. Sembra sia rimasta a Firenze. Una sorella, Mary si sposa due volte, prima William Light e poi Alfred Lambert e aveva due figli, i nipoti di Mary Bennett,who lies beside her is their daughter. She seems to have remained behind in Florence. A sister of the same parentage is Mary who marries twice, first William Light, then Alfred Lambert, her two children, Mary Bennett's grandchildren, E117/ FLORENCE CAROLINE LAMBERT AND GEORGE ARTHUR LENNOX LAMBERT, ambedue nel settore E.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1845. Ambito toscano. Lastra di marmo con lettere in piombo, alcuni mancante, un angolo della lastra rotto, poggiante su quattro asse verticale dello stesso, recinto condiviso con la figlia, Caroline Napier. [M: A: 19; L: 74; P: 135.3; P.s. A: 9.5; L: 77; P: 139; R: A: 8; L: 250; P: 260,] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF M. BENNET/ THE FOND MOTHER OF M. NAPIER/ BY WHOSE SIDE SHE NOW LIETH/ SHE DEPARTED THIS LIFE THE 13TH SEPTEMBER 1845/ IN THE EIGHTIETH YEAR OF HER AGE/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 80, Death 14/09, Burial 16/09, Rev. Robbins (E101); burial of daughter Caroline Napier, 05/09/36/ + / Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 107. Bennett/ Maria/ / Inghilterra/ Firenze/ 14 Settembre/ 1845/ Anni 79/ 313/ N&Q 409. Mrs. Bennet, the mother of Mrs. Napier. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9T/ F23/ 141/
CAROLINE (BENNETT) NAPIER/ 
INGHILTERRAD/ CAROLINE NAPIER MOGLIE DEL CAPITANO HENRY EDWARD NAPIER DELLA MARINA REALE.  NACQUE IL 9 AGOSTO 1806 E MORI' IL 5 SETTEMBRE 1836. SE IO AVESSI MAI PENSATO CHE TU POTEVI MORIRE, FORSE NON PIANGEREI PER TE. MA HO DIMENTICATO, MENTRE ERO ACCANTO A TE, CHE TU POTESSI ESSERE MORTALE. MAI MI E' PASSATO PER LA MENTE CHE IL TUO TEMPO FOSSE FINITO E CHE IO TI AVREI GUARDATO PER L'ULTIMA VOLTA E CHE TU NON AVRESTI SORRISO PIU'. E ANCORA  NON  TOLLERO NEANCHE IL PENSIERO IL FATTO CHE DEVO GUARDARE IN VANO. MA QUANDO PARLO NON MI DICI CIO' CHE NON AVEVI ANCORA DETTO. E ORA SENTO COME POSSO CHE CARA CAROLINE SEI MORTA. SE TU POTESSI RIMANERE COME SEI TUTTA FREDDA E SERENA POTREI ANCORA ACCAREZZARTI E DOVE SONO STATI I TUOI SORRISI, SEBBENE TU SIA FREDDA, SEMBRA CHE TU SIA ANCORA MIA. MA TI HO POSATO NELLA TOMBA E SONO SOLO. NON PENSO A DOVE SEI, MI HAI DIMENTICATO E FORSE PUOI ACQUIETARE QUESTO CUORE SE PENSO A TE. PERO' ATTORNO A TE C'ERA UN AURORA DI LUCE MAI VISTA PRIMA, CHE LA FANTASIA NON POTREBBE DISEGNARE  E NON PUO' MAI RESTUTUIRE.

Caroline Napier è la figlia illegittima di Charles Lennox, il 3° Duca di Richmond, un parente del marito. Mary, sposata con Arthur Lambert è sua sorella mentre chiamano il figlio con il nome “Lennox”, uno dei bambini che seppelliscono nel Settore E, E117/ FLORENCE CAROLINE LAMBERT AND GEORGE ARTHUR LENNOX LAMBERT (muoiono nel 1850, 14 anni dopo la morte di Caroline Napier).  JL Maquay, 6.9.1836, “La Signora Napier è morta ieri sera dopo una malattia della durata di sette ore, lascia quattro bambini, povera donna.” “21.9.36 Maquay si riprende un domestico che era stato assunto dal Cap. Napier, quest'ultimo ritorna in patria perché è morta la moglie. Prima di partire spende una fortuna per far incidere l'iscrizione lunghissima sulla tomba. Il necrologio nel Morning Post è chiaramente scritto dal marito: “E' morta lunedì il 5 alla Villa Capponi vicino a Firenze, dopo una malattia della durata di 14 ore, Caroline, moglie del Cap.  Henry Edward Napier. Questo decesso così terribile e improvviso alla giovane età di 30 anni nella infida sicurezza  di una amata così giustamente da tutti coloro che la conoscevano, ha causato una partecipazione addolorata a Firenze e  dintorni, dove una residenza di alcuni anni ha fatto sì che il suo valore fosse conosciuto e apprezzato da tutti. Bella, raffinata e senza affezioni, le grazie della sua persona erano fievoli e esili simboli di quella bellezza interna della mente, l'unica dote immortale; e che mentre illuminava la sua breve carriera con ogni atto che potesse rendere dignitoso il carattere esaltato di una moglie, una madre e un'amica, o nobilitare l'esercizio attivo senza pretenziosità di una fede illuminata, la speranza continua, una carità universale ha creato la luce intorno alla sua memoria che il tempo non potrà mai spegnere, o essere dimenticato. I suoi resti furono accompagnati alla tomba da un gruppo di amici desolati, ansiosi di mostrare al marito il senso delle sue qualità, e il loro toccante e vero cordoglio per questa immensa perdita.”
Nel Dictionary of National Biography troviamo  annotazioni  riguardo A Florentine History from the earliest Authentic Records to the Accessin of Ferdinand il Third, Grandduke of Tuscany di Henry Napier 1789-1853, storico nato il 5 marzo 1789, era il figlio del Col. George Napier, figlio minore di Charles James Napier, conquistatore di Scinde, George Thomas Napier, Governatore del Capo di Buona Speranza e di Sir William Francis Patrick Napier, storico e generale.  Divenne noto per aver scritto A Florentine History from the earliest Authentic Records to the Accessin of Ferdinand il Third, Grandduke of Tuscany  in sei volumi, 1846-7, un'opera che dimostra un giudizio molto indipendente e una certa vivacità di stile ma guastato dalla prolissità. Fu eletto membro del Royal Society il 18 maggio 1820 e morì a 62, Cadogan Place, Londra il 13 ottobre 1853. Si sposò il 17 novembre 1823 con Caroline Bennett, figlia naturale di Charles Lennox, 3° Duca di Richmond. Lei morì a Firenze il 5 settembre 1836, lasciando tre figli. Hare, Horner  citano la Storia Fiorentina di Napier. Siccome la madre di Henry Napier, Lady Sarah Lennox, è la quarta figlia del Duca di Richmond, c'era molta emogamia nella famiglia. La madre di Caroline Napier, Mary Bennett, la raggiunge undici anni più tardi. Sembra che sia rimasta a Firenze.


                   
       Henry Edward Napier    Caroline Bennett

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1836. Ambito toscano. Lastra di marmo sporco.molte lettere di piombo mancano, ogetto sopra base alla testa della tomba perso, recinto condiviso con la madre, Mary Bennett. [M: A: 20; L: 77; P: 153; P.s. A: 18; L: 83; P: 160; RP.s.: A: 35; L: 100; P: 100. Iscrizione sepolcrale inglese in lettere capitali e numeri arabi in piombo: CAROLINE NAPIER/ WIFE OF/ CAPTAIN/ HENRY EDWARD NAPIER, R.N./ BORN/ 9TH AUGUST 1806/ DIED/ 5TH SEPTEMBER 1836/ IF I HAD THOUGHT THOU COULDST HAVE DIED/ I MIGHT NOT WEEP FOR THEE/ BUT I FORGOT WHEN BY THY SIDE/ THAT THOU COULDST MORTAL BE/ IT NEVER THROUGH MY MIND HAD PAST/ THAT TIME WOULD E'ER BE OER/ AND I ON THEE SHOULD LOOK MY LAST/ AND THOU SHOULDST SMILE NO MORE/ AND STILL UPON THAT FACE I LOOK/ AND THINK TWILL SMILE AGAIN/ AND STILL THE THOUGHT I CANNOT BROOK/ THAT I MUST LOOK IN VAIN/ BUT WHEN I SPEAK THOU DOST NOT SAY/ WHAT THOU NEER LEFTST UNSAID/ AND NOW I FEEL AS WELL I MAY/ SWEET CAROLINE THOU'RT DEAD/ IF THOU WOULDST STAY EEN AS THOU ART/ ALL COLD AND ALL SERENE/ I STILL MIGHT PRESS THY SILENT HEART/ AND WHERE THY SMILES HAVE BEEN/ WHERE EER THY CHILL BLEAK CORSE I HAD/ THOU DIDST STILL SEEM MY OWN/ BUT HERE I LAID THEE IN THY GRAVE/ AND I AM NOW ALONE/ I DO NOT THINK WHERE ER THOU ART/ THOU HAST FORGOTTEN ME/ AND I PERHAPS MAY SOOTHE THIS HEART/ ON THINKING TOO OF THEE/ YET THERE WAS ROUND THEE SUCH A DAWN/ OF LIGHT NEER SEEN BEFORE/ AS FANCY NEVER COULD HAVE DRAWN/ AND NEVER CAN RESTORE/-/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 50: died at Villa Capponi, Rev Knapp; Baptism children: GL23773 N° 16 Arthur Lennox b 24/12/33 bp 31/03/34 Rev Hutton, G23773 N° 52; Richard Henry b 11/03/36 bp 28/05/36 Rev Hutchinson, father Henry Edward capt RN mother Caroline/ Maquay Diaries: 6 Sep 1836; 21 September/ Obituary, Morning Post/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Napier/ Carolina/ / Inghilterra/ Firenze/ 5 Settembre/ 1836/ / 141/  See Bennett, for mother's tomb beside hers, also the Kellett tombs of three descendants from Captain Robert John Napier Kellett (1797-1853), Sector B/ N&Q 443. Caroline, w. of Capt. Henry Edward Napier, R.N., b. 9 Aug., 1806 ; ob. 5 Sep., 1836/DNB/NDNB entries for Henry Edward Napier/°=Charles Napier, Priscilla Napier. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
We have Henry Edward Napier, Florentine History (Moxon, 1846-1847), 6 volumes, in the Mediatheca Fioretta Mazzei, also a book about a manuscript on Fiesolan heraldry formerly owned by him, Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU

Quando raggiungiamo il nuovo sentiero grande intorno al Cimitero, giriamo a destra verso la casa, passando davanti allo studio di Michele Gordigiani, che dipinse ritratti di Cavour e dei Browning:


F9U/ F24/ 1083/ EMILY D'ARCY IRVINE/ IRELANDA/ EMILY/ FIGLIA DI GEORGES MARKUS D'ARCY  ESQ. E DI ELIZABETH JUDGE D'ARCY DI CASTLE IRVINE, CONTEA DI FERMANAGH E GRANGEBEY, CONTEA DI WESTMEATH, IRLANDA. MORI' A FIRENZE IL 28 FEBBRAIO 1879. SIA FATTA LA TUA VOLONTA'.

Con la famiglia D'Arcy, la cui madre della quale è  C44/ ELIZABETH (JUDGE) D'ARCY IRVINE siamo nel mondo di Jane Austen, grandi ricchezze terriere irlandesi (anche se la Austen non lo specifica apertamente). Un loro discendente è venuto in visita e ci ha mostrato l'anello con sigillo a stemma della famiglia. Ha dato ordine che le due tombe fossero restaurate e pulite. Imparentata con i Whyte, i Bossi Pucci e i Reader.

   

Portrait of Letitia D'Arcy-Irvine painted by Emily D'Arcy-Irvine, owned by descendant Miles D'Arcy-Irvine  
          

Lastra
. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1879. Ambito toscano. Lastra di marmo, inciso. Pulito, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2011. [M: A: 2; L: 60; P: 126.5; P.s. A: 20; L: 68; P: 138.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: EMILY/ DAUGHTER OF/ GORGES MARKUS D'ARCY IRVINE ESQUIRE/ AND OF ELIZABETH JUDGE D'ARCY/ OF CASTLE IRVINE CO FERMANAGH/ AND GRANGEBEY CO WESTMEATH IRELAND/ DIED AT FLORENCE/ THE 28TH OF FEBRUARY 1879/ THY WILL BE DONE/ MATT VI CHAP X VERSE/ 1083/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Emilia Irwine, l'Angleterre, fille de George Irwine/ Records, Guldhall Library, Rev Tottenham, Casa Guicciardini, via Santo Spirito/ Pall Mall Gazette, Morning Post, Western Mail, Times, 'whilst on a visit to her sister, the Marchesa Incontri'/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Irvine/ Emilia/ Giorgio/ Inghilterra/ Firenze/ 1 Marzo/ 1870/ Anni 50/ 1083/ N&Q 459. Emily, d. of George(sic) Marcus D'Arcy Irvine, Esq of Castle Irvine, Fermanagh, and Grangebey, Westmeath, ob. 28 Feb., 1870/ See D'Arcy, Sector C, for her mother. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.     


F9U/ F25/ 1088/
CONSTANT JACCOTTET/ FRANCIA/ ICI/ REPOSE/ CONSTANT JACCOTTET/ NE A MARSEILLES/ LE 4 JANVIER 1813/ DECEDE A FLORENCE/ LE 28 MARS 1870/ LES REGRETS ET LES LARMES/ DE SA FAMILLE/ SONT LES SEULS ET FAIBLES INTERPRETES/ DE SON ECLATANTE BONTE/ DE SON RARE MERITE/ ET DE L'ARDENTE AFFECTION/ QUI LUI ETAIT VOUEE/ PRIEZ POUR LUI

Questo Signore francese era un tipografo che fece degli affari con la Principessa Belgioioso del Risorgimento (http://www.florin.ms/laurel.html#trivulzio). Fa parte del Portrait of a Lady, di Henry James. La tomba è elegante con un'urna drappeggiata con un sudario ma, purtroppo, il ritratto a medaglione è stato rubato.

Monumento poggiante su basamento a pianta quadrata con angoli smussati composto da zoccolo con superfici a bugnato, piedistallo con fiore scolpito sul bordo a destra, sormontato da pilastro rastremato contenente sul fronte iscrizione e lacuna ovale, coronato da ampio panneggio a rilievo che copre parte del lato destro e del tergo del monumento, e da vaso dal quale fuoriesce tralcio floreale: www.europeana.eu/ Urna su colonna. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1870. Ambito toscano. Urna ghirlandata con panni sopra una colonna, scolpito di marmo, ora sporco, cha manca la medaglione, basamento di pietra serena molta erosa. [M: A: 196; L: 83; P: 83; P.s. A: 35; L: 81; P: 87.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ICI/ REPOSE/ CONSTANT JACCOTTET/ NE A MARSEILLES/ LE 4 JANVIER 1813/ DECEDE A FLORENCE/ LE 28 MARS 1870/ LES REGRETS ET LES LARMES/ DE SA FAMILLE/ SONT LES SEULS ET FAIBLES INTERPRETES/ DE SON ECLATANTE BONTE/ DE SON RARE MERITE/ ET DE L'ARDENTE AFFECTION/ QUI LUI ETAIT VOUEE/ PRIEZ POUR LUI/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Constant Jaccottet, France, typographe, fils de Constant/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Jacottet/ Costanzo/ Costanzo/ Francia/ Firenze/ 28 Marzo/ 1870/ Anni 58/ 1088. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F8U/ F26/ 1110/
BARONESSA OL'GA IVANOVNA NORDENSTAMM/ FINLANDIA/ OLGA NORDENSTAM// 1110/

Suo padre il Generale Jean Maurice Nordenstamm, era il Ministro delle Finanze in Finlandia ed è elencato nel Almanach di Gotha. E' la sorella di Sofia Nordenstamm che sposò il fratello del Conte August Mannerheim, il Conte Carl Robert Mannerheim e, quindi, divenne la matrigna del famoso Maresciallo e Presidente della Finlandia, il Barone Gustav Mannerheim (Wikipedia). Muore all'età di 24 anni, nubile ed è sepolta sotto una croce semplice con soltanto il suo nome e senza titolo. Vedi anche B15/ AUGUSTE DE MANNERHEIM.

                         

OLGA NORDENSTAM// 1110/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Olga Nordenstam, Russie, fille de Général Jean Maurice Nordenstam/ Talalay: Nordenstamm Ol'ga Ivanovna, baronessa, Finlandia 1844 - 17.11.1870/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Nordenstone/ Olga/ Giovanni Maurizio/ Russia/ Firenze/ 17 Novembre/ 1870/ Anni 24/ 1110/ Almanach de Gotha. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
K. Bjorkland, 'Marskens slatinger vilar i Florens', in Sommarsondag, 15.7.2001, TAU.


F8T/ F27/ (130) 1104/
PHILIPPINA (SIMONS) CIAMPI/
INGHILTERRA/ FILIPPINA SIMONS INGLESE/ CON MOLTO INGEGNO E ISTRUZIONE/ EBBE OTTIMO CUORE/ MERITO' LA STIMA E L'AFFETTO/ DI QUANTI LA CONOBBERO/ CESSO' DI VIVERE IL 15 AGOSTO 1870/ DOPO LUNGA E TERRIBILE MALATTIA/ IL CAV: D. ORESTE CIAMPI/ ALLA DILETTA MOGLIE/ Q.M.P.

Suo marito il Cav. Don Oreste Ciampi, un avvocato che sembra non abbia imparato l’inglese e un noto pittore. Fece scolpire il ritratto da Joel Hart? Lei morì di un tumore? Egli comprò una parte della Villa Puccini a Pistoia ed è probabile che lei visse lì. 'Villa Puccini - La villa, nota con il nome di villone, fu fatta costruire da Tommaso Puccini nella prima meta' del secolo XVIII, con i guadagni che ricavo' dalla sua professione di medico, e fu modificata nel corso del tempo fino ad assumere l'attuale aspetto neoclassico. Nell'Ottocento, Niccolo' Puccini, uno dei promotori della Societa' dei Parentali ai Grandi Italiani, mise a disposizione di Filippo Pacini un microscopio con il quale il grande scienziato pistoiese condusse, proprio nella villa, le prime ricerche anatomiche e istologiche. L'ampio giardino, realizzato tra il 1821 e il 1844 per volere di Niccolo' Puccini, fu arredato con vari edifici, alcuni dei quali dedicati alla scienza: un Pantheon agli Uomini Illustri, un "Tempio di Pitagora", un monumento alla scienza, uno all'industria, un emiciclo dedicato a Galileo Galilei e una colonna sovrastata dalla statua di Carlo Linneo, alla cui memoria fu dedicato il parco. Per la sistemazione della struttura idraulica dei due laghi e dei ruscelli incarico' l'architetto pistoiese Giovanni Gambini, che in quel periodo lavorava anche a villa Celle. Emanuele Repetti definiva il giardino come un luogo «incantato che difficilmente si potrebbe descrivere come merita». Attualmente esso non si presenta piu' nelle sue forme originarie ed alcuni suoi monumenti sono scomparsi. Sostanzialmente invariato e' rimasto, invece, il Castello Gotico (o Fortezza), uno degli edifici monumentali che arricchiva il giardino e che divento', dal 1836 dimora abituale di Niccolo' Puccini. Come testimoniano accurate descrizioni ottocentesche redatte in occasione della vendita all'asta delle proprieta', la torretta centrale possedeva, oltre ad un parafulmine alla sommita' del tetto, curiosi marchingegni che secondo un'aneddotica assai diffusa avrebbero permesso a Niccolo' Puccini di non allontanarsi dalla sua camera da letto per ricevere gli ospiti: «Nella parete interna di questa camera trovansi diverse maniglie d'ottone che servano con adattato meccanismo ad aprire e chiudere la finestra, aprire e chiudere il cancello di cinta esterno ed ad altri usi oggi fuori servizio». Una divisione della proprieta' fu originata prima dalla costruzione della strada per Porretta, la nuova via Leopolda (1847), e poi dalla costruzione della strada ferrata Porrettana (1864). L'area che comprende la Fortezza, il tempio gotico, il pantheon e alcuni monumenti, quali quello a Galileo, furono acquistati nel 1867 dall'avvocato fiorentino Oreste Ciampi'.  This is one among several tombs with a portrait medallion: A64/ GEORGE AUGUSTUS WALLIS by Aristodemos Costoli, A15/ ANNE SUSANNA (LLOYD) HORNER by Francesco Jerace; AB7/ INA BOSS SAULTER, by Ettore Ximenes; B4/ ELENA NIKITICNA DIK, NATA AKZYNOVA by Fyodor Fyodorovitsch Kamensky; C3/ THOMAS SOUTHWOOD SMITH by Joel T. Hart; D108/ THEODORE PARKER by William Wetmore Story; D127/ JAMES ROBERTS, by Joel T. Hart?; E12/ JAMES LORIMER GRAHAM, JR by Launt Thompson; E9/ WALTER KENNEDY LAWRIE by Pietro Bazzanti, F27/ PHILIPPINA (SIMONS) CIAMPI, Joel T. Hart(?).
 



Cippo con medaglione. Scultore: Joel Tanner Hart. Sec. XIX, post 8/1870. Ambito toscano. Cippo scolpito con il ritratto della defunta e inciso, con pezzi rotti e fuori del basamanto di pietra serena molto erosa. [M: A: 49.5; L: 56; P: 8.5.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: FILIPPINA SIMONS INGLESE/ CON MOLTO INGEGNO E ISTRUZIONE/ EBBE OTTIMO CUORE/ MERITO' LA STIMA E L'AFFETTO/ DI QUANTI LA CONOBBERO/ CESSO' DI VIVERE IL 15 AGOSTO 1870/ DOPO LUNGA E TERRIBILE MALATTIA/ IL CAV: D. ORESTE CIAMPI/ ALLA DILETTA MOGLIE/ Q[esto].M[armo].P[ose]Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Philippine Simons, l'Angleterre, fils de John Simons et de Sara, née Stambler/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Ciampi nata Simons/ Filippina/ Giovanni/ Inghilterra/ Pistoia/ 13 Agosto/ 1870/ Anni 60/ 1104. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F8U/ F28/ 1385
/ JOEL TANNER HART/ AMERICA/ F8U(131)

Questa tomba stava al di fuori del Cimitero consacrato e l’iscrizione è completamente secolare. (L’amministrazione svizzera del Cimitero ha recentemente ingrandito l’area e ora la tomba è nella parte consacrata). Questo scultore americano del Kentucky, Joel Tanner Hart era famoso per la sua “Donna trionfante” alla quale lavorò per anni prendendo gli aspetti di 150 donne fiorentine combinati in una forma perfetta. Rifiutato a una proposta di matrimonio mostra la donna scolpita che rifiuta e che rompe la freccia offerta da Cupido. Il suo studio era fra il Villino Trollope e lo studio di Greenough nella zona di Piazza Indipendenza (ricordiamo che Frances Trollope (B11) aiutò Hiram Powers (B15a esordire come scultore a Cincinnatti, Ohio con le cere della “Commedia” di Dante. Le donne dell’erba blu del Kentucky trovarono i finanziamenti per riportare in patria la salma e fecero una grande celebrazione completamente secolare il 18.6.1887, avendo già messo la statua “Donna Trionfante” al centro del cortile del Lexington Building in Kentucky nel 1884, dove fu distrutto dal fuoco e dal fatto che la torre del campanile le cadde addosso, soltanto una mano della statua si salvò. Scolpì il ritratto a cameo C3/ THOMAS SOUTHWOOD SMITH (ordinato da Charles Dickens) e eresse la prima e provvisoria pietra tombale sulla tomba di  D108/ THEODORE PARKER quest’ultima fu cambiata con il medaglione scolpito da William Westmore Story con i fondi trovati da Frederick Douglass e altri. Le Belle Arti pensano che abbia scolpito anche i medaglioni D127/ JAMES ROBERTS nel Settore D e  F27/ PHILIPPINA (SIMONS) CIAMPI,in questo Settore. 


  a      
Southwood Smith, sculpted, Joel Tanner Hart.               Joel Tanner Hart, Portrait              Joel Hart's provisional grave
                                                                                                                                              for Theodore Parker, replaced by that by William Wetmore Story


Sarcofago. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1877. Ambito toscano. Sarcofago e ora cenatof in marmo bianco inciso, ora molto sporco. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A:  60; L: 179; P: 89.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: JOEL T. HART,/ SCULPTOR,/ A NATIVE OF KENTUCKY,/ U.S.A.,/ BORN FEBRUARY 11, 1810,/ DIED MARCH 2nd, 1877// THE WILLOW THAT IS FIRST TO BLOOM/ AND LIKE FIRST LOVE THE TENDEREST TOO/ IS SWEETEST SADDEST TO THE VIEW/ THE LAST DO WAVE A LONG ADIEU/ AND WEEP AROUND HER TOMB/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hart/ Giovanni T./ Josia/ America/ Firenze/ 2 Marzo/ 1877/ Anni 67/ 1385/ Spedito in America/ N&Q 458. Joel T. Hart, sculptor, of Kentucky, b. 11 Feb., 1810 ; ob. 2 Mar., 1877/ °=Mary and Donald Williamson, Kentucky, U.S.A. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
Web essays: http://www.florin.ms/CBVc.html by David B. Dearinger, Ted Gantz, Kathleen Lawrence, Robert P. Murray, Donald Williamson. See  Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU.

Ora passiamo davanti alle nuove tombe con ceneri, non salme, fino a F29.


F3U/ F29/ (47) 1401/
MAURICE CADISCH/ SVIZZERA/ SOTTO QUESTA LAPIDE/ GIACE MAURIZIO CADISCH/ MORTO IL 10 LUGLIO 1877/ NELL'ANCOR GIOVANE/ ETA D 47 ANNI/ PREGATE PER L'ANIMA SUA

Una pietra semplice, una delle ultime sepolture nel Cimitero.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1877. Ambito toscano. Lastra di marmo sporco. [M: A:  2.5; L: 61; P: 126; P.s. A: 10.5; L: 71; P: 137.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SOTTO QUESTA LAPIDE/ GIACE MAURIZIO CADISCH/ MORTO IL 10 LUGLIO 1877/ NELL'ANCOR GIOVANE/ ETA D 47 ANNI/ PREGATE PER L'ANIMA SUA/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Cadisch/ Maurizio/ Cristiano/ Svizzera/ Firenze/ 10 Luglio/ 1877/ Anni 47/ 1401/  Indagine Cognoscitiva, Preparatoria al Restauro delle opere site nel Cimitero Protestante di Firenze detto 'degli Inglesi', Gianguido Fumelli, Adriano Giachi, Stefano Landi, Antonella Malavolti, Sabrina Milani, 1991, 47. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3U/ F30/ 1400/
FLORENCE (FLETCHER WALKER) WHYTE/
INGHILTERRA/ IN MEMORIA DI FLORENCE FLETCHER  WALKER, VEDOVA DEL DEFUNTO CAP. EDWARD MARCUS WHYTE DEI 71° HIGHLANDERS E DI MAPPLETON, YORKSHIRE. LASCIO’ QUESTA VITA A FIRENZE IL 26° GIORNO DI GIUGNO 1877. AMATA MIA, NON PENSARE CHE SIA STRANO RIGUARDO ALLA PROVA DEL FUOCO CHE DEVI AFFRONTARE. COME SE UNA COSA STRANA TI SIA CAPITATA/ . E SE IO VADO A PREPARARE UN POSTO PER TE TORNERO’ E TI RICEVERO’ IN ME. DOVE SONO IO SARAI ANCHE TE/ GIOISCI IN QUANTO PARTECIPI ALLE SOFFERENZE DI GESU’ E QUANDO LA SUA GLORIA SARA’ RIVELATA ANCHE TU SARAI CONTENTO, CON UNA GIOIA IMMENSA.

Una delle ultime sepolture nel Cimitero. Nel 1837 a Firenze aveva sposata un Capitano dei 71° Highlanders a Mappleton, Yorkshire. Potrebbe essere nata a Firenze, il padre è  C96/ CAPTAIN CHARLES MONTAGUE (HUDLESTON) WALKER, la madre C97/ ANNA MARIA (RIDDELL) WALKER, ambedue nel Settore C. Il testamento del marito di Florence, redatto da Edward Marcus Whyte di Hotham House, Yorkshire fu approvato nel 1859. Il loro figlio C69/ EDWARD MARCUS WHYTE morì a 18 anni nel 1851 ed è sepolto insieme alla nonna paterna C69/ MARY WHYTE MOYSER nel Settore C. Una nipote F13/ FLORENCE EVELYN JULIA FLEETWOOD WILSON si trova in questo Settore F. La figlia Geva Diana, che sposa un Conte italiano, abitava nel Yorkshire, la residenza del marito. Un avo del marito della figlia, il Conte Agostino Fantoni di Massa, nel 1802, inventò, per la sorella cieca, la macchina da scrivere, il percussore di Olivetti, la famiglia del marito è interconnessa con i Chichester, i Baldelli, i Walker, i Riddell, i Fleetwood Wilson, i MacDouall e i Moyser. Vedi nel  Settore C.
1105/ LODOVICO FANTONI/ ITALIA/

La sepoltura di un bambino, il padre  nobile, Agostino Savino Fantoni e la madre è Geva Diana Whyte, imparentata con i Chichester, i Baldelli, i Walker, i Riddell, i Fleetwood Wilson, i MacDouall e i Moyser, i D’Arcy Irvine, i Reader e i Bossi Pucci.

Lodovico Fantoni, l'Italie, fille de Comte Auguste Fantoni/ 277.50/ Fantoni/ Lodovico/ Augusto/ Italia/ Firenze/ 17 Agosto/ 1870/ Mesi 23/ 1105/ + /



Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1877. Ambito toscano. Croce in marmo bianco scolpito con fiore, in paricolare gigli,  basamento in marmo con lettere in piombo.  Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 195; L: 87.5; P: 66; RP.s.: L: 109 P: 205.5.] Iscrizione sepolcrale inglese in lettere capitali e numeri arabi in piombo: IN MEMORY OF/ OUR BELOVED MOTHER FLORENCE/ FLETCHER WALKER WIDOW OF THE LATE/ CAPTAIN EDWARD MARCUS WHYTE 71ST/ HIGH[land]DERS/ AND OF MAPPLETON/ YORKHSIRE [sic] WHO DEPARTED/ THIS LIFE IN FLORENCE ON THE/ 26TH DAY OF JUNE 1877// BELOVED THINK IT NOT STRANGE/ CONCERNING THE FIERY TRIAL WHICH/ IS TO TRY YOU, AS THOUGH SOME STRANGE/ THING HAPPENED UNTO YOU: I PETER IV.12// AND IF I GO AND PREPARE/ A PLACE FOR YOU, I WILL/ COME AGAIN, AND RECEIVE YOU/ UNTO MYSELF, THAT WHERE I/ AM THERE YE MAY BE ALSO. JOHN XIV. 3.// BUT REJOICE, INASMUCH/ AS YE ARE PARTAKERS OF/ CHRIST'S SUFFERINGS; THAT,/ WHEN HIS GLORY SHALL BE/ REVEALED, YE MAY BE GLAD ALSO/ WITH EXCEEDING JOY. I PETER IV.13/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 515 Burial 28/06 Rev M A Camille; Marriage GL23773/4 N° 29 29/06/37 Edward Marcus Whyte to Florence Fletcher Walker at HBM (Abercrombie) groom of Florence, bride of Florence Rev Knapp; Baptisms children Geva Diana 03/07/38 Rev Young, Mary Florence 17/07/44 Rev Jenkinson; marriage of child GL23781 N° 78/9+33/115 06/06/67 Agostino Savino Fantoni to Geva Diana Whyte at BE groom Count of Florence, bride Yorkshire, Rev Tottenham/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Walker Vedova Whyte/ Fiorenze/ Carlo/ Inghilterra/ Firenze/ 26 Giugno/ 1877/ Anni 59/ 1400/ See Moyser, Walker, Whyte, Sector C/ N&Q 453. Florence Fletcher Walker, wid. of Capt. Edward Marcus Whyte, 71st Highlanders, and of Mappleton, Yorks, ob. 26 June, 1877/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F3T/ F31/ (20) 1399/
FRANCES JANE WHYTE MOYSER/
INGHILTERRA/ FRANCES JANE WHYTE MOYSER/INGHILTERRA/SACRO ALLA MEMORIA DI FRANCES  JANE WHYTE, FIGLIA MINORE DI ROBERT E MARY WHYTE MOYSER DI HOTHAM HOUSE, YORK. LASCIO’ QUESTA VITA IL 19 AGOSTO 1875. “DOBBIAMO, ATTRAVERSO LE TRIBOLAZIONI, ENTRARE NEL REGNO DI DIO. I GIORNI DI LUTTO FINIRANNO.”

Non conosciamo la sua età ma è la figlia minore di C69/ MARY WHYTE MOYSER, sepolto nel  Settore C. Sappiamo dai discendenti che sia Robert che Edward hanno finito i loro giorni in un ospedale psichiatrico, forse per questo la famiglia, proprietaria di diverse tenute, preferiva vivere lontano a Firenze. Le frasi prese dalle Scritture presenti sulle due tombe sembrano alludere a questa tragedia. Il Webbs riporta che la sua famiglia è interconnessa con i  Chichester, i Baldelli, i Walker, i Riddell, i Fleetwood Wilson, i MacDouall e i Moyser.
C69/ MARY WHYTE MOYSER/ INGHILTERRA/

Vedi Frances Jane Moyser Whyte, sepolta nel Settore F e, sotto, Edward Marcus Whyte, il nipote di 18 anni che lei conobbe per soltanto sei mesi, e che  poi venne a condividere la tomba con lei.

Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti, Firma: P.BAZZANTI.F.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1833. Ambito toscano. Sarcofago in marmo scolpito con globo alato condiviso con Edward Whyte. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 110; L: 133.5; P: 68.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF /MARY MOYSER/ WHO DIED ON THE 4 SEPTEMBER 1833/ IN THE 55TH YEAR OF HER AGE/ WIFE OF ROBERT MOYSER ESQRE/ OF THE COUNTY OF YORK/ N. 82/ See N°83 1828-1844/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 9: Burial 7-9, Age about 50, Rev Hutton/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Moyser/ Maria/ / Inghilterra/ Firenze/ 4 Settembre/ 1833/ Anni 52/ 82/  Belle Arti 1993-1997 scheda. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

C69/ EDWARD MARCUS WHYTE/ INGHILTERRA 

National Archives: Testamento e codicillo di Edward Robert Marcus Whyte di Hotham House, York. Discussione dei discendenti a Ancestry.com.

Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti, Signature: P.BAZZANTI.F. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1851. Ambito toscano. Sarcofago in marmo bianco inciso e scolpito, condiviso con Mary Whyte Moyser. Possibile intervento di pulitura. [M: A: 110; L: 133.5; P: 68.] Iscrizione sepolcrale in lingua inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: BENEATH ARE LAID BESIDE HIS PATERNAL GRANDMOTHER/ THE REMAINS/ OF/ EDWARD MARCUS WHITE ESQ/ BORN 24TH OF MARCH 1833 DIED 29TH OCTOBER 1851/ THE LORD GAVE AND THE LORD HATH TAKEN AWAY/ BLESSED BE THE NAME OF THE LORD [Job 1.21]/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 161 Burial 31/10, Rev Swan/ Registro alfabetico delle persone tumulate nel Cimitero di Pinti: Whyte/ Edoardo/ / Inghilterra/ Firenze/ 29 Ottobre/ 1851/ Anni 18/ 465. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

CHARLOTTE M. WHYTE/ INGHILTERRA/ 

Sua sorella aveva una tomba costosissima, ora purtroppo persa.
Charlotte Whyte, l'Angleterre, fille de Edouard Whyte et de Alice Marie Whyte/
II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Paoli 905 + monument Paoli 40/ GL23777/1 N° 284 Burial 07/11 Rev O'Neill, d of Edward M.Whyte and Alice Maria of Hotham Hall Yorks/ Whyte/ Carlotta M./ Edoardo/ Inghilterra/ Firenze/ 5 Novembre/ 1860/ Anni 25/ 710. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1875. Ambito toscano. Cippo scolpito. Recinto ha perso le colonne. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 138; L: 69.5; P: 21.5; P.s. A: 33; L: 75; P: 27.5; R: A: L: 108; P: 205.] Iscrizione sepolcrale inglese in lettere capitali e numeri arabi in piombo: SACRED TO THE MEMORY OF/ FRANCES JANE WHYTE/ YOUNGEST DAUGHTER OF ROBERT/ AND MARY WHYTE MOYSER OF/ HOTHAM HOUSE COUNTY OF YORK/ WHO DEPARTED THIS LIFE THE 19th/ OF AUGUST 1875/ 'WE MUST, THROUGH MUCH TRIBULATION,/ ENTER THE KINGDOM OF GOD'/ ACTS XIV.22/ 'THE DAYS OF THY MOURNING SHALL BE ENDED' ISAIAH LX.20/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 514 Burial 24/05/77 Rev Tottenham/ Obituary, Times/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Whyte/ Fanny/ / / Pistoia/ 19 Aprile/ 1875/ / 1399/ See Moyser, Walker, Sector C/ N&Q 452. Frances Jane Whyte, youngest d. of Robert and Mary Whyte Moyser, of Hotham House, co. York, ob. 19 Aug., 1875. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

2T/ F32/ 1381/ MARIA ALLEN WILLIAMS/
INGHILTERRA/ MARIA ALLEN WILLIAMS/ NATA A BATH L'ANNO MDC . . . / MORTA A FIRENZE/ IL XV DI FEBBRAIO MD . . . // VISSE A LUNGO IN . . . / AMATA DA QUANTI LA CONOBBERO/ PER LE GRAZIE DELLO . . ./ E LA INGENUA BONTA' DI CUORE/ 1381

Sebbene sia la vedova di un conterraneo, l’iscrizione è in italiano (notato anche da N&Q. Dimostra che sia lei che i figli si sono assimilati nella cultura fiorentina, ha perfino  mantenuto il nome da ragazza, contrario alla Legge di Blackstone. Nacque a Bath.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1877. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, ora sporca. Da pulire. [M: A: 2; L: 60; P: 128; P.s. A: 17; L: 70; P: 137.5.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri romani e arabi: MARIA ALLEN WILLIAMS/ NATA A BATH L'ANNO MDC . . . / MORTA A FIRENZE/ IL XV DI FEBBRAIO MD . . . // VISSE A LUNGO IN . . . / AMATA DA QUANTI LA CONOBBERO/ PER LE GRAZIE DELLO . . ./ E LA INGENUA BONTA' DI CUORE/ 1381/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 509 Burial 17/02 Rev Tottenham, viale Principessa, 52; Marriage GL23773/4 N° 41 11/09/39 William Williams to Maria Allen at HBM (Fox) Rev Tennant (F49)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Williams nata Allen/ Vedova Maria/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 16 Febbraio/ 1877/ Anni 66/ 1381/ N&Q 451. Maria Allen Williams, b. at Bath, 1810; ob. 18 Feb., 1877 (In Italian). Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F33 §1371/ OTTILIO LEMMI/ ITALIA/ [PROPRIETA' LEMMI]

La famiglia Lemmi acquistò un grande lotto all’angolo del Cimitero  e nel 1877, dopo che avevano sepolto soltanto un membro della famiglia, il Cimitero fu chiuso, così hanno riesumato la salma per seppelirla   di nuovo al Cimitero degli Allori, dove costruirono una cappella, ora venduta. Il lotto mostra un cartello dicendo “
PROPRIETA’ LEMMI” e ha una bella inferriata tutto attorno.

 
Lemmi/ Ottilio/ Adriano/ Italia/ Firenze/ 20 Novembre/ 1876/ Anni 24/ 1371/ Trasportato agli Allori.
Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.





F1S/ F34/ 1249/
CONTESSA GIULIA GUICCIARDINI MORROCHI/ ITALIA/ ALLA CARA MEMORIA/ DELLA CONTESSA GIULIA GUICCIARDINI/ VEDOVA MORROCCHI / - /NACQUE/ DAL CONTE FRANCESCO GIUCCIARDINI/ E DALLA MARCHESA ELISABETTA PUCCI/ IL 4 LUGLIO 1806/ E RESE LO SPIRITO/ NELLA PACE DEL SIGNORE/ IL 27 FEBRAIO 1874/ - / "ELLA NON E' MORTA MA DORME"// RIPOSA IN PACE/ ANIMA ELETTA/ TU VEDESTI LA LUCE DI DIO/ TU TROVASTI GRAZIA/ IN GESU' REDENTORE/ - /TOSTO RISORGERAI/ E INSIEME COI RISCATTATI/ CHE LASCIASTI IN TERRA/ IN CORPO GLORIOSO/ ANDRAI AL SIGNORE// ELLA SENTIVA LA POTENZA DELLA FEDE/ IN CRISTO/ E SPESSO RIPETEVA/ "UMILIATEVI/ GETTANDO SOPRA LUI/ TUTTA LA VOSTRA SOLLECITUDINE/ PERCIOCCHE EGLI HA CURA DI VOI"/ - /S'ADDORMENTO NEL SIGNORE/ UDENDO QUELLE PAROLE DI VITA ETERNA/ "IL SIGNORE E IL MIO PASTORE/ NULLA MI MANCHERA"/ "NELLA CASA DEL PADRE MIO/ VI SONO MOLTE STANZE"

Come F129/ ROSA PULINI MADIAI,  è un’italiana divenuta protestante con la differenza che era della nobiltà fiorentina, dei Guicciardini e i Pucci, vedova dei Morrochi che posseggono un palazzo in via Cavour. Nel 1851 suo fratello Piero Guicciardini fu arrestato e dovette vivere in esilio, a causa del suo credo, dove fondò Il ramo italiano del Plymoth Brethren. Ritornò in Italia nel 1860: Lasciò una folta biblioteca alla Biblioteca Nazionale. Erano intimi con la famiglia protestante dei Walker (C96/ CAPTAIN CHARLES MONTAGUE (HUDLESTON) WALKER, C97/ ANNA MARIA (RIDDELL) WALKER,  ambedue nel Settore C, F14/ BIANCA [WALKER] BALDELLI, Settore F ecc. Abbiamo piantato la rosa “Julia” accanto alla tomba, non accanto alla tomba con la scultura di Julia Savage Landor, e quello stesso giorno, per puro caso, il Conte Guicciardini venne a visitare la tomba.



Cubo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1874. Ambito toscano. Cubo di travertina con panelli incisi in marmo bianco su quatro lati. [M: A: 117; L: 108; P:  108; P.s. A: 15; L: 110; P: 110.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: ALLA CARA MEMORIA/ DELLA CONTESSA GIULIA GUICCIARDINI/ VEDOVA MORROCCHI / - /NACQUE/ DAL CONTE FRANCESCO GIUCCIARDINI/ E DALLA MARCHESA ELISABETTA PUCCI/ IL 4 LUGLIO 1806/ E RESE LO SPIRITO/ NELLA PACE DEL SIGNORE/ IL 27 FEBRAIO 1874/ - / "ELLA NON E' MORTA MA DORME" (Luca 8.52)// RIPOSA IN PACE/ ANIMA ELETTA/ TU VEDESTI LA LUCE DI DIO/ TU TROVASTI GRAZIA/ IN GESU' REDENTORE/ - /TOSTO RISORGERAI/ E INSIEME COI RISCATTATI/ CHE LASCIASTI IN TERRA/ IN CORPO GLORIOSO/ ANDRAI AL SIGNORE (1Corinzi 15:50-53; 1Tessalonicesi 4:15-17)// ELLA SENTIVA LA POTENZA DELLA FEDE/ IN CRISTO/ E SPESSO RIPETEVA/ "UMILIATEVI/ GETTANDO SOPRA LUI/ TUTTA LA VOSTRA SOLLECITUDINE/ PERCIOCCHE EGLI HA CURA DI VOI" (I Pietro 5.6-7)/ - /S'ADDORMENTO NEL SIGNORE/ UDENDO QUELLE PAROLE DI VITA ETERNA/ "IL SIGNORE E IL MIO PASTORE/ NULLA MI MANCHERA"(Salmo 23)/ "NELLA CASA DEL PADRE MIO/ VI SONO MOLTE STANZE"(Giovanni 14.2)// [Stemma dei Guicciardini]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Comtesse Julie Guicciardini, Vve Marrocchi, l'Italie, fille de François Guicciardini/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Guicciardini Vedova Morrocchi/ Contessa Giulia/ Francesco/ Italia/ Firenze/ 27 Febbraio/ 1874/ Anni 68/ 1249/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2Q/ F35/
178/ REV. HUGH JAMES ROSE/
INGHILTERRA/ +/PX/ H.S.E./ HVGO IACOBVS ROSE. S.T.E./ ANGLVS/ REVERENDISSIMO JESV CRISTO PATRI GVLIELMO ARCHIEPOSCOPO CANT[AB]RIENSIA SACRIS DOMESTICIS/ COLLEGHI REGALIS APUD LONDINENSES PRAEFECTUS/ QUI/ [ ]ACADEMIA CANTABRIGIENSI/ [ ]EGREGIA POSSET INDOLES/ [ ]ISSIMIS STVDIIS INFORMATA/ HAUD OBSCVRE SIGNIFICAVERAT/ ID. DEINCEPS/ [ ]EX VMBRA IN SOLEM PROCESSERAT/ CLARISSIMIS PATEFECIT INDICIIS [ ] SE DEDIT ECCLESIAE/ IN CONCIONIBVS [PER MV]LTAS EASQVE GRAVISSIMAS/ CORAM ACADEMICIS SVIS HABVIT/ [ ] FORMAE STATVRAE DIGNITATE/ [ ] VOCIS DVLCEDINE/ [ ] FLEXANIMA ELOQVENTIA [ ]RES MENTES OMNIVM/ TENEBAT IN SESE DEFIXAS/ INSCRIPTIS/ [ ] CHRISTIANAE DEFENSOR/ [ ] REDARGVIT SAPIENTIAM/ IN[ ]ENTE ECCLESIAE ET REIPVBLICAE PERICVLO/ [ ] TRA DESPERAVIT ET [ ] SPERARENT/ INTER PRIMVS EFFECIT/ FELICISSIME IN SACRIS LITTERIS VERSATVS/ GRAECARVM LATINARVMQVE SCIENTISSIMVS/ ANIMI CANDORE EXIMIO/ SINGVLARI MORVM SVAVITATE/ OMNIVM OMNIS AETATIS ET ORDINIS/ MIRIFICE SIBI CONCILANS BENEVOLENTIAM/ PER BREVIS SED ACTVOSAE VITAE CVRRICVLUM / ET IN VALETVDINE SEMPER INFIRMA/ CONSERVIENS ALIIS PRODIGVS SVI/ DOMI MAXIMIS LABORIBVS/ NON TAM FATISCENS OVAM FRACTVS/ HOSPES F[ ] IN HAC VRBE FLORENTIA PLACIDE CONQVIEVIT/ - / [ ]CCCXXXIX A. AET XLII/ [ ] ANIMA GENEROSA DVLCIS ET PIA// F.POZZI.F//

Nel registro del Cimitero si chiama “Ugo Giacomo Rose”. E' sepolto in un magnifico sarcofago, “scipio” di marmo che rispecchia la tomba di Robert Anderson, in pietra serena, nel Settore A (A21 50). Studiò a Cambridge e il Pastore Luigi Santini scrisse di lui: Hugh James Rose era noto come un abile teologo anglicano, infatti era l'iniziatore del Oxford Movement e, a Londra i suoi sermoni richiamavano grandi folle. Un enfant prodige, svolse la maggior parte del suo ministero nel Sussex, dove nacque. Per diversi anni era il Presidente del King's College. Affetto da asma, morì a 45 anni quando aveva già raggiunto la maturità intellettuale.

 at 45'. The Webbs, visiting Hadleigh, transcribed the following concerning him: '1830 saw the beginning of the short but memorable ministry here of Hugh James Rose, who at the age of 35 was a Prebendary of Chichester Cathedral and had been chaplain to the Bishop of London and Vicar of Horsham. In 1832 he began the British Magazine which propagated High Church teaching and in July 1833, in the Deanery Tower, he hosted the Hadleigh Conference which could be said to have spearheaded the Tractarian Movement and the Catholic Revival in the Church of England. He left Hadleigh in September 1833 when he was appointed Professor of Divinity at the University of Durham and also vicar of Fairstead (Essex) and of St Thomas Southwark. He resigned Fairstead in 1835 to become Principal of Kings College London, but died two years later at the age of 45. He suffered badly from asthma and had exchanged Horsham for Hadleigh for the sake of his health.' The plaque in the church reads: HUGH JAMES ROSE, B.D./CHRISTIAN ADVOCATE IN THE UNIVERSITY/ OF CAMBRIDGE, PROFESSOR OF DIVINITY/ IN THE UNIVERSITY OF DURHAM AND/ AFTERWARDS PRINCIPAL OF KING'S COLLEGE/ LONDON WAS RECTOR OF THIS PARISH &/ DEAN OF BOCKING 1830-1833, BY HIS PIETY/ LEARNING & ELOQUENCE HE INSPIRED THE/ ACTIVE REVIVAL OF HER HISTORICAL FAITH/& DOCTRINE IN THE CHURCH OF ENGLAND/ THE TRACTS FOR THE TIMES WERE THE/ RESULT OF A CONFERENCE WHICH IN JULY/ 1833 MET AT HIS INVITATION IN THE DEAN/ ERY HOUSE . THIS TABLET WAS PLACED/ HERE IN 1920 TO KEEP ALIVE THE MEMORY/ OF ONE OF WHOM IT WAS SAID THAT WHEN/ HEARTS WERE FAILING HE BADE US STIR UP/ THE GIFT THAT WAS IN US AND BETAKE/ OURSELVES TO OUR TRUE MOTHER

      
Hadleigh plaque to Rev Hugh James Rose

Tomba scipionis. Sculptor: Francesco Pozzi, Signature: F.POZZI.F Sec. XIX, post 12/1838. Tomba scripionis in marmo bianco, lastra incisa, danneggiata. [M: A: 110; L: 224: P: 120; P.s. A: 21; L: 224; P: 120.]  [Scipio tomb] Iscrizione sepolcrale latina incisa in lettere capitali e numeri romani: +/PX/ H.S.E./ HVGO IACOBVS ROSE. S.T.E./ ANGLVS/ REVERENDISSIMO JESV CRISTO PATRI GVLIELMO ARCHIEPOSCOPO CANT[AB]RIENSIA SACRIS DOMESTICIS/ COLLEGHI REGALIS APUD LONDINENSES PRAEFECTUS/ QUI/ [ ]ACADEMIA CANTABRIGIENSI/ [ ]EGREGIA POSSET INDOLES/ [ ]ISSIMIS STVDIIS INFORMATA/ HAUD OBSCVRE SIGNIFICAVERAT/ ID. DEINCEPS/ [ ]EX VMBRA IN SOLEM PROCESSERAT/ CLARISSIMIS PATEFECIT INDICIIS [ ] SE DEDIT ECCLESIAE/ IN CONCIONIBVS [PER MV]LTAS EASQVE GRAVISSIMAS/ CORAM ACADEMICIS SVIS HABVIT/ [ ] FORMAE STATVRAE DIGNITATE/ [ ] VOCIS DVLCEDINE/ [ ] FLEXANIMA ELOQVENTIA [ ]RES MENTES OMNIVM/ TENEBAT IN SESE DEFIXAS/ INSCRIPTIS/ [ ] CHRISTIANAE DEFENSOR/ [ ] REDARGVIT SAPIENTIAM/ IN[ ]ENTE ECCLESIAE ET REIPVBLICAE PERICVLO/ [ ] TRA DESPERAVIT ET [ ] SPERARENT/ INTER PRIMVS EFFECIT/ FELICISSIME IN SACRIS LITTERIS VERSATVS/ GRAECARVM LATINARVMQVE SCIENTISSIMVS/ ANIMI CANDORE EXIMIO/ SINGVLARI MORVM SVAVITATE/ OMNIVM OMNIS AETATIS ET ORDINIS/ MIRIFICE SIBI CONCILANS BENEVOLENTIAM/ PER BREVIS SED ACTVOSAE VITAE CVRRICVLUM / ET IN VALETVDINE SEMPER INFIRMA/ CONSERVIENS ALIIS PRODIGVS SVI/ DOMI MAXIMIS LABORIBVS/ NON TAM FATISCENS OVAM FRACTVS/ HOSPES F[ ] IN HAC VRBE FLORENTIA PLACIDE CONQVIEVIT/ - / [ ]CCCXXXIX A. AET XLII/ [ ] ANIMA GENEROSA DVLCIS ET PIA/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 70 Chaplain to Archbishop of Canterbury, Principal of Kings College London, Age 42, Burial 26-12, Rev  Tennent/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Rose/ Ugo Giacomo/ / Inghilterra/ Firenze/ 22 Dicembre/ 1838/ Anni 43/ 178/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-. 2012.
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' acquisitions for original inscription, TAU, etc.


F2P/ F36/ 216
/ MARY ELIZABETH GUPPY/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI MARY ELIZABETH GUPPY, FIGLIA DI SAMUEL E SARAH GUPPY DI BRISTOL, INGHILTERRA. LE SUE SOFFERENZE TERMINARONO  A FIRENZE IL 14 GIUGNO 1841, ALL'ETA' DI 35 ANNI. ADDIO, SORELLA

La madre Sarah di Birmingham era una grande inventrice, registrò molti brevetti e lavorava con Thomas Telford e Isambard Kingdom Brunel, quest'ultimo adoperò le sue idee per il Ponte Sospeso a Clifton ecc. Sarah Beach sposò, per primo, il mercante di Bristol, Samuel Guppy, articolo su Wikipedia. Le due sorelle Grace e Sarah eressero questo delicato monumento, una colonna con urna. Successivamente la madre si risposò ma perse tutta la sua ricchezza per colpa del secondo marito, uno scialacquatore.




Urna su colonna. Scultore: Pietro Bazzanti, Signature: P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 6/1841. Ambito toscano. Urna con panni e ghirlanda, colonna con globo alato, scolpito in marmo bianco su base di pietra serena e recinto dell stesso. [M: A: 177; L: 46.5; P: 46.5; P.s. A: 22; L: 88; P: 88; RP.s.F: A: 35.5; L: 123; P: 178.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ MARY ELIZABETH GUPPY/ DAUGHTER OF SAMUEL AND SARAH GUPPY/ OF BRISTOL ENGLAND/ - / HER SUFFERINGS TERMINATED IN FLORENCE/ JUNE 14 1841 AETAS 35/ SISTER FAREWELL/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 14: age 35, Burial 15-06, Rev Tennant (F49)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Guppy/ Maria Elisabetta/ / Inghilterra/ Firenze/ 14 Giugno/ 1841/ / 216/ N&Q 345. Mary Elizabeth, d. of Samuel and Sarah Guppy, of Bristol, ob. 17 June, 1841, a. 35. Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2P/ F37/ 1078
/ REV. JOHN MACNAB/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DEL TEN. GEN. JOHN LOCKE DI NEWCASTLE, IRLANDA. LASCIO' QUESTA VITA IL 28 FEBBRAIO 1837 ALL'ETA' DI 67 ANNI.
BUT BE YE DOERS OF THE WORD AND/ NOT HEARERS ONLY DECEIVING YOUR/ OWN SELVES  JAMES 1.22/ 1078/

Una lapide eloquente, il necrologio sul Times notò che era morto improvvisamente a casa di un amico, il Rev. John R. MacDougall e che proveniva da Saltcoats, Ayrshire.

 


Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1870. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporco, su base di pietra. [M: A: 2; L: 62.5; P: 127; P.s. A:  L: 71; P: 136.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY/ OF THE/ REV. JOHN MACNAB/ A NATIVE OF /AYRSHIRE SCOTLAND/ WHO DIED SUDDENLY IN FLORENCE/ ON THE 25TH JANUARY 1870/ BUT BE YE DOERS OF THE WORD AND/ NOT HEARERS ONLY DECEIVING YOUR/ OWN SELVES JAMES 1.22/ 1078/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jean Mac'Nab, l'Ecosse/ Obituary, Times/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Mac Nab/ Giovanni/ / Inghilterra/ Firenze/ 25 Gennaio/ 1870/ Anni 59/ 1078/ See McNabs, Sectors E, D/ N&Q 344. Rev. John MacNab, native of Ayrshire, ob. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2N-O/ F38/ 155/
TENENTE GEN. JOHN LOCKE/ IRELANDASACRO ALLA MEMORIA DEL TEìN. GE. JOHN LOCKE DI NEWCASTLE, IRELAND/ LASCIò QUESTA VITA IL 28 FEBBRAIO 1837 ALL'ETA' DI 67 ANNI// F.POZZI.F

Questo signore irlandese partecipò alla Battaglia di Waterloo e aveva una figlia che sposò un Principe tedesco a Firenze nel 1834: il Principe Enrico LXLIV di Reuss-Schleiz-Joestriz sposò Matilda Henrietta Elizabeth, nata il 12 maggio 1804, figlia del Ten. Gen. John Locke e nipote di William, Visconte Courtenay di Devon. E' probabile che sia lei che erige questo grande monumento con i quadrifogli e le armi araldiche. Il “Pellicano e la sua pietà”. Questa iconografia si trova anche sulle tombe B13I/ B9/ 959/ FANNY WAUGH HUNT/ ENGLAND, scolpita dal marito pre-raffaelita, William Homan Hunt e di D23R/ D121/ 422/ GAUDENZIO WITAL/ SVIZZERA.
  
Croce. Scultore, Francesco Pozzi, Firmata due volte: F.POZZI.F; F.Pozzi.F. Sec. XIX, post 2/1837. Ambito toscano. Croce celtica scolpita in marmo bianco con 'shamrock' irlandese su le braccie, un pelicano nella sua pietà, lampada dentro oroboros e stemma, recinto in pietra serena. Restaurato, Opificio delle Pietre Dure. [M: A: 167; L: 86.5; P: 86.5; P.s. A: 24.5; L: 96; P: 96; RP.s. con colonne: A: 41; L: 205; P: 205 ] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF LIEUT GENERAL JOHN LOCKE/ OF NEWCASTLE IRELAND/ WHO DEPARTED THIS LIFE THE 28 OF FEBRUARY 1837 AGED 67/ -.- / THE JUST PASSETH THROUGH DEATH UNTO LIFE (Romans 6.23?)/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 57 Burial 02-03, buried by Rev Yelverton, entry by Rev Knapp; Marriage of daughter, GL23773/4 N° 14 05/11/34 Koestritz Henry Reus to Matilda Elizabeth Jane Locke at HBM (Seymour), groom Prince, Conte, Seigneur, bride daughter of Maj Gen John Locke, Rev Hutton/ Morning Post, of organic disease of the heart, Champion, Weekly Herald, that he had lived in Florence for the last 12 years/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Locke/ Giovanni (Magg: Gen:)/ / Inghilterra/ Firenze/ 28 Febbraio/ 1837/ Anni 65/ 155/ At Waterloo. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See http://www.florin.ms/waterloo.html


F2N/ F39/ 113/
ERNST JONAS FREDRIK KJELLANDER/ SVEZIA/ ERNESTUS JONAS FREDERICUS KJELLANDER PHILOSOPHIAE MAGISTER ET AD ACADEMIAM UPSALIENSEM DOCENS/ NATUS D. V DEC 1812/ OBIIT D. XXIII JAN 1835/ HAEC EST VITA AETERNA UT TE COGNOSCANT SOLUM/ VERUM DEUM ET QUEM TU MISISTI JESUM CHRISTUM/ JOH. XVII.III// 113/

Haakon Svensson, archivista all'Università di Uppsala ci informa che Ernst Jonas Fredrik Kjellander nacque nel 1812 e morì nel 1835 in Italia. Suo padre, Bengt Kjellander (1781-1861) era un medico e poeta. Ernst si laureò in filosofia nel 1833. Dal 1831 era affetto dalla tubercolosi e nel 1834 si trasferì in Italia, dove morì. Il suo compagno di viaggio era un famoso storico, F.F. Carlsson, il quale, nel 1842, donò un manoscritto inedito alla Biblioteca dell'Università di Uppsala, conteneva note biografiche e manoscritti filosofici di Kjellander.



Colonna spezzata. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1835. Ambito toscano. Colonna spezzata incisa in marmo bianco. [M: A: 103; L: 60; P: 60; P.s. A: 38; L: 86; P: 86.] Iscrizione sepolcrale latina incisa in lettere capitali e numeri romani e arabi: ERNESTUS JONAS FREDERICUS KJELLANDER PHILOSOPHIAE MAGISTER ET AD ACADEMIAM UPSALIENSEM DOCENS/ NATUS D. V DEC 1812/ OBIIT D. XXIII JAN 1835/ HAEC EST VITA AETERNA UT TE COGNOSCANT SOLUM/ VERUM DEUM ET QUEM TU MISISTI JESUM CHRISTUM/ JOH. XVII.III// 113/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Kjellander/ Ernesto Giona/ / Svezia/ Bonconvento/ Giugno/ 1835/ Anni 22/ 113. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

Ora arriviamo al ourobous, dove avevamo cominciato:


F2N/ F1/ 42/ SAXON COCKER/
INGHILTERRA/ MORI' IL 25 GENNAIO 1831 ALL'ETA' DI 24 ANNI.

Purtroppo abbiamo poco o niente al riguardo.



Tomba di Cocker, indietro quella di Holt

_____________________

At this point, in the presence of the Custodian of the Cemetery, we can explore the tombs within Sector F, starting from the Gatehouse in Row N and going up to the statue of Hope, then back down in Row O, and so forth, zigzagging boustrophedon as the Greeks called it, the way oxen and their drivers ploughed fields, and the way ancient writing was done.


F2N/ F40/
243/ PAOLO ENRICO WULFFEN/ DANIMARCA/ITALIA/ QUI RIPOSANO ONORATI CENERI/ DI/ PAOLO ENRICO WULFFEN/ AGENTE DI MARINA E VICE CONSOLE DI SVEZIA E DI DANIMARCA/ NATO IN LIVORNO IL 9 MARZO 1790/ MORTO IN FIRENZE IL 16 GIUGNO 1841

Era danese ma nacque a Livorno. Fu Vice-Console sia svedese che danese e conosceva lo scultore islandese/danese Thorvaldsen a Roma.http://brevarkivet.thorvaldsensmuseum.dk/personer/wulffen-paul-heinrich



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1841. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, ora sporco, su base di pietra serena. Da pulire. [M: A: 1.5; L: 61; P: 61; P.s. A: 11; L: 90; P: 90.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: QUI RIPOSANO ONORATI CENERI/ DI/ PAOLO ENRICO WULFFEN/ AGENTE DI MARINA E VICE CONSOLE DI SVEZIA E DI DANIMARCA/ NATO IN LIVORNO IL 9 MARZO 1790/ MORTO IN FIRENZE IL 16 GIUGNO 1841/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Wulfen/ Paolo/ / Danimarca/ Firenze/ 16 Giugno/ 1842/ / 243/ [marginal note]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F2N/
F41/ UNKNOWN
Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco degrado in base di pietra. [M: A: 1; L: 68; P: 60; P.s. A: 17.5; L: 78.5; P: 68.5.]

 


F3N/ F42/ (34) 514
/ VALENTINO GRANDI/ SVIZZERA/
A VALENTINO GRANDI/ CUI SCENDENDO DA CELINO A PISTOIA/ DIE PROVA DI ONESTA OPEROSITA'/ DI INGEGNO COMMERCIALI SPECULAZIONE/ MORTO OTTUAGENARIO IL DI OTTO SETTEMBRE 1853/ QUESTA MEMORIA DI LUI PONEVANO/ LA VEDOVA LUISA STARLAI E GLI EREDI/ 514

Proviene dai Grigioni, aveva un café prima di andare in pensione. La vedova F44/ LUISA STARLAI GRANDI
giace accanto a lui.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1853. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporca. Da pulire. [M: A: 2; L: 67.5; P: 136; P.s. A: 18.5; L: 75; P: 140.5.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: A VALENTINO GRANDI/ CUI SCENDENDO DA CELINO A PISTOIA/ DIE PROVA DI ONESTA OPEROSITA'/ DI INGEGNO COMMERCIALI SPECULAZIONE/ MORTO OTTUAGENARIO IL DI OTTO SETTEMBRE 1853/ QUESTA MEMORIA DI LUI PONEVANO/ LA VEDOVA LUISA STARLAI E GLI EREDI/ 514/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Valentin Grandi, Zelin, Canton des Grisons, en Suisse, domicilé a Pistoia, ancien Cafetier, fils de Jean Grandi/ Q 85: 106 Paoli/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Grandi/ Valentino/ Giovanni/ Svizzera/ Pistoia/ 8 Settembre/ 1853/ Anni 80/ 514. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3-4N/ F43/ 304/
AMELIA AUGUSTA (WRIGHT) LE MESURIER/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI AMELIA AUGUSTA L'AMATA MOGLIE DI EDWARD LE MESURIER ESQ. DELLA MARINA REALE. LASCIO' QUESTA VITA A FIRENZE IL 7 FEBBRAIO 1845 ALL'ETA' DI 48 ANNI. I SUOI FIGLI SI ERGONO E LA CHIAMANO, BENDETTO SIA IL MARITO CHE LE RENDE GLORIA. BENEDETTI SIANO I MORTI CHE MUOIONO NEL SIGNORE. COSI' DICE LO SPIRITO, PERCHE' SI RIPOSANO DALLE LORO FATICHE.

Il marito proviene da una famiglia di Guernsey
http://en.wikisource.org/wiki/Page:Tupper_family_records_-_1835.djvu/233. mentre lei è del Middlesex i cui genitori abitano a Genova. I registri del Guildhall Library, G11211, ci forniscono della corrispondenza fra il Rev. Hall e William Howley, Vescovo di Londra, 1823. C'era della insicurezza riguardo alla validità del loro matrimonio, svolto a Genova dal Rev. Martin Stow, nella casa del Console britannico James Sterling, alla presenza di testimoni, nel 1822. Il matrimonio, per sicurezza, fu rifatto. JL Maquay, Diari, 8.2.1845, “Ho ricevuto un biglietto da Le Mesurier stamane, la moglie è morta ieri sera alle 9, era stata sottoposta alla coppettazione lo stesso giorno”. 9.2.1845, “Sono andato al funerale della Signora Le Mesurier stamane alle 7, faceva molto freddo”. 13.2.1845 “Sono andato a trovare le ragazze Le Mesurier, partono sabato”. Una di queste ragazze, Amelia Louise Vaux Le Mesurier si sposò nel 1849 con George Musset Gretton. Vedi E3/ SAMUEL DOBREE



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1845. Ambito toscano. Lastra rotondata in marmo bianco, ora sporco. Da pulire. [M: A: 11; L: 57; P: 116.5; P.s. A: 12.5; L: 61; P: 122.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ AMELIA AUGUSTA/ THE BELOVED WIFE OF/ EDWARD LE MESURIER ESQ R.N./ WHO DEPARTED THIS LIFE IN FLORENCE/ FEBRUARY THE 7TH 1845 AGED 48/ /HER CHILDREN ARISE UP AND CALL HER/ BLESSED HER HUSBAND ALSO AND HE/ PRAISETH HER (Proverbs 31.28)/ /BLESSED ARE THE DEAD WHICH DIE IN THE LORD: EVEN SO SAITH THE SPIRIT/ FOR THEY REST FROM THEIR LABOURS (Revelation 14.13)
Records, Guildhall Library, London: GL23774 N° 74 Burial 09/02, Rev Robbins (E101); Marriage 29/09/23 Edward Le Mesurier to Amelia Augusta Wright at BCL, groom aged 28 s of Havilland Le Mesurier and Elisabeth Dobree of Guernsey, bride age 27 from Middlesex, d of Stephen Wright and Louisa Dixon, in Genoa/ See Dobree, Sector E/ See Webbs for further details. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4N-O/ F44/ 763/
LUISA STARLAI GRANDI/ SVIZZERA/ QUI RIPOSANO LE OSSA DI LUISA STARLAI/ VEDOVA GRANDI/ NATA IN . . . NEL CANTONE GRIGIONE MORTA A PISTOIA DI 12 DICEMBRE 1861. . . I SUOI EREDI . . ./ 763/

Questa anziana, vedova di Valentino Grandi (
F42) nacque in Svizzera nella zona di lingua romancia. La sepoltura seguente senza tomba è, probabilmente del nipote.
736/ VALENTIN CARL GRANDI/ SVIZZERA/ Valentis Carlo Grandi, Schleinz (Grisons-Suisse), enfant, fils de Nicolas Carl Grandi// Pistoja/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Paoli 185/ Grandi/ Valentino Carlo/ Niccola Carlo/ Svizzera/ Pistoia/ Firenze?/ 27 Giugno/ 1861/ Anni 5/ 736// Carl/ Valentino/ Niccola/ Svizzera/ Firenze/ 27 Giugno/ 1861/ Anni 5/ 736. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1861. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco su base di pietra serena. Da pulire. [M: A: 2; L: 70.5; P: 132; P.s. A: 21; L: 72; P: 137.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: QUI RIPOSANO LE OSSA DI LUISA STARLAI/ VEDOVA GRANDI/ NATA IN . . . NEL CANTONE GRIGIONE MORTA A PISTOIA DI 12 DICEMBRE 1861. . . I SUOI EREDI . . ./ 763/ La tomba del marito è a F3N. Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Louise Starlai, veuve Grandi, Schleins (Cellino) Canton des Grisons en Suisse, proprietaire, fille de Nicola Starlai/ Q 492: 90 Paoli/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Starlai Vedova Grandi/ Luisa/ Niccola/ Svizzera/ Pistoia/ 12 Dicembre/ 1861/ Anni 78/ 763. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6N/ F45/ 1012/
CATHERINE (PEAT) THOMSON/ SCOZIA/LIVORNO/ SACRO ALLA MEMORIA DI CATHERINE PEAT, VEDOVA DEL DEFUNTO DAVID THOMSON DI LIVORNO. MORI' A FIRENZE IL 13 MAGGIO 1868 ALL'ETA' DI 90 ANNI./ 1012

Il loro figlio era il professore David Thomson, King's College, Aberdeen. Una corrispondenza fra coniugi si trova negli archivi del King's College. I Webb riportano altre notizie sui battesimi e le sepolture dei loro otto figli.



Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1868. Ambito toscano. Cippo di pietra (Livornese?), recinto con pietra serena che ora manca il ferro. [M: A: 136; L: 62; P: 5; RP.s. A: 67; L: 84; P: 207.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ CATHERINE PEAT, WIDOW OF THE/ LATE DAVID THOMSON OF LEGHORN,/ DIED AT FLORENCE/ 13TH MAY 1868, AGED 90 YEARS/ 1012/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Catherine Thomson née Peat, l'Angleterre, fille de Thomas Peat/ Obituary, Glasgow Herald/ mother of Isabella Thomson above, Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Peat nei Thomson/ Caterina/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 13 Maggio/ 1868/ Anni 89/ 1012// Thomson nata Peat/ Caterina/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 13 Maggio/ 1868/ Anni 89/ 1012/+/ See Isabella Thomson above, Peat. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See http://homepages.abdn.ac.uk/npmuseum/Scitour/KingDT.pdf


F7N/ F46/ 979
/ ELISA RYTZ/ SVIZZERA/ DIES DENR . . . AD / ELISA . . . Z

Questa giovane donna svizzera proviene  dal cantone di Argovia di lingua tedesca. Viene registrata con cura con i nomi sia del padre che il nome da ragazza della madre.



Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1867. Ambito toscano. Cippo di marmo bianco rotondato, inciso, non molto sporco. [M: A: 105; L: 60.5; P: 19; P.s. A: 39; L: 26; P: 66ciooi..] Iscrizione sepolcrale tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: DIES DENR . . . AD / ELISA . . . Z/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Elisa Rytz, Braugg, Argovie, Suisse, institutrice, fille de Samuel Rytz, et de Anna, née Ludi/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Rutz/ Elisa/ Samuele/ Svizzera/ Firenze/ 15 Maggio/ 1867/ Anni 26/ 979. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9O/ F47/  962
/ CHARLES OTLEY/
INGHILTERRA/ QUI GIACCIONO I RESTI ANCHE DI CHARLES OTLEY ESQ. MORI' IL 3 GENNAIO 1867 ALL'ETA' DI 70 ANNI E F90 1004/ F9O 1004/ THOMAS WATSON OTLEY/ INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI THOMAS WATSON OTLEY ESQ. LASCIO' QUESTA VITA IL 30 GENNAIO 1868 ALL'ETA' DI 74 ANNI. RIMPIANTO PROFONDAMENTE DALLA VEDOVA E DALL'UNICO FIGLIO.

Qui sono sepolti due fratelli, coinvolti con il Jockey Club anglo-fiorentino in via Strozzi e alle Cascine. Una bara è stata posata sopra l'altra.



F9O/ F47/  962/ CHARLES OTLEY/ ENGLAND/  Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1867// 1/1868. Ambito toscano. Cippo di marmo inciso, surmontata da una croce su un basimento di pietra serena, recinto dallo stesso. [M: ThW: A: 143.5;  L: 63.5; P: 34.7; Ch: A: 71.5; L: 88.5; P: 59; P.s.: A: 39; L: 96; P: 67.5; RP.s.: A: 40; L: 175; P: 205.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: HERE ALSO REPOSE THE REMAINS OF CHARLES OTLEY ESQRE/ WHO DIED ON THE THIRD OF JANUARY 1867/ AGED 70 YEARS/  Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Charles Otley, l'Angleterre, fils de Henri Otley/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 380, Burial 05/01 Rev Pendleton/ Marriage brother FO179/6 John Henry Otley to Isabella Ruxton at HBM (Burghersh) bride a widow, Rev Tayler/ brother of Thomas Watson Otley/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Otley/ Carlo/ Enrico/ Inghilterra/ Firenze/ 3 Gennaio/ 1867/ Anni 71/ 962/ F9O 1004/ THOMAS WATSON OTLEY/ ENGLAND/  SACRED/ TO THE MEMORY OF/ THOMAS WATSON OTLEY ESQRE/ WHO DEPARTED THIS LIFE ON/ THE 3OTH OF JANUARY 1868/ AGED 74 YEARS/ DEEPLY LAMENTED BY HIS WIDOW/ & ONLY SON/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Thomas Watson Otley, l'Angleterre, fils de Henri Otley/ GL23777/1 N° 394 Burial 01/02 Rev Pendleton/ Obituary, Times/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Otley/ Tommaso Watson/ Enrico/ Inghilterra/ Firenze/ 30 Gennaio/ 1868/ Anni 74/ 1004. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F8O/ F48/ 828/
GIOVAN PIETRO VIEUSSEUX/SVIZZERA/ PX/ A GIAMPIETRO VIEUSSEUX/ NATO IN ONEGLIA DI FAMIGLIA GINEVRINA/ IL XXVIIII DI SETTEMBRE MDCCLXXVIIII/ MANCATO IN FIRENZE IL XXVIII D'APRILE MDCCCLXIII/ GLI AMICI ED ESTIMATORI/ DEI MOLTI SUOI MERITI VERSO LA CIVILTA' ITALIANA/ POSERO QUESTO MONUMENTO

Il Pastore Luigi Santini scrisse: “Fra tutte le persone celebri le cui memorie vengono preservate in questo cimitero, egli è certamente quello con cui Firenze e l'Italia hanno il debito più grande. La sua tomba, restaurata per il centenario della morte, è sulla destra, vicino all'entrata del Cimitero. Nacque in una famiglia in esilio dalla Francia per ragioni religiose. Vieusseux nacque a Oneglia dove la famiglia avevano degli affari. Con l'intenzione di seguire le orme della famiglia, viaggiò in lungo e in largo, facendosi delle esperienze umane e pratiche preziose. Poco dopo la Restaurazione si accasò a Firenze e lì contribuì alla creazione di una comunità di pensiero che avrebbe fornito un patrimonio culturale per la nuova Italia del Risorgimento. Le menti migliori da tutte le regioni gravitavano intorno alle sue rassegne e pubblicazioni. Uomini di temperamento e educazione diversi impararono a rispettarsi a vicenda e lavorare insieme per ciò che li univa. Il Palazzo Buondelmonti in Piazza Santa Trinità era l'ambiente scelta per il Gabinetto di Letture, il Gabinetto Vieusseux, oggi si trova in Palazzo Strozzi. Attraeva talento  e divenne una finestra sul mondo, utile per eliminare il provincialismo dalle menti migliori e a promuovere il Risorgimento nazionale. Vieusseux non partecipava alla vita sociale degli anglo-fiorentini ma limitò le sue amicizie ai suoi compatrioti della Chiesa Evangelica Riformata e agli italiani seriamente interessati nell'apprendimento  e alle idee. La sua vita e le sue attività sono state pubblicizzate dappertutto. Anche se Jean Pierre Vieusseux non fosse sepolto qui in questo cimitero è un memoriale all'attaccamento e la dedizione alle causa di un'Italia unita che trova il punto focale a Firenze”. B8/ ELIZABETH BARRETT BROWNING, così appassionatamente coinvolta con il Risorgimento, si inquietava perché il marito Robert Browning passava ore e ore al Gabinetto Viesseux, leggendo giornali che altrimenti il Granduca avrebbe censurati.  Browning diceva che alle donne era vietato l'ingresso, una bugia bella e buona. Lady Blessington, Marian Wordsworth (F74), Feodor Dostoevsky, John Ruskin, Robert Browning e innumerevoli altri frequentavano il Gabinetto. (Vedi Giuliana Artom Treves, Golden Ring, p. 23-24.)

                Harper's Monthly engraving

Sarcofago. Marmista ignoto. Sec. XIX, post  4/1863. Ambito toscano. Sarcofago in marmo bianco scolpito con medaglione, foglie di quercia, olivo, felce. Restaurata: Opificio delle Pietre Dure e Palazzo Spinelli. [M: A: 130; L: 180.8; P: 57; P.s. A: 37; L: 188.5; P: 67.]  Iscrizione sepolcrale in piombo in lettere capitali e numeri romani: / PX/ A GIAMPIETRO VIEUSSEUX/ NATO IN ONEGLIA DI FAMIGLIA GINEVRINA/ IL XXVIIII DI SETTEMBRE MDCCLXXVIIII/ MANCATO IN FIRENZE IL XXVIII D'APRILE MDCCCLXIII/ GLI AMICI ED ESTIMATORI/ DEI MOLTI SUOI MERITI VERSO LA CIVILTA' ITALIANA/ POSERO QUESTO MONUMENTO/ [Swiss Cross]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jean Pierre Vieusseux, Genève, rentier, fils de Pierre Vieusseux et de Jean Elisabeth, née Vieusseux/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Vieusseux/ Gio: Pietro/ Pietro/ Svizzera/ Firenze/ 28 Aprile/ 1863/ Anni 83/ 828/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F8O/ F49/ 246/
REV. HENRY ROBERT JOHN TENNANT/ 
INGHILTERRA/ IL REV. ROBERT JOHN TENNANT. QUESTA LAPIDE ERETTA CON L'AIUTO DI MOLTI MEMBRI DELLA CONGREGAZIONE, ANSIOSI DI TESTIMONIARE LA LORO STIMA E APPROVAZIONE DEI TALENTI, L'ENERGIA E L'OTTIMO CARATTERE DI COLUI CHE, PER QUASI 4 ANNI, HA FEDELMENTE SVOLTO I DOVERI DI CAPPELLANO AI RESIDENTI BRITANNICI IN QUESTA CITTA'. E' STATA POSATA IN QUESTA CAPPELLA PER VIA DI UN VOTO PUBBLICO DELL'INTERA CONGREGAZIONE CON L'INTENTO DI PERPETUARE LA MEMORIA DEL REV. ROBERT JOHN TENNANT DEL TRINITY COLLEGE, CAMBRIDGE. NACQUE IL 14 GENNAIO 1809 E MORI' IL 24 LUGLIO 1842. “LA MEMORIA DEI GIUSTI E' BENEDETTA”.
 
JL Maquay, Diari, 24.7.1842, “E' morto Tennant”, 26.7.1842, “Stamattina sono andato al funerale di Tennant”. E' sepolto accanto al primo marito e la figlia (F71DAVID REID/MARY REID) della moglie Mariquita Eroles, la sua tomba molto più in basso delle altre. Uno zelante prete anglicano a Firenze, a giudicare dagli archivi egli compativa la spagnola, vedova di David Reid, un uomo autolesionista. La sposò e poco tempo dopo morì anche lui. La Chiesa del Holy Trinity decise di erigergli un monumento ma la moglie si oppose dicendo che aveva un monumento perfettamente all'altezza al Cimiteri degli inglesi. La lapide è ora nel giardino della Chiesa del Holy Trinity. Successivamente Mariquita Tennant si trasferì in Inghilterra e fondò la Casa delle Misericordia delle sorelle Clewer, educando prostitute nelle arti domestiche. Lei è sepolta lì, non fra il primo e il secondo marito a Firenze, sebbene lo spazio rimane lì per lei. La sua tomba Clewer era una volta una bara aperta e vuota dicendo, “Non est hic, resurrexit”, circondata da una cancellata di ferro, ormai sparita. Una lapide di color blu la onora a Windsor.

         
Mariquita Eroles


Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1842. Ambito toscano. Lastra di marmo di marmo bianco, sporco, troppo basso e interrito, recinto condiviso con Reid e Edgeworth, con uno spazio vuoto per la moglie Mariquita Eroles. [M: A: 2; L: 68.8; P: 107.8.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali: THE REV. ROBERT JOHN TENNANT/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774, PRO RG 33/114, Chaplain at Legation, died at Fiesole, Burial 26-07, Rev H Gipps/ Maquay Diaries: 24 Jul; 26 Jul 1842/ Obituary, Standard, Times/ Tablet in garden of Waldensian Church (formerly Holy Trinity): THIS TABLET ERECTED BY SUBSCRIPTION OF MANY MEMBERS OF THIS CONGREGATION ANXIOUS TO TESTIFY THEIR ESTEEM AND APPROBATION OF THE TALENTS, ENERGY AND HIGH CHARACTER OF HIM WHO FOR NEARLY FOUR YEARS FAITHFULLY DISCHARGED THE DUTIES OF CHAPLAIN TO THE BRITISH RESIDENTS IN THIS CITY, AND PLACED IN THIS CHAPEL BY A PUBLIC VOTE OF THE WHOLE CONGREGATION, IS INTENDED TO PERPETUATE THE MEMORY OF THE REV ROBERT JOHN TENNANT MA OF TRINITY COLLEGE, CAMBRIDGE, WHO WAS BORN 14 JANUARY 1809, AND DIED 24 JULY 1842. "THE MEMORY OF THE JUST IS BLESSED"/ Tablet Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Tenant/ Roberto/ / America/ Firenze/ 24 Luglio/ 1842/ Anni 33/ 246. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei holdings,
TAU, for the Clewer Sisters of Mercy and Mariquita Eroles.


F7O/ F50/
1070/ MARY MARGARET PEIRCE/ GALLES/ /SACRO ALLA MEMORIA DI MARY MARGARET L'AMATA MOGLIE DI JOHN H. PEIRCE ESQ.LASCIO' QUESTA VITA IL 29 NOVEMBRE 1869. RIMPIANTA PROFONDAMENTE DAL MARITO DESOLATO E DALL'UNICA FIGLIA. IL SIGNORE E' APPARSO A ME DICENDO, “SI TI HO AMATO CON UN AMORE ETERNO. QUINDI CON BONTA' AMOREVOLE TI HO CHIAMATO A ME”.


Il marito e l'unica figlia piangono la sua scomparsa   'Nel cimitero protestante di Firenze si trovano seppelliti figlio e moglie del cav. (‘Esq.’) John H. Peirce; il primo, John Wright, morto il 10 febbraio 1867 all’età di soli 23 anni, la seconda, Mary Margaret, nata a Swatchwood House, Monmouthshire, il 21 dicembre 1819 e morta il 20 novembre 1869, lasciando superstiti il marito John H. e una figlia'. Due anni prima avevano sepolto il figlio F73/ JOHN WRIGHT PEIRCE,
in questo stesso Settore.

 


Colonna spezzata.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1869. Ambito toscano. Colonna spezzata inghirlandata, sporca, pietra serena del basamento degrada. [M: A: 95; L: 143; P: 76.5; P.s. A: 11; L: 148;P: 82; R: A: 14; L: 220; P: 145.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ MARY MARGARET/ THE BELOVED WIFE OF/ JOHN H. PIERCE ESQ/ WHO DEPARTED THIS LIFE/ ON THE 20TH NOVEMBER 1869/ DEEPLY LAMENTED BY HER/ SORROWING HUSBAND AND ONLY/ DAUGHTER/ THE LORD HATH APPEARED OF OLD UNTO ME, SAYING YEA I HAVE LOVED THEE WITH AN/ EVERLASTING LOVE/ THEREFORE WITH LOVING KINDNESS HAVE I/ DRAWN THEE/ JEREMIAH XXXL.3.V./ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Marie Margaret Peirce, Londres/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 416 Burial 12/11, age 49, Rev Pendleton, san Ambrogio, Mattonaia/ Obituary, Times/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Peirce/ Maria Margherita/ David Jonathan/ Inghilterra/ Firenze/ 20 Novembre/ 1869/ Anni 50/ 1070. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



F7O/ F51/ 794/
THOMAS WILLIAMS TROTMAN, M.D./ BARBADOES/ SOTTO GIACCIANO I RESTI MORTALI DI THOMAS WILLIAMS TROTMAN DELL'ISOLA DELLE BARBADOS, INDIE OCCIDENTALI. MORI' A FIRENZE IL 21 LUGLIO 1862 ALL'ETA' DI 52 ANNI. EGLI FU MOLTO E MERITEVOLMENTE RIMPIANTO E LA VEDOVA, INSIEME AD ALCUNI SUOI AMICI SI SONO UNITI PER ERIGERE QUESTO MONUMENTO COME TESTIMONIANZA DEL LORO DISPIACERE  DELLA SUA PERDITA E IL LORO RISPETTO PER LA SUA MEMORIA. IL SIGNORE HA DATO E IL SIGNORE HA TOLTO. BENEDETTO SIA IL NOME DEL SIGNORE.

Genealogy of Barbados Families: “Thomas Williams Trotman, nato il 31 luglio, battezzato il primo gennaio 1812 alla Christ's Church. Assistente al Dr. J.W.W. Carrington di St. Thomas. Salpò per Liverpool nel 1837. Successivamente lavorò come medico a Firenze. Morì di tifo in Italia nel luglio del 1852. Sposò Elizabeth Wilhelmina Bellingham, figlia di Samuel Ffennel esq. Di County Tipperary e sua moglie Frances Grenville Bindon. Il testamento di lei fu registrato nel giugno del 1876 e in quel periodo abitava  al n° 7 via Vittorio Emanuele a Firenze. Morì nel 1891. Anche i Ffennel di Tipperary era una famiglia di medici. Altrove sul Web: “Thomas Trotman M.D. Introdusse la lepre alle Barbados nel 1842”. In questo periodo non capivano che il tifo fosse causato da pidocchi nei vestiti. Diari Maquay, 14.2.1853, “Mi sono alzato alle 6.30 per essere presente al funerale della Signora Tolley, è stato malgestito dai Crossman 
(B99/ REVD GEORGE BRICKDALE CROSSMAN) che si erano interessati a tutto. Nessuno per portare la bara, nessuno presente, soltanto io e Gregory Trotman. Il vecchio (Seymour Kirkup?) era presente ma non era stato né informato né invitato. Piovve tutto il giorno”. Gregory è un fratello di Thomas che non ha figli? A questo punto possiamo menzionare che Sarah Parker Remond, l'americana nera amica di Douglass, Mazzini e Garibaldi, che studiò e lavorava come medico a Firenze è sepolta nel Cimitero Protestante di Roma. Nel 18° secolo era possibile che le famiglie provenienti dalle cosiddette colonie venissero in Europa e furono trattati con rispetto.

       Harper's Monthly engraving
Sarah Parker Remond

Croce su stele.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1862. Ambito toscano. Croce su stele incisa. [M: A: 243; L: 73.5; P: 73.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: BENEATH/ LIE THE MORTAL REMAINS OF/ THOMAS WILLIAMS TROTMAN M.D./ OF THE ISLAND OF BARBADOS WEST INDIES/ WHO DIED AT FLORENCE/ ON THE 21st OF JULY 1862/ AGED 52 YEARS/ HE WAS MUCH AND DESERVEDLY REGRETTED/ AND HIS WIDOW AND SOME OF HIS FRIENDS/ HAVE UNITED TO ERECT THIS MONUMENT/ AS A TESTIMONY OF THEIR SORROW FOR HIS LOSS/ AND THEIR REGARD FOR HIS MEMORY/ THE LORD GAVE AND THE LORD HATH TAKEN AWAY/ BLESSED BE THE NAME OF THE LORD (Job 1.21) /Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Thomas W. Trotman, Barbadoes, doct. médecin/ GL23777/1 N° 315 Burial 23/07 Rev Green acting for Ponton/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Trotman/ Dr. Tommaso Guglielmo/ / Inghilterra/ Firenze/ 21 Luglio/ 1862/ Anni 52/ 794. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F6O/ F52/ 1361/ LIZZY VON ROTT/ GERMANIA/ SELIG SIND DIE REINES HERZENS SIND/ DENN SIE WERDEN GOTT SCHANEN/ V MATTH.V.8/ 1361// HIER RUTT IN GOTT LIZZY VON ROTT/ AUS WEIMAR/ GEBOREN DEN 17 DEC 1844/ GEST. IN FLORENZ DEN 28 MAI 1876

Una donna di 25 anni da Weimar in Germania.



Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1876. Ambito toscano. Croce rotta inciso a piedi delle roccie scolpito in pietra serena, con una tabella in marmo bianco incisa, recinto di pietra serena e ferro. [M: A: 61; L: 41; P: 57; P.s. A: 72; L: 51; P: 56; R: A: 69; L: 89; P: 203.5.] Iscrizione sepolcrale tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: SELIG SIND DIE REINES HERZENS SIND/ DENN SIE WERDEN GOTT SCHANEN/ V MATTH.V.8/ 1361// HIER RUTT IN GOTT LIZZY VON ROTT/ AUS WEIMAR/ GEBOREN DEN 17 DEC 1844/ GEST. IN FLORENZ DEN 28 MAI 1876/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Rott (De)/ Lizzy/ Antonio/ / Firenze/ 28 Maggio/ 1876/ Anni 25/ 1361. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5O/ F53/ 1300/
HENRIETTA MARIA HAY/ SCOZIA/GRECIA/ ALLA MEMORIA DI HENRIETTA MARIA HAY, FIGLIA DI ROBERT HAY ESQ. DI LINPLEM, EAST LOTHIAN, SCOZIA. NATA L'8 DICEMBRE 1842 E MORTA IL 9 FEBBRAIO 1875.

Suo padre Robert Hay di Linplem era un egittologo. Comprò l'ex convento di Nunraw ma non riuscì ad adattarsi alla vita di agricoltore dopo che, dal 1826 al 1838, era stato il capo di una spedizione archeologica in Egitto, dalla quale provengono molti reperti, ora nel British Museum. Pubblicò (1840) un portfolio di opere con il titolo di “Illustrations  of Cairo” e tornò a casa in Scozia con una schiava, catturata dai turco-ottomani, che lui comprò in Alessandria e sposò, Kalitza Psarak, figlia di un importante magistrato a Creta.
http://www.saudiaramcoworld.com/issue/200302/the.lost.portfolios.of.robert.hay.htm . Qui veniamo a conoscere una storia simile alla quella della spedizione di Champollion e Rosellini in Egitto e in Nubia. Una storia simile anche quella al riguardo di NADEZHDA DE SANTIS (B58), specchiata nella “Schiava greca” di HIRAM POWERS (B32) e nell'appassionato sonetto di ELIZABETH BARRETT BROWNING (B8) riguardo alla scultura. Quando Nunraw fu finalmente riscattata Robert cominciò dei restauri importanti alla casa ma morì nel 1863, prima di completarli. Suo figlio Robert James Alexander Hay, allora ventitreenne era a Cambridge dove fece un Master. Il giovane latifondista continuò a restaurare il “Castello” e nel 1864 scoprì un soffitto istoriato del 1610. Come suo padre  a Robert piaceva viaggiare e nel 1875 portò a casa da Firenze la sua sposa, Caterina Maria Teresa, terza figlia del Marchese di Monte Castello della Toscana. Quando ereditò Nunraw, la proprietà era pesantemente indebitata e presto i debiti aumentarono. Eventualmente, nel 1880, il Signore Hay decise di rompere il vincolo  e venne a vivere a Firenze con la moglie e i figli, dopo poco tempo la vendita della tenuta a Walter Wingdale Gray esq. fu completata. Nello stesso periodo una sua sorella abitava a Casa Guidi, dove risiedeva  B8/ ELIZABETH BARRETT BROWNING. (Fu la repubblicana Elizabeth Barrett Browning che cambiò il nome da Palazzo Guidi, di fronte a Palazzo Pitti, a “Casa Guidi”. Durante questi anni anche la famiglia di ANNA BROWN (E24) e la famiglia di CHAPMAN STANSFIELD MARSHALL (E148) abitavano nello stesso stabile. Si desume che avevano differenti appartamenti nel palazzo mentre lo chiamavano tutti nello stesso modo. Miss Hay muore nubile ma  ha un fratello sposato  e due nipoti che vivevano lì vicino. Quindi vediamo una connessione toscana con questa famiglia scozzese e ci rendiamo conto che Henrietta Maria Hay è, da parte della madre, mezza cretese e in parte greca. La vedova di William Hay, dello stesso clan Hay,  FRANCES ANNE (OGLE) HAY (F56), viveva sul Lungarno al n° 30.

  
Robert Hay, Egyptologist

Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1875. Ambito toscano. Croce in marmo, recinto con colonne di pietra serena. [M: A: 164; L: 60; P: 49; R: A: 56; L: 91; P: 193.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: TO THE MEMORY OF/ HENRIETTA MARIA HAY/ DAUGHTER OF ROBERT HAY ESQ/ OF LINPLEM [sic for Limplum] EAST LOTHIAN/ SCOTLAND/ BORN 8 DEC/ 1842 DIED 9 FEB 1875/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henriette M. Hay, l'Ecosse, fille de Robert/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 481, Casa Guidi Piazza San Felice, Burial 12/02, Rev Tottenham/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hay/ Enrichetta/ Roberto/ Inghilterra/ Firenze/ 9 Febbraio/ 1875/ Anni 32/ 1300. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4O/ F54/ 999/
CAROLINE SUSAN (CARPENTER) ALASIA & GEORGE EDWARD ALASIA/
INGHILTERRA/ SACRED TO THE MEMORY/ OF/ CAROLINE SUSAN ALASIA/ WIFE OF MAJOR ALASIA/ OF THE ITALIAN ARMY/ DAUGHTER OF CAPTAIN CARPENTER/ OF FORD NORTHUMBERLAND/ DIED 20 DEC 1867/ ALSO TO THE MEMORY OF/ HER INFANT SON/ GEORGE EDWARD// I CRIED UNTO THE LORD AND HE HEARD ME

Il padre di lei, il Capitano Carpenter, Ford Cottage, divenne un membro del Berwickshire Naturalists' Club nell'aprile del 1833. La tomba ha la statua di un bambino nudo, con in mano una ghirlanda funebre, che piange. Adesso è quasi del tutto nascosta dai rami di un leccio. Ha una base scolpita con api, baccelli di papavero e degli  ouraboi che simboleggiano la regalità, la morte e l'eternità. Dagli archivi troviamo che il bambino, con padre italiano visto il nome anglicizzato, nacque, fu battezzato e sepolto 15 giorni prima della morte della madre, probabilmente dalla febbre puerperale causata da un parto in ambiente non igienico. Ignaz Philipp Semmelweis, l'ungherese che fece questa scoperta sull'igiene a Vienna nel 1874, i cui lavori furono dichiarati non accettabili dai suoi colleghi medici, morì  due anni prima di setticemia in un ospedale psichiatrico.



Monumento. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1867. Ambito toscano. Statua di un ragazzo nudo in luto con una ghirlanda sopra un monumento in marmo bianco, con madaglioni con api dentro uroburi, fra voluti con gusci di papaveri, inciso, con un basamento di pietra serena e recinto con lo stesso, nel passato con colonne e ferro. [M: A:  241; L: 119.5; P: 62.5; P.s. A: 30; L: 71; P: 71; R: A: 25; L: 128.5; P: 87.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ CAROLINE SUSAN ALASIA/ WIFE OF MAJOR ALASIA/ OF THE ITALIAN ARMY/ DAUGHTER OF CAPTAIN CARPENTER/ OF FORD NORTHUMBERLAND/ DIED 20 DEC 1867/ ALSO TO THE MEMORY OF/ HER INFANT SON/ GEORGE EDWARD// I CRIED UNTO THE LORD AND HE HEARD ME (Psalm 120.1)/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Caroline Alasia, née Carpenter, l'Angleterre/ Records, Guildhall Library, London: GL 23777/1 N° 389 Death 20/12 Burial 22/12 Age 41 Rev. Pendleton; child born, baptized, buried 15 days before 05/12/67/ Funeral expense for baptized male child, 180 francs/ Obituary, Times, Morning Post/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 13. Alasia nata Carpentier/ Carolina/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Dicembre/ 1867/ Anni 35/ 999/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F4O/ F55/ 941/ JOSEPH THURLOW/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI JOSEPH THURLOW DI LOTHIAN. MORI' A FIRENZE ALL'ETA' DI 65 ANNI.

Un discendente ha visitato questa tomba.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1866. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco ora molto degrada su base di pietra. [M: A: 2; L: 63; P: 136; P.s. A: 18.5; L: 68.5; P: 143. Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ JOSEPH THURLOW/ OF LOTHIAN/ WHO DIED IN FLORENCE/ AGED 65 YEARS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Joseph Thurlow, l'Ecosse, rentier, fils de Edouard Thurlow/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Thurlow/ Giuseppe/ Edoardo/ Inghilterra/ Firenze/ 28 Maggio/ 1866/ Anni 65/ 941. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4O/ F56/ 1653/
FRANCES ANNE (OGLE) HAY/ SCOZIA/ALLA MEMORIA DI FRANCES ANNE OGLE, VEDOVA DI WILLIAM HAY ESQ. DI HOPES, HADDINGTONSHIRE, SCOZIA. MORI' IL 25 GIUGNO 1869 ALL'ETA' DI 72 ANNI.

Si sposarono a Eglingham nel 1820. Il loro maniero, costruito dai Hay, esiste ancora nel East Lothian. Vedi HENRIETTA MARIA HAY.



Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1869. Ambito toscano. Croce in marmo bianco su base di pietra serena, recinto in marmo. [M: A:  155; L: 62; P: 45; P.s.: A: 10.5; L: 63; P: 46; RM: A: 27.5; L: 91; P: 206.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: TO THE MEMORY OF/ FRANCES ANNE OGLE/ WIDOW OF/ WILLIAM HAY ESQ OF HOPES/ HADDINGTONSHIRE SCOTLAND/ DIED 25TH JUNE 1869/ AGED 72/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Françoise Anne Hay, l'Angleterre/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 408 Burial 25/06, Rev Pierce Connolly. Lungarno, 30/ Glasgow Herald/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hay nata Ogli/ Francesca Anna/ Roberto/ Inghilterra/ Firenze/ 24 Giugno/ 1869/ Anni 72/ 1053. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F4O/ F57/ NON IDENTIFICATA/ Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco degrada in base di pietra. [M: A: 16.5; L: 63.5; P: 123.5.]

 



F3O/ F58/ 873/
GIACOMO PEER/ SVIZZERA/

Un pasticcere figlio di Alessio Peer proveniente dalla Svizzera di lingua romancia. Vedi anche  A76GIACOMO PEER. 



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1864. Ambito toscano. Lastra, rovinata. [M: A: 2.5; L: 62.7; P: 136; P.s. A: 16; L: 70.8; P: 145.5.] Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Giacomo Peer, la Suisse, canton des Grisons, Pâtissier, fils de Alessio Peer/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Peer/ Giacomo/ Svizzera/ Firenze/ 25 Luglio/ 1864/ Anni 43/ 873. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2-3N-O/ F59/ 1006/
JEAN DANIEL PEYRAN/ ITALIA (PIEDMONT)/ QUI RIPOSA G.D. PEYRAN/ NATO A MANIGLIA VALLI VALDESI/ IL 25 MARZO 1847/ MORTO A FIRENZE/ IL 7 FEBBRAIO 1868/ MENTRE STUDIAVA TEOLOGIA/ E ME IL VIVERE E CRISTO ED IL MORTE GUADAGNO/ 1006

Proviene dalla Valdesia in Piemonte, muore giovane mentre svolge i suoi studi teologici.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1847. Ambito toscano. Lastra di marmo biano sporco. [M: A: 2; L: 60; P: 130; P.s. A: 21; L: 72; P: 144.5.]Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi:
QUI RIPOSA G.D. PEYRAN/ NATO A MANIGLIA VALLI VALDESI/ IL 25 MARZO 1847/ MORTO A FIRENZE/ IL 7 FEBBRAIO 1868/ MENTRE STUDIAVA TEOLOGIA/ E ME IL VIVERE E CRISTO ED IL MORTE GUADAGNO (Filippesi 1.21)/ 1006/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jean Daniel Peyran, Valles Vaudoises, Piémont, étudt. en théologie, fils de Pierre Peyran/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Peyran/ Giovanni Daniele/ Pietro/ Italia/ Firenze/ 7 Febbraio/ 1868/ Anni 22/ 1006. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F2-3O/ F60,61/ TOMBE NON IDENTIFICATE Lastre. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastre de marmo bianco degrade, in  basi di pietra. [M: A:  19, L: 69; P: 143.] [M: A: 1;  L: 62; P: 136; P.s. A: 21; L: 69; P: 143.]

 

 

F62 PICCOLA TOMBA CON CROCE con l'iscrizione QUI RIPOSANO FRANCES E MARIA




F3P/ F63/ 1060/
GIUSEPPE PUINI/ ITALIA/ ALLA CARA E VENERATA MEMORIA/ DI/ GIUSEPPE PUINI/ ARCHITETTO/ NATO A REGELLO IL 21 LUGLIO 1806/ MORTO A FIRENZE IL 9 AGOSTO 1869/ GESU DISSE/ IO SONO LA RISURREZIONE E LA VITA/ CHIUNQUE CREDE IN ME/ BENCHE SIA MORTO VIVERA/ SAN GIOV XI 25/ 1060

Wikipedia entry http://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Puini which describes him as an architect trained at the Accademia di Belle Arti.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1869. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, ora sporco, su pietra. [M: A: 2; L: 63.5; P: 135.5; P.s. A: 20.5; L: 72;P: 145.5.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: ALLA CARA E VENERATA MEMORIA/ DI/ GIUSEPPE PUINI/ ARCHITETTO/ NATO A REGELLO IL 21 LUGLIO 1806/ MORTO A FIRENZE IL 9 AGOSTO 1869/ GESU DISSE/ IO SONO LA RISURREZIONE E LA VITA/ CHIUNQUE CREDE IN ME/ BENCHE SIA MORTO VIVERA/ SAN GIOV XI 25/ 1060/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Joseph Puini, Florence, ingenieur, fils de Valentine/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Puini/ Giuseppe/ Valentino/ Italia/ Firenze/ 8 Agosto/ 1869/ Anni 65/ 1060. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3P/ F64/ 785/
ANNETTA KESSLER/ SVIZZERA/ QUESTA UMILE PIETRA/ RACCHIUDE . . . ERE CORPO DELLA GIOVINE . . . ETTA KESSLER/ . . . ANNI 18 E MESI 4/ CHE TROPPO PRESTO MANCATA/ . . . VIDE NASCERE/ . . . ETERNA/ . . . / . . . DOLORE/ . . . KESSLER/ . . . LA ZIA ANNA MERCAT / . . . LA PERDITA AMARISSIMA/ QUESTE PAROLE SI . . . / . . . INNALZANDO/ . . . NON PIANGERE/ . . . PARENTI/ 5 GIUGNO IN FIRENZE/

Il padre si trova elencato nell'esercito lombardo veneto controllato dall'Austria, che combatte contro le forze risorgimentali. La famiglia proviene dalla zona svizzera di lingua romancia. La scultura fu eseguita da uno studente di Lorenzo Bartolini. Se ne trova un'altra uguale al Cimitero delle Porte Sante. Ha 18 anni.



Scultura su colonna. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1862. Ambito toscano. Scultura  copia 'Putto orante' de Luigi Pampaloni, Florentine studento di Lorenzo Bartolini, recinto con ferro battuto. Ferro conservato, Daniel Dumitrescu, 2008. [M: A: 187; L: 40.5; P: 40.5; P.s. A: L: 64; P: 146; R: A: L: 89; P:  196; RF: A: 66.5; L: 75; P: 184.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: QUESTA UMILE PIETRA/ RACCHIUDE . . . ERE CORPO DELLA GIOVINE . . . ETTA KESSLER/ . . . ANNI 18 E MESI 4/ CHE TROPPO PRESTO MANCATA/ . . . VIDE NASCERE/ . . . ETERNA/ . . . / . . . DOLORE/ . . . KESSLER/ . . . LA ZIA ANNA MERCAT / . . . LA PERDITA AMARISSIMA/ QUESTE PAROLE SI . . . / . . . INNALZANDO/ . . . NON PIANGERE/ . . . PARENTI/ 5 GIUGNO IN FIRENZE/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Annetta Kessler, Martinbrucke, Canton des Grisons (Suisse), agè de dix-huits ans, fille de Christian Kessler et de Marie Kessler, nee Denoth/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Kessler/ Anna/ Cristiano/ Svizzera/ Firenze/ 5 Giugno/ 1862/ Anni 19/ 785/ Indagine cognoscitiva, preparatoria al restauro delle opere site nel Cimitero Protestante di Firenze detto 'degli Inglesi', Gianguido Fumelli, Adriano Giachi, Stefano Landi, Antonella Malavolti, Sabrina Milani, 1991, 26/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4P/ F65/ 1027/
JOSEPHINE LOUISE PANTON/
INGHILTERRA/ JOSEPHINE LOUISE PANTON/ NEE LE 15 SEPTEMBRE 1800/ DECEDEE A GENEVE LE 22 NOVEMBRE 1868/ /JOSEPHINE LOUISE PANTON NACQUE IL 15 SETTEMBRE 1800 E MORI' A GINEVRA IL 22 NOVEMBRE DEL 1868

Josephine Louise Panton nasce a Livorno e muore a Ginevra ma è considerata inglese. Vedi la sorella F88/MARTHA CHARLOTTE PANTON per la storia della famiglia. Nessuna delle sorelle si sposa. Imparentata con B5/ ANTHONY MEEKE SAPTE, Sector B.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1868. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporca. [M: A: 1.5; L: 59; P: 132.5; P.s. A: 20; L: 71; P: 144.5.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: JOSEPHINE LOUISE PANTON/ NEE LE 15 SEPTEMBRE 1800/ DECEDEE A GENEVE LE 22 NOVEMBRE 1868/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Josephine Louise Panton, l'Angleterre, née a Livourne, rentiere, fille de Thomas Panton et de Louise Panton/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Panton/ Giuseppa Luisa/ / Inghilterra/ Ginevra/ / / / 1027. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5P/ F66/ 1018/
ALEKSANDR ALEKSANDROVIC MORDVINOV/ RUSSIA/

Questo giovane rivoluzionario russo è il figlio di un Senatore sposato con una Principessa.




Monumento. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 6/1868. Ambito toscano. Sarcofago di marmo, non molto sporco, Croci in medaglioni, iscrizione quasi-illegibile, recinto, ora manca il ferro. [M: A: 196.5;  L: 100; P: 69; P.s. A: 40; L: 166.7; P: 140.2; RP.s.: A: 39; L: 265; P: 200.] Iscrizione sepolcrale russo incisa in lettere cirilliche e numeri arabi: Mordvinov Aleksandr Aleksandrovic. 1843 1868//1018/ / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Alexandre Mordvinoff, Russie, fils de Alexandre Mordvinoff/ Talalay: Mosca 21.11.1842 -Firenze 15(3).6.1868; 'segretario di collegio in congedo', MFK; N° 1020, RC; figlio del senatore Aleksandr Nikolaevic Mordvinov e della principessina Giorgiana Aleksandra Semenovna Cherchelidze, revoluzionario, membro del gruppo 'Terra e Liberta', altare di marmo, Bibl.: Revoluzionnaja situazija v Rossii: 1859-1861, Moskva, 1965, ss. 420-425; V.A. Cernych, Zemlevolc Aleksandr Mordvinov (manoscritto)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Mordwinoff/ Alessandro/ Alessandro/ Russia/ Firenze/ 15 Giugno/ 1868/ Anni 25/ 1018/ +/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6P/ F67/ 837/
EMMA (GAMGEE) CAPEI/
INGHILTERRA/ DISTINTA CHE FU IN SUA MODESTA LUCE/ PER VENUSTA DI FORME/ E PIU/ PER INGENUITA D'ANIMO/ TEMPERATO AD ELEVATI PRINCIPII/ QUI RIPOSA NEI SONNO ESTREMO/ EMMA DI GIUSEPPE E MARIANNA GAMGE/ CHE AFFRANTA DA LABORIOSO GEMINO PARTO/ NEL DI 15 LUGLIO 1868/ IN ETA DI ANNI 29 MESI 3 GIORNI 13/ LASCIO DISE/ NEI QUATTRO SUOI FIGLI NEL CONSORTE DOTT. LORENZO CAPEI/ E IN QUANTI LA CONOBBERO/ MEMORIA NON PERITURA/

Lorenzo Capei il marito italiano medico, e i quattro figli rimasti piangono la morte della moglie e della madre dopo che aveva dato alla luce due gemelli. Lei è la figlia di un veterinario dell'Essex che era vissuto a Napoli e a Livorno. Suo fratello Joseph Samson Gamgee era un eccezionale medico. Continuando gli studi in Europa anche lui si interessò alla chirurgia veterinaria e scrisse diversi lavori, il primo all'età di appena 16 anni. Successivamente proseguì gli studi di medicina all'University College Hospital di Londra. Per un periodo condivise la casa con Joseph Lister (1827-1912), poi il Barone Lister di Lyme Regis, il fondatore della chirurgia antisettica. Durante gli studi di medicina, nel 1854 divenne membro del Royal College of Surgeons dell'Inghilterra e più tardi un membro del College of Surgeons a Edimburgo. Lavorò al Royal Free Hospital. Multilingue Gamgee viaggiò in Europa, in lungo e in largo, e continuò gli studi a Parigi, Bruxelles, Vienna, Firenze e Pavia. A Parigi divenne amico di Louis Pasteur (1822-1895) e lavorò all'Università di Parigi. Per un certo periodo lavorò come chirurgo all'University College Hospital e poi prese cura dei feriti della guerra in Crimea (1853-1856), all'ospedale anglo-italiano a Malta. (vedi anche 
A48/ SIR DAVID DUMBRECK. La maggior parte della sua vita professionale fu a Birmingham. Ci approdò nel 1857 e fu assunto al Queen's Hospital, fondato nel 1841. Qui amputò con successo la gamba di un uomo all'altezza dell'anca. Era conosciuto come quello che si lavava le mani sia prima che dopo l'intervento. Gamgee si interessava di tutto ciò che implicano gli ospedali e viene ricordato per gli sforzi per migliorare le condizioni in ospedale e perfino riuscì a costruire una nuova ala dell'ospedale. Gamgee aveva una conoscenza enorme della letteratura e fu un o zelante e elegante scrittore, un oratore eccezionale e un chirurgo instancabile.

Almeno i gemelli di Emma sopravvisserò.


     Harper's Monthly engraving

Urna su stele. Scultore: Mattei/Bazzanti? Sec. XIX, post 7/1863. Ambito toscano. Urna su stele di marmo scolpito con medaglioni con clessidre alate, torci capavolti, e due vasi di marmo. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [A: 36; L: 16. [M: A:  251.5; L: 77; P: 77; P.s. A: 36; L: 85.5; P: 85.5; R: A: 13; L: 113.5; P: 176.5.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: DISTINTA CHE FU IN SUA MODESTA LUCE/ PER VENUSTA DI FORME/ E PIU/ PER INGENUITA D'ANIMO/ TEMPERATO AD ELEVATI PRINCIPII/ QUI RIPOSA NEI SONNO ESTREMO/ EMMA DI GIUSEPPE E MARIANNA GAMGE/ CHE AFFRANTA DA LABORIOSO GEMINO PARTO/ NEL DI 15 LUGLIO 1868/ IN ETA DI ANNI 29 MESI 3 GIORNI 13/ LASCIO DISE/ NEI QUATTRO SUOI FIGLI NEL CONSORTE DOTT. LORENZO CAPEI/ E IN QUANTI LA CONOBBERO/ MEMORIA NON PERITURA/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Emma Cappei née Gamgée, l'Angleterre, fille de Joseph Gamgée et de Marianne/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°329, Rev Pendleton/ Obituary, The Standard/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Capei nata Gamgee/ Emma/ Giuseppe/ Inghilterra/ Firenze/ 15 Luglio/ 1863/ Anni 28/ 837/ See Gamgee/ NDNB entry on father, Joseph Sampson Gamgee/  Indagine Cognoscitiva, Preparatoria al Restauro delle opere site nel Cimitero Protestante di Firenze detto 'degli Inglesi', Gianguido Fumelli, Adriano Giachi, Stefano Landi, Antonella Malavolti, Sabrina Milani, 1991, 79/ Belle Arti scheda, 1993-1997/ Henderson/ °=dott. Lorenzo Capei, Firenze, Dr David Boddington, Hereford, Caroline Redfern. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6P/ F68/ 1016/
ISABELLA THOMSON/
INGHILTERRA/LIVORNO/ SACRO ALLA MEMORIA DI ISABELLA THOMSON. FIGLIA MAGGIORE DEL DEFUNTO DAVID THOMSON DI LIVORNO. MORI' A FIRENZA IL 18 MAGGIO 1868 ALL'ETA' DI 56 ANNI./1016

La vedova di David Thomson
F45/ CATHERINE (PEAT) THOMSON e la figlia di Livorno muoiono nel giro di 5 giorni e sono sepolte insieme in questo Settore.



Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1868. Ambito toscano/Livornese. Cippo di pietra incisa recinto da pietra serena. [M: A: 5; L: 127; P: 62; P.s. A: 30; L: 86; P: 202.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ ISABELLA ELDEST DAUGHTER OF/ THE LATE DAVID THOMSON OF/ LEGHORN DIED AT FLORENCE/ 18TH MAY 1868 AGED 56 YEARS/ 1016/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Isabelle Thomson, l'Angleterre, fille de David Thomson, et de Catherine, née Peat/
Glasgow Herald, Times/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Thomson/ Isabella/ David/ Inghilterra/ Firenze/ 18 Maggio/ 1868/ Anni 58/ 1016/ +/ See Catherine (Peat) Thomson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F7P/ F69/ NON IDENTIFICATA/ Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastra di marmo degrado in base di pietra, recinto con ferro. Ferro conservato, Daniel Dunitrescu, 2008. [P.s. A: 15; L: 81.5; P: 155; RF:. A: 121; L: 197; P: 220 ; RP.s.: A: 22; L 197;: P: 220.]
This could be the tomb for either N&Q 445. Alexander Glynn Campbell, only s. of Col. C., of Gatcombe Park, I. of Wight, ob. 5 Nov., 1836. Erected by his f. and sister, or for N&Q 353. Charles Sidney Lever, Lieut. 2nd Dragoon Guards, ob. 28 Sept., 1865, a. 26. An only son. The enclosure leaves space for two other burials.




F8P/ F70/ 88/
WILLIAM EDGEWORTH/ IRELANDA/ SACRO ALLA MEMORIA DI WILLIAM EDGEWORTH, IL PADRE E … NACQUE. . .

Questo bimbo di un anno non si trova nel Peerage in contrasto ai fratelli Antonio e Francis Ysidro. La madre spagnola è la sorella di Mariquita Eroles sorella di Rosa Florentina Eroles Edgeworth. La zia è Maria Edgeworth, la grande scrittrice irlandese. Lui è sepolto nello stesso lotto di David e Mary Reid (F71DAVID REID, MARY REID), Rev. Tennant (F49/ REV. HENRY ROBERT JOHN TENNANT), Sia David Reid che il Rev. Tennant furono sposati con Mariquita Eroles.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1833. Ambito toscano.Lastra fratturata e sporca aalzata sopra la terra fissata con chiodi di rame. [M: A: 2: L: 70; P: 108.5; P.s. A: 15; L: 14; P: 14; R: A: 23; L: 264; P: 400.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ WILLIAM EDGEWORTH/ THE FATHER AND . . . / HE WAS BORN . . . [Lengthy illegible inscription] Records, Guildhall Library, London: Baptism sibling? GL23774 N° 18, Antonio Erolez, b 19/03/41, bp 17/06/41, father Francis Beaufort Edgeworth of Edgeworthstown Longford Ireland, mother Rosa Florentina, Rev Tennant (F49)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Edgeworth/ Guglielmo/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Dicembre/ 1833/ Anni 1/ 88. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F8P/ F71/ 84/ 
DAVID REID EDGEWORTH/
IRLANDA/INGHILTERRA/ ALLA MEMORIA DI DAVID REID NATO IL 20 GENNAIO 1807 E MORTO NEL NOVEMBRE DEL 1833. COLORO CHE L'HANNO CONOSCIUTO LO ONORANO / MARY REID EDGEWORTH/ IRLANDA/INGHILTERRA/ITALIA/ INGHILTERRA/ITALIA MARY REID FIGLIA DI . . .. .

Il padre e la figlioletta di un mese sono sepolti insieme. Sempre  di temperamento eccitabile e autolesionistica, il padre si fece del male e morì proprio mentre nasceva la figlia. La morte dei due avvenne nello spazio di pochi giorni. E' chiaro che il Rev. Tennant cercò di consolare la famiglia, particolarmente le due sorelle e, alla fine, egli sposò la ormai  vedova Mariquita Eroles  Reid Edgeworth. Le tombe erano già illeggibili all'inizio del 20° secolo – N&Q.


   

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1833. Ambito toscano. Lastra di marmo illegibile, recinto, di pietra serena con 2/4 colonne che mancano ora il ferro, condiviso con Rev. Tennent e Edgeworth. [M: A: 17.5; L: 69.5; P: 108.5; RP.s. A: 43.5; L: 403; P: 205.] DAVID REID EDGEWORTH/ ENGLAND/ Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: TO THE MEMORY OF DAVID REID/ BORN 20 JANUARY 1807/ DIED NOVEMBER 1833/ . . . THOSE WHO KNEW HIM . . . HONOUR HIM . . . / See N° 85 1828-1844/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 10: Burial 22-11. Rev Hutton, 'thrown himself out of the window and stabbed himself while delusional and having his leg amputated lingered for many weeks'/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Reid/ David/ / Inghilterra/ Firenze/ 19 Novembre/ 1833/ Anni 27/ 84/ N&Q 350 *David Reid, b. 20 Jan., 1807 ; ob. 20 Nov., 1833. Mary Reid (illegible). Another illegible slab in same enclosure [William Edgeworth]/ MARY REID EDGEWORTH/ ENGLAND/ITALIA/ MARY REID/ DAUGHTER OF . . . / [See above inscription]/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 15: d of late David Reid, Burial 31-12, Rev Hutton/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Reid/ Maria/ [David]/ Inghilterra/ Firenze/ 29 Dicembre/ 1833/ Giorni 30/ 90. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9P/ F72/ 933
/ THOMAS BRUNKER/ IRLANDA/ SACRO ALLA MEMORIA DI THOMAS BRUNKER ESQ. AVVOCATO. MORI' A FIRENZE IL 30 DICEMBRE 1865 ALL'ETA' DI 42 ANNI.

Sappiamo dai registri genealogici irlandesi che si sposò con Anne O'Neil a Dublino, 9-1864 e morì a Firenze un anno dopo.



Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1865. Ambito toscano. Cippo con recinzione, 2/4 colonne. [M: A: 107; L: 58; P: 20; P.s. A: 39; L: 94.5; P: 28; R: A: 50; L: 94.5; P: 200.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF THOMAS BRUNKER/ ESQRE/ BARRISTER AT LAW/ DIED AT FLORENCE/ 30TH DECEMBER 1865/ AGED 42/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Thomas Brunker, l'Irlande, Angleterre/ From Dublin, Burial 02/01/65 , Rev Pendleton/
Obituary, Belfast Newsletter/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Brunker/ Tommaso/ / Inghilterra/ Firenze/ 31 Dicembre/ 1865/ Anni 42/ 933. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9P/ F73/ 971/
JOHN WRIGHT PEIRCE/ GALLES/
SACRO ALLA MEMORIA DI JOHN WRIGHT L'AMATO E UNICO FIGLIO DI JOHN H. PEIRCE E MASRY MARGARET LA MOGLIE. NACQUE IL 21 DICEMBRE 1845 A SWATCHWOOD HOUSE MONMOUTHSHIRE E MORI' IL 10 FEBBRAIO 1867 A fIRENZE. TI SEI AVVICINATO …..CHIAMATO …...HAI DETTO DI NON AVERE PAURA.

La sepoltura dell'unico figlio di una coppia gallese, la madre  F50/ MARY MARGARET PEIRCE.

 


Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1867. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporca, su base di pietra. [M: A: 4; L: 59; P: 127; P.s. A: 19; L: 72; P: 137.8.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ JOHN WRIGHT/ THE BELOVED AND ONLY SON OF/ JOHN H. PEIRCE ESQ/ AND MARY MARGARET HIS WIFE/ BORN TUESDAY 21ST DECEMBER 1845/ AT SWATCHWOOD HOUSE MONMOUTHSHIRE/ DIED 10TH FEBRUARY 1867 AT FLORENCE/ THOU DRAWEST NEAR IN . . . CALLED . . . THOU SAIDST FEAR NOT (Lamentations 3.57) / 971/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: John Wright Perry, l'Angleterre, fils de Jean/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 383 Burial 12/902, age 23, Rev Pendleton/ Obituary,
Times/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Peirce (Wright)/ Giovanni/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 10 Febbraio/ 1867/ Anni 22/ 971/ See Wright/ N&Q 352. John Wright, only s. of John Peirce, Esq., and Mary Margaret, his w., b. 21 Dec., 1843, at Snatchwood(sic) House, Mon.; ob. 10 Feb., 1867. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



F9P/ F74/ 974
/ MARIAN WORDSWORTH/
INGHILTERRA/ WORDSWORTH

DaI Webb: Il Rev. John Wordsworth di Brigham, Cumberland, figlio del poeta, sposò la terza moglie, Marian Dolan al St. James, Piccadilly, officiato da Derwent Coleridge, il terzo figlio di Samuel Taylor Coleridge. Lei è la figlia di Luke Golan di Galway. Hanno una figlia Dora, nata nel Distretto dei Laghi nel 1858. Nel 1861 erano forse in Europa perché non si trovano nel Censimento. Il 28 novembre la Signora Wordsworth firma il libro dei membri del Gabinetto Vieusseux. La sua morte è riportata nel Pall Mall Gazette, The Times e il Morning Post, riportano che suo marito è il Rev. John Wordsworth, Vicario a Brigham, Cumberland. Un precedente matrimonio con Isabella (Curwen) Wordsworth era in crisi quando lei si ammalò, in seguito a un parto. I due andarono a Roma dove John ebbe una relazione con una ragazza italiana di 16 anni, promettendo di sposarla alla morte della moglie. Henry Curwen minacciò di rivelare la tresca al vescovo e raccontò il fatto a William Wordsworth, entrambi i genitori lasciarono le loro eredità soltanto ai nipoti.  I figli che vivevano col padre, ritornarono dalla madre. lei morì a bagni di Lucca nel 1848. Kate Summerscale, Mrs. Robinson's Disgrace. Nel 2010 Sotheby's vendette una copia, con note in margine, delle poesie di Southey appartenente a William Wordsworth, che il Rev. John Wordsworth aveva donato alla moglie Marian Wordsworth il 17 agosto 1866. Firmato “W. Wordsworth, Rydal Mount”, per discendenza al Rev. John Wordsworth, iscrizione alla presentazione alla moglie Marianne Wordsworth, 17 agosto 1866.




Tomba in forma di croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1867. Ambito toscano. Tomba di pietra serena come croce orizziontale in forma gotica, infestata di licheni. [P.s.: A: 42; L: 171.4; P: 64] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: WORDSWORTH [unreadable inscription on pietra serena]/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Marianne Wordsworth, l'Angleterre/ Obituary, Morning Post/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Woodsworth/ Marianna/ / Inghilterra/ Firenze/ 30 Marzo/ 1867/ Anni 34/ 974/ N&Q 351. Marian, w. of the Rev. John Wordsworth, ob. 30 March, 1867, a. 38. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9Q/ F75/ 1989/
ANNA SIDONIA (WERNER) HAUPT/ GERMANIA/ ANNA HAUPT/ . . . 19 SEPTEMBER 1835/ . . . 25 SEPTEMBER 1867 /DER HERR IST MEIN LICHT UND IST MEIN HEIL

Una non vecchia, vedova tedesca/sassone viene sepolta sotto una semplice croce. Il suo nome evoca l'eroina di Virgilio, Sidonian Dido della Fenicia. Suo padre sarà Gustav Albert Werner, il teologo tedesco? Vedi anche il marito:

965/ TEODORO HAUPT/ GERMANIA/

Un ingegnere di Friburgo in Sassonia, è stato sepolto due volte, come Robina Wilson e Elizabeth Barrett Browning, purtroppo la sua tomba non esiste più.

Haupt, 17 Janvier (exhumé pour etre mis dans le cimitière)// Sassonia/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 114/ Haupt/ / Teodoro/ Germania/ Firenze/ 11 Gennaio/ 1867/ / 965.

524/ VIRGINIE (HOFFSTETTER) HAUPT/ SVIZZERA/

La prima moglie.

Virginia Haupt, née Hoffstetter, femme de Theodore Haupt, originaire de Freiberg, Saxe, Ingenieur, fille de Charles Hofstetter, De Buren, Canton de Berne, en Suisse, et de Anne Amelie Meget, son epouse/ Q 99: 310 Paoli/ Haupt nata Hooffstetter/ Virginia/ Carlo/ Svizzera/ Firenze/ 21 Dicembre/ 1853/ Anni 39/ 524/]


C24I/ C105/ 891/ VIRGINIE JOSEPHINE HAUPT/ GERMANIA/

La figlia, che morì prima dei genitori, è sepolta nel Settore C..

Virginie Josephine Haupte, Freiberg, Saxe, fille de Théodore Haupte et de Anne Sidonie, née Verner// Saxe/ I: 1852-1859 'Registre des Sepultures avec detail des frais', Paoli 599/ II: 1859-1865 'Registre des Sepultures avec detail des frais, Francs 114.65/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 114.05/ Haupt/ Virginia/ Giuseppina/ Teodoro/ Germania/ Firenze/ 29 Novembre/ 1864/ Anni 2/ 891.

Troviamo, perciò, che questa bambina viene chiamata con il nome della prima moglie di Theodoro Haupt, Virginie Hoffstetter Haupt, figlia di Charles Hoffstetter, sepolto nel Settore B e Anne Amelie (Meget) Hoffstetter nel Settore C. La sua tomba è uguale a quella della seconda moglie del padre ma ha perso la sua croce.



Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1867. Ambito toscano. Croce su roccie in marmo su base in pietra serena. [M: A:  107; L: 50; P: 39; P.s. A: 14; L: 52; P: 40.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ANNA HAUPT/ . . . 19 SEPTEMBER 1835/ . . . 25 SEPTEMBER 1867 /DER HERR IST MEIN LICHT UND IST MEIN HEIL (Psalm 27.1)/ . . . / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Anna Sidonie Haupt, Saxe, fille de Gustave Verner, et de Christine Wilhelmina, née Seifert/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 261/Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Haupt nata Werner/ Anna Sidonia/ Gustavo/ Germania/ Firenze/ 27 Settembre/ 1867/ Anni 32/ 1989/ Werner nei Haupt/ Anna Sidonia/ Gustavo/ Germania/ Firenze/ 27 Settembre/ 1867/ Anni 32/ 989// Sassonia. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F
8Q/ F76/ 1162/ MARY SOPHIA ARCHER SHEE/ 
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI MARY SOPHIA ARCHER SHEE, FIGLIA MAGGIORE DI WILLIAM E MARGARET ARCHER SHEE. NACQUE A LONDRA IL 23 OTTOBRE 1843 E MORI' A FIRENZE IL 20 FEBBRAIO 1872.

Il ritratto di suo padre, William Archer Shee, fu dipinto nel 1820 dal padre di lui, il pittore irlandese Sir Martin Arthur Shee, Presidente del Royal Accademy. Lei morì nubile a Firenze all'età di 28 anni.

   

'The Artist's Son', William Archer Shee, Metropolitan Museum of Art

Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1872. Ambito toscano. Croce in un basamanto di marmo bianco., recinto con marmo sopra pietra serena e con ferro Ferro conservato, Daniel Dunitrescu, 2008. [M: A: 133; L: 51.5; P: 36; RM: A: L: 80; P: 190; RF: A: 30; L: 183; P: 73.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF/ MARY SOPHIA ARCHER SHEE/ ELDEST DAUGHTER OF WILLIAM AND MARGARET ARCHER SHEE/ BORN IN LONDON 23 OF OCTOBER 1843/ DIED IN FLORENCE 20 OF FEBRUARY 1872/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 435 Burial 22/02 Rev Tottenham, Casa Villa sul Prato/ Obituary, Times, diphtheria/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Archer Shee/ Maria/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 20 Febbraio/ 1872/ Anni 27/ 1162/ NDNB entry on her grandfather Sir Martin Archer Shee, Irish Catholic painter, poet/N&Q 349. Mary Sophia Archer Shee, eldest d. of Wm. and Harriet Archer Shee, b. in London, 13 Oct., 1843: ob. 20 Feb., 1872. Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F7Q/ F77/ 863/
MARCHESA ANN JEANNETTE MARY (BEAUFOY FIELD FABBRI) RUSCONI/
INGHILTERRA/ QUI RIPOSA/ LA MARCHESA JEANNETTE RUSCONI/ NATA DE BEAUFOY FIELD/ VEDOVA FABRI IN PRIME NOZZE/ INGLESE DI PATRIA/ . . . LIVORNO/ IL MARCHESE ACHILLE RUSCONI/ DI LEI MARITO/ VOLLE QUI FOSSE DEPOSTA/ PERCHE DORM . . . /ESULTASE LO SPIRITO DI CLARA WALSH/ CHE FU CUGINA ED AMICA/ QUESTA LAPIDE POTESSE . . ./ DEFUNTA

Era la vedova dell’italiano Fabbri e, successivamente, sposò il Marchese Achille Giuseppe Rusconi (nato a Bologna 19.3.1830 + ?) Un nobile di Bologna e di Ravenna =1864. Giovanna Maria Beaufoy Field (morta prima del marito) erige la tomba. Muore a 32 anni. La lapide ci dice che anche  sua cugina Clara Walsh è sepolta qui.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1864. Ambito toscano. Recinzione in ghisa restaurata, Romagnoli, 2008. [M: A: 8.5; L: 146; P: 72.5; P.s. A: 20; L: 155; P: 82; RP.s.F: A: 144; L: 205; P: 121.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: QUI RIPOSA/ LA MARCHESA JEANNETTE RUSCONI/ NATA DE BEAUFOY FIELD/ VEDOVA FABRI IN PRIME NOZZE/ INGLESE DI PATRIA/ . . . LIVORNO/ IL MARCHESE ACHILLE RUSCONI/ DI LEI MARITO/ VOLLE QUI FOSSE DEPOSTA/ PERCHE DORM . . . /ESULTASE LO SPIRITO DI CLARA WALSH/ CHE FU CUGINA ED AMICA/ QUESTA LAPIDE POTESSE . . ./ DEFUNTA/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 342, Burial 25/02/64, Rev Isaac King/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Rusconi Vedova Fabbri nata Beaufoy Field/ Giovanna/ Inghilterra/ Livorno/ 22 Febbraio/ 1864/ Anni 32/ 863/ See Field Beaufoy/ CLARA WALSH/ ENGLAND/  Clara Walsh, l'Angleterre/ CemArchives 3: 815 Claire Walsh F499.55/ 816 Claire Walsh F39.40/ GL23777/1 N° 318 Burial 13/02 Rev Ponton, 'inward complaint'/ Walsh/ Clara/ / Inghilterra/ Firenze/ 11 Febbraio/ 1863/ Anni 63/ 815/ See tomb of the Marchesa Jeannette Rusconi. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F6Q/ F78/ 1000/ HANNAH (MEIKLAM/MACKLACY?) DENNISTOUN/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI HANNAH MEIKLAM, VEDOVA DEL DEFUNTO RICHARD DENNISTOUN DI RAVENSWOOD, ROZBURGH, SCOZIA. MORI’ A FIRENZE IL 27 DICEMBRE 1867. NON PIANGETE LEI NON E’ MORTA, DORME.

I Webb hanno altre informazioni sulla famiglia.




Obelisco.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1867. Ambito toscano. Obelisco inghirlandato, marmo sporco. Da pulire. [M: A:  26.1; L: 67; P: 67; P.s. A: 2.5; L: 66; P: 73; R: A: 65; L: 91.5; P: 204.5] / Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi sull'obelisco: SACRED TO THE MEMORY OF/ HANNAH MEIKLAM/ RELICT OF THE LATE RICHARD DENNISTOUN/ LATE OF RAVENSWOOD/ ROXBURGH SCOTLAND/ WHO / DIED AT FLORENCE/ 27TH DEC 1867/ [On Base] WEEP NOT SHE IS NOT DEAD BUT SLEEPETH/ S. LUKE C.8 V.52/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Anna Denniston, l'Angleterre, fille de John Macklacy/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Denniston nata Maclacy/ Anna/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 24 Dicembre/ 1867/ Anni 56/ 1000/N&Q 348. Hannah Meiklam, relict of Richard Dennistoun, late of Ravenswood, Roxburgh, Scot., ob. 24 Dec., 1867. Tassinari, p. 193, notes likely the mother of Archibald Dennistoun who served on the Swiss Church's committee, 1852-1878. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5R/ F79/ 1008/
CATHERINE FULLERTON FULLERTON/ IRLANDA/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI CATHERINE FULLERTON FULLERTON, FIGLIA MAGGIORE DEL DEFUNTO GEORGE ALEXANDER FULLERTON ESQ. DI BALLANTON CASTLE CONTEA DI ANTRIM, IRLANDA E DI TOLLINGTON, GLOUCESTERSHIRE E EX DI WESTWOOD N. SOUTHAMPTON, HAMPSHIRE.  MORI’ A FIRENZE NELLA RESIDENZA DEL COGNATO JOHN NESBITT MAXWELL ESQ IL 20 FEBBRAIO 1868 ALL’ETA’ DI 66 ANNI. ASSENTE NEL CORPO PRESENTE NEL SIGNORE.

Sul retro della tomba si legge che è eretta alla sua memoria dalla sorella Susanna Fullerton Maxwell. Il padre, George Alexander Fullerton nacque il 30 novembre 1775. Era il figlio di Dawson Downing e Catherine Fullerton. Quando nacque gli fu dato il nome di George Alexander Downing. Il nome venne cambiato legalmente a George Alexander Fullerton con una Licenza Reale. Sua figlia porta lo stesso nome della nonna paterna da ragazza. Successivamente  B35/ JOHN NESBIT MAXWELL
e la sorella di Catherine, SUSANNA (FULLERTON) MAXWELL, vengono sepolti insieme nel Settore B, rispettivamente nel 1874 e nel 1876.



Colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1868. Ambito toscano. Colonna di marmo surmontata da una croce, sporca su basamento di marmo, recinto dello stesso con 4 colonne A: 55; L. 15; P: 15. [M: A: 256; L: 61; P: 61; M:. A: 2.75L: P: ; R: A: 55; L: 84; P: 200.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ OF CATHERINE FULLERTON FULLERTON/ ELDEST DAUGHTER/ OF THE LATE GEORGE ALEXANDER FULLERTON ESQ OF BALLANTON CASTLE/ CO ANTRIM IRELAND/ TOLLINGTON GLOUCESTERSHIRE/ AND LATE OF WESTWOOD/ N. SOUTHAMPTON HAMPSHIRE/ SHE DIED IN FLORENCE/ AT THE RESIDENCE OF HER BROTHER-IN-LAW/ JOHN NESBITT MAXWELL ESQ/ ON THE 20 DAY OF FEBRUARY 1868/ AGED 66 YEARS/ ABSENT FROM THE BODY/ PRESENT IN THE LORD/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Catherine Fullerton, l'Angleterre, fille de George Alexandre Fullerton/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 396, Burial 22/02, Age 66, Rev Pendleton/ Obituary, Pall Mall Gazette/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Fullerton/ Caterina/ Giorgio/ Inghilterra/ Firenze/ 20 Febbraio/ 1868/ Anni 65/ 1008/ See Maxwell entries. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5R/ F80/
1050/ AUGUSTA ROBERTSON/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI AUGUSTA ROBERTSON. MORI’ A FIRENZE IL 18 MAGGIO 1869. SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE.

Suo padre è il 9°  padrone di Auchlecks. Vediamo due delle sue figlie e la moglie in un ritratto di famiglia di Frederick Richard Say. L’ultima figlia muore nubile a 37 anni. Web: “Auchlecks è una classica casa giorgiana con un grande giardino murato di piante perenni, tutto in una bellissima vallata contornata di colline ricoperte di alberi maturi.

  

Portrait of Robert Robertson, Ninth Laird of Auchleeks (1777-1859), his wife Bridget, and two of their daughters, Bridget and Amelia.

Tomba in forma di croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1869. Ambito toscano. Tomba e recinto di marmo bianco, ora sporco, in forma di una croce orizzontale gotica. [M: A: 114.5; L: 67; P: 205; R: A: 28; L: 122; P: 235.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF AUGUSTA ROBERTSON/ OF AUCHILEEKS/ WHO DIED AT FLORENCE ON THE 18TH MAY 1869/ I KNOW THAT MY REDEEMER LIVETH (Job 19.25)/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Augusta Robertson, l'Angleterre, fille de Robert Robertson/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 407 Burial 20/05 Rev Tottenham, Hotel d'Italie/ Western Mail, of Auchlecks, Blair Atghole, and of Memblend, Devon/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Robertson d'Auchleeks/ Augusta/ Roberto/ Inghilterra/ Firenze/ 20 Maggio/ 1869/ Anni 37/ 1050. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4Q/ F81/ 1051/
EMIL OTTO ADOLF ALBERT VON PARPART/ GERMANIA/SVIZZERA/ DEINE SONNE WIRD/ NICHT MEHR UNTERGEHEN/ NOCH DEIN MOND/ DEN SCHEIN VERLIEREN/ DENN DER HERR WIRD/ DEIN EWIGES LICHT/ HIER RUIT/ ALBERT VON PARPART/ RECHTS RITTER DES JOHANITER ORDENS/ GESTORBEN IN FLORENZ DEN 24 MAI 1869/ IM ALTER VON 56 JAHREN

Web: “Albert Emil Otto von Parpart nacque il 22 maggio 1813 a Wibsch Bei Kulmsee, Westpreussen e morì il 24 maggio 1869 a Firenze all’età di 56 anni. Albert sposò Germanì  Adelaide Mathilde Von Bonstetten che nacque nel 1813 e morì il 20 giugno 1883 a Hunegg all’età di 70 anni. Emil Otto Albert Adolf Von Parpart, Cavaliere di Malta, era un prussiano che costruì un castello da fiaba vicino a un lago in Svizzera. Non essendoci eredi il Castello fu ereditato dal Cantone di Berna che, generosamente, ha finanziato il restauro e la pulitura della tomba. Vorremmo piantare una rosa rampicante “Asta Von Parpart” dietro alla tomba.

       
Hünegg Castle on Lake Thun




Croce. Scultore: Giuseppe Bondi Sec. XIX, post 5/1869. Ambito toscano. Croce gotica, lasttra scolpito in rilievo da una croce di Malta, recinto con ferro. Intervento di pulitura e restauro, del marmo e del ferro, Alberto Casciani, Mauro Romagnoli, 2010. Intervento di pulitura e conservazione del marmo e del ferro, lettere depinte, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012..[M (cippo con croce gotica): A: 175; L: 77.5; P: 37; P.s. A: 43; L: 82; P: 38.5; M (lastra con croce di Malta): A: 6; L: 78.4; P: 163.8; P.s. A: 19.5; L: 84.1; P: 167.2; RP.s. A: 31; L: 122.8; P: 202; RF: A: 77.L: 122: P: 202.] Iscrizione sepolcrale tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: DEINE SONNE WIRD/ NICHT MEHR UNTERGEHEN/ NOCH DEIN MOND/ DEN SCHEIN VERLIEREN/ DENN DER HERR WIRD/ DEIN EWIGES LICHT (Isaiah 60.20)  [Croce di Malta in rilievo] HIER RUIT/ ALBERT VON PARPART/ RECHTS RITTER DES JOHANITER ORDENS/ GESTORBEN IN FLORENZ DEN 24 MAI 1869/ IM ALTER VON 56 JAHREN/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Emile Othun Albert de Parpart, Prusse, rentier, fils de Charles de Parpart, et de Henriette, née Porsch/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Parpart/ Emilio, Ottone, Adolfo, Alberto/ Carlo/ Germania/ Firenze/ 24 Maggio/ 1869/ Anni 56/ 1051/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See
Mediatheca 'Fioretta Mazzei holdings, TAU


F4Q/ F82/ 892/
HENRI SCHNEIDER/ SVIZZERA/ HENRI SCHNEIDER/ NE A EGLISAU/ LE 16 AVRIL 1816/ LE SEIGNEUR L'APPELLA/ A LUI APRIS UNE MALADIE/ DE 4 HEURES LE 23 DECEMBRE 1864/ O PROFONDEUR DES RICHESSES ET/ DE LA SAGESSE ET DE LA CONNOISSANCE/ DE DIEU QUE SES JUGEMENTS SONT INPENETRABLES ET QUE SES VOIES/ SON INCOMPREHENSIBLE/ ROM xi.33

Il Pastore Luigi Santini ricorda che Henri viene in Italia per lavorare con gli Abbot Lambruschini a San Cerbone. Inoltre contribuì alla Guida all’Educatore, mettendo tutta la sua fede nei metodi educativi di Pestalozzi. Aspettava molto dal movimento cattolico libero in Italia. Soffrì molto per gli imbrogli che seguirono. La figlioletta  F85/ ELISABETH HENRIETTA PAULINA SCHNEIDER
è sepolta accanto a lui.


Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1864. Ambito toscano. Lastra di marmo biano, ora sporca. Da pulire. [M: A: 2; L: 60.5; P: 136; P.s. A: 15; L: 69.5; P: 14.5.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi:
HENRI SCHNEIDER/ NE A EGLISAU/ LE 16 AVRIL 1816/ LE SEIGNEUR L'APPELLA/ A LUI APRIS UNE MALADIE/ DE 4 HEURES LE 23 DECEMBRE 1864/ O PROFONDEUR DES RICHESSES ET/ DE LA SAGESSE ET DE LA CONNOISSANCE/ DE DIEU QUE SES JUGEMENTS SONT INPENETRABLES ET QUE SES VOIES/ SON INCOMPREHENSIBLE/ ROM xi.33/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Schneider/ Enrico/ / Svizzera/ Firenze/ 24 Dicembre/ 1864/ Anni 47/ 892/ + cancelled/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4P/ F83/ 1184
/ WILLIAM FRANCIS RAM HASKARD/
INGHILTERRA/ IN MEMORIA DI WILLIAM FRANCIS RAM, FIGLIOLETTO DI WILLIAM E MARGARET HASKARD. NATO IL 31 DICEMBRE 1871 MORI’ IL 15 OTTOBRE 1872. LASCIATE CHE I BAMBINI VENGANO DA ME E NON LI INTRALCIARE PERCHE’ COSI’ E’ IL REGNO DEL CIELO.

Il figlio di William Thomas Haskard, B55/ TIMOTHY HASKARD,  Il nonno banchiere con una gamba sola è sepolto nel Settore B. Questo bambino vive per soltanto 9 mesi. I discendenti sono venuti a visitare le tombe.William Thomas Haskard's son.



Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1872. Ambito toscano. Croce su basi di marmo e pietra serence, recinto con stesso. [M: A: 68; L: 36; P: 36; P.s. 1st base: A: 26.5; L: 62.5; P: 35.5; 2nd base: A: 17.5; L: 60; P: 117; R: A: 58; L: 87.5; P: 148.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF WILLIAM FRANCIS RAM/ INFANT SONE OF WILLIAM AND MARGARET HASKARD/ BORN 31 DEC 1871 DIED 15 OCT 1872/ SUFFER LITTLE CHILDREN TO COME/ UNTO ME AND FORBID THEM NOT FOR OF SUCH IS THE KINGDOM OF GOD LUKE XVIII 16 V/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Guillaume Haskard, l'Angleterre, fils de Giullaume/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Haskard/ Guglielmo/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 13 Ottobre/ 1872/ Mesi 9/ 1184/ N&Q 347. Wm. Francis Ram, inf. s. of Wm. and Margt. Haskard, b. 31 Dec., 1871 ; ob. 13 Oct., 1872. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
 

F4Q/ F84/
929/
AIME FRANCOIS EMILE CONOD/ SVIZZERA

Di nuovo la sepoltura di un bambino, questo svizzero di appena 5 mesi. Una tomba persa era del suo fratello di un anno, Albert Pierre Francois.

AIME FRANCOIS EMILE CONOD/ NE LE 13 JUILLET 1865/ MORT LE 16 NOVEMBRE 1865/ - / LAISSEZ VENIR A MOI LES PETITS ENFANTS/ MATTH. XIX. V. 24
(Matt.19.14)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Conod/ Amato Francesco Emilio/ Emanuele/ Svizzera/ Firenze/ 16 Novembre/ 1865/ Mesi 5/ 929. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

ALBERT PIERRE FRANCOIS CONOD/ SVIZZERA/

I genitori di questo bambino sono della Svizzera francofona.

Albert Pierre François Conod, fils de Emmanuel Conod, et de Mathilde Anne Jeane, née Ulrich/ III: 1865-1870 'Registre des Sepultures' avec detail des frais; Francs 195.55/ Conod/ Alberto Pietro Francesco/ Emanuele/ Svizzera/ Firenze/ 4 Luglio/ 1865/ Anni 1/ 912/ 




F4Q/ F85/ 833/
ELISABETH HENRIETTA PAULINA SCHNEIDER/ SVIZZERA/ ELISABETH H.P. SCHNEIDER/ NEE LE 1ER DEC. 1862/ LE SEIGNEUR LA REPRIT APRES 7 MOIS/ LE 1 JULIET 1863/ VOUS NE SAVEZ PAS MAINTENANT CI/ VE JE FAIS MAIS VOUS LE SAUREZ APRES JEAN VIII

Questa bambina di 7 mesi era figlia del pedagogo e teologo F82/ HENRI SCHNEIDER.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1863. Ambito toscano. Croce incisa sulla lastra di marmo bianco, ora sporca, con spazio per ottone o piombo. [M: A: 2; L: 47; P: 87.5; P.s. A: 15; L: 53; P: 94.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ELISABETH H.P. SCHNEIDER/ NEE LE 1ER DEC. 1862/ LE SEIGNEUR LA REPRIT APRES 7 MOIS/ LE 1 JULIET 1863/ VOUS NE SAVEZ PAS MAINTENANT CI/ VE JE FAIS MAIS VOUS LE SAUREZ APRES JEAN VIII (Jean 13.7)/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Elisabeth Henriette Pauline Schneider, Eglisan, Canton de Zurich, fille de Henri Schneider, et de Pauline, née Gutmann/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Schneider/ Elisabetta Enrichetta Paolina/ Enrico/ Svizzera/ Firenze/ 1 Luglio/ 1863/ Mesi 7/ 833/ + cancelled. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4Q/ F86/ 751/
JACQUES MEJEAN/ FRANCIA/  . . . MARCHANT . . .

I discendenti riportano che il Marchant Jacques Mejean era il nipote del’Ambasciatore svizzero in Francia ai tempi di Napoleone Primo e Presidente della Chiesa Protestante Francese. Ha già sepolto, in questo Settore, una figlia di 13 anni e la moglie,
F90/ LOUISE CLARA MEJEAN and F89/ HENRIETTE TESSONNIERE MEJEAN.. Alcuni membri della famiglia si sposano con membri della famiglia Meyrveis, proveniente da Ganges in Francia, con sepolture nel Settore D, (D142/ GEORGINE (GENARD) MEYRVEIS, D141/SOPHIE MEYRVEIS, D140/ JULES MEJEAN). 



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1861. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco rotto su basimento di pietra. [M: A: 2.5;  L: 70; P: 137; P.s. A: 10; L: 75; P: 145.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali: . . . MARCHANT . . .  Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: mort à Pescia, Jacques Mejean, Ganges (Dept de l'Herault - France), négociant, fils de Alexandre Mejean/ Q 474: 98 Paoli/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Méjean/ Giacomo/ Alessandro/ Francia/ Pescia/ 24 Agosto/ 1861/ Anni 66/ 751/ See Mejean, Meyrueis/°=Gilles & Marie-Hélène Peugeot.. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3Q/ F87/
834/ JOSEPHINE JENNY CONOD/ SVIZZERA/ JOSEPHINE JENNY CONOD/ NEE LE 2 SEPTEMBRE 1862/ MORTE LE 27 JUIN 1865/ L'ETERNELE AVAIT DONEE, L'ETERNELE L'A OTEE, LE NOM DE L'ETERNELE SOIT BENIT JOB 1.22

E’ la bambina della coppia svizzera Emmanuel e Mathilde Anne Jeanne Conod.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1865. Ambito toscano. Lastra di marmo molto sporco su pietra. [M: A: 1.5; L: 53; P: 102; P.s. A: 13.5; L: 60.5; P: 111.5.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: JOSEPHINE JENNY CONOD/ NEE LE 2 SEPTEMBRE 1862/ MORTE LE 27 JUIN 1865/ L'ETERNELE AVAIT DONEE, L'ETERNELE L'A OTEE, LE NOM DE L'ETERNELE SOIT BENIT JOB 1.22/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Joséphine Jenny Conod, Arney et des Claes, Canton de Vaud, Suisse, fille de Emmanuel Conod et de Mathilde Anne Jeane, née Ulrich/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Conod/ Giuseppe Giovanni/ Emanuele/ Svizzera/ Firenze/ 27 Giugno/ 1863/ Mesi 10/ 834 [wrong gender listed in elenco]. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3Q/ F88/ 704/
MARTHA CHARLOTTE PANTON/
INGHILTERRA/ 704

E’ inglese, nata a Livorno e figlia di Thomas e Louise Panton. Sul Web troviamo: “Il padre era l’ultimogenito di Thomas Panton Sr. E la moglie Margaret Douglaas. Thomas Panton Jr. aveva 43 anni ed era un mercante come il padre. Il secondo figlio, che si chiama Thomas, aveva lo stesso nome del primogenito, un bambino morto a 3 anni, nato undici anni prima. Il 29 gennaio 1792 Thomas Jr. sposò la figlia di un importante mercante ugonotto di Livorno, Anna Louise Desmaretz. Questa coppia ebbe 7 figlie femmine. Però 4 delle figlie morirono ancora bambine e prima dei genitori. La vedova del Signor Panton, Louisa, gli sopravvisse per meno di tre mesi e morì all’età di 36 anni nel maggio 1811. Le tre figlie rimaste, Jane, Josephine e Marta sopravvissero”. (F65/ JOSEPHINE LOUISE PANTON) che Martha sono sepolte qui. Sono imparentate con i Sapte (B5/ ANTHONY MEEKE SAPTE).



Tomba.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 8/1860. Ambito toscano. Tomba con lastra di marmo persa identificato soltanto dal numero '704' su base di pietra.  [M: A: 15; L: 70.5; P: 143.5.] Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Martha Charlotte Panton, Angleterre, née a Livourne, rentiere, fille de Thomas Panton, et de Louise Panton/ Q413: 351 Paoli/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Panton/ Marta Carlotta/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 22 Agosto/ 1860/ Anni 57/ 704. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3Q/ F89/ 663/
HENRIETTE TESSONNIERE MEJEAN/ FRANCIA/ HENRIETTE MEJEAN NEE TESSONNIERE/ DECEDE 6 FEVRIER 1859/ A L'AGE DE 60 ANS/ LE SOIN DE SA FAMILLE L'OCCUPA TOUJOURS/ 663

La madre francese di
F90/ LOUISE CLARA MEJEAN, accanto alla quale sarà sepolta nel 1859, poco dopo  il marito F86/ JACQUES MEJEAN le raggiungerà, a poca distanza.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1859. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, inciso, ora fratturata e sporca, su basimento di pietra. [M: A: 2.5; L: 65.5; P: 131; P.s. A: 10; L: 68.5; P: 137.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: HENRIETTE MEJEAN NEE TESSONNIERE/ DECEDE 6 FEVRIER 1859/ A L'AGE DE 60 ANS/ LE SOIN DE SA FAMILLE L'OCCUPA TOUJOURS/ 663/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henriette Mejean, née Teisonniere, Ganges (Departement de l'Herault en France, mariée a Giacomo Mejean/ Q 345: 118 Paoli/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Méjean nata Teissonnière/ Enrichetta/ / Francia/ Peschia/ 6 Febbraio/ 1859/ Anni 58/ 663/ See Mejean, Meyrueis/°=Gilles & Marie-Hélène Peugeot. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3Q/ F90/ 403/
LOUISE CLARA MEJEAN/ FRANCIA/ 1849/ CLARA MEJEAN/ VOUS ESTE SAUVES PAR GRACE PAR LA FOI/ ET C'EST UNE VIENT PAS DE VOUS C'EST NON DE DIEU/ EPANS. II.v.8

Ha soltanto 13 anni. La madre
F89/ HENRIETTE TESSONNIERE MEJEAN le verrà posata accanto dieci anni dopo, il padre F86/ JACQUES MEJEAN poco tempo dopo. La famiglia è interconnessa con i Meyrveis (D142/ GEORGINE (GENARD) MEYRVEIS, D141/ SOPHIE MEYRVEIS) ambedue le famiglie provengono da Ganges (Hérault) in Francia e sono protestanti ugonotti che lavorano nell’ambito della tessitura della seta a la “Florentine”, Orleans. Anche loro hanno una sepoltura D140/ JULES MEJEAN, nel Settore D.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1849. Ambito toscano. Lastra di marmo, ora sporca, su basimento di pietra. [M: A: 2.5; L: 58.5; P: 127; P.s. A: 8; L: 68; P: 136.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: 1849/ CLARA MEJEAN/ VOUS ESTE SAUVES PAR GRACE PAR LA FOI/ ET C'EST UNE VIENT PAS DE VOUS C'EST NON DE DIEU/ EP[hesi]ANS. II.v.8/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Louise Clara Mejean, née a Pescia, agé de 13 ans, fille de Jacques Mejean de Ganges, Departement de l'Héraulte en France, et de Dame Henriette, née Tressoniere/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Méjean/ Clara/ / Francia/ Pescia/ 22 Aprile/ 1849/ / 403/ See Mejean, Meyrueis/°=Gilles & Marie-Hélène Peugeot. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2Q/ F91/
179/
THOMAS TOWNLEY/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI THOMAS TOWNLEY. MORI’ A 71 ANNI IL 14° GIORNO DI FEBBRAIO 1839, ALL’ETA’ DI 52 ANNI./

Di nuovo proviene da una famiglia inglese a lungo residente a Firenze. Egli è il precussore, il patriarca con la moglie, ormai vedova,
D58 /MARY TOWNLEY, nel Settore D, i figli sono E144/ ROBERT TOWNLEY, nel Settore E  e GEORGE (sepolto qui ma con la lapide ormai persa) quest’ultimo ha 4 figli e la moglie è italiana, Annunziata Donati, il terzogenito erige la lapide in memoria di Mary Townley.
GEORGE TOWNLEY/ INGHILTERRA/

Il figlio di Thomas Townley (F91) e Mary Townley (D58), il fratello di Robert Townley (E144). Fu sepolto nel Settore B ma oggi la tomba non esiste più.
He is the son of Thomas Townley () and Mary Townley (), the brother of Robert Townley (E144). He was buried in the original Sector B but now lacks a tomb.

Townley/ Giorgio/ Tommaso/ Inghilterra/ Firenze/ 7 Dicembre/ 1871/ Anni 58/ 1152/ George Townley, l'Angleterre, fils de Thomas/ GL23777/1 N° 434 Burial 09/12 Rev Tottenham; Baptism children Albert b 15/07/69, Alfred b 11/09/60 Henry b 12/02/57,  Mary Victoria b 11/12/65, all bp 26/02/70 Rev Tottenham, father George, mother Annunciata Donati/
IV: 1871-1875 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Francs 337, B.



 Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1839. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, che è spezzata, su pietra. [M: A: 2.5; L: 67; P: 138; P.s. A: 10; L: 75; P: 149.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY/ OF THOMAS TOWNLEY/ WHO DIED AT FLORENCE/ ON THE 14th DAY OF FEBRUARY 1839/ AGED 52 YEARS/ 179/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 71 Burial 16-02, Rev Tennant
(F49)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Townley/ Tommaso/ / Inghilterra/ Firenze/ 14 Febbraio/ 1839/ Anni 52/ 179. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2-3R/ F92/ 279/
MARGARET (DAVIES) PRICE/ GALLES/ INELLA TOMBA QUI SOTTO SI TROVANO I RESTI DI MARGARET PRICE, MOGLIE DI STAFFORD PRICE ESQ. DI HENDON HOUSE, MIDDLESEX. FIGLIA DI WILLIAM DAVIES ESQ. DI BROMPTON HALL NELLA CONTEA DI MONTGOMERY. NACQUE NEL MONTGOMERYSHIRE IL 9 GIUGNO 1776 E MORI’ A FIRENZE IL 13 FEBBRAIO 1844. AVEVA UNA MENTE SUPERIORE, UN CUORE TENERO E ONESTO, ERA GENTILE, BENEVOLA, ILLUMINATA E DEVOTA. LA RELIGIONE DETTE LUCE ALLE SUE VIRTU’. ERA UNA MOGLIE FEDELE, UNA MADRE TENERA E AFFETTUOSA, UN’AMICA SINCERA E BENVOLUTA. LA SUA VITA ERA DEVOTA ALLA FAMIGLIA E NELLO SVOLGERE, IN MODO PIO, I SUOI VARI DOVERI. MANIFESTAVA L’UMILTA’ E LA PAZIENZA E LA TOLLERANZA CHE CI INSEGNA IL VANGELO. CON LA FORZA DELLA FEDE SOPPORTO’ LE VICISSITUDINI DELLA VITA CON UNA SOTTOMISSIONE MANSUETA. IL SUO SPIRITO ERA PURO E GENTILE NELLA SPERANZA DI GLORIA IN PARADISO SULLA CROCE DI CRISTO. questo monumento viene eretto da Daniel Price es., in memoria della madre.

Nel 1852 Daniel Price aveva già venduto la proprietà di famiglia e viveva in Messico. The Webbs elenca i suoi discendenti.




Sarcofago. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1844. Ambito toscano. Sarcofago in marmo bianco, ora sporco, su basamanto di pietra serena, degrada, recinto in pietra serena con colonne scanellate 1/4. [M: A: 95; L: 143; P: 76.5; P.s. A: 11; L: 148; P: 82; R: A: 14; L: 220; P: 145.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: BLESSED ARE THE DEAD WHICH DIE IN THE LORD (Revelation 14.13)/ IN THE VAULT BENEATH LIE THE REMAINS OF/ MARGARET PRICE/ WIFE OF STAFFORD PRICE ESQRE OF HENDON HOUSE/ IN THE COUNTY OF MIDDLESEX/ DAUGHTER OF WILLIAM DAVIES ESQRE OF BROMPTON HALL/ BOTH IN THE COUNTY OF MONTGOMERY/ SHE WAS BORN IN MONTGOMERYSHIRE/ ON THE 9TH OF JUNE 1776/ SHE DIED IN FLORENCE ON 13TH OF FEBRUARY 1844/ ENDOWED WITH A SUPERIOR MIND AN UPRIGHT AND TENDER HEART/ SHE WAS GENTLE BENEVOLENT AND KIND ENLIGHTEND AND PIOUS/ RELIGION GAVE LUSTRE TO HER VIRTUES/ SHE WAS A FAITHFUL WIFE/ A TENDER AND AFFECTIONATE MOTHER A SINCERE AND VALUED FRIEND/ HER LIFE WAS DEVOTED TO HER FAMILY/ AND IN THE PIOUS DISCHARGE OF HER VARIOUS DUTIES/ SHE EVINCED THAT HUMILITY PATIENCE AND FORBEARANCE/ WHICH THE GOSPEL TEACHES/ IN THE STRENGTH OF FAITH/ SHE BORE THE VICISSITUDES OF LIFE WITH MEEK SUBMISSION/ HER PURE AND GENTLE SPIRIT RESTING ITS HOPES OF HEAVENLY GLORY/ ON THE CROSS OF CHRIST// THIS MONUMENT IS ERECTED BY/ DANIEL PRICE ESQ/ TO THE MEMORY OF HIS MOTHER/
Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 61: spells name, Pryce, Burial 16-02, Rev Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Price/ Margherita/ / Inghilterra/ Firenze/ 13 Febbraio/ 1844/ / 279/ N&Q 399. Erected by Daniel Price, Esq., to his mother Margaret, w. of Stafford Price, Esq., of Hendon House Midd., d. of William Davies, Esq., of 9 June, 1776; ob. 13 Feb., 1844/ Webbs have further material. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
 

F3R/ F93/ 166
CONSTANCE CECILIA (BULKELEY) DE BOURBEL/
INGHILTERRA/ L'AN 936 CONSTANCE CECILIA/ BULKELEY/ MARQUISE DE BOURBEL/ MONTPINCON/ DE 31 ANS D'AGE/ FLORENCE LE 9 AVRIL 1838




Questa giovane cosmopolita viene battezzata nel 1860 a Lisbona. Il 28 marzo 1828 si sposa con Harold de Bourbel de Monpicon Marchese De Bourbel, donnaiolo e truffatore, nella Cappella dell’Ambasciata Britannica a Parigi e alla Madeleine. Muore a Firenze all’età di 31 anni. The Times ricorda che morì di parto essendo stata abbandonata dal marito all’ultima settimana di gravidanza. Maquay è presente al funerale. Ha una tomba elaborata con stemma. Dal Web veniamo a sapere che la figlia le sopravvisse, Constance Georgina de Bourbel Louise de Bourbel de Monpicon Contessa Wachtmeister (1838-1910), ancora di più una cittadina del mondo. Era amica di Helena P. Blavatsky. Nacque il 28 marzo 1838 a Firenze, Italia e quando perse i genitori era ancora molto giovane, il Marchese De Bourbel, ex del servizio diplomatico e Constance Bulkley. Fu spedita in Inghilterra per vivere con una zia e nel 1863 sposò un cugino, il Conte Karl Wachtmeister, Ministro alla Corte di San Giacomo per la Svezia e la Norvegia. Dopo 3 anni si trasferirono in Scandinavia dove il marito fu Ministro del Governo sia a Copenhagen che a Stoccolma. La Wachtmeister perse il marito nel 1871, aveva un figlio, il Conte Axel Raoul, a quel tempo un famoso compositore. La Wachtmeister si  iscrisse alla Theosophical Society nel 1881 e conobbe  H.P. Blavatsky a Londra nell’aprile del 1884. Lei era segretaria e tesoriera del Balvatsky Lodge a Londra e, inoltre, lavorava per la casa editrice teosofica, dando un contributo generoso ai fondi. Nel 1887 la Wachtmeister, i Keighley e la Bavatsky comprarono una grande casa al 17, Lansdowne Road, Londra, dove la Blavatsky continuò a scrivere la sua “The Secret Doctrine”. Nel marzo 1888 il Presidente Henry S. Olcott, reduce di un tour stancante in India, decise di lasciare Adyar, la sede teosofica vicino a Madras (ora Chennai), India per recuperare le forze a Ootacamund.  Fece un incontro del Consiglio Esecutivo e la Wachtmeister fu nominata  come segretaria aggiuntiva alla sezione occidentale del TS. Nel 1891, Olcott  costituì una Lega degli operai teosofici, del quale la Wachtmeister divenne Presidente. Quello stesso anno la Wachtmeister, dopo la morte della Blavatsky, andò a Adyar dove Olcott la nominò Presidente della Lega della educazione femminile, lavorando per far studiare le donne indiane. Olcott aveva scritto un diario degli anni da quando aveva conosciuto la Blavatsky in America (1874) e nel 1893 egli chiese alla Wachtmeister di disporre della sua pubblicazione. Lei voleva che Olcott tolse delle frasi che riteneva derogatorie verso la Blavatsky ma Olcott non era d’accordo e lo fece pubblicare con il titolo di “Old Diary Leaves” (Londra, Putnam, 1895). Più tardi nello stesso anno la Wachtmeister, Besant  e Bertrand Keightley presero in affitto una proprietà di 4 acri a Benares (ora Varanassi) che, eventualmente divenne la sede della sezione indiana. Nel febbraio 1895 Olcott venne a sapere che William Q. Judge stava considerando una secessione dalla Società; partì immediatamente per Calcutta per consultare con la Wachtmeister e con Annie Besant, per decidere il migliore corso d’azione. Alla conferenza di Adyar nel 1896 Olcott tributò fervidi complimenti alla Wachtmeister nel suo discorso da Presidente, dicendo che lei, dopo aver fatto dei prodigi di oratoria, di lavori sociali e di lavoro privato in Australasia, ora si era data con entusiasmo all’aiuto dei lealisti americani per ricostruire la loro sezione.” Annie Besant partì per l’America nel marzo del 1897 per aiutare a ricostruire la sezione, devastata dalla secessione di  Judge. Fu incontrata a New York dalla Wachtmeister che viaggiò insieme a lei in un lungo tour che contava discorsi in 70 città. Dopo un periodo piuttosto lungo in America, nel 1899 la Wachtmeister fece un tour di lezioni in Francia e in India che risultò nella formazione di molti nuovi Lodges. La Wachtmeister pubblicò un importante resoconto delle prime associazioni con la Bavatsky: Reminiscences of H.P. Blavatsky and the “Secret Doctrine” (1893). Morì il 23 settembre, 1901.


    
Constance Georgina Louise de Bourbel de Monpicon Countess Wachtmeister

Tomba. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1838. Ambito toscano. Tomba complessa di marmo incisa recinto con colonne. [M: A: 57; L: 97; P: 215.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: L'AN 936 [Stemma] CONSTANCE CECILIA/ BULKELEY/ MARQUISE DE BOURBEL/ MONTPINCON/ DE 31 ANS D'AGE/ FLORENCE LE 9 AVRIL 1838 [Giglio]. Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 62, La Marquise de Bourbel, formerly Miss Buckley, Burial 17-04, Rev. Knapp/ Obituary, Morning Post, Times/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 173. Bourbel/de/(Bulkeley)/ Constanza/ Cecilia/ / Inghilterra/ Firenze/ 9 Aprile/ 1838/ Anni 31/ 166/ N&Q 400. Constance Cecilia Bulkeley, Marquise de Bourbel Montpingon, ob. 9 Apr., 1838, a. 31/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3R/ F94/ 708
/
ANNINE CRASTAN/ SVIZZERA/

Questa famiglia conta, inoltre, una presenza nel Cimitero olandese/tedesco a Livorno. Provengono da una povera regione svizzera di lingua romancia.

 

Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1860. Ambito toscano. Lastra di cimento rotta e sporca su pietra. Identificato soltanto dal numero. [M: A: 2; L: 60; P: 69; P.s. A: 10; L: 70; P: 78.] Iscrizione persa. Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Annine Crastan, Sins (Canton des Grisons) fille de Ermanno Crastan, et de Anna, née Fens/ II: 1859-1865 Anna Crastan, 'Registre des Sepultures' avec detail des frais, Paoli 193/ Q 421: 48 Paoli/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Crastan/ Anna/ Ermanno/ Svizzera/ Empoli/ 8 Ottobre/ 1860/ Mesi 10/ 708. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4R/ F95/ (43) 696/
NICOLA FENT/ SVIZZERA / QUI RIPOSA NICOLA D'ANGIOLO FENT/ IL MAGGIORE/ NATO IN S. NELLA CANTONE GRIGIONE/ LE . . GENNAIO 1839/ MORTO IN EMPOLI IL 18 APRILE 1860/ L'AFFLITTI CONGIUNTI/ Q.M.R. SONO LA RISURREZIONE . . ./
Q 400: 125 Paoli/ Fint/ Niccola/ Angiolo/ Svizzera/ Empoli/ 18 Aprile/ 1860/ Anni 23/ 696/ See Fint.

Nato nei Grigioni, morì a Empoli a 23 anni, rimpianto dalla famiglia che, però, si ricordano della risurrezione di Gesù.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1860. Ambito toscano. Lastra di marmo rotta e sporca su pietra.  [M: A:  ; L:   ; P: 69; P.s.  :  ; L:  ; P:  .] QUI RIPOSA NICOLA D'ANGIOLO FENT/ IL MAGGIORE/ NATO IN S. NELLA CANTONE GRIGIONE/ LE . . GENNAIO 1839/ MORTO IN EMPOLI IL 18 APRILE 1860/ L'AFFLITTI CONGIUNTI/ Q.M.R. SONO LA RISURREZIONE . . ./ Q 400: 125 Paoli/ Fint/ Niccola/ Angiolo/ Svizzera/ Empoli/ 18 Aprile/ 1860/ Anni 23/ 696/ See Fint. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4R/ F96/ 777/
GUILLAUME BARON DE CONSTANT REBECQUE/
OLANDA
/ GUILLAUME BARON DE CONSTANT REBECQUE/ CAPITAINE DE FREGATE DE LA MARINE/ ROYALE DES PAYS BAS,/ CHEVALIER DE L'ORDRE MILITAIRE DE GUILLAUME/ DE LION NEERLANDAIS ET DU DANMERQUE/ DECORE DE PLUSIEURS MEDAILLES/ NE A BERLIN LE 6 JANVIERS 1807/ DECEDE A FLORENCE LE 25 FEVRIER 1862

Membro di una famiglia svizzera, nacque a Berlino e servì nella Marina Olandese. Suo padre era capo delle forze anglo-olandesi contro Napoleone a Waterloo e dette contrordini a un ordine dato da Wellington, che secondo quest'ultimo gli olandesi dovevano evacuare  Quattro Bras. Willem Anne Constant De Rebecque era un ardente seguace del positivismo di Auguste Comte e abitava in Piazza Santa Maria Novella a Firenze mentre lavorava a una traduzione in italiano del “Catechisme positiviste” di Comte ma si ammalò di vaiolo e morì all'ospedale di Santa Maria Nuova. Suo fratello commissionò la lapide. E' sepolto vicino a un parente positivista
F103/ CHEVALIER HENRI D'ARLENS (padre, Marc Antoine Casanove d'Arlens, madre Constance Charlotte de Constant Rebecque). Un altro parente era associato con Madame de Stael. Un discendente fu uno dei vincitori del Nobel per la pace nel 1909. E' interessante che in questo Cimitero i positivisti fanno un gruppo nel Settore F e gli spiritualisti svedenborgiani nel Settore B, mentre il Settore dei massoni si trova nel Settore C (britannici) e nel settore F (americani)', i Hart.

                      
Jean-Victoire de Constant Rebecque  Willem Anne Baron de Constant Rebecque

Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1862. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporco su pietra. [M: A: 2.5; L: 61; P: 134.5; P.s. A: 16.5; L: 72; P: 142.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: GUILLAUME BARON DE CONSTANT REBECQUE/ CAPITAINE DE FREGATE DE LA MARINE/ ROYALE DES PAYS BAS,/ CHEVALIER DE L'ORDRE MILITAIRE DE GUILLAUME/ DE LION NEERLANDAIS ET DU DANMERQUE/ DECORE DE PLUSIEURS MEDAILLES/ NE A BERLIN LE 6 JANVIERS 1807/ DECEDE A FLORENCE LE 25 FEVRIER 1862/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: le baron Guillaume Constant Rebecque, Suisse [but tombstone says Dutch], domicilé dans les Pays-Bas, ancien officier de la marine hollandaise, fils de le baron Jean Victor de Constant Rebecque, et de Isabelle Catherine Anne Jacqueline, née de Lynden, origin d'Arnheim/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Constant Rebecque/ Barone Guglielmo/ Giovanni Vittorio/ Olanda/ Firenze/ 25 Febbraio/ 1862/ Anni 55/ 777/ See D'Arlens. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4R
/ F97/ 700/ BALDASSARE BIAGIO STALVIES/ SVIZZERA/ 700

Proviene dalla svizzera di lingua romancia. Possiede diversi immobili. Vedi inoltre  F132/ BALDASSARE STALVIES



Urna su colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1860. Ambito toscano. Urna su colonna quadrata in marmo bianco su base di pietra serena. [M: A: 108; L: 42; P: 42; P.s. A: 48; L: 60; P: 60.] Inscrizione illegibile, identificato soltanto dal '700'/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Baldassare Biagio Stalvies, Sens, Canton des Grisons, proprietaire, fils de Biagio (Ambrogio) Stalvies, et de Domenica, née Bazell, sa femme/ Q407: 310 Paoli/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Stalvies/ Baldassare/ Ambrogio/ Svizzera/ Firenze/ 15 Giugno/ 1860/ Anni 35/ 700. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F4R/ F98/ 261/ GERTRUDE EMMA DALRYMPLE/ SCOZIA/ SACRO ALLA MEMORIA DI GERTRUDE EMMA DALRYMPLE, SECONDA FIGLIA DI MARTON DALRYMPLE ESQ. DI FORDEL E CLELAND, SCOZIA. MORI' IL QUARTO GIORNO DI MAGGIO 1843, ALL'ETA' DI 36 ANNI.

Sul Caledonian del 1809 si trova il necrologio del padre: “A Cleland House, il 23 di questo mese, molto e meritatamente rimpianto Maton Dalrymple esq. di Fordel: notevolmente distinto per le qualità sia della mente che del cuore. Era un caro amico, un genitore tenero, un marito affettuoso, un maestro indulgente, un bravo uomo d'affari e un eccellente gentiluomo di campagna. Il grande disegno nazionale della ferrovia da Glasgow a Berwick, adesso contemplata, doveva la sua origine alla sua ingenuità e quando sarà ultimata rimarrà un monumento onorabile delle sue idee illuminate, il suo giudizio importante e la sua attività instancabile e perseverante. Mentre il valore privato e l'utilità pubblica vengono considerati estimabili, il ricordo di questo gentiluomo sarà caro per i suoi numerosi amici e per la popolazione che gli abitava vicino”. Lavorò con membri della famiglia Hay (vedi:
F56/ FRANCES ANNE (OGLE) HAY, F53/ HENRIETTA MARIA HAY in questo Settore) e con Telford per la costruzione di una ferrovia, già con vapore, per trasportare il ferro e il carbone dalle sue miniere. La seconda figlia muore nubile all'età di 36 anni.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1843. Ambito toscano. Lastra in marmo fratturata e sporca. Da consolidare e pulire. [M: A:  2.5; L: 70; P: 140; P.s. A: 9; L: 74; P: 138.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY/ OF/ GERTRUDE EMMA DALRYMPLE/ SECOND DAUGHTER OF MARTON DALRYMPLE ESQ. OF FORDEL/ AND CLELAND IN SCOTLAND/ DIED THE 4TH DAY OF MAY 1843/ AGED 36 YEARS/ 261/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 48: and of Frances Ingram his wife born at Cleland House County Lanark, Burial 06-05, Rev Irving/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Dalrymple/ Gertrude Emma/ / Inghilterra/ Firenze/ 4 Maggio/ 1843/ Anni 28/ 261/ N&Q 401. Gertrude Emma, 2nd d. of Marton Dalrymple , Esq., of Fordel and Cleland in Scotland/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F9P/ F99/ 262/ SARAH (BAKER) BRUCE/
INGHILTERRA/SACRO ALLA MEMORIA DI SARAH BRUCE. MORI' IL 5 MAGGIO 1845. REQUIESCAT IN PACE.

Una giovane inglese nubile (se non è sposata con un Baker) di Leicester, figlia di Thomas e Elizabeth Bruce.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1845. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco sporco. [M: A: 3; L: 68.5; P: 135; P.s. A: 9.5; L: 76; P: 151.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY/ OF SARAH BRUCE WHO/ DIED THE FIFTH OF MAY/ 1845/ REQUIESCAT IN PACE/ 262/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 49: spinster of Leicester, d of Thomas & Elizabeth Bruce, born 06-05-17, Burial 07-05, age day short of 26, Rev. Irving/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Bruce (Baker)/ Sara/ / Inghilterra/ Firenze/ 5 Maggio/ 1843 [sic]/ / 262/ N&Q 402. Sarah Bruce, ob. 5 May, 1843. R.I. P. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F5R/ F100/ (66) 282/ WILLIAM HALLS/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI WILLIAM HALLS. MORI' IL 21 MARZO 1844 ALL'ETA' DI 33 ANNI.

Un giovane inglese di cui sappiamo ben poco.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1844. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporca, in base di pietra serena. Da pulire. [M: A: 2.5; L: 67; P: 137; P.s. A: 8; L: 76; P: or143.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY/ OF WILLIAM HALLS/ WHO DIED/ THE 21 DAY OF MARCH 1844/ AGED 35 YEARS/ 282/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 63 Burial 23-03, Rev Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Halls/ Guglielmo/ Inghilterra/ Firenze/ 21 Marzo/ 1844/ / 282/ N&Q 403. William Halls, ob 21 Mar 1844, a. 35/ Indagine Cognoscitiva, Preparatoria al Restauro delle opere site nel Cimitero Protestante di Firenze detto 'degli Inglesi', Gianguido Fumelli, Adriano Giachi, Stefano Landi, Antonella Malavolti, Sabrina Milani, 1991, 66. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5R/ F101/ 1067/
THOMAS FRASER/ SCOZIA/ THOMAS FRASER DI EXKADALE, INVERNESSHIRE. MORI' A FIRENZE IL 2 NOVEMBRE 1869 ALL'ETA' DI 62 ANNI. MOLTO RIMPIANTO.

Suo padre era Hugh Fraser e passò la gioventù a Exkadale, Invernesshire, Scozia. Vedi il capitano Hugh Fraser, Exkadale (1720-1801), che potrebbe essere il nonno ed  era figlio di Alexander Fraser 3° Barone di Exkadale e Isabel Fraser, che passò la gioventù alla tenuta di Lovat. Hugh “portava armi” come gentiluomo volontario sotto il Generale Blakeney nella 27° Fanteria (Enniskillens) durante la spedizione a Cartenega nel 1740 nelle Indie Occidentali. Sopravvisse nonostante ci furono innumerevoli perdite per malattia. Fu nominato portabandiera nel 1742 e con il suo reggimento combatté a Culloden nel 1746, dopo fu nominato Tenente il 4 settembre 1754. Nell'estate del 1757 andò in America del Nord con la 27° Fanteria per partecipare alla spedizione contro Louisbourg. Quando la spedizione abortì egli e il suo reggimento furono assegnati a Fort Edward per l'inverno. Combatté alla battaglia di Ticonderoga nel 1758, insieme al suo reggimento, ritornò l'anno seguente per una spedizione contro Ticonderoga e Crown Point , che ebbe successo.  E' probabile che sia l'autore di un frammento di una lettera anonima concernente le ultime fasi della Battaglia di Ticonderoga, nella quale riferisce di un fratello del nome di “Wullie”, anche lui presente. Questo potrebbe essere stato William Fraser Sr., un gentiluomo volontario del 42° reggimento prestato come portabandiera al 80° (Fanteria Leggera di Gage), il 27 dicembre 1757; fu promosso Tenente il 25 settembre 1760 e morì in battaglia cinque anni dopo sul Niagara Portage il 14 settembre 1763. Nel 1760 Hugh marciò su Montreal facendo parte dell'esercito del Brigadiere Haviland e si incontrò con gli eserciti di Murray e Amherst il 13 settembre 1760. L'anno seguente era al Crown Point, il più anziano Tenente del suo reggimento che venne dirottato verso la campagna delle Caraibi contro la Martinica e Guadalupe. Fu mandato al 78° Reggimento quando fu nominato Capitano il 23 ottobre 1761. Comandò una compagnia a Quebec e poi il reggimento fu sciolto nel dicembre del 1763, fu pensionato con metà paga. Suo figlio, quando era a Londra, era vicino di casa dei Smith di Bolton Street, Piccadilly.



Obelisco.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1869. Ambito toscano. Obelisco in marmo, scolpito con grano e ulivo, alfa, omega, chi rho, sporco, sopra basamento di pietra serena degrada. [M: A: 204; L: 78; P: 78; P.s. A: 22; L: 92; P: 92.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: THOMAS FRASER OF EXKADALE/ IN INVERNESSHIRE/ WHO DIED AT FLORENCE/ ON THE 2 DAY OF NOVEMBER 1869/ AGED 62 YEARS/ DEEPLY LAMENTED/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: +/ Fraser/ Tommaso/ Ugo/ Inghilterra/ Firenze/ 2 Novembre/ 1869/ Anni 63/ 1067/ GL Burial, 05/11, Rev Tottenham, Borgo Ognissanto, 1/ Times, late of Eshadale and 21 Bolton Street, Piccadilly, London/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F
6R/ F102/ 1206/ EMIL SCHNEIDER/ SVIZZERA/ EMIL SCHNEIDER/ VON ZURICH/ GEB 3 NOVEMBER 1864/ GEST 8 APRIL 1873// 1206

Emil Schneider di Zurigo. Nei nostri registri manoscritti viene meticolosamente presentato con i nomi del padre e il nome della madre da nubile.



Croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1873. Ambito toscano. Croce in marmo su basamenti di marmo e pietra serena. [M: A: 81; L: 40; P: 28; P.s. A: 50; L: 50; P: 36.] Iscrizione sepolcrale tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: EMIL SCHNEIDER/ VON ZURICH/ GEB 3 NOVEMBER 1864/ GEST 8 APRIL 1873// 1206/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Emile Schnieder, Suisse, fils de Felix Schneider et de Joséphine, née Wohler/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Schneider/ Emilio/ Felice/ / Firenze/ 8 Aprile/ 1873/ Anni 8/ 1206. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6R/ F103/ 1002
/ CHEVALIER HENRI D'ARLENS/ SVIZZERA/ QUI RIPOSA  LE CHEVALIER HENRI D'ARLENS. MORI' A FIRENZE IL 12 GENNAIO 1863.

Questo Nobiluomo ugonotto svizzero è imparentato con F96/ WILLEM ANNE BARON DE CONSTANT REBECQUE.



Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1867. Ambito toscano. Lastra di marmo incisa, sporca. [M: A: 2; L: 59.5; P: 129; P.s. A: 10.5; L: 69.5; P: 139.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ICI REPOSE/ LE CHEVALIER HENRI D'ARLENS/ DECEDE A FLORENCE/ LE 12 JANVIER 1863/ 1002/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henri D'Arlens, Chevalier, Lausanne, Suisse, rentier, fils de Marc Antoine Casenove d'Arlens, et de Constance Charlotte, née de Constant Rebeque/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: D'Arlens/ Enrico/ Marco Antonio C./ Svizzera/ Firenze/ 12 Gennaio/ 1868/ Anni 77/ 1002/ See Constant Rebecque. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6R/ F104/ 997/
JANE RICKETTS/
INGHILTERRA/ QUESTA LAPIDE POSATA DA HENRY E JANET ROSS. JANE NATA A EAST KNOYLE IL 16 FEBBRAIO 1836 E MORTA A FIRENZE IL 13 DICEMBRE 1867.

Jane Ricketts di East Knoyle fu elencata nel Censimento inglese del 1861. Janet e Henry Ross, che si occupano della tomba, arriveranno a Firenze nel 1867 e successivamente comprano la villa di Poggio Gherardo.




Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1867. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, ora molto sporco su pietra serena. [M: A: 2; L: 56.5; P: 133.5; P.s. A: 19; L: 71.6; P: 145.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: THIS STONE IN MEMORY OF/ JANE RICKETTS/ BORN AT EAST KNOYLE 16 FEBRUARY 1836/ DIED AT FLORENCE 13 DECEMBER 1867/ HAS BEEN PLACED BY HENRY AND JANET ROSS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Jeanne Ricketts, l'Angleterre/ Records, Guildhall Library, London: G23777/1 N° 390, Burial 17/12, Rev Pendleton/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Ricketts/ Giovanna/ / Inghilterra/ Firenze/ 15 Dicembre. 1867/ Anni 29/ 997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings, TAU


F7R/ F105/ 187/
MARIA (WARREN) CHICHESTER/
INGHILTERRA/ SOTTO GIACCIONO I RESTI DI MARIA, MOGLIE DEL CAPITANO GEORGE CHICHESTER DI ARLINGTON, DEVON. LASCIO' QUESTA VITA A LIVORNO IL 4 LUGLIO 1840 ALL'ETA' DI 24 ANNI. L'USANZA PRESCRIVE UN MONUMENTO E QUALUNQUE COSA CHE SIA DECOROSA E GIUSTA PER TE, CHE DOVREBBE ESSERE PER TE. ANCHE SE LA MEMORIA NON AVRA' BISOGNO DI AIUTI ARTIFICIALI PERCHE' SIA COME MOGLIE CHE MADRE O AMICA VIVI IN TUTTI I NOSTRI CUORI E CI VIVRAI PER SEMPRE. P.BAZZANTI.F.

Un ritratto in miniatura del marito, George Chichester, si trova al National Trust a Arlington, Devon. Egli servì nel 59° Reggimento e fu mandato a Colombo nel 1818, successivamente prese parte nell'assedio di Bhurtpoor. La loro figlia di otto mesi era morta l'anno precedente e la madre la segue, improvvisamente e sospettosamente, a Livorno. JL Maquay, Diari, 15.7.1840, “Andai a Livorno dopo la morte improvvisa della Signora Chichester. Morì il 14 con delle testimonianze strane date dal domestico. Fu deciso, nel giorno stesso, che dovevo andare a vedere”. La tomba è elegante con delle lacrimali, vasi classici per le lacrime, ed è posta in una zona originalmente predisposta per le sepolture dei bambini. In questo caso lei è sepolta sopra la figlia morta prima dei lei. Un'altra indicazione del gusto della famiglia è lo squisito acquerello di Blake che possedevano e che si trova ancora a Arlington Court. I Webb riportano  le interconnessioni con le seguenti famiglie:  Chichester, Whyte, Moyser, Baldelli, Fleetwood Wilson, Walker e Riddell.

        
George Chichester       Arlington Court, Devon

Sarcofago e colonne con urne lacrimali. Scultore, Pietro Bazzanti/ Signature: P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 7/1840. Ambito toscano. Monumento con sarcofago fra due colonne scanalate surmontate di lacrimali scolpito con lampade e inciso su un basamento di pietra serena, pulito in parte di Palazzo Spinelli, una lastra al fronte per la bambina, ora illegibile, in un recinto di pietra serena con colonne scanalate, una volta con ferro. [M: A: 193.5, L: 186, P: 49; P.s. A: 205, L: 188, P: 49; RP.s.: A: 70.5; L: 230.5; P: 212.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: BENEATH ARE DEPOSITED THE REMAINS OF/ MARIA WIFE OF CAPT GEORGE CHICHESTER/ OF ARLINGTON DEVON/ WHO DEPARTED THIS LIFE AT LEGHORN ON JULY 14 1840 AGED 24/ CUSTOM PRESCRIBES A MONUMENT AND WHATSOEVER/ IS DECOROUS BECOMES THEE AND SHOULD BE, ELSE MEMORY WILL NEED NO ARTIFICIAL AID FOR AS WIFE MOTHER OR A FRIEND THOU LIVEST IN ALL OUR HEARTS AND SHALL LIVE STILL/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 8: "died suddenly at Leghorn", Burial 22/07, Rev. Tennant (F49)/ Maquay Diaries: 15 Jul 1840, 20 Jul., 22 Jul. Consults with Chichester's brother-in-law, Edward Marcus Whyte/ Obituary, Morning Post/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Chichester/ Firenze/ / Inghilterra/ Firenze/ 23 Ottobre/ 1839/ Mesi 8/ 187/ Chichester/ Madama [Maria]/ / Inghilterra/ Livorno/ 20 Luglio/ 1840/ / 204/ Henderson/°=Arthur Waddle. FLORENCE SUSAN CHICHESTER/ ENGLAND/ GL 23773/4 N° 78: d of Capt Chichester, born 03/02/39, baptized 14/03/39, Rev Tennant (F49); Burial 23-10, Rev. Tennant (F49). Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F8R/ F106/ 975/ NAPOLEONE VALENTINI/ ITALIA/ NAPOLEONE VALENTINI/ NATO IL 2 GIUGNO 1806/ MORTO A FIRENZE IL 1 APRILE 1867/ IL SIGNORE HA DATO, IL SIGNORE HA TOLTO, SIA BENEDETTO IL NOME/ DEL SIGNORE/ 975

Viene menzionato, come consulente, negli Atti dell'Accademia dei Nuovi Lincei nel gennaio del 1856. Parlavano dell'uso della corteccia dei gelsi per fare la carta.



Croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1867. Ambito toscano. Croce di marmo bianco, recinto in pietra serena. [M: A: 82.5; L: 40; P: 28.8; P.s. A: 18; L: 44; P: 34; RP.s.: A: 27; L: 90.5; P: 193.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: NAPOLEONE VALENTINI/ NATO IL 2 GIUGNO 1806/ MORTO A FIRENZE IL 1 APRILE 1867/ IL SIGNORE HA DATO, IL SIGNORE HA TOLTO, SIA BENEDETTO IL NOME/ DEL SIGNORE (Giobbe 1.21)/ 975/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Napoleon Valentini, peintre, fils de Octaviano/ . . . Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Valentini/ Napoleone/ Ottaviano/ Italia/ Firenze/ 1 Aprile/ 1867/ Anni 61/ 975. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9R/ F107/ 898
/ SARAH LEE/
INGHILTERRA/ R.BENCINI// SACRO ALLA MEMORIA DI SARAH MOGLIE DEL COLONNELLO SIR FRANCIS LEE. LASCIO' QUESTA VITA IL 3 FEBBRAIO 1865 ALL'ETA' DI 89 ANNI. QUESTA TOMBA FU ERETTA IN MEMORIA DELLA SUA AMATA MOGLIE. LA FIGLIA LOUISA MARCHESA GUADAGNI.

Qui la Marchesa Louisa Guadagni seppellisce la madre e successivamente seppellirà anche il marito della sorella (
E63/ ISAAC LUMLEY). Di nuovo abbiamo una inglese che sposa un italiano. In questo caso  è una famiglia della nobiltà fiorentina che possiede palazzi e manoscritti di Dante. Il marito di Sarah, il Col. Sir Francis Lee servì nella Marina Reale dove la paga era bassa e dove le promozioni erano molto più lente che nell'Esercito o nella Marina regolari. Egli parlò di questa questione in Parlamento nel 1838, riportando che la sua paga era di solo 700 sterline all'anno. Morì all'improvviso, mentre era ancora in servizio attivo, il 29.10.1841, a Woolich. La notizia giunse alla moglie mentre era a Firenze (Gentleman's Magazine, Elizabeth Maquay, Diario 7  58v) L'iscrizione agli Allori: SACRO ALLA MEMORIA DELLA MARCHESA LOUISA GUADAGNI, FIGLIA DI SIR FRANCIS E LADY LEE, NATA IL 5 DICEMBRE 1819 E MORTA IL 30 APRILE 1886. Adriano Guadagni riuscì a decifrare l'iscrizione, poco leggibile, sulla tomba nel Cimitero degli Inglesi e lasciò agli Archivi svizzeri delle copie dell'annuncio delle nozze e una lettera da Louisa al Marchese Donato. La genealogia si trova con i Webb.
                
Adriano Guadagni, figlio di Giacomo, nipote di Guadagno, bisnipote di Donato, Marquis of San Leolino (sposato, 1828, con Louisa, figlia di Sara e Sir Francis Lee), sposa Elisabetta Stavro Santarosa, 1943.

Croce. Scultore, R.BENCINI. Sec. XIX, post 1/1865. Ambito toscano. Croce sopre roccie scolpite in marmo bianco, recinto con colonne che ora mancano tre. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 260; L: 140; P: 68; R: A: 65; L: 197; P:  81.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: R.BENCINI.  SACRED TO THE MEMORY OF SARAH WIFE OF COL. SIR FRANCIS LEE/ WHO DEPARTED THIS LIFE 3RD FEBRUARY 1865/ IN THE 89TH YEAR OF HER AGE/ THIS TOMB WAS ERECTED IN MEMORY OF HIS BELOVED WIFE/ HER DAUGHTER LOUISA MARCHESA GUADAGNI/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Sarah Lee, l'Angleterre, agee de 89 ans/ Records, Guildhall Library, London: GL age 88, Burial 28/01, Rev Pendleton/ Marriage GL20990 N° 56 Isaac Lumley to Sarah Lee, who may be daughter of Sir Francis and Sarah Lady Lee, at BCL, groom of Richmond Yorks, bride born in Florence, Rev Crokat/ Leeds Mercury, Morning Post, Examiner/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Lee/ Sara/ / Inghilterra/ Firenze/ 25 Gennaio/ 1865/ Anni 89/ 898/ Tomb of Louisa Lee, similarly a daughter of Sir Francis and Lady Lee, who died in 1886, aged 75, is listed in Allori Register/ See identical tomb for Isaac Lumley (1856, 24 Marzo, 'L'an mil huit cent cinquante six, vingt quatrième jour du mois de Mars a été enseveli dans le cimitière de la susdite Eglise [1856, 24 marzo], Un Enfant du sexe masculin, fils de Isaac Lumley, Anglais, domicilié a Florence, et de Sarah Lumley, sa femme'/ GL23777/1 N° 234, Burial 14/05, Rev O'Neill/ Lumley/ Isacco/ / Inghilterra/ Firenze/ 12 Maggio/ 1857/ Anni 30/ 612). Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F9S/ F108/ 1073/ CHARLOTTE COURTENAY JOHNSON/
INGHILTERRA/ 1073/ CHARLOTTE COURTENAY JOHNSON SI ADDORMENTO' NEL SIGNORE IL 4 DICEMBRE 1869 ALL'ETA' DI 70 ANNI. A COLUI CHE CI HA AMATI E CHE HA LAVATO I NOSTRI PECCATI NEL SUO STESSO SANGUE E CI HA RESI RE E PRETI, A DIO E AL SUO PADRE SIA LA GLORIA E IL POTERE PER SEMPRE. AMEN.

Lei ha 70 anni, la pietra tombale è semplice con una bella frase dalle Scritture. Ricordiamo che a quest'epoca agli italiani era vietato usare parole della Bibbia ma qui, in questo santuario d'isola con l'immunità diplomatica, testi della Bibbia abbondano.




Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1869. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, sporca. [M: A: 2; L: 63; P: 146;  P.s. A: 30.5; L: 80; P: 163.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: 1073/ CHARLOTTE COURTENAY JOHNSON/ WHO FELLE ASLEEP IN THE LORD/ DEC 4TH 1869/ AGED 70/ UNTO HIM THAT LOVED US, AND WASHED/ US FROM OUR SINS IN HIS OWN BLOOD/ AND HATH MADE US KINGS AND PRIESTS/ UNTO GOD AND HIS FATHER, TO HIM BE GLORY AND DOMINION FOR/ EVER AND EVER/ AMEN. REV 1.6./ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Charlotte Johnson, l'Angleterre/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Johnson/ Carlotta/ Riccardo/ Inghilterra/ Firenze/ 4 Dicembre/ 1869/ Anni 70/ N&Q 408. Charlotte Courtenay Johnson, ob. 4 Dec. 1869., a. 70. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9S/ F109/
1347/ ANNA MAYER HERMANN/ SVIZZERA/
ANNA HERMANN NATA A ROHRBACH E MORTA A FIRENZE IL 6 MARZO 1876, ALL'ETA' DI 79 ANNI.

Questa vedova muore dopo un Signore che porta un nome simile Erminio Hermann, ma non sono marito e moglie. Rohrbach si trova nel cantone di Berna in Svizzera ma si trova anche in Baviera in Austria. Un altro Mayer nel Cimitero, Andrea Mayer, Settore C, muore molti anni prima all'età di 20 anni e proviene da una famiglia prussiana che produceva birra.



Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012.  [M: A: 85; L: 52; P: 17; P.s. A: 32; L: 57.5; P: 21.5; R: A: 11; L: 46.5; P: 32.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ANNA HERMANN/ NEE A ROHRBACH/ DECEDEE A FLORENCE/ LE 6 MARS 1876/ A L'AGE DE 79 ANS/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hermann nata Mayer/ Vedova Anna/ Giovanni/ Svizzera/ Firenze/ 6 Marzo/ 1876/ Anni 79/ 1347. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F8S/ F110/ 846/ ALGERNON PARKES/
INGHILTERRA/

Un padre e un figlio giacciano uno accanto all'altro in tombe identiche. Il certificato di morte fu rilasciato agli Archivi del Cimitero. Webbs riporta Il testamento, nei National Archives, della sorella Anna Maria Margaret che si sposa con Luigi Frescobaldi.


  

Tomba in forma di croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1863. Ambito toscano. Tombe in pietra serena formate in forma di una croce orizzontale, gotiche in stilo, molto erose. [P.s.: A: 35; L: 196; P: 71.] Algernon Parkes/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Algernon Parkes, l'Angleterre, rentier, fils de John Parkes et de Anna Marie Françoise, née Rees [Register I has Death Certificate at this page]/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Parkes/ Algernon/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 13 Settembre/ 1863. Anni 42/ 846. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F8S/ F 111/ (126) 884/ HERMANN PARKES/ SVIZZERA/
INGHILTERRA

Questo bambino di 4 anni, orfano di padre, viene a raggiungere il padre l'anno seguente. La madre proviene dalla stessa famiglia di lingua romancia di  F135/ ERMINIO HERMANN
a Sent in Svizzera.

 

Tomba in forma di croce. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1864. Ambito toscano. Tomba in forma di croce di pietra serena formate in forma di una croce orizzontale, gotiche in stilo, molto erose. [P.s.: A: 34; L: 173; P: 62.3.]  Hermann Parkes/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Hermann Parkes, l'Angleterre, fils de Algernon Parkes, et de Rosa, née Hermann/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Parkes/ Ermanno/ Algernon/ Inghilterra/ Firenze/ 17 Ottobre/ 1864/ Anni 4/ 884. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F7S/ F112/ UNKNOWN Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1828. Ambito toscano. Lastra degrada. [P.s. A:?; L: 71; P: 140.]




F7S/ F113/ 147/
MARIA ANN (WYCKOFF) OLMSTED/ AMERICA/ MARIA ANN OLMSTED DI NEW YORK, AMERICA. MORI' IL 20 NOVEMBRE 1836.// P.BAZZANTI.F.

La genealogia degli Olmsted spiega che la famiglia ha origine con i pionieri olandesi all'allora New Amsterdam, oggi New York. Nacque nel 1796 e il padre si chiamava Hendrick Wyckoff e la madre Phebe Suydam. Sposò Francis Olmsted il 15.10.1817 a New York e aveva una figlia, Caroline, che sposò un bostoniano, Henry Winthrop Sargent, un architetto paesaggista. Aveva due figli maschi, Winthrop Henry e Francis Turner ma non esistano discendenti. Il suo nome evoca il grande architetto di giardini, Frederick Law Olmsted.



Sarcofago. Scultore: Pietro Bazzanti, Signature: P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 11/1864. Ambito toscano. Sarcofago in marmo bianco scolpito con una farfalla, sporco. Ricerca sui licheni, CNR 'Nello Carrara', 2013. [M: A: 96; L: 141; P: 80. P.s. troppo erosa a misurare.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: Mrs MARIA ANN OLMSTED/ OF NEW YORK/ U.S. OF AMERICA/ DIED 20TH NOVEMBER/ 1836/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Olmsted/ Maria Anna/ / America/ Firenze/ 20 Novembre/ 1836/ / 147/ N&Q 446. Mrs. Maria Ann Olmsted, of New York, ob. 20 Nov., 1836/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F7S/ F114/ 728/
ARTHUR BLUETT/ ISLE OF MAN/ LASCIO' QUESTA VITA IL 25 APRILE 1861 NEL 26° ANNO DELLA SUA VITA. PROFONDAMENTE RIMPIANTO. SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE.


Arthur Bluett fu elencato nel Censimento dell'Isola di Man nel 1841, quando aveva sei anni. Il padre era un Alto Magistrato dell'Isola. Nel High Bailiff Laughton's Reminiscences, pubblicato a Douglas, Isola di Man, 1916 si trova il seguente racconto umoristico:

La definizione di questo caso precedette immediatamente una vacanza estiva luminosa, dove io, Henry Watts, Arthur Bluett e il Dr. Cox facemmo un allegro quartetto per visitare il Distretto dei Laghi inglesi. La sede scelta era Low-wood Cottage, Ambleside. Durante il viaggio abbiamo pernottato al Globe Hotel, Cockermouth, il luogo natio di Wordsworth, dove le uniche camere disponibili erano due matrimoniali. Abbiamo fatto testa e croce e a Arthur Bluett toccava dormire insieme a me. Dovevamo partire la mattina dopo alle 8.00 per prendere l'unico autobus di allora, seguendo il consiglio di un Signore all'albergo che ci avvertì che spesso i visitatori perdevano l'autobus per colpa del “Boots”, il lustrascarpe, che dimenticava di chiamarli. Quindi abbiamo prenotato i nostri posti e spiegando al proprietario dell'albergo l'importanza di essere svegliati non un minuto più tardi delle 6.30., andammo a letto. Arthur Bluett dormiva con la stanchezza di un viaggiatore esausto. Io mi svegliai presto e trovai, a mia sorpresa, che erano soltanto le 3.30. Era una mattinata estiva splendida, così brillante e soleggiata che potevano essere le 10.00. Guardavo Arthur nel letto, che dava segni sia orali che oculari di un sonno profondo, e pensavo che  l'occasione non potesse essere migliore. Pian piano scesi dal letto, presi il suo orologio e cambiai l'ora dalle 3.30 alle 7.45. Lo rimisi a posto e poi tornai a letto. Dopo poco cominciai a sbadigliare con suoni assai rumorosi, come se stessi svegliandomi con riluttanza. Presto Arthur si svegliò. Dissi, con aria assonnata, che sembrava tardi e gli chiesi di guardare l'orologio cosa che, mezzo assopito, fece. Appena lo vide, che cambiamento! Saltò fuori dal letto, corse al campanello e lo scosse con una violenza incredibile, come se ci fosse un incendio in casa. Si precipitò verso i vestiti e cominciò a metterseli; poi un altro tiro violento al campanello e ancora verso i vestiti nello stesso tempo incitandomi di alzarmi immediatamente. A questo punto il proprietario dell'albergo si stagliò alla porta in pigiama e vestaglia e chiaramente molto agitato. Chiese, “Cosa succede Signori?” “Cosa succede?” Disse Arthur mentre apriva la porta. “Lei sa cosa è successo. Eccoci qui, mai chiamati e l'autobus che parte fra 10 minuti, dovrebbe vergognarsi!” “Perché Signore, l'autobus non parte prima delle 8.00”. “Lo so!” replicò Arthur, sempre cercando di infilarsi i vestiti. “Come facciamo a vestirsi e fare colazione in 10 minuti?” “Signore, 10 minuti? Ma se sono poco più delle 3.30!” “Cosa?” disse Arthur guardandomi con sospetto. Durante questa scena eccitata tenevo le coperte in modo che non mi vedesse la faccia, stavo tremando dalle risate. Subito Arthur si voltò nella mia direzione. Lui, dal movimento delle coperte, aveva indovinato cosa era successo e con un balzo mi era addosso. Ma io mi ero preparato e mi strinse le coperte intorno, urlando dalle risate che, a questo punto non provai a soffocare. Dopo aver fatto le scuse al proprietario Arthur, sommessamente, si svestì e tornò a letto. Dopo di che abbiamo goduto qualche ora di sonno tranquillo. Povero Arthur! Era il migliore. Adesso dorme in un Cimitero a Firenze. Si sarà certamente svegliato in tempo a prendere l'ultimo autobus!



Tomba di pietra serena formata come una croce orizzontale gotica, spezzata e erosa.
[P.s. A: 32; L: 197; P: 77.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF ARTHUR BLUETT / . . . THE ISLE OF MAN . . . / . . . / WHO DEPARTED THIS LIFE THE 25 OF APRIL 1861 IN THE 26TH YEAR OF HIS AGE DEEPLY REGRETTED/ I KNOW THAT MY REDEEMER LIVETH/ JOB 19.25 ACTS / Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Arthur Bluett, l'Angleterre/ Q 448: 295 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N°291 Burial 27/04 Rev O'Neill/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 140. Bluett/ Arturo/ / Inghilterra/ Firenze/ 25 Aprile/ 1861/ Anni 26/ 728/ Henderson. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



F6S/ F115/ 735
/ BARON GUSTAVE LOEWENICH/ GERMANIA/ Hier ruht/ Gustav Gabriel von Loewenich/ geb in Burstcheidt bei Aachen/ den 8 maerz 1802/ gest in Florenz den 30 maerz 1861// Ev. Joh: vi.40/ Das ist aber der Wille des der mich/ gesandt hat das wer den Sohn/ soeth und glaust an ihn habe/ das ewige leben Ich werde ihn/ auferwechen am wengsten tage/ Dem geliesten Bruder die tief/ betrueste Schwester

Una bellissima tomba per un nobiluomo di Aachen, mostra uno squisito stemma scolpito, eretta dalla sorella. Abbiamo poche informazioni riguardo al Barone.

 

Tomba in forma di croce.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1802. Ambito toscano. Tomba gotica orizziontale  formata come una croce, inciso con lettere capitale e minuscule in fraktura, una stemma al piede, in marmo bianco. [M: A: 38.5; L: 197.5; P: 71.1 Iscrizione sepolcrale tedesca incisa in lettere gotiche, capitali e non, e numeri arabi: Hier ruht/ Gustav Gabriel von Loewenich/ geb in Burstcheidt bei Aachen/ den 8 maerz 1802/ gest in Florenz den 30 maerz 1861// Ev. Joh: vi.40/ Das ist aber der Wille des der mich/ gesandt hat das wer den Sohn/ soeth und glaust an ihn habe/ das ewige leben Ich werde ihn/ auferwechen am wengsten tage/ Dem geliesten Bruder die tief/ betrueste Schwester/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: baron Gustave Loewenich, Aix-la-Chapelle (Aquagrani), Trage du Rhin, proprietaire/ Q 445: 320 Paoli/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Loewenich (de)/ Gustavo/ / Germania/ Firenze/ 30 Marzo/ 1861/ Anni 65/ 725/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6S/ F116/ 588/
SOPHIA ROBERTS/
INGHILTERRAIN MEMORIA DI SOPHIA ROBERTS DI PADDINGTON, LONDRA. MORI’ IL 20 GENNAIO 1856 ALL’ETA’ DI 62 ANNI.

Si trova nel Censimento del 1835 a Paddington. Il necrologio dice”Sophia Roberts, vedova del defunto William Roberts di Brighthelmstone. Morì mentre era in visita al figlio Henry”. I Webb riporta che, a quel tempo, c’erano due Henry Roberts a Firenze. Uno era un farmacista e l’altro un architetto.



Sarcofago.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1856. Ambito toscano. Sarcofago in pietra serena molto erosa e marmo molto sporco. [P.s. A: 10; L: 90; P: 207; M: A: 45; L: 64; P: 181; P.s.; A: 43.5; L 87; P: 200.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: IN MEMORY OF/ SOPHIA ROBERTS/ LATE OF PADDINGTON/ LONDON WHO DIED 20 JANUARY 1856/ AGED 62/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Sophia Roberts, Londres, royaume d'Angleterre/ Q 218: 350 Paoli/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 225 Burial 22/01 Rev O'Neill, 'general decay'/ Obituary, Morning Post, Morning Chronicle,  Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Roberts/ Sofia/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Gennaio/ 1856/ Anni 62/ 588/ N&Q 406. Sophia Roberts, late of Paddington, ob./ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6S/ F117/ 129/
LOUIS WOLFF/ SVIZZERA/ LOUIS WOLFF/ DE NEUCHATEL EN SUISSE/ AGE DE 48 ANS/ MORT A PAVULLO/ DUCHE DE MODENE/ LE 7 NOVEMBRE 1835/ N. 129

Louis Wolff proviene da Neuchatel in Svizzera. Morì a Pavullo nel Ducato di Modena ed è sepolto insieme ai suoi compatrioti.




Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1863. Ambito toscano. Lastra di marmo non molto sporco. [M: A: 2.5; L: 75.6; P: 151.] Iscrizione sepolcrale francese incisa in lettere capitali e numeri arabi: LOUIS WOLFF/ DE NEUCHATEL EN SUISSE/ AGE DE 48 ANS/ MORT A PAVULLO/ DUCHE DE MODENE/ LE 7 NOVEMBRE 1835/ N. 129/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Wolff/ Luigi/ / Svizzera/ Paullo/ 7 Novembre/ 1835/ Anni 47/ 129
. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6R/ F118/ 347
/ FANNY CREWE/
INGHILTERRA/INDIA/  P.BAZZANTI.F./ SACRO ALLA MEMORIA DI  FANNY, VEDOVA DEL DEFUNTO COLONNELLO RICHARD CREWE DELL’ESERCITO DI MADRAS. MORI’ A FIRENZE IL 15 NOVEMBRE 1846. NON PIANGETE, NON E’ MORTA, DORME.

Richard Crewe nacque nel 1816 e divenne Colonnello nell’Esercito di Madras della Compagnia dell’Oriente. Lei è la vedova.




Urna su colonna. Sculttore: Pietro Bazzanti, Signature: P.BAZZANTI.F.  Marmista ignoto. Sec. XIX, post 11/1846. Ambito toscano. Urna con panni su colonna in marmo bianco, base di pietra serena. [M: A: 173; L: 38; P: 38; P.s. A: 22; L: 71; P: 134.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ FANNY RELICT OF THE LATE/ COL RICHARD CREWE/ OF THE MADRAS ARMY/ WHO DIED AT FLORENCE NOV 15TH 1846/ WEEP NOT SHE IS NOT DEAD BUT SLEEPETH (Luke 8.52)/ Records, Guildhall Library, London: GL 23774 N° 101: Burial 15-11, widow of Capt Crewe of East India Company, Age 54, Rev Robbins (E101)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Crewe/ Fanny/ / Inghilterra/ Firenze/ 13 Novembre/ 1846/ Anni 56/ 347/ N&Q 405 Fanny, relict of Col. Richard Crewe, of the Madras Army, ob. 13 Nov., 1846. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5S/ F119/ 173/
WILLIAM EDWARD HUBARD/ AMERICA/ MORI’ IL  2 OTTOBRE 1836. WILLIAM EDWARD L’AMATO FIGLIOLETTO DI WILLIAM E MARIA M. HUBARD DELLA VIRGINIA, USA.

I bambini non battezzati, come questo bambino di 4 mesi, generalmente venivano sepolti nel Settore F.




Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 10/1836. Ambito toscano. Cippo in marmo bianco, sporco. [M: A:   45; L: 3.5; P: 43.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: DIED ON THE 2 OCT 1836/ WILLIAM EDWARD/ THE/ BELOVED INFANT/ OF/ WILLIAM AND MARIA M. HUBARD/ OF/ VIRGINIA U.S. AMERICA/ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 67: s of William and Maria Huband, US, Burial 3-10, 'called William Edward but not baptized', Rev Tennant (F49)/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hubard/ Guglielmo Edoardo/ Inghilterra/ Firenze/ 2 Ottobre/ 1838/ Mesi 4/ 173. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4S/ F120/
128/ JOHN FITZGERALD GABBET/ IRLANDA/ P.BAZZANTI.F. / SACRO ALLA MEMORIA DI JOHN FITZGERALD GABBET ESQ. DI GEORGE STREET, LIMERICK E REDMONSTOWN NELLA CONTEA DI TIPPERARY. LASCIO’ QUESTA VITA L’8 NOVEMBRE 1835.

E’ il figlio di Daniel Gabbet  e Alicia Fitzgerald. Si sposò con Anastasia Magrath Fitzgerald il 21 agosto 1827. Un parente che si adoperò, insieme a Parnell, per il Home Rule (Governo della Patria) viene menzionato sul Wikipedia.



Urna su colonna. Sculptor: Pietro Bazzanti, Signature P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 11/1835. Ambito toscano. Urna sopra colonna con dado su base di pietra serena. [M: A: 173; L: 38.5; P: 38.5; P.s. A: 13; L: 59.5; P: 60.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF/ JOHN FITZGERALD GABBET ESQ/ GEORGE STREET LIMERICK AND REDMONSTOWN/ IN THE COUNTY OF TIPPERARY IRELAND WHO/ DEPARTED THE LIFE ON THE 8TH NOV 1835// P.BAZZANTI.F./ Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 44: gives age as 36, Burial 12-11, Rev Hutchinson/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Gabbet/ Giovanni Fitzgerald/ / Inghilterra/ Firenze/ 9 Novembre/ 1835/ Anni 30/ 128/ N&Q 447. John Fitzgerald Gabbett, Esq., of Georges Street, Limerick, arid Redmonstown, Tipperary, ob. 8 Nov., 1835/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

F3S/ F121/ 116 FERDINAND HILDENBRAND/ GERMANIA/ . . ./ MOEGE DER TAG WIEDERKUNFT/ DESERRN MIT IHM IN FREUDE/ ALLE VEREINENN VON DENEN/ ER INS BESSERE LEBEN HINU BERSCHEID/ HIM SEITZTER DIES DENKMAL TREVER/ HEM SEINE GATTIN DIE MUTTER ZWEIER/ WIUNDIGER KINDER UND SEINESCHWEISTER/ VON GRAMERFULLT/ RUHESEINER ASCHE FRIEDENEINER/ SEELE!/ N. 116

Esistono dei discendenti con il nome di Ferdinand Hildenbrand nell’Illinois, USA.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1835. Ambito toscano. Angolo della lastra rotto, perso. [M: A: 3; L: 76.5; P: 91.] Iscrizione sepolcrale tedesca incisa in lettere capitali e numeri arabi: /. . ./ MOEGE DER TAG WIEDERKUNFT/ DESERRN MIT IHM IN FREUDE/ ALLE VEREINENN VON DENEN/ ER INS BESSERE LEBEN HINU BERSCHEID/ HIM SEITZTER DIES DENKMAL TREVER/ HEM SEINE GATTIN DIE MUTTER ZWEIER/ WIUNDIGER KINDER UND SEINESCHWEISTER/ VON GRAMERFULLT/ RUHESEINER ASCHE FRIEDENEINER/ SEELE!/ N. 116/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hildenbrand/ Ferdinando/ / Germania/ Firenze/ 15 Luglio/ 1835/# /116. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3O/ F122/ (16
)
1165/ PRINCESS VERA LEONIDOVNA UROSOVA/ RUSSIA/

Questa Principessa russa di 4 anni fu sepolta sotto un grande cedro del Libano, ora sparito. Proviene da una famiglia che era molto amica con la famiglia Tolstoy. Il Principe Leonid Dmitrievic era Vice-Governatore di Tula. La Principessa Selene-Maria A. Obelensky spiega che era soltanto connessa alla lontana con la sua nonna, la Principessa Orussov. 



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 4/1872. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco inciso con lettere cirilliche. [M: A: 2; L: 60; P: 129; P.s. A: 13; L: 72; P: 140.] Iscrizione sepolcrale inglese russa in lettere cirilliche e numeri arabi: Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: fille du Prince Leonid Ourousoff/ Talalay: Urusova Vera Leonidovna, principessina, 1868 - 28.4.1872, figlia del principe Leonid Dmitrievic Urosov (1837-1885), vice-governatore della citta Tula e di Maria Segeevna Malzeva (1844-Roma 1904); N° 1165, RC/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: +/ Ouroussoff/ Vera/ Principe Leonida/ Russia/ Firenze/ 28 Aprile/ 1872/ Anni 4/ [1165] / +/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F2S/ F123/
1146/ BARON PAUL DE LA VILLESTREUX/ FRANCIA/
ICI REPOSE LE BARON/ PAUL DE LA VILLESTREUX/ CHARGE D'AFFAIRES DE FRANCE/ EN ITALIE, OFFICIER DE LA LEGION D'HONNEUR/ DECEDE A FLORENCE LE 20 SETTEMBRE 1871

Un diplomatico francese presente alla Corte della Toscana e un bibliofilo noto, infatti, alla sua morte venne pubblicato un catalogo dei suoi libri che includevano degli Elzevir, nella sua biblioteca grandissima. Ricordiamo che Elizabeth Barrett Browning, nel Aurora Leigh, parlava di un tale biblioteca con degli Elzevir.




Lastra.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1871. Ambito toscano. Lastra di marmo bianco, ora sporco, su base di pietra. [M: A: 2; L: 58.5; P: 108.5; P.s. A: 16; L: 70; P: 120.5.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ICI REPOSE LE BARON/ PAUL DE LA VILLESTREUX/ CHARGE D'AFFAIRES DE FRANCE/ EN ITALIE, OFFICIER DE LA LEGION D'HONNEUR/ DECEDE A FLORENCE LE 20 SETTEMBRE 1871/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: la Baron Paul de la Villestreux, France, Chargé d'affaire à la legation Fr/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Villestreux (de la)/ Paolo/ Carlo/ Francia/ Firenze/ 20 Settembre/ 1871/ Anni 43/ 1146. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Mediatheca 'Fioretta Mazzei' holdings,
TAU.



F3S/ F124/ 1138
/ AMELIA (WATSON) BANKES/ 
INGHILTERRA/INDIA/

Nacque a Calcutta, India e si sposò a Firenze, il marito A94/ HENRY BROOKS BANKES morì 5 anni prima all’età di 52 anni, il figlio A82/ HENRY BANKES morì due anni prima all’età di 21 anni, la figlia  F125/ ESTHER SUSAN AMELIA BANKES due mesi prima, anche lei a 21 anni. Ora muore anche Amelia, a Livorno, all’età di 50 anni. Avevano due figli Esther e Henry, gli uomini della famiglia sono sepolti nel Settore A mentre lei e la figlia sono sepolte nel Settore F. Vedi il padre, il Vice-Ammiraglio Charles Watson fu il Governatore di Terranova ed è sepolto nel St. John’s Churchyard a Calcutta, vedi Wikipedia.

      

Vice-Admiral Charles Watson, Tomb

Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 9/1871. Ambito toscano. Dippo di marmo bianco, ora sporco.  Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. Pietra serena degrada. [M: A: 75; L: 34.5; P: 8.5; P.s. A: 28; L: 51; P: 24.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: AMELIA/ WIDOW OF/ HENRY BANKES/ BORN WATSON AT CALCUTTA/ DIED AT LEGHORN/ AGED 50 YEARS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: A Livourne, Emilie Bankes/ + Records, Guildhall Library, London: GL23777/ N° 433/ Marriage G23774 N° 56+33/114 N° 56 19/03/46 Henry Brooks Banks to Amelia Watson at HBM, son of late Henry Bankes of Chelsea London, bride daughter of Charles Peter Watson of Calcutta, Rev Robbins (E101); Burial of husband Henry 16/08/66, of children Esther 12/07/71, Henry 10/07/69/ Obituary, Times, 'widow of Henry James Swift Bankes, formerly of Liege, Belgium'/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 66. Bankes/ Emilia/ / / Livorno/ 1 Settembre/ 1871/ / 1138/ See Bankes, Sector A/ N&Q 450. Amelia, wid. of Henry Bankes, born Watson, at Calcutta; ob. at Leghorn, 1 Sep., 1871, a. 30. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3T/ F125/ 1145/
ESTHER SUSAN AMELIA BANKES /
INGHILTERRA ESTHER SUSAN AMELIA/ DAUGHTER OF/ HENRY AND AMELIA BANKES/ DIED AT LEGHORN/ JULY 12 1871/ AGED 21 YEARS

The Times ricorda che il padre era il defunto Henry Bankes di Liegi, Belgio. Il padre A94/ HENRY BROOKS BANKES e il fratello A82/ HENRY BANKES erano già sepolti nel Settore A. Sembra che la madre  F124/ AMELIA (WATSON) BANKES dispose che, per la sepoltura, sia lei che la figlia fossero portate a Firenze da Livorno. Il padre e il fratello morirono a Seravezza.,



Cippo. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1871. Ambito toscano. Cippo in marmo, caduto, sporco. Da sistemizzare e pulire.  [M: A:  78; L: P: 8.5; P.s. A: 20; L: 50; P: 24.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: ESTHER SUSAN AMELIA/ DAUGHTER OF/ HENRY AND AMELIA BANKES/ DIED AT LEGHORN/ JULY 12 1871/ AGED 21 YEARS/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Esther Bankes, l'Angleterre/ Obituary, Times,, / Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: 69. Bankes/ Ester/ / Inghilterra/ Livorno/ / 1871/ / 1145/ For marriage of parents, Henry Brooks Banks to Amelia Watson, burial of brother, Henry Watson, see Amelia (Watson) Bankes/ See Bankes, Sector A/ N&Q 449. Esther Susan Amelia, d. of Henry and Amelia Bankes, ob. at Leghorn, 12 July, 1871, a. 21. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F3T/ F126/ 1137/
DOMENICA PEER STALVIES/ SVIZZERA/
COSA BELLA E MORTAL PASSA E NON DURA/ QUI/ INSIEME A DUE SUE FIGLIE RIPOSA/ DOMENICA P. STALVIES NATA PEER/ NATA IN SINS SVIZZERA IL 12 GENNAIO 1843/ MORTA IN FIRENZE IL 12 LUGLIO 1871/ L'AFFLITTO CONSORTE E PADRE/ QUESTA MEMORIA POSA

Muore dando alla luce un bambino, avendo già perso un altro bambino, LETA STALVIES, il aecondo figlio, PLACIDO STALVIES, sopravvisse soltanto una settimana. E’ imparentata con gli svizzeri Pult (A75/ FIORINO PULT, A102/ DOMENICO PULT C50/ FIORINO PULT, D43/ JACQUES PULT, D135/ GIOVANNI PULT), Peers (A76/ GIACOMO PEER, F58/ GIACOMO PEER), e per matrimonio con i Stalvies (F97/ BALDASSARE BIAGIO STALVIES, F132/ BALDASSARE STALVIES), tutti da una zona di lingua romancia in Svizzera.



Urna su colonna. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 7/1871. Ambito toscano. Urna e colonna quadratra sopra basamento di pietra serena, pietra serena erosa.  Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 104; L: 41; P: 41; P.s. A: 58; L: 60.5;  P: 60.5; R: A: L: P: ] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: COSA BELLA E MORTAL PASSA E NON DURA/ QUI/ INSIEME A DUE SUE FIGLIE RIPOSA/ DOMENICA P. STALVIES NATA PEER/ NATA IN SINS SVIZZERA IL 12 GENNAIO 1843/ MORTA IN FIRENZE IL 12 LUGLIO 1871/ L'AFFLITTO CONSORTE E PADRE/ QUESTA MEMORIA POSA/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Mengia Stalvies, née Peer, Sent (Grisons), fille de Nicola Peer, et de Barbera, née Pult/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Stalvies nata Peer/ Domenica/ Niccola/ Svizzera/ Firenze/ 12 Luglio/ 1871/ Anni 28/ 1137/ Con lei sepolti: Leta Stalvies, 21 Febbraio 1870, Giorni 2; Placido Stalvies, 19 Luglio 1871, 9 giorni/ Belle Arti scheda, 1993-1997, 45. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4T/ F127/ 1131/
NORBONE GILPIN SMITH/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI NORBONE GILPIN SMITH, PRIMOGENITO DI THOMAS TRINGHAM E EMMA SMITH DI PALAZZO BRUCIATO, FIRENZE. LASCIO’ QUESTA VITA IL 16 MAGGIO 1871 ALL’ETA’ DI 40 ANNI. ANDRO’ A LUI MA LUI NON RITORNERA’ A ME.

La tombe del padre E23/ THOMAS TRINGHAM SMITH è nel Settore E, anche qui viene menzionato il Palazzo Bruciato. L’Argus di Melbourne del 22 ottobre 1867 parla di un fratello minore degli stessi genitori, William Arabin, che morì a Goolong, Australia. Anche qui il necrologio parla di Bolton Street, Londra e Palazzo Bruciato a Firenze. I Webb: imparentati con i Stisted e i Wood.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 5/1871. Ambito toscano. Lastra in marmo bianco, ora sporco. Da pulire. [M: A: 2; L: 59.5; P: 125; P.s. A: 25; L: 69; P: 135.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED/ TO THE MEMORY OF/ NORBONE GILPIN SMITH/ ELDEST SON OF/ THOMAS TRINGHAM AND EMMA SMITH/ OF/ PALAZZO BRUCIATO FLORENCE/ WHO DEPARTED THIS LIFE/ MAY THE 16TH 1871/ AGED 40 YEARS/ - / I SHALL GO TO HIM/ BUT HE SHALL NOT RETURN TO ME/ 2ND BOOK SAM 12 CHAP 23 VERSE/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Norbonne Tringham Smith, l'Angleterre, fils de Thomas Tringham Smith, et de Emma Smith/ Records, Guildhall Library, London: GL23777 N° 431 Burial 19/05 Rev Tottenham, Villa Brucciata Ponte a Rifredi. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F4T/ F128/ 1127/
ARNOLD SAVAGE LANDOR/ 
INGHILTERRA/SVIZZERA/ M. AUTERI POMAR 1873/ SACRO ALLA MEMORIA DI ARNOLD SAVAGE LANDOR ESQ. NACQUE IL 5 MARZO 1818 E MORI’ IL 2 APRILE 1871.

La figura sulla tomba è la Signora Walter Savage Landor, Julia Thuiller Savage Landor. Piange la morte del figlio Arnold Savage Landor. Lei non permise al marito di frequentare Arnold mentre cresceva. Alla fine buttò fuori il marito dalla Villa Gherardesca a San Domenico, Fiesole, che il marito  aveva regalato alla famiglia. Lasciando Walter senza casa sulle strade di Firenze, fino a quando i Browning  non si interessavano a lui. Andò a vivere con una ex domestica dei Browning, Lily Wilson, in via della Chiesa. Non era stato un matrimonio felice. In gioventù Walter si innamorò della figlia di un Barone, Rose Aymler, dedicandole  delle poesie squisite. Lei morì di febbre in India ed è sepolta lì con un verso di Savage Landor iscritto sulla lapide. Poi, a un ballo, conobbe Julia Thuiller, la bella figlia di un banchiere svizzero in rovina e la sposò. Il loro figlio Arnold viene descritto, da un membro della famiglia, come paralizzato e con gli occhi a pazzo, sembrava malato di sifilide. Nei giorni meno tristi Julia si fece ritrarre con i figli Arnold e Julia da Trajan Wallis, il figlio di  A64/ GEORGE AUGUSTUS WALLIS, sepolto nel Settore A. Spende una fortuna per la tomba del figlio e non spende niente per la tomba del marito. Walter Savage Landor si trova a A29,
il più lontano possibile dal figlio e da dove la moglie gli volta le spalle.

        
Trajan Wallis
Julia, Arnold and Julia Savage Landor


F4U/ F128A/
WALTER SAVAGE LANDOR II/ ITALY/SVIZZERA/ ARNOLD HENRY SAVAGE LANDOR/ ITALY

Le loro ossa sono state trasferite qui dalla Cappella alle Porte Sante a San Miniato. La pietra fu posata ai suoi piedi nel 2007 dai Conti Pier Lamberto Negroni Bentivoglio e Paolo Andalò Negroni  Bentivoglio, discendenti della figlia  di Julia Savage Landor, Julia. Altri due figli, oltre a Arnold Savage Landor, di Julia Savage Landor erano questo Walter Savage Landor II che morì nel 1899 e Charles che poi divenne il padre di Arnold Henry Savage Landor, pittore, scrittore, esploratore e inventore.  Il certificato di morte di Arnold Savage Landor dice che morì di antrace. Charles e Julia sono sepolti al Cimitero degli Allori.

     
Photograph given to Mrs and Mrs Charles  AHSL, Japan, Cherry Blossom             2007, Landor Celebration
Lowe by A. Henry Savage Landor, 1906

F4U/ F128A/ WALTER SAVAGE LANDOR II/ Nato, 15/11/1822, a Firenze, Morto, 9/3/1899, a Ginevra, Seppellimento, Cimitero 'degli Inglesi, 13/10/2007/ Paternità, Walter Savage Landor, Maternità; Julia Thuiller/ ARNOLD HENRY SAVAGE LANDOR/ ITALY/ Nato, 2/6/1865, Firenze, Morto, 26/12/1924, Seppellimento, Cimitero detto 'degli Inglesi, 13/10/2007, Paternità, Charles Savage Landor, Maternità,  /59. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See Piero Fusi, 'A. Henry Savage Landor', http://www.florin.ms/hsl.html , Mediatheca 'Fioretta Mazzei', TAU has A.Henry Savage Landor's autobiography, Everywhere. 
Scultura. Scultore, Michele Auteri Pomar. Sec. XIX, post 4/1871. Ambito toscano. Donna in luto a un prieux-dieu scolpito in marmo bianco su basamento di pietra serene, con lo stemma in marmo in fronte. [Sculpted figure of grieving mother, back turned to and farthest from Republican father's tomb, the coat of arms and the crest of a 'savage'] Restaurato Opificio delle Pietre Dure e Palazzo Spinelli. [M: A: 118; L: 71; P: 180; P.s. A: 110; L: 99; P: 282.5.] Iscrizione sepolcrale inglese in piombo in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF ARNOLD SAVAGE LANDOR ESQ./ BORN 5TH OF MARCH 1818/ DIED 2nd OF APRIL 1871// M. AUTERI POMAR 1873// M. AUTERI POMAR 1873/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Arnault Landor, l'Angleterre/ Freeman incorrectly identifies as Fanny Trollope, 237-239/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Landor/ Arnold/ [Savage]/ Inghilterra/ Firenze/ 6 Aprile/ 1871/ Anni 52/ 1127/ N&Q 454. Arnold Savage Landor, Esq., b. 5 Mar., 1818 ; ob. 2 Ap., 1871/ Freeman incorrectly identifies as Fanny Trollope, 237-239/ NDNB entry for father, Walter Savage Landor. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5T/ F129/ 1124/
ROSA PULINI MADIAI/ ITALIA/ ROSA/ PULINI/ NEI MADIAI/ L'ANIMA MIA MAGNIFICA IL SIGNORE E LO SPIRITO/ MIO . . . ESTEGGIA IN DIO MIO SALVATORE (Luke 1.46-47)/ . . . / CREDETTI IL VANGELO/ PATII IL MONDO TRISTO/ SON ORA NEL CIELO/ RISIEDO CON CRISTO//1124

Rosa lavorò come domestica per 17 anni in Inghilterra, il marito aveva un fratello in America. Durante l’occupazione austriaca a Firenze, 1851-1852, Francesco e Rosa Madiai furono imprigionati, poi mandati in esilio perche erano italiani protestanti. Rosa illecitamente  tradusse la Bibbia in italiano. Il marito con la salute sia fisica che psicologica minata morì  3 anni prima e fu sepolto in Svizzera. Lei ritornò dall’esilio nel 1859 e viveva in modo modesto in Piazza del Carmine. La Imaginary Conversation di A29/ WALTER SAVAGE LANDOR 
riproduce il Cardinale di Firenze che  implora l’imprigionato Francesco Madiai di riconsiderare le sue idee e di riconvertirsi al cattolicesimo, offrendo in cambio la libertà della moglie. La sua risposta: “Amo mia moglie ma amo ancora di più Dio”. Walter Savage Landor lo scrisse nell’ambito di una campagna mondiale per la liberazione di questi due prigionieri di coscienza, una specie di Amnesty International di allora.
   


Croce su colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1871. Ambito toscano. Croce, riparata male, su colonna di marmo sopra un basimento di pietra serena. [M: A: 103; L: 42; P: 36; P.s. A: 57; L: 69.6; P: 178.] Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: ROSA/ PULINI/ NEI MADIAI/ L'ANIMA MIA MAGNIFICA IL SIGNORE E LO SPIRITO/ MIO . . . ESTEGGIA IN DIO MIO SALVATORE (Luke 1.46-47)/ . . . / CREDETTI IL VANGELO/ PATII IL MONDO TRISTO/ SON ORA NEL CIELO/ RISIEDO CON CRISTO//1124/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Rosa Madiai, Rome/ FO881 nos 264 & 301, FO79/ The Times/
Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Madiai/ Rosa/ / Italia/ Firenze/ 28 Marzo/ 1871/ / 1124/+/ Giuliana Artom Treves, Golden Ring , pp. 196-99/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.
See
http://www.ilcristiano.it/2003/giu03/passato3.htm, http://www.florin.ms/madiai.html, Mediatheca Fioretta Mazzei holdings, TAU
 

F5T/ F130/ 1123
/
CHARLES THEODORE GIPNER/ AMERICA/ CHARLES THEODORE GIPNER MORI’ IL 21 MARZO 1871.

Questa umile pietra tombale è di un giovane pittore americano, la famiglia ha delle connessioni con lo stato dell’Iowa.

 


Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1871. Ambito toscano. Cippo di marmo bianco, sporco, su base di pietra serena. Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. [M: A: 57; L: 17.5; P: 43; P.s. A: 17; L: 34.5; P: 60.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: CHARLES THEODORE GIPNER/ DIED/ 21 MARCH 1871/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Charles Théodore Gypner, l'Amerique/ Consular Records, James Lorimer Graham, Hiram Powers and family take charge of his effects/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Gypner/ Carlo Teodoro/ / America/ Firenze/ 21 Marzo/ 1871/ Anni 32/ 1123/ N&Q 455. Charles Theodore Gipner, ob. 20 Mar., 1871. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F5T/ F131/ 1122/
VLADIMIR FEDOROVICH RADECKIJ/ RUSSIA/

Questo Radetsky russo è un ingegnere, probabilmente si interessava del telegrafo e fu anche consigliere del Governo. Il suo nome non sarebbe stato molto popolare durante il Risorgimento perché era lo stesso del Generale ceco che servì con gli austriaci contro l’Italia, sconfiggendo sia Napoleone che Carlo Alberto, per il quale Strauss compose la Marcia di Radetsky.



Cippo.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1871. Ambito toscano. Cippo di marmo bianco, sporco, inciso con lettere cirilliche, sopra pietra serena erosa. Pulito, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012. Radeckij (Radetzky) Vladimir Fedorovic/
Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: W. Radesky, la Russie, fils de Boudoro Radesky/  Talalay: 11.3.(27.2).1871, di anni 49; 'ingegnere delle vie di comunicazione, consigliere di Stato effetivo', MFK; N° 1122, RC/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Radetzky/ W./ Teodoro/ Russia/ Firenze/ 11 Marzo/ 1871/ Anni 49/ 1122. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.



F6T/ F132/ 1120/
BALDASSARE STALVIES/ SVIZZERA/

Questo operaio della zona svizzera di lingua romancia, ha una tomba elegante. Abbiamo saputo che si chiama esattamente come il padre, Balthazar, e il nome da nubile della madre era Stupan (C26/ GIOVANNI STUPAN, D57/ ANNA CLA EGIA STUPAN BAZZELL, D53/ NICCOLO' ENRICO STUPAN, D55/ ORSOLINA STUPAN, D54/ BARBLA/BARBARINA STUPAN), un nome di diverse sepolture nel Cimitero.



Urna su colonna.
Marmista ignoto. Sec. XIX, post 3/1871. Ambito toscano. Urna sopra colonna quadrata con basamento di pietra serena erosa. [M: A: 112; L: 41; P: 41; P.s. A: 45; L: 60.5; P: 60.5.] Iscrizione illegibile/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Sent, Grisons, ouvrier, fils de Balthazar Stalvies et de Mazzini, née Stupan/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Stalvies/ Baldassare/ / Svizzera/ Firenze/ 8 Marzo/ 1871/ Anni 63/ 1120. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F6T/ F133/ 1118/
ELIZABETH (OKELL) GRAZZINI/
INGHILTERRA/ ALLA MEMORIA DI ELIZABETH OKELL DI CHESTER. VEDOVA DEL DEFUNTO ANGIOLO GRAZZINI. MORI’ NEL FEBBRAIO DEL 1871 ALL’ETA’ DI 83 ANNI. QUESTO MONUMENTO ERETTO DAL FIGLIO ANGIOLO.

Elizabeth Okell di Chester è l’ultima di una lunga lista di donne col nome simile in quella città. E’ vedova e vive fino a una bella età. Sembra che abbia sempre parlato con il figlio in inglese. Di nuovo abbiamo un matrimonio misto anglo-fiorentino, celebrato accanto a un obelisco egiziano, come se venisse dal libro di Champollion e Rosellini. Il marito, il Dr. Angiolo Grazzini, appare in una causa concernente l’eredità di una Cappella e la prebenda a San Giovanni Valdarno nel 1831. Una causa che perse.



Marmista ignoto. Sec. XIX, post 2/1871. Ambito toscano. .Obelisco in mamro bianco, recinto con colonne e ferro.  Intervento di pulitura, Daniel-Claudiu Dumitrescu, 2012.. [M: A:  267; L: 70; P: 70; P.s. A: 9; L: 61; P: 73.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: TO THE MEMORY OF/ ELIZABETH OKELL OF CHESTER/ WIDOW OF/ THE LATE ANGIOLO GRAZZINI/ DIED FEBRUARY 1871/ AGED 83 YEARS/ - / THIS MONUMENT ERECTED BY HER SON/ ANGIOLO/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Elizabeth Grazzini, l'Angleterre, fille de Jean OKell/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 429, Burial 05/02, Rev Tottenham/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Grazzini nata Okell/ Elisabetta/ Giovanni/ Inghilterra/ Firenze/ 3 Febbraio/ 1871/ Anni 83/ 1118/ N&Q 456. Elizabeth Okell, of Chester, wid. of Angelo Grazzini, ob. 3 Feb., 1871, a. 83. Erected by her s. Angiolo. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F7T/ F134/ 1116/
HENRIETTA ANN (HARDY BIAGIO) TOMEI/
INGHILTERRA/ SACRO ALLA MEMORIA DI HENRIETTA ANNE, FIGLIA DEL DEFUNTO CAPITANO FALCONER HARDY E VEDOVA DEL DEFUNTO DOMENICO TOMEI. LASCIO’ QUESTA VITA IL 19° GIORNO DI GENNAIO 1871, ALL’ETA’ DI 72 ANNI CON LA FIDUCIA PIENA DI SVEGLIARSI CON IL SALVATORE. QUESTO PEGNO DI AFFETTO FILIALE E’ STATO POSATO DALLE FIGLIE DESOLATE. O MADRE, NON TI DIMENTICHEREMO MAI!

Spesso le nostre donne inglesi sposano uomini italiani ma raramente le americane. Qui sembra che Henrietta si sia sposata due volte, sempre con un italiano. La prima volta con Giovanni Biagio e la seconda con Domenico Tomei di Certaldo, vicino a Siena. Entrambi sono morti prima di lei. Le figlie del primo matrimonio sono Maria Ann e Mary Rosina che secondo la pietra tombale ricordano il loro inglese ma dimenticano il padre.



Lastra. Marmista ignoto. Sec. XIX, post 1/1871. Ambito toscano. Lastra di marmo  bianco inciso non molto sporco. [M: A: 2;  L: 57.5;  P:  128.8; P.s. A: 11; L: 68.5; P: 140.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY OF HENRIETTA ANNE/ DAUGHTER OF THE LATE CAPT. FALCONER HARDY/ AND WIDOW OF THE LATE DOMENICO TOMEI/ SHE DEPARTED THIS LIFE ON THE 19TH DAY OF JANUARY 1871/ AGED 72 IN THE FULL TRUST OF WAKING WITH HER SAVIOUR/ THIS TOKEN OF FILIAL AFFECTION HAS BEEN PLACED/ BY HER SORROWING DAUGHTERS/ OH! MOTHER MOTHER NEVER SHALL WE FORGET THEE/ 1116Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Henriette Hardy veuve Tomei, l'Angleterre/ Records, Guildhall Library, London: GL23777/1 N° 428 Burial 24/01, from Certaldo, Rev Tottenham; Baptisms GL23773 N° 2 Catherine b 05/09/25 bp 20/05/33, Rev Hutton, GL23773 N° 3, Maria Ann b 22/01/29 bp 20/05/33 Rev Hutton, GL23773 N°4 Mary Rosina b 21/03/33 bp 20/05/33, Rev Hutton/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Tommei nata Hardy/ Enrichetta/ / Inghilterra/ Firenze/ 20 Gennaio/ 1871/ / 1116/ N&Q 457. Henrietta Ann, d. of the late Capt. Falconer Hardy, wid. of Domenico Tomei, ob. 19 Jan., 1871, a 72. Erected by her ds. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F7T/ F135/  1113/
ERMINIO HERMANN/ SVIZZERA/ QUI/ RIPOSANO LE CENERI/ DI ERMINIO DI GIACOMO HERMANN/ NATO IN SVIZZERA/ COMUNITA DI SENT/ IL DI XVII MAGGIO MDCCCXXXVII/ RAPITO ALLA CONSORTE/ MARIA VITAL/ ED AI FIGLI PIANGENTI/ IL DI XVI DICEMBRE MDCCCLXX/ MODELLO/ PATERNO E CONGIUNGALE AMORE/ . . . DI TUTTI

Questa semplice pietra commemora lo svizzero Erminio Hermann, marito di Maria della famiglia Vital (sepolti in un gruppetto nel Settore D,
D120), ambedue provengono dalla zona svizzera di lingua romancia. Mentre la pietra parla di ashes/ceneri, in questo periodo la cremazione era vietata ed è soltanto un modo di dire antiquato. Come è solito per gli svizzeri conosciamo non solo il nome del padre, Jacques Armon, ma anche quello della madre, Mengia Jon.



Lastra.Marmista ignoto. Sec. XIX, post 12/1870. Ambito toscano. Lastra in marmo bianco, sporco. [M: A: 2.5; L: 124; P: 60.5; P.s. A: 15.5; L: 136; P: 67.5.]  Iscrizione sepolcrale incisa in lettere capitali e numeri arabi: [Alpha Chi/Rho Omega] QUI/ RIPOSANO LE CENERI/ DI ERMINIO DI GIACOMO HERMANN/ NATO IN SVIZZERA/ COMUNITA DI SENT/ IL DI XVII MAGGIO MDCCCXXXVII/ RAPITO ALLA CONSORTE/ MARIA VITAL/ ED AI FIGLI PIANGENTI/ IL DI XVI DICEMBRE MDCCCLXX/ MODELLO/ PATERNO E CONGIUNGALE AMORE/ . . . DI TUTTI/ Eglise Evangelique-Reformée de Florence Régistre des Morts: Hermann Armon, Sent, Grisons, fills de Jacques Armon, et de Mengia, née Jon/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Hermann/ Erminio/ Giacomo/ Svizzera/ Firenze/ 16 Dicembre/ 1870/ Anni 33/ 1113. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.


F9T/ F136/ 142/
MARY (STONEHOUSE SMITH) DELLA MAGGIORE/
INGHILTERRA P.BAZZANTI.F/ SACRO ALLA MEMORIA DI MARY STONEHOUSE SMITH, MOGLIE DI ANGELO DEL MAGGIORE. MORI’ A FIRENZE IL 29 SETTEMBRE 1836. QUESTO MONUMENTO VIENE ERETTO DAL MARITO AFFETTUOSISSIMO E DESOLATO.

L’urna  sulla colonna copia gli usi funebri dei greci, sebbene sia sepolta in terra nella maniera ebrea-cristiana. Muore dopo 6 anni di matrimonio con un marito italiano devoto.



Urna su colonna.
Scultore: Pietro Bazzanti, Signature: P.BAZZANTI.F. Sec. XIX, post 9/1836. Ambito toscano. Urna sopra colonna in marmo bianco su basamento di pietra serena. [M: A: 177; circum: 100; L: 54; P: 54; P.s. A: 35; L: 100; P: 100.] Iscrizione sepolcrale inglese incisa in lettere capitali e numeri arabi: SACRED TO THE MEMORY/ MARIA STONEHOUSE SMITH/ WIFE OF/ ANGELO DELLA MAGGIORE/ WHO DIED IN FLORENCE/ 29 SEPTEMBER 1836/ THIS MONUMENT IS RAISED/ BY HER TRULY AFFECTIONATE AND AFFLICTED HUSBAND/ P.BAZZANTI.F. Records, Guildhall Library, London: GL 23773/4 N° 53, Rev Knapp, noting that her husband is a schoolmaster in Florence; Marriage FO79/61 30/12/30 Angelo Della Maggiore to Maria Smith at HBM (Bligh), groom described as native of England, Rev Apthorp/ Registro alfabetico delle tumulazione nel Cimitero di Pinti: Della Maggiore/ Maria/ / Inghilterra/ Firenze/ 29 Settembre/ 1836/ / 142/ N&Q 444. Maria Stonhouse Smith, w. of Angelo della Maggiore, ob. 29 Sep., 1836/ Belle Arti scheda, 1993-1997. Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, 1827-present.

____________________


Notes and Queries: 3 tombe perse dal Settore F:


N&Q 353. Charles Sidney Lever, Lieut. 2nd Dragoon Guards, ob. 28 Sept., 1865, a. 26. An only son.
Charles Sidney Lever, Tenente 2° Guardie Dragoni. Morì il 28 settembre 1865. Un figlio unico.



N&Q
448. Eliza Stewart, ob. 14 Aug., 1873. (In francese)

N&Q
445. Alexander Glynn Campbell, only s. of Col. C., of Gatcombe Park, I. of Wight, ob. 5 Nov., 1836. Erected by his f. and sister.
Alexander Glynn Campbell, unico figlio maschio del Colonnello Campbell di Gatcombe Park, Isola di Wight. Morto il 5 novembre 1836, eretto dalla sorella.

Seven tombs in this sector have crumbled away and are at present unidentified.
Sette tombe in questo Settore si sono del tutto sgretolate e non sono state identificate.




Our final two Capitolos are on the Lost Tombs of the Cemetery, and of its Restoration


INDICE

CAPITOLO I: IL CIMITERO PROTESTANTE DI FIRENZE
CAPITOLO II: SETTORE A
CAPITOLO III: SETTORE AB
CAPITOLO IV: SETTORE B
CAPITOLO V: SETTORE C
CAPITOLO VI: SETTORE D
CAPITOLO VII: SETTORE E
CAPITOLO VIII: SETTORE F
CAPITOLO IX: LE TOMBE ORA PERSE
CAPITOLO X: IL RESTAURO DEL CIMITERO



FLORIN WEBSITE © JULIA BOLTON HOLLOWAYAUREO ANELLO ASSOCIAZIONE, 1997-2017: MEDIEVAL: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, SWEET NEW STYLE: BRUNETTO LATINO, DANTE ALIGHIERI, & GEOFFREY CHAUCER || VICTORIAN: WHITE SILENCE: FLORENCE'S 'ENGLISH' CEMETERY || ELIZABETH BARRETT BROWNING || WALTER SAVAGE LANDOR || FRANCES TROLLOPE || ABOLITION OF SLAVERY || FLORENCE IN SEPIA  || CITY AND BOOK CONFERENCE PROCEEDINGS I, II, III, IV, V, VI, VII || MEDIATHECA 'FIORETTA MAZZEI' || EDITRICE AUREO ANELLO CATALOGUE || UMILTA WEBSITE || RINGOFGOLD WEBSITE || LINGUE/LANGUAGES: ITALIANO, ENGLISH || VITA
New
: Dante vivo || White Silence